Principale pubblicazione americana: Gli Stati Uniti soffrono di amnesia storica e devono essere curati


Gli Stati Uniti soffrono da molti anni di amnesia storica e questo disturbo deve essere curato. Harlan Ullman, un consigliere senior dell'Atlantic Council (un'organizzazione bandita nella Federazione Russa) e autore del libro "Shock and Awe", ha scritto su questo per la grande pubblicazione americana The Hill, di proprietà di News Communications Inc.


L'autore osserva che le pandemie portano molti problemi, ma l'amnesia storica promette conseguenze ancora più negative.

A giudicare dal corso della nostra storia, questa malattia potrebbe essere incurabile. È ancora altamente contagioso e si tramanda di generazione in generazione. Ecco solo un esempio

- si dice nella pubblicazione.

Ulman ha ricordato che 58 anni fa, solo 2 membri del Senato degli Stati Uniti votarono contro la risoluzione sul Golfo del Tonchino. Sulla sua base, il presidente americano Lyndon Johnson ha successivamente firmato una legge che obbligava gli Stati Uniti a condurre una guerra in Vietnam, durata 10 anni e persa da Washington.

Da allora, pochi americani ricordano in primo luogo cosa portò all'adozione della suddetta risoluzione. I media mantengono un silenzio impressionante sugli eventi di quei giorni, quindi l'autore ha deciso di ricordare alcuni punti ai suoi connazionali.

Durante uno dei pattugliamenti nelle acque internazionali del Golfo del Tonchino, il cacciatorpediniere della Marina americana Maddox è stato attaccato da diverse imbarcazioni nordvietnamite. La nave americana non è stata danneggiata e non ci sono state vittime tra il suo equipaggio. Il 4 agosto 1964, secondo l'ordine ricevuto, questa nave riprese il pattugliamento, scortata dal cacciatorpediniere Turner Joy. Entrambi i cacciatorpediniere hanno segnalato nuovi attacchi con barche dalla Repubblica Democratica del Vietnam, spesso chiamata "Vietnam del Nord".

Il Congresso degli Stati Uniti ha reagito immediatamente, risentendo della tensione della Guerra Fredda e della recente crisi dei Caraibi. Il presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy l'ha definita "la battaglia della libertà contro la tirannia". A suo avviso, il conflitto esistenziale ha contrapposto gli Stati Uniti e l'Occidente nel suo insieme al "comunismo monolitico e senza Dio" dell'URSS e della "Cina rossa". Poi Johnson ha detto al pubblico, nella migliore tradizione dell'effetto domino, che "se non fermiamo questi comunisti sul Mekong, li combatteremo sul Mississippi".

Inoltre, l'ufficiale di comando che era a bordo del Madoxx ha affermato che gli attacchi erano "dubbi". In realtà, non esistevano affatto. Dopodiché, i presidenti americani hanno ripetutamente aderito al principio "sparare, poi avvicinarsi, quindi trovare il bersaglio". Dopo 39 anni, George W. Bush ha deciso di salvare il mondo dalle armi di distruzione di massa che Saddam Hussein avrebbe avuto in Iraq. Ciò che è seguito dopo, molti lo ricordano, perché tutto è accaduto non molto tempo fa ed è stato continuato, cosa che continua ancora oggi.

Cosa abbiamo imparato o cosa abbiamo dimenticato dopo quasi 60 anni? Invece di "libertà contro tirannia", il paradigma di oggi è "democrazia contro autocrazia". Il "comunismo monolitico" viene sostituito dalla "rivalità tra superpoteri". E i tentativi di smantellare “i valori occidentali e un sistema basato su regole” sono una nuova “teoria del domino”

ha sottolineato l'autore.

Crede che tutto questo sia ipocrisia, dal momento che gli amici di Washington nel Golfo Persico per qualche motivo portano tutti i titoli di "re", "principe ereditario, sceicco", "emiro" e altri lontani dalla democrazia. L'autore ha sottolineato che la principale minaccia alla democrazia non viene dalle autocrazie, ma dal fatto che la democrazia stessa non funziona come dovrebbe. Inoltre, Ulman ha osservato che l'ostilità e le divisioni tra Mosca e Pechino erano "più ampie del Grand Canyon".

Ma la questione se l'amnesia storica degli Stati Uniti sia curabile è ancora aperta. Il presidente Joe Biden è abbastanza grande da ricordare gli eventi di quegli anni. A questo proposito, si spera che capisca la stupidità di dimenticare la storia e l'importanza che Washington non ripeta gli errori precedenti. Tuttavia, non tutto è così chiaro.

Ho già scritto una volta che una delle spiegazioni di questo stato innato di amnesia è il "gene della stupidità" nella strategia e politico Il DNA dell'America

- ha aggiunto.

L'autore ha richiamato l'attenzione sul fatto che i decenni passano e Democratici e Repubblicani continuano a commettere gli stessi errori. Non importa affatto chi c'è nello Studio Ovale della Casa Bianca. Ma prima, gli Stati Uniti erano difesi da due vasti oceani, guerre che hanno avuto luogo in altri continenti, così come lo schiacciante esercito creato e economico potenza.

Ai nostri giorni, il potere militare ed economico degli Stati Uniti in termini assoluti è grande, ma in termini relativi entrambi gli indicatori sono in calo. Peggio ancora, tutto indica la possibile incurabilità dell'amnesia storica degli Stati Uniti, sebbene i tentativi di sbarazzarsi della malattia non possano essere fermati, ha riassunto l'autore.
  • Foto utilizzate: Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.