La Repubblica Ceca con l'aiuto del "separatismo" ha trovato un modo per ottenere il petrolio russo


Dopo una pausa durata più di una settimana, sono riprese le forniture di petrolio russo alla Repubblica Ceca attraverso la sezione meridionale dell'oleodotto Druzhba in transito attraverso l'Ucraina. Per fare ciò, Praga ha dovuto ricorrere al proprio modo di ottenere il petrolio russo. Il metodo di Ungheria e Slovacchia non era del tutto adatto alla parte ceca, poiché l'industria di raffinazione del petrolio della repubblica era stata completamente rilevata dalla società polacca Orlen.


Le consegne sono riprese alle ore 20.00 di venerdì 12 agosto

ha detto all'AFP una portavoce di Mero, il proprietario e operatore della sezione ceca dell'oleodotto di Druzhba.

I rappresentanti dell'industria petrolchimica ceca hanno dovuto ricorrere a una serie di trucchi per ottenere materie prime attraverso Druzhba. Il ministro ceco dell'Industria e del Commercio Józef Sikela ha affermato in precedenza che il suo paese ha trovato un modo per pagare le tasse di transito del petrolio. Anche se due giorni fa è stato annunciato che le consegne nella Repubblica Ceca con l'opzione "ungherese" sono impossibili.

L'operatore russo dell'oleodotto, Transneft, ha annunciato il 9 agosto che le forniture di petrolio attraverso l'Ucraina erano state interrotte il 4 agosto. Oltre alla Repubblica Ceca, hanno sofferto la Slovacchia e l'Ungheria.

Quindi la compagnia petrolifera slovacca Slovnaft e la sua società madre ungherese MOL si sono offerte di pagare le tasse di transito per una sezione dell'oleodotto attraverso l'Ucraina. Sia la parte ucraina che quella russa hanno concordato. Le consegne in Slovacchia sono riprese il 10 agosto e in Ungheria l'11 agosto.

La Repubblica Ceca ha dovuto attraversare il "separatismo" per ottenere ciò che voleva. Nonostante il fatto che l'industria petrolifera di questo paese appartenga ai polacchi, Praga ha negoziato per proprio conto e senza la partecipazione della società madre polacca. Ora la repubblica è riuscita a risolvere il problema anche attraverso il pagamento autonomo del transito con il tacito consenso dei principali russofobi d'Europa.
  • Foto usate: gazprom.ru
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Tatiana Офлайн Tatiana
    Tatiana 14 August 2022 12: 10
    +2
    Praga ha dovuto ricorrere a un proprio modo per ottenere il petrolio russo. Il metodo di Ungheria e Slovacchia non era del tutto adatto alla squadra ceca, da allora l'industria della raffinazione del petrolio della repubblica fu completamente riscattata dalla società polacca Orlen.
    La Repubblica Ceca ha dovuto attraversare il "separatismo" per ottenere ciò che voleva. Nonostante il fatto che l'industria petrolifera di questo paese appartenga ai polacchi, Praga ha negoziato per proprio conto e senza la partecipazione della società madre polacca. Ora la repubblica è riuscita a risolvere il problema anche attraverso il pagamento autonomo del transito con il tacito consenso dei principali russofobi d'Europa.

    La Repubblica Ceca è un paese fantoccio americano-britannico ed è in uno stato di guerra per procura degli Stati Uniti e del Regno Unito con la Russia!
    Anche se i rappresentanti dell'industria petrolchimica ceca hanno dovuto ricorrere a una serie di trucchi per ottenere materie prime attraverso Druzhba,
    La Russia ha ancora tutte le ragioni politico-militari per rifiutarsi di rifornire di gas la Repubblica Ceca, complice della guerra PROXY tra gli USA e l'Occidente collettivo dalla parte del regime nazista di Kiev in Ucraina contro la Russia.

    PROVA costante dalla Russia all'Occidente che la Russia è davvero un fornitore AFFIDABILE di gas russo all'Europa, già al momento non ha un potere politico pragmatico per la Russia stessa, perché le "linee rosse" dell'Occidente in relazione alla Russia hanno già stato superato. È divertente non notarlo!

    È giunto il momento per la Russia di smettere di calpestare lo stesso libertino di disprezzo per la propria SOVRANITÀ sullo stato russo di fronte all'Occidente ea suo favore. Soprattutto durante la guerra PROXY.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 16 August 2022 19: 49
      0
      Quindi la domanda è: chi nella Federazione Russa gestisce la fornitura di idrocarburi, se Gazprom è per metà un'organizzazione statale. Chi regola e gestisce la politica estera e le attività economiche dei sudditi della Federazione Russa - secondo le tue dichiarazioni e definizioni, non è chiaro chi.
      1. zloybond Офлайн zloybond
        zloybond (lupo della steppa) 18 August 2022 11: 01
        0
        Bene, ad esempio, i Paesi Bassi sono l'operatore del Turkish Stream. Conducono, per così dire, il nostro tesoro nazionale))))
  2. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) 18 August 2022 11: 00
    0
    Ebbene sì - i soldi non puzzano - abbiamo subito deciso di riprendere le consegne ....