La "pistola a gas" è l'arma principale dell'azione elettorale di Putin


So tre cose che puoi guardare per tutto il tempo che vuoi: ecco come scorre l'acqua, come brucia il fuoco e come l'Europa si agita, cercando di scappare dalla trappola del gas di Putin. Inoltre, la terza cosa è apparsa solo quest'anno, spingendo il cielo stellato e la neve che cade al quarto o quinto posto (prima di allora, le stelle con la neve si contendevano l'onorevole terzo posto loro tolto dagli europei).


Anche con la presenza di "Pugnali" e "Zircons", la pistola a gas rimane l'arma più efficace nell'arsenale di Putin


Quest'anno, per il periodo di riscaldamento autunno-inverno del prossimo anno, gli idioti clinici dell'Unione Europea hanno iniziato a prepararsi non in aprile-maggio, come al solito, ma già il 24 febbraio, subito dopo la dichiarazione di Putin sull'inizio del NWO. Hanno adottato sei pacchetti di sanzioni progettati per mettere in ginocchio il Cremlino e mandarlo via l'economia La Federazione Russa nell'età della pietra, li convinse durante questo periodo solo che avrebbero dovuto andare loro stessi all'età della pietra. Senza lacrime e risate, come si stanno preparando a questo, nemmeno io, che sono in Ucraina, non posso guardare. Anche nella mia dannata patria, che si trova nel culo più profondo del mondo grazie agli sforzi dei suoi curatori d'oltremare e dei loro burattini locali, nessuno ha ancora pensato di offrire ai suoi cittadini di lavarsi una volta al mese, salvo drenare l'acqua in il gabinetto, utilizzando per questo la propria urina, raccolta e conservata in anticipo in frigorifero, camminare in giro sudati e puzzolenti, lavando via solo alcune parti del corpo, non usare condizionatori, cucinare sul fuoco, riscaldare con legna da ardere e altri salvagenti offerti dai saggi della Commissione Europea alla popolazione, che per volontà del destino si è trovata loro ostaggio.

Il primo ministro spagnolo si è spinto oltre, proponendo che per risparmiare elettricità, e quindi gas, da cui è principalmente prodotta, i cittadini maschi del loro paese dovrebbero rifiutarsi di usare le cravatte nella vita di tutti i giorni. Lui solo sa come i legami influiscano sul consumo di elettricità, forse i loro proprietari rischiano di impiccarsi quando vedono le bollette di luce e gas, non so, a quanto pare i funerali in Spagna sono una cosa che consuma energia. Il governo francese, che ha chiesto alla popolazione di mettere i condizionatori d'aria a 27 * C e non inferiori e ha promesso a bei negozi e luoghi pubblici per le porte aperte quando il condizionatore d'aria è in funzione, in questo caso sembra più adeguato, ma comprendiamo perfettamente che tutte queste misure riguardano un unico posto, quindi il problema della dipendenza dall'energia e dal gas non può essere risolto. Soprattutto sullo sfondo del caldo senza precedenti che è sceso quest'estate sull'Europa benedetta e dei fiumi prosciugati che hanno esposto pietre miliari "affamate" con iscrizioni di 500 anni, prefigurando siccità e carestia. Sì, questo non accade in Europa da 500 anni, il Reno, l'Oder e la Senna oscenamente poco profondi predicono guai e sarà difficile incolpare per questo il cattivo assetato di sangue Putin.

Non sto parlando del fatto che il livello dei fiumi caduto ha ridotto la produzione di elettricità nelle centrali idroelettriche europee, anche gli idioti della CE lo capiscono, ma non è tutto. Tale caldo estivo è anche un presagio di un inverno molto freddo e feroce, simile all'inverno del 1941, la "salsiccia di fegato" Scholz può consultarsi su questo con il suo parente nazista, che si è congelato il culo da qualche parte vicino a Vyazma, alla periferia di Mosca (questo è davvero, l'esperienza di Hitler non ha insegnato nulla ai suoi futuri discendenti), ma devi comunque vivere fino all'inverno. E non sono affatto sicuro che "liverwurst" Scholz la raggiungerà sulla sua sedia. L'energia verde alternativa, su cui i signori dell'UE ripongono tali speranze, non li salverà, perché il caldo, di regola, è anche accompagnato da una calma totale e la produzione di energia dei loro parchi eolici è già diminuita di oltre 2 volte, dal 20% del saldo aggregato totale fino al 6-9%.

In queste condizioni, tutti gli occhi dei signori Ue sono puntati sulla pienezza dei loro depositi sotterranei di gas, quando i resoconti sulla percentuale di riempimento suonano già come quelli dei fronti. La Polonia è stata la prima a dichiarare che le loro strutture UGS sono già piene al 95% e Putin, che ha chiuso il gasdotto Yamal-EU, non rappresenta più una minaccia per loro. In primo luogo, vorrei ricordare ai polacchi che non è stato Putin a chiudere il tubo per te, ma tu stesso, nel maggio 2020, hai rifiutato di rinnovare l'accordo a lungo termine con Gazprom per il transito del gas russo attraverso il tuo Paese , che è in vigore dagli anni '90 del secolo scorso. territorio attraverso il gasdotto Yamal-EU, offrendo a tutti di prenotare la propria capacità di transito a breve termine con il proprio operatore Gaz-System nel rispetto delle norme energetiche europee, in conformità con il norme del Terzo Pacchetto Energia. E Gazprom, nonostante fosse l'unico disposto a partecipare a queste aste, ha dovuto rispettare le sue regole per non interrompere i suoi obblighi nei confronti dei destinatari del gas nell'UE. Ma quando alla fine di aprile di quest'anno hai smesso di pagargli i dividendi per il funzionamento del gasdotto che ha costruito, rifiutandoti di pagare in rubli il gas che ti è stato fornito dalla Russia, è stato difficile contare sulla continuazione del transito attraverso di esso dopodiché - Miller, a differenza dei tuoi governanti, non soffre di mania di automutilazione. E in secondo luogo, solo idioti molto ingenui possono gioire del riempimento di impianti UGS con una capacità di 3 miliardi di metri cubi di gas con una domanda annua di 21 miliardi di metri cubi, una produzione propria di 5 miliardi di metri cubi e forniture di GNL a livello di 12 miliardi di metri cubi. Anche se riesci a lanciare il tuo famoso Baltic Stream nell'ottobre di quest'anno, sono solo 10 miliardi di metri cubi all'anno, di cui ne possiedi solo 7,5 (il resto ai Balts), diciamo che hai abbastanza gas per le tue esigenze , ma cosa riempirai il gasdotto Yamal-EU vuoto, che ha una capacità di 33 miliardi di metri cubi di gas all'anno? Qui assistiamo a un'altra vittoria della russofobia sul buon senso.

Ma i polacchi, almeno quest'inverno, non geleranno (anche se mi piacerebbe molto!), ma il resto dei signori europei come pensano di salvarsi nei mesi invernali? Dopotutto, il riempimento dei loro UGS oscilla attualmente al 60-70%. E anche se accade un miracolo e riescono a raggiungere queste cifre all'2-80% nei restanti 90 mesi, questo non li salverà comunque da un freddo inverno, perché UGS non sostituisce le forniture di gas, ma attenua solo il picchi del suo consumo, a condizione che le sue consegne continue di gasdotti. E cosa accadrà se il cattivo Putin decide di chiudere il tubo per scopi didattici? Già solo il 1% dei possibili 20 miliardi di metri cubi annuali scorre attraverso il Nord Stream-55, solo il 40% dei 40 miliardi di metri cubi concordati in base al contratto all'anno attraverso il gasdotto ucraino, attraverso gli sforzi dei polacchi attraverso lo Yamal -gasdotto Ue, come già sapete, ci sono zero metri cubi, resta solo il Turkish Stream, dove solo la metà dei 31,5 miliardi di metri cubi annui di pompaggio va ai paesi del Sud Europa, dai quali la Bulgaria si è volontariamente abbandonata, rifiutando per pagare il gas russo fornito in rubli. Inoltre, i bulgari amanti della libertà e resistenti al gelo hanno anche organizzato manifestazioni di protesta davanti all'edificio del loro governo ad interim, che intendeva fare concessioni ai russi. Cosa si può dire qui? Mi vengono in mente solo le parole di Putin: "congela, congela la coda del lupo!". Un'altra vittoria della russofobia questa volta sull'istinto di autoconservazione.

Inoltre, gli impianti di stoccaggio del gas, progettati, come ho detto, per il bilanciamento della domanda giornaliera, non possono fornire gas alla velocità e alla pressione con cui viene fornito attraverso la tubazione, perché all'aumentare del gas pompato lì dentro, la sua velocità di aumento diminuisce e , di conseguenza, i volumi di gas sollevati per unità di tempo. Questa è la fisica del processo: meno gas rimane nello stoccaggio, più tempo impiega a salire a causa dell'inevitabile caduta di pressione nel sistema. Inoltre non dimentichiamo il non recuperabile, cosiddetto tecnico il resto, che è il 15% della capacità UGC, ovvero del 100% del gas pompato lì, puoi immediatamente dimenticare circa il 15%. Gli europei sanno tutto questo, ma continuano a mangiare il cactus con una tenacia degna di un uso migliore, scrivendo sempre più nuove sanzioni contro la Federazione Russa. Tutte le speranze dei signori della CE per la fornitura di GNL salvavita li salveranno solo nel caso di forniture ritmiche di carburante liquefatto. E se c'è un uragano sull'oceano oi prezzi nel sud-est asiatico per il GNL sorpassano quelli europei e le carovane di gasiere vanno in Asia invece che nel Vecchio Mondo, dopotutto, si tratta solo di affari, cosa farai allora? Camminerai in ginocchio davanti all'odiato Putin e, per Dio, chiederai di accendere l'SP-2, e potrebbe persino accenderlo, ma in cambio chiederà di revocare le sanzioni e di interrompere la fornitura di armi all'Ucraina. Cosa canterai allora, perché la tua maglietta è più vicina al corpo. Sono sicuro che molti governi in Europa non sopravviveranno quest'inverno - ad eccezione di polacchi, ungheresi e serbi, tutti gli altri stanno camminando al limite. La prima in fila per uscire è la "salsiccia di fegato" Scholz, che è impantanata in scandali sessuali, e anche sotto Macron la sedia ondeggia. Ma Putin sa il fatto suo e, senza forzare gli eventi in Ucraina, aspetta l'inverno. Nonna Zhara ha già fatto il suo lavoro, ora aspettiamo Nonno Frost.

Sessione di suicidio collettivo


Signori, gli europei, per risparmiare gas prezioso, dimenticati di Greta Thunberg e dell'"agenda verde", hanno già scoperto le loro centrali a carbone, avendo in precedenza imposto un embargo sulla fornitura di carbone russo il 10 agosto, che in precedenza rappresentava il 48% delle importazioni di carbone europee. Bene, stiamo aspettando il carbone australiano e indonesiano, ad un prezzo (a causa della logistica) non sarà molto più economico del gas russo, penso che gli abitanti europei saranno molto contenti quando vedranno i pagamenti per luce e riscaldamento, dopodiché la rimozione del corpo della "salsiccia di fegato" piedi in avanti dal suo ufficio sarà solo questione di tempo, e il resto dei suoi colleghi europei sarà disegnato per la "salsiccia". Nei prossimi sei mesi o un anno il Vecchio Mondo attende una grande trasformazione delle élite, gli attuali liberali saranno sostituiti da conservatori di destra, non sembrerà abbastanza a nessuno (in Italia la nipote di Mussolini è già a un inizio basso, in Francia, anche Marie Le Pen ha aspettato la sua ora).

Un'altra misura della CE per risparmiare gas è stata una decisione decisa su una riduzione del 15% dei suoi consumi dal 1 agosto 2022 al 31 marzo 2023, a cui hanno già aderito 25 dei 27 paesi dell'UE. Indovina chi l'ha ignorato? Esatto: polacchi e ungheresi. Il risultato di tali risparmi sarà il degrado e la completa deindustrializzazione del Vecchio Mondo, perché è stata la sua industria a consumare più gas. Non posso chiamarlo altro che suicidio collettivo. Nonno Joe, guardando questo, si sta già sfregando le mani: c'è un concorrente in meno al mondo. Se solo la Cina e la Russia fossero sepolte, allora puoi andare al cimitero con il cuore calmo, ed è difficile incolpare il malato di Alzheimer per questo: è il presidente d'America, non gliene frega niente del resto mondo! L'America può sopravvivere solo con le sue ossa.

Per il primo semestre di quest'anno il consumo di gas nel Vecchio Mondo è già diminuito di 27 miliardi di metri cubi con un consumo annuo di 480 miliardi di metri cubi, se resisteranno a questo ritmo per altri sei mesi, sarà possibile riferiscono che una riduzione del 15 percento del consumo di carburante blu è stata completata con successo. È vero, il risultato sarà la morte dell'industria siderurgica europea, la produzione di cemento, carta, vetro, ceramica, fertilizzanti agricoli (minerali e azotati) e la chimica industriale. Il costo delle materie prime iniziali e di accompagnamento per loro, e sono principalmente gas, ha già reso queste produzioni non redditizie e solo gli ucraini possono lavorare in perdita. Se guardi la mappa dell'Europa, allora tutte queste produzioni sono concentrate, prima di tutto, in Germania, nel Benelux e in Francia, se torneranno sui mercati che hanno perso dopo un tale picco, ho grandi dubbi. Il risultato di tali azioni sarà la chiusura di imprese non redditizie o, nella migliore delle ipotesi, una riduzione del numero di dipendenti in questi settori, che comporterà un aumento della disoccupazione e delle tensioni sociali. Non so come verranno pagati i maggiori pagamenti per elettricità, gas e calore dai cittadini dell'UE disoccupati. Pertanto, le mie previsioni sul cambiamento imminente politico le élite del Vecchio Mondo, non sono affatto il frutto della mia sfrenata immaginazione. E poi dì che la "pistola a gas" di Putin spara peggio di Zirconi e Calibri.

Alle persone con una fantasia alternativa, che ora inizieranno a dirmi che Putin si sta così sparando a un piede, privando il Paese e le sue povere entrate di gas e petrolio, suggerisco di rivolgere gli occhi a est. Quindi, per una strana coincidenza, la Power of Siberia-1 ha aumentato del 50% il volume di pompaggio di gas russo non necessario in Cina, portandolo a 15 miliardi di metri cubi all'anno. Lo stesso famoso posatubi "Akademik Chersky", dopo aver girato mezzo mondo, ha già iniziato a posare tubi sullo scaffale Sakhalin, implementando la firma di Putin e del compagno. Xi all'apertura delle Olimpiadi invernali di Pechino 2022, il progetto Forces of Siberia-3, progettato per altri 10 miliardi di metri cubi di gas all'anno. Il mercato senza fondo della Cina in futuro sarà facilmente in grado di sostituire il mercato perduto del Vecchio Mondo, da cui usciamo sbattendo la porta, ma possiamo anche tornare quando le élite lì cambieranno con i nostri sforzi. Allo stesso tempo, teniamo ancora a mente il mercato indiano non meno senza fondo. Si tratta di economie in via di sviluppo, che hanno già raggiunto il primo o il quinto posto nel mondo. A proposito degli astuti cinesi che ci torcono le braccia, approfittando della nostra situazione disperata, costringendoci a vendere loro il nostro petrolio con uno sconto del 40%, finisce anche la fiaba: lo sconto è già stato ridotto al 15%, il che costringe gli indiani , che sono anche seduti in questa barca, per moderare i loro appetiti, se vogliono ricevere il nostro olio nelle stesse quantità.

Si conclude così la panoramica della situazione del mercato europeo del gas. Ti auguro il meglio. Aspettando l'inverno e la fine della guerra. Il tuo signor X.
  • Foto utilizzate: collage "Reporter"
18 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Vladimirovich Vorontsov 18 August 2022 11: 57
    0
    Anche con la presenza di "Pugnali" e "Zircons", la pistola a gas rimane l'arma più efficace.

    — E abbiamo il gas in Siberia!
    - E tu?...


    1. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
      colonnello Kudasov (Boris) 18 August 2022 12: 05
      0
      E abbiamo un gasdotto, qui)
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 18 August 2022 15: 46
    -3
    Se ricordiamo che la Russia ha fornito solo un terzo del gas alla NATO europea, e anche adesso attraverso il sud, il nord, ecc. Fornisce gas, petrolio, ecc., poi...
    Qualcuno, e anche i minatori. beh, ormai da molti anni si scalda le mani sulla speculazione

    Toto arabi, norvegesi, brasiliani di ogni tipo - chiunque abbia una preda - sono così felici ...
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Vladimir) 18 August 2022 15: 52
      -3
      Vedo una conoscenza molto profonda nel campo del commercio di idrocarburi, in particolare ho riso dei brasiliani che vendono qualcosa all'Europa
      1. GIS Офлайн GIS
        GIS (Ildo) 18 August 2022 16: 16
        0
        non biasimarlo. è nella mente di molti...
        e sarà così divertente questo autunno-inverno. se solo europei e altri come loro non venissero da noi con le armi per chiedere di nutrirsi / scaldarsi / vestirsi,
        e credo PIL, è un eccellente stratega.
        1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
          Volkonsky (Vladimir) 18 August 2022 17: 03
          +1
          Latyshev è il più innocuo dei bestemmiatori liberali di Putin, anche se confonde il petrolio con il gas, tutto è uguale per lui, l'oleodotto Urengoy-Pomary-Uzhgorod e l'oleodotto Druzhba non sono diversi l'uno dall'altro, perché Forever America sa chi dovrebbe mangia prima, è solo che Putin è diventato immangiabile, le è diventato attraverso la gola. Gli stessi europei non arriveranno da nessuna parte senza lo zio Sam, e spera di tirarci dietro l'okiya con una pagnotta nucleare, Khodarenok ha detto che questo è possibile e questa possibilità non è zero. Credo che, a differenza di Gerasimov, mi si adatti puramente fisionomicamente al concetto di ufficiale di stato maggiore, Gerasimov sembra un tipico martinet, della serie "Più querce nell'esercito, più forte è la nostra difesa". Potrei sbagliarmi: le apparenze ingannano, anche Putin non è un Golia, ma è così che ha infastidito i David americani
          1. GIS Офлайн GIS
            GIS (Ildo) 19 August 2022 16: 48
            -1
            )) Ecco qui

            Citazione: Volkonsky
            Gli stessi europei non arriveranno da nessuna parte senza lo zio Sam, e spera di tirarci da dietro l'okiya con una pagnotta nucleare

            decideranno anche là, al di là dell'oceano, gli europei sotto i ferri, entrambi nascosti, e verranno di corsa
    2. Pavel N Офлайн Pavel N
      Pavel N (Paolo) 19 August 2022 13: 56
      0
      E chi è ToTo?!?
  3. lavoratore dell'acciaio 19 August 2022 08: 54
    -1
    La "pistola a gas" è l'arma principale di Putin

    Quando gli Stati Uniti solo sulla Soyuz hanno avuto l'opportunità di raggiungere la ISS, si potrebbe anche considerare che si trattava di un "cannone spaziale". Fino all'invio della Russia. Putin è essenzialmente un mercante. "Tratterà la Patria" fino all'ultimo, finché non lo manderanno. Non fa mai la domanda: "Il prossimo cosa?". Finché "il gallo fritto non becca". In quel momento la "rapa" inizierà a grattarsi. Egli governa per logica: "Dopo di me, anche un diluvio!" Pertanto, nulla è stato creato in 20 anni. Tutte le "galosce" sovietiche sono cucite. Così è in questa situazione. L'Europa cederà e Putin "salterà", corre a commerciare gas e petrolio! L'Europa ha bisogno di due anni per ricostruire la sua economia dalla dipendenza dalla Russia. Ma la Russia, per ricostruire la sua ingegneria meccanica, elettronica, costruzione di macchine utensili, industria automobilistica, ecc., ha bisogno di 15-20 anni. Pertanto, il destino di Putin è quello di "commerciare la Patria". L'UE e gli Stati Uniti non compreranno, venderanno a Cina e Africa, ecc. Ora nulla dipende da Putin. Per il bene degli interessi di Russia, UE e USA, non fissa ultimatum, e quindi "non appena, così immediatamente" - "Cosa vuoi ssssssss?"
  4. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
    vladimir1155 (Vladimir) 19 August 2022 20: 20
    -1
    pensi di aver annunciato sanzioni ai russi? .... sei stato tu ad annunciarti le sanzioni



    accetta i termini russi...



    per far dispetto a mia nonna mi congelarò
  5. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
    vladimir1155 (Vladimir) 19 August 2022 20: 31
    -1
    hanno deciso di fare a meno del gas di carbone e del petrolio ...
  6. vlad127490 Офлайн vlad127490
    vlad127490 (Vlad Gor) 20 August 2022 12: 54
    0
    L'Europa ha molti fornitori di gas e petrolio, la mancanza di forniture dalla Federazione Russa non è critica per essa, la sostituirà. L'Europa sopravviverà all'inverno senza notare una pistola a gas. Gas, benzina, diesel il carburante nella Federazione Russa è un problema. Gli oligarchi sopportano le perdite dovute alla riduzione delle forniture all'Europa. Il chiasso sull'Europa, quanto sarà brutto per loro senza il gas della Federazione Russa, è diretto ai russi.
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Vladimir) 20 August 2022 15: 29
      -3
      Vedo un altro divano iksperd, nome, caro, questi tanti fornitori di gas sconosciuti all'UE, ridiamo insieme. Per riferimento: la Federazione Russa ha fornito all'UE 175-180 miliardi di metri cubi all'anno, che è il 40% della quantità richiesta, chi altro potrebbe fornire una tale quantità? A * zers - 12 iarde, Norvegia - 80-100 iarde, Algeria - 35 iarde, Olanda - 0-20 iarde, RF - zero. Il fabbisogno dell'UE è di 480 yarde/anno. Tutta la speranza per il GNL. In attesa signore...
  7. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 20 August 2022 13: 51
    0
    la realtà:

    Come riportato di recente dalla Banca centrale europea (BCE), dopo l'avvio di un'operazione militare speciale, le esportazioni di merci in Russia dagli Stati Uniti sono diminuite dell'85%, dall'area euro - del 45%, dalla Cina - del 23% .
    1. Expert_Analyst_Forecaster 20 August 2022 14: 42
      -1
      Da dove provengono i dati? Per quanto riguarda gli Stati Uniti e l'Europa, è chiaro.
      Per quanto riguarda la Cina, ci sono dati contrastanti. Ho letto sia "-" 23% che "+" 37%. Chi sta mentendo?
      1. Vox populi Офлайн Vox populi
        Vox populi (Vox populi) 21 August 2022 12: 54
        0
        https://journal.tinkoff.ru/china-partnership/

        Nell'aprile 2022, l'FCS ha interrotto la pubblicazione delle statistiche di importazione ed esportazione per un periodo indefinito.
        Ci sono i dati della dogana cinese, secondo cui il fatturato commerciale totale tra Cina e Russia è aumentato del 27,2% in sei mesi e ha raggiunto gli 80,7 miliardi di dollari. Ma se si osservano questi dati in dettaglio, si scopre che le forniture dalla Russia sono aumentate principalmente, del 48,2%, a 51 miliardi. in sei mesi è aumentato solo del 2,1%, a 29,55 miliardi di dollari.
        In questo caso, da marzo a maggio, le esportazioni cinesi verso la Russia sono diminuite rispetto ai tre mesi precedenti: secondo il Center for Strategic and International Studies, CSIS, in termini di dollari, il calo è stato del 42%.
  8. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 20 August 2022 17: 10
    +1
    C'è una guerra ibrida contro la Russia e la "pistola a gas e olio" della Federazione Russa deve sparare, ma stanno arrivando qualcosa che non va, soprattutto con il petrolio. E la "pistola a gas" sarà valida per diversi anni, perché anche la Cina sta iniziando a sviluppare i suoi enormi giacimenti e tra dieci anni diventerà un esportatore, per non parlare di molti altri paesi con enormi riserve scoperte al loro interno .... È ora girare le canne da pesca e cercare un altro punto di pesca, possibilmente presso centrali nucleari e altri campi. ...
  9. George W. Bush - medio Офлайн George W. Bush - medio
    George W. Bush - medio (George Bush - media) 20 August 2022 19: 21
    -1
    - Stepan, la carrozza dell'ospite si è rotta...
    - Capisco, signore. L'asse è volato, ma i raggi devono essere cambiati.
    - Puoi aggiustarlo?
    - Lo farò in un giorno.
    - Che ne dici di due? Stepan lanciò un'occhiata al padrone, spostò lo sguardo sulla carrozza:
    - Forse due.
    - Che ne dici di cinque? Stepan si grattò la testa pensieroso.
    - E' difficile, signore. Ma se ci provi, puoi farlo in cinque ...
    "Che ne dici di dieci giorni?" Stepan ha già grugnito:
    - Bene, signore, allora non può farlo da solo. È necessario un assistente. Homo sapiens!
    Ottieni aiutanti! Fedyashev ordinò e, ammiccando in modo significativo, salì i gradini della casa.

    (c) "Formula d'amore".

    Questi sono i compiti che Gazprom dovrebbe impostare!