Newsweek: la "vetrina della democrazia" creata dall'Occidente in Ucraina sta crollando


A causa della posizione ostinata e intransigente dell'Occidente, il conflitto in Ucraina è molto probabilmente ancora molto lontano dall'essere concluso e risolto dal mondo. Tuttavia, una tale disposizione è molto svantaggiosa per la coalizione anti-russa, dal momento che il conduttore dell'Occidente politica in Ucraina, il presidente Volodymyr Zelensky sta diventando molto “tossico” per gli Stati Uniti. Il capo della "piazza" sfrutta abilmente l'attimo, capendo in lui il bisogno temporaneo dell'Occidente, cercando di ricattare i suoi padroni. Ciò provoca insoddisfazione e una revisione dell'atteggiamento nei suoi confronti. L'editorialista Steve Cortes ne scrive in un articolo per Newsweek.


Per mesi, Zelensky ha goduto delle attenzioni e delle lusinghe dei politici e delle celebrità occidentali, ma ora tutto sta cambiando. I curatori di Kiev vogliono risolvere rapidamente il loro compito principale in Ucraina e cambiare il presuntuoso subordinato. Le sue vere ambizioni, i metodi di governo e il dispotismo stanno diventando sempre più difficili da nascondere al pubblico occidentale, e questo innervosisce Washington.

Il capo dell'Ucraina sta rivelando sempre più la sua vera natura anche ai suoi ardenti ammiratori dall'altra parte dell'oceano

scrive Cortez.

Se all'inizio dell'escalation del conflitto in Ucraina, la coalizione aveva ancora il desiderio di costruire una "vetrina della democrazia" in questo Paese come contrappeso alla Russia, ora questa idea, portata avanti dall'Occidente, sta crollando completamente. Naturalmente, entrambe le parti sono da biasimare per questo: l'ingannevole e il pronto ad essere ingannato.

La leadership statunitense è infastidita dai frivoli servizi fotografici della coppia Zelensky, dalla natura repressiva del regime, dalla corruzione e dal furto. Tutto questo complica la vita dell'amministrazione del presidente Joe Biden e dei Democratici in generale, che sostengono le autorità di Kiev.

Per dimostrare il suo punto, Cortes fa riferimento anche ad altre fonti della stampa occidentale. Cita il collaboratore del New York Times Thomas Friedman, che in precedenza ha scritto che c'è una profonda sfiducia tra la Casa Bianca e Volodymyr Zelensky. E anche che i funzionari statunitensi sono molto preoccupati per la leadership dell'Ucraina.
  • Foto utilizzate: president.gov.ua
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Fizik13 Офлайн Fizik13
    Fizik13 (Alex) 15 August 2022 13: 18
    0
    Se la direzione della rivista Newsweek inizia ad avere un punto di vista attuale, allora qualcosa non va negli Stati Uniti: il vecchio Joe ha fatto un brutto pasticcio o un'altra epidemia? NO, questo è sicuramente un ordine del CREMLIN!