Esperto: l'Europa è alla ricerca specifica di modi per aumentare il costo del GNL


Mentre i prezzi del gas in Europa stanno battendo tutti i record, avvicinandosi alla barra dei costi storici, i commercianti dell'UE stanno facendo strane mosse che porteranno a prezzi del carburante ancora più alti, soprattutto sotto forma di GNL. Ma le forniture globali di gas sono limitate e gli importatori combattono per ogni goccia, indipendentemente dal prezzo del problema. È così che emergono strane mosse e decisioni dei fornitori, con l'Asia e l'Europa che competono per il GNL come mai prima d'ora. Ne scrive l'editorialista di Bloomberg Steven Stapzinski, un esperto nell'industria del gas.


Uno dei fenomeni più strani di quest'estate nel mercato energetico è la fornitura di GNL all'Europa dall'Australia con il ricarico delle petroliere in Malesia. La destinazione finale è il Regno Unito. L'Australia è davvero molto lontana dall'Europa, quindi non ha mai avuto senso trasportare GNL tra le due regioni. I fornitori di questo paese non hanno mai fornito GNL in Europa, secondo i dati Bloomberg, dal 2016, cioè dall'inizio del monitoraggio del mercato dei combustibili liquefatti.

Tuttavia, l'Europa è così disperata per il gas naturale che importa GNL da così lontano. L'enorme "spalla" di consegna rende le materie prime importate incredibilmente costose e non competitive. Tuttavia, l'UE non lascerà alcuni volumi gratuiti di gas alla Cina. Le navi cisterna GNL dall'Australia fanno scalo nei porti malesi per il ricaricamento e poi si dirigono attraverso il Canale di Suez e il Canale della Manica verso il Regno Unito.

Tuttavia, ha senso attrarre rifornimenti dall'altra parte del mondo. L'Europa vuole e sta cercando specificamente modi per aumentare il costo del GNL al fine di garantirne l'intercettazione dall'Asia (cioè dalla Cina). È impossibile costringere i fornitori a rispettare le condizioni solo per contratto: è necessario un incentivo più significativo.

La carenza di energia in Cina sta costringendo le fabbriche a chiudere. Prima di tutto, questo riguarderà la Volkswagen a Chengdu. Almeno tre aziende di fertilizzanti hanno anche annunciato chiusure. Ma la più grande produzione colpita dalla crisi è l'impianto di alluminio di Henan Zhongfu. In poche parole, è probabile che la RPC adotti misure drastiche per ottenere più carburante e l'UE ne è consapevole. Stanno, quindi, alle prese con gli "appetiti" del colosso asiatico a modo loro, anche pagando a titolo definitivo il trasporto e il noleggio delle navi, per non parlare dei supplementi per il carburante stesso dall'Australia.
  • Foto usate: pxfuel.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 17 August 2022 10: 18
    0
    Se metà dell'industria nell'UE si alza, puoi immaginare quali bonus riceveranno dagli Stati Uniti i leader dell'UE e dei principali paesi ... Con tali bonus, gli interessi del paese e delle persone vanno al decimo piano.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 17 August 2022 10: 46
    -1
    Il calcolo viene effettuato per un aumento del costo del gas entro l'inverno. Se ora viene acquistato per 2-2,5 mila dollari e il gas viene pompato in depositi sotterranei, in inverno verrà venduto per 3-4 mila. In caso contrario, i trader andranno in bancarotta.
    In linea di principio, la Repubblica ceca ha già espresso questo piano.

    Mi sembra che la Slovacchia, che dipende quasi al 100% dalle forniture russe, possa chiedere gas alla Repubblica ceca. Naturalmente, nel quadro della solidarietà, aiuteremo gli slovacchi. Naturalmente, non gratuitamente. Prezzo di mercato