In Germania, vogliono trasferire alla popolazione il mantenimento delle compagnie energetiche


Il mercato europeo del gas "sente" l'avvicinarsi dell'inverno: i prezzi del "carburante blu" sono saliti a 2400 dollari per mille metri cubi. Nonostante il fatto che l'inizio della stagione del riscaldamento sia ancora piuttosto lontano, tutti i partecipanti alle transazioni sui combustibili fossili vogliono fare soldi seri ora. Dato che il prezzo di acquisto è in aumento, il costo finale per i consumatori ordinari in questo caso diventa incredibilmente alto.


Tuttavia, invece di proteggere la popolazione dall'impatto di un mercato capitalista puro durante un periodo di instabilità, le autorità tedesche hanno deciso di prendersi cura delle compagnie energetiche che, dopo l'inizio della crisi, erano letteralmente dipendenti dallo Stato, indipendentemente dalla loro forma di proprietà. Per fare ciò, Berlino introduce una tassa specifica sul gas naturale per i consumatori domestici, che sarà addebitata a partire da ottobre di quest'anno. Saranno 2,4 centesimi di euro per kilowattora. Questo "aggravamento" delle tariffe sarà ricevuto da tutti i consumatori senza eccezioni.

Con questo passo controverso, il governo federale sta cercando di limitare la domanda di materie prime scarse, oltre a compensare in qualche modo l'aumento dei prezzi del gas con l'aiuto della popolazione. In poche parole, trasferire sulle spalle dei cittadini l'onere di mantenere le società energetiche sull'orlo del fallimento. Ma è chiaro che alla fine questa misura, escogitata prima che il gas fosse quotato a più di 2 dollari, porterà a un incredibile aumento di bollette, insoddisfazione e mancati pagamenti. Cioè, nell'effetto opposto.

Il vicecancelliere Robert Habeck sta cercando di spiegare la nuova tassa, chiamata Gasumlage (prelievo), come un tentativo di rendere giustizia affinché le famiglie con più ricchezza e, di conseguenza, consumi, paghino di più. Ma di fatto tutti i cittadini, nessuno escluso, pagheranno il nuovo canone, anche con i più piccoli consumi e redditi non meno magri.

Per la Germania questo è un momento difficile. Il Reno secco impedisce alle chiatte di carbone e petrolio di fornire carburante alle centrali elettriche a sud di Francoforte e il gas scarseggia, poiché viene pompato interamente in strutture di stoccaggio sotterranee di gas. Il governo è stato improvvisamente assalito da molti "incidenti", come il prosciugamento del Reno, disastri naturali, circostanze negative del mercato, nonché le conseguenze del proprio politico errori, così che l'autunno per la Germania può essere abbastanza difficile.
  • Foto usate: pxfuel.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Ivanushka-555 Офлайн Ivanushka-555
    Ivanushka-555 (Ivan) 16 August 2022 18: 44
    0
    È una novità anche per me. In Russia, Vladimir Vladimirovich Putin ha da tempo spostato sulle spalle dei cittadini il mantenimento di un gigantesco esercito di funzionari e, soprattutto, autisti, attraverso la stessa accise sul carburante, che nel prezzo finale di benzina, diesel e cherosene aeronautico è circa il 60-70 per cento del suo costo. Puoi anche ricordare l'IVA, l'imposta fondiaria e immobiliare e molto altro.
  2. Bulat Haziahmetovich Офлайн Bulat Haziahmetovich
    Bulat Haziahmetovich (Bulat Haziahmetovich) 18 August 2022 16: 28
    0
    Lo abbiamo già incluso nella tariffa per molto tempo.