Senza l'accesso al Dnepr, il problema dell'approvvigionamento idrico del Donbass non può essere risolto


Un'operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina è in corso da quasi sei mesi. E per tutto questo tempo, il Donbass, per il bene della cui protezione è stato formalmente avviato il NWO, non solo è sotto incessante bombardamento, ma rimane anche senz'acqua. L'approvvigionamento idrico della DPR e della LPR è, come prima per la Crimea, il problema più doloroso per loro, che alla fine costringerà l'espansione dell'operazione speciale allo stesso Dnepr.


Genocidio!


Solo una persona senza cuore non poteva definire la situazione nel Donbas una catastrofe umanitaria. Con una temperatura superiore ai 35 gradi Celsius, da sei mesi non c'è acqua nella capitale della Repubblica Democratica del Congo. O meglio, lo è, ma ce n'è troppo poco. Invece dei necessari 230 metri cubi di acqua dolce, non più di 50 entrano nella rete di approvvigionamento idrico di Donetsk. L'acqua viene somministrata normalmente, per diverse ore e non tutti i giorni. In diversi quartieri e diverse case della città, la situazione differisce solo per la gravità.

All'inizio, la perforazione di pozzi artesiani ha aiutato, ma a causa dell'intensa selezione, gli orizzonti idrici iniziano a esaurirsi notevolmente. Aiutare la Russia. Ovunque ci sono cisterne dove le donne e le nonne possono versare l'acqua in contenitori da cinque litri. Gli uomini sono per lo più mobilitati e combattono. Distribuiscono acqua in bottiglia gratuita. Viene consegnato a domicilio solo agli anziani e secondo gli elenchi dei servizi sociali. L'acqua del fiume sporco Kalmius è adatta per l'irrigazione e quindi dopo la pulizia. Hanno imparato a usare l'acqua del drenaggio delle miniere per raffreddare l'asfalto caldo e gli idranti. La rapida costruzione di condutture per diversi piccoli bacini idrici - Olkhovsky, Khanzhonkovsky e Zuevsky, che in precedenza non erano stati collegati al sistema centrale, ha contribuito ad alleviare parzialmente le tensioni. Le loro riserve totali sono stimate per circa sei mesi di consumo attivo.

Questo non è solo un disastro umanitario in una regione di diversi milioni di persone. Questo è un vero genocidio, organizzato dall'uomo e abbastanza deliberatamente. Quei russi "di doni liberali" che sostengono apertamente o segretamente l'Ucraina dovrebbero sapere che è stata Kiev a organizzare il "genocidio dell'acqua" di DNR e LNR, e aveva pianificato di farlo dal 2014, ma la perdita di Mariupol alla fine lo ha slegato .

"Disidratazione"


Il DPR e l'LPR ricevono l'acqua attraverso un canale elettrico artificiale del tipo Seversky Donets-Donbass. Ciò significa che il pompaggio dell'acqua viene effettuato utilizzando pompe speciali. L'assunzione di acqua viene effettuata vicino alla città di Slavyansk nel villaggio di Raygorodok e termina nella piscina superiore del bacino idrico di Verkhnekalmiussky vicino a Donetsk. Sotto, a sud, a Mariupol, l'acqua del Seversky Donet è trasportata dall'oleodotto del South Donbass. Cioè, la stessa Donetsk, così come Makeevka, Gorlovka, Yasinovataya, Yenakiyevo, Khartsyzsk, Alchevsk, Anthracite, Bryanka, Krasny Luch, Stakhanov, Pervomaisk e Kirovsk, dipendono in modo critico dall'acqua del canale Seversky Donets-Donbass.

Non c'è il minimo dubbio che Kiev avrebbe chiuso l'approvvigionamento idrico a DPR e LPR proprio nel 2014, come ha fatto con la Crimea. Tuttavia, a causa delle peculiarità delle infrastrutture di trasporto dell'acqua della regione, anche Mariupol sarebbe rimasta senza forniture di acqua dolce, che fino al 2022 era sotto l'Ucraina ed era la roccaforte dell'organizzazione terroristica Azov. Il fatto che il regime nazista avesse le intenzioni corrispondenti è confermato dalle sue azioni.

Così, nel Donbass, nel territorio controllato dalle Forze armate ucraine, iniziò la costruzione di un gasdotto di tangenziale in direzione sud fino a Mariupol. Nella stessa città portuale, con l'aiuto di specialisti francesi, doveva essere costruito un potente impianto di dissalazione. Apparentemente, nel caso in cui l'approvvigionamento idrico del bypass venga interrotto durante le ostilità. Il regime criminale di Zelensky ha confermato la serietà delle sue intenzioni di uccidere il Donbass senz'acqua, letteralmente fin dai primi giorni dopo l'inizio dell'operazione speciale russa, interrompendo le forniture d'acqua attraverso il canale Seversky Donets-Donbass. I nazisti di "Azov" (un'organizzazione terroristica bandita nella Federazione Russa) resistettero ancora ostinatamente, ma Mariupol era già stato lasciato da Kiev senza rifornimenti di acqua dolce. Hanno immediatamente rinunciato alla città, rendendosi conto che era garantito che fosse perduta.

Purtroppo, anche dopo quasi sei mesi, non si può dire che il problema della “disidratazione” del Donbass sia stato risolto. Le chiavi per la ripresa delle forniture si trovano vicino a Slavyansk e l'agglomerato Slavyansko-Kramatorsk deve ancora essere raggiunto. La difficoltà sta nel fatto che quasi l'intero Donbass è un edificio denso, dove un insediamento si sviluppa gradualmente in un altro. Questo è solo un luogo ideale per la difesa e la trasformazione delle sue città e dei numerosi insediamenti in un'area fortificata a strati continui. Sì, di conseguenza, la DPR e la LPR saranno ancora liberate, si fermerà il brutale bombardamento di Donetsk da parte dell'artiglieria delle Forze armate ucraine sulle piazze di Avdiivka, Pesok e Marinka. Ma, ahimè, questo non significa automaticamente risolvere il problema principale del Donbass con l'acqua.

Il fatto è che anche nel canale Seversky Donets-Donbass, che attraversa la steppa nuda, l'acqua viene prelevata non dal nulla, ma dal Dnepr, che si trova molto a ovest. Per collegare i due fiumi, durante il periodo sovietico, fu costruito il canale Dnepr-Donbass, originario del bacino idrico di Kamensky sul Dnepr. L'acqua scorre attraverso di essa attraverso le regioni di Dnepropetrovsk e Poltava, quindi attraverso la regione di Kharkov e solo allora alimenta il fiume Seversky Donets.

E ora la domanda da riempire: i nazisti ucraini, che non hanno paura di bombardare la centrale nucleare di Zaporozhye, bloccheranno il canale Dnepr-Donbass dopo che le Forze armate RF e la Milizia popolare completeranno la liberazione di DPR e LPR?

Volere. La situazione tornerà dove era iniziata a febbraio 2022, ma sarà aggravata dall'imminente inverno. Vorrei sperare che lo Stato maggiore delle forze armate della Federazione Russa abbia già elaborato un piano per l'ulteriore rapida liberazione della Rive Gauche dell'Ucraina, senza il quale l'intero effetto dell'eliminazione delle forze armate ucraine dal Il Donbass sarà praticamente annullato.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. vdr5 Офлайн vdr5
    vdr5 (Elefante) 15 August 2022 16: 50
    -3
    Secondo i risultati delle operazioni militari per 7 mesi, le forze armate della RF non hanno mostrato la capacità di condurre con successo operazioni su larga scala. Forse alla fine dell'autunno Slavyansk e Kramatorsk saranno schiacciati, ma non è un dato di fatto. Inoltre, non è già stata creata una difesa meno potente e stratificata di Dnepropetrovsk. Dubito che le forze armate RF siano in grado di decifrarlo. Non si può parlare di prendere d'assalto il centro regionale stesso. Ancora una volta, non ci sono forze e il Mariupol distrutto è già appeso al collo del budget di RF. Il restauro di una città simile a Dnepropetrovsk nella Federazione Russa semplicemente non funzionerà. Quindi, qualunque cosa si possa dire, entro la fine dell'anno dovrai moderare le tue ambizioni e negoziare, a meno che, ovviamente, Kiev non mostri buona volontà al riguardo))
    1. Michele L. Офлайн Michele L.
      Michele L. 15 August 2022 17: 56
      0
      Oh, che paura!
      Nel periodo sovietico: l'Ucraina industriale-agraria "alimentava" l'intera URSS.
      Per compiacere l'Occidente: i "democratici" hanno distrutto il suo potenziale economico competitivo.
      Se viene ricreato, questo è ... la Federazione Russa siederà sul collo dell'Ucraina!
      1. Alexey Lan Офлайн Alexey Lan
        Alexey Lan (Alexey Lantukh) 15 August 2022 22: 49
        +2
        Al momento, la Russia esporta cereali e alcuni tipi di carne. E nel periodo sovietico, l'Ucraina non ha nutrito l'intera URSS. Per questo, l'URSS ha fornito all'Ucraina legname, gas, petrolio e molti altri beni.
        1. Michele L. Офлайн Michele L.
          Michele L. 16 August 2022 10: 32
          0
          In effetti, la parola "fed" è tra virgolette.
          Tuttavia, in relazione alla popolazione: l'Ucraina era la repubblica più sviluppata dell'Unione.
          E il suo potenziale può essere ricreato!
    2. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 16 August 2022 07: 27
      0
      di che collo di budget stai parlando?
      se la tua casa fosse spazzata via / allagata / portata via dal vento, i tuoi parenti non ti aiuterebbero davvero a ricostruirla?
      in caso contrario, premere = me tu. in tal caso, ti parlerebbero di "sederci sul collo"?
  2. Panikovski Офлайн Panikovski
    Panikovski (Mikhail Samuelevich Panikovsky) 15 August 2022 17: 10
    +3
    È vero, come nativo di Makeyevka, devo affermare che il problema dell'acqua nel Donbass era anche nell'URSS.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 15 August 2022 19: 48
    0
    Così hanno scritto, hanno già risolto questo problema. E di nuovo qui?
  4. vlad127490 Офлайн vlad127490
    vlad127490 (Vlad Gor) 15 August 2022 20: 33
    +4
    Le decisioni sull'attuazione della NWO in Ucraina sono prese dal Cremlino. Tutto dipende dall '"élite", se vengono spinti in una situazione senza speranza, l'Ucraina scomparirà come stato, se all '"élite" sarà permesso di vivere, come prima, a casa nei paesi della NATO e fare soldi nel Federazione Russa, poi ci sarà un gesto di buona volontà e l'Ucraina nazista farà parte della NATO. Chi se ne frega dell'acqua?
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 16 August 2022 07: 29
      0
      L'Ucraina scomparirà comunque.
      restituiranno l'acqua: questi non sono sparatutto per computer, in cui hai fatto clic con il mouse e tutto è apparso.
  5. vbgfv Офлайн vbgfv
    vbgfv (vbgfv) 16 August 2022 06: 15
    0
    Ebbene, che tipo di problema è? Da Vasilyevka, che si trova sul bacino idrico di Kakhavka, a Mariupol dista circa 200 km. che un gasdotto con l'acqua del Dnepr non può essere costruito e attraversato il canale nella direzione opposta?Tutti i problemi con l'acqua sono risolvibili.
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 16 August 2022 07: 30
      0
      Penso che ci siano molte opzioni, ma non vediamo (e non mostreremo per motivi di sicurezza) cosa viene fatto ora dai costruttori militari
  6. Yuri Bryansky Офлайн Yuri Bryansky
    Yuri Bryansky (Yuri Bryansky) 16 August 2022 10: 13
    +1
    Sergey, i nostri politici ora stanno pensando a come completare l'SVO. Puoi dimenticare il canale, Nikolaev e altre città. Dopo Kramatorsk ci sarà una sosta. navigato...
  7. InanRom Офлайн InanRom
    InanRom (Ivan) 16 August 2022 15: 56
    +2
    "In qualche modo sono state dimenticate le numerose minacce televisive e telegrafiche, la cui essenza era che" ha colpito la Crimea - distruggeremo i centri decisionali". Alcuni hanno persino promesso all'Ucraina un "Giorno del giudizio". Di conseguenza, le esplosioni rimbombano in Crimea, ma nessuno parla della risposta.

    Personalmente non mi piace la situazione. I commenti ufficiali riguardano "detonazione" e "accensione". Non si sa per quanto tempo continueranno tali "battaglie con i mozziconi di sigaretta" nelle strutture militari. Abbiamo paura di chiamare ciò che sta accadendo con il suo nome? Nel frattempo, sabotatori vengono catturati in Crimea e treni bloccati proprio nel centro della penisola a causa dell'esplosione di munizioni. <...> Se questo è vero, se le esplosioni di oggi a Maisky ei recenti eventi a Novofedorovka sono davvero opera delle forze armate ucraine o di sabotatori sotto la supervisione di Kiev, allora questo può e deve essere discusso.

    La perdita di magazzini in una guerra con un nemico intelligente e ben equipaggiato, alle cui spalle l'intero Occidente non è qualcosa di cui vergognarsi, negando con tutte le tue forze. In questa situazione, stranamente, è possibile e tali perdite sono accettabili. Ma poi si pone la questione delle minacce verbali, che provocano sempre più irritazioni, acquisendo uno sguardo apertamente beffardo. E anche qui devi scegliere: o li implementiamo o smettiamo di ripeterli in ogni occasione. ” Y. Gattino

    Nel frattempo:

    15.00 FSB RF:

    “Il 110, 330 e 750 agosto, nel distretto di Kurchatov nella regione di Kursk, gruppi di sabotaggio ucraini hanno fatto saltare in aria sei torri di linee elettriche ad alta tensione (XNUMX, XNUMX e XNUMX kV), attraverso le quali la centrale nucleare di Kursk fornisce energia a strutture industriali, trasporti, supporto vitale, infrastrutture sociali e popolazione come regione e regioni limitrofe del paese. Il sabotaggio ha portato a una violazione del processo tecnologico del funzionamento della centrale nucleare. Finora nessuno è stato arrestato, la sicurezza degli impianti nucleari è stata rafforzata”.

    questo non è Zaporozhye, questa è la Russia centrale.

    13.30 Kommersant, citando le proprie fonti:
    Sopra la base aerea militare nel villaggio di Gvardeyskoye, in Crimea, ci sono nuvole di fumo nero. Secondo testimoni oculari, diverse esplosioni sono esplose sul territorio della struttura militare. I dipartimenti militari e le forze dell'ordine stanno verificando la versione con un piccolo attacco aereo senza pilota a un deposito di munizioni. Ufficialmente, la situazione non è stata ancora commentata.

    13.00:XNUMX Ministero della Difesa russo sulle esplosioni mattutine vicino a Dzhankoy:
    “La mattina del 16 agosto, a seguito di un sabotaggio, un capannone militare è stato danneggiato. Sono stati causati danni a numerose strutture civili, comprese linee elettriche, centrali elettriche, ferrovie ed edifici residenziali.

    09.15 Ministero della Difesa della Federazione Russa:
    “Al mattino, nella regione di Mayskoye in Crimea [distretto di Dzhankoysky], è scoppiato un incendio nel territorio di un sito delimitato per il deposito temporaneo di munizioni in un'unità militare. A causa dell'incendio, le munizioni immagazzinate sono esplose. Non ci sono feriti gravi, si stanno adottando misure per estinguere l'incendio, le sue cause sono oggetto di indagine.

    e ogni volta ... "siti di stamina", "fuoco", detonazione ....

    Come agiscono eroicamente i soldati e gli ufficiali russi con i loro alleati, proprio come "capi" disorganizzati, indifesi e irresponsabili ...
    1. InanRom Офлайн InanRom
      InanRom (Ivan) 16 August 2022 17: 15
      +2
      chi altro in Russia risolverebbe i problemi per primo:

      Dettagli curiosi dello scorso fine settimana. Come scrivono i social network, domenica scorsa strani personaggi vagavano per i bazar di Dzhankoy e Bakhchisaray. Molto spesso, un uomo anziano è stato visto parlare con i mercanti, sostenendo che 20 aerei russi sarebbero stati distrutti nella base aerea di Novofedorovka. Inoltre, come su un pezzo di carta, risuonava lo stesso discorso:

      "L'Ucraina bombarderà spesso la Crimea, ma non preoccuparti. Strutture militari ed energetiche esploderanno e i civili non soffriranno ...

      La gente del bazar ascoltava pensierosa. I provocatori non sono stati catturati e lo stato di emergenza odierno vicino a Dzhankoy ha reso reale la minaccia per l'entroterra della Crimea.

      La popolazione adulta della penisola, tra i tartari e gli ucraini di etnia ucraina, continua a guardare UkrTV dalle antenne paraboliche. Si siedono ogni sera, come su un ago. Dietro Perekop, sul territorio indipendente, le targhe sono state bandite da tempo, la giunta non gioca alla democrazia. Ma in Crimea sono ovunque...

      La località turistica di Shchelkino vicino a Kerch. Divertente notte d'agosto in un bar karaoke. Un visitatore brillo ordina la canzone ucraina "Wild Field", glorificando apertamente e chiaramente le forze armate dell'Ucraina. Una specie di inno dei nazisti moderni. Il DJ senza esitazione preme "play" e va tranquillamente a bere un caffè. Ilya Sergeev "SP"