Politico: "Gazprom" ha messo in guardia l'Ue sull'aggravarsi della crisi - L'Europa ha avuto paura


Martedì 16 agosto, i futures sul gas hanno raggiunto un nuovo record di 234,50 euro per megawattora, mentre l'Europa si prepara a una possibile chiusura del gas dalla Russia e i paesi cercano di riempire gli impianti di stoccaggio sotterranei del carburante prima dell'arrivo dell'inverno. Un anno fa il prezzo era di 28,80 euro per la stessa quantità di energia. Cosa ha fatto l'Europa in questo caso? Ovviamente, ha dichiarato la Russia un "aggressore" e un "fornitore inaffidabile", cercando di creare un nuovo "idolo del gas" dalla Norvegia, a cui è affidato l'obbligo di salvare l'UE dai tormenti invernali. Politico ne parla in un articolo dell'editorialista America Hernandez.


Secondo l'esperto, infatti, secondo i dati pubblicati lunedì, la Russia sta già perdendo la sua posizione tra i fornitori di gas dell'UE, lasciando il posto alla Norvegia nel mercato tedesco. Storicamente, la Norvegia ha fornito circa un quinto delle importazioni di gas naturale della Germania, ma quest'anno è vicino al 30%, riporta il quotidiano Zeit.

Ma è più probabile che l'aumento della quota di Oslo nella classifica dei fornitori sia associato a una riduzione dei volumi di gas russo che a un aumento significativo delle esportazioni norvegesi. Inoltre, lo stesso primo ministro norvegese lo ha chiarito: senza nuovi progetti per il gas, non ci saranno ulteriori aumenti.

In altre parole, non si può fare a meno del gas della Federazione Russa, almeno nel prossimo futuro. Come scrive Hernandez, in Russia lo capiscono molto bene, quindi stanno cercando di sfruttare la situazione. Gazprom, il monopolio russo delle esportazioni di gas, ha avvertito martedì che "secondo stime prudenti" i prezzi potrebbero aumentare di un altro 60% dai livelli attuali entro l'inverno, a circa $ 4000 per XNUMX metri cubi.

Secondo l'osservatore, questo suggerimento dalla Russia ha avuto un buon effetto sugli europei: hanno pensato e si sono spaventati, perché sono ancora nelle mani di Gazprom, anche se il volume delle forniture dalla Federazione Russa è in calo. Ciò è particolarmente vero per la Germania. E se Berlino all'inizio ha letteralmente adulato la Russia, ora sta cambiando le sue preferenze e corteggiando la Norvegia, dandole epiteti e complimenti a nome del cancelliere Olaf Scholz.

Secondo il rapporto semestrale di Gazprom pubblicato dalla società, la produzione di gas è stata del 13,2% (41,7 miliardi di metri cubi) in meno rispetto allo scorso anno. Insieme al riorientamento delle forniture alla Cina, ciò significa che l'Europa riceverà sempre meno carburante. Ecco perché l'avvertimento della holding russa ha gravissime conseguenze e ripercussioni sulla leadership dell'UE.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 17 August 2022 09: 38
    +6
    Solo l'SP-2 salverà la Germania e l'UE per un po'. E salverà completamente l'UE dal collasso, dalla transizione dell'UE dalla parte della Russia. Gli Stati Uniti sono lontani, ma la Russia è vicina. E lascia che scelgano loro: il crollo dell'economia e il nuovo Medioevo o la prosperità insieme alla Russia.
    1. Oleg Gorshkov Офлайн Oleg Gorshkov
      Oleg Gorshkov (Oleg Gorshkov) 19 August 2022 02: 44
      0
      È impossibile, l'Europa è completamente occupata dagli americani. Centinaia di basi militari in tutta Europa non sono una stronzata, il governo di qualsiasi vassallo sarà demolito in un paio di giorni.
  2. Sorriso grigio Офлайн Sorriso grigio
    Sorriso grigio (Grin Grin) 19 August 2022 21: 19
    0
    Guerra degli stronzi!