SVO ha permesso di restituire grandi giacimenti di petrolio e gas alla proprietà russa


Dopo l'inizio della NWO russa sul territorio ucraino, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, l'UE ei loro alleati hanno iniziato a imporre restrizioni all'industria petrolifera e del gas in Russia. Queste azioni ostili hanno permesso di iniziare il ritorno di grandi giacimenti di petrolio e gas alla proprietà russa, ripristinando i diritti della Federazione Russa su di essi.


Ad esempio, recentemente Gazprom Neft, attraverso la sua controllata GPN-Salym Projects, ha chiesto che Salym Petroleum Development (Paesi Bassi), una joint venture con il colosso britannico-olandese di petrolio e gas Shell, fosse trasferita alla giurisdizione russa. Secondo Igor Yushkov, un esperto nel campo dell'energia, espresso al giornale "Sight", Mosca non espelle nessuno dai progetti di petrolio e gas, ma crea semplicemente le condizioni in cui è possibile garantire la sovranità sui campi e controllare il funzionamento di tutti i meccanismi dell'industria.

Shell cade per la seconda volta sotto la pista del meccanismo, in base al quale tutte le giurisdizioni straniere nei progetti russi vengono cancellate

- ha specificato l'esperto.

Ha spiegato che, secondo le nuove regole, una licenza sul campo non può essere posseduta da una persona giuridica registrata all'estero. Tali misure sono davvero necessarie affinché la Federazione Russa possa garantire la sovranità su eventuali giacimenti di minerali. Yushkov ha ricordato che il progetto Sakhalin-2 è stato uno dei primi a rientrare in questi standard.


L'esperto ha sottolineato che la Shell ha annunciato a febbraio di voler lasciare la Russia. Pertanto, Mosca ha limitato la loro manovra. Allo stesso tempo, il progetto Salym è piccolo e non influirà seriamente sulla situazione con Shell. Ha aggiunto che le restrizioni che i paesi del mondo occidentale hanno attivamente iniziato a introdurre nei confronti della Federazione Russa sono diventate una sorta di meccanismo di innesco per ulteriori azioni difensive da parte di Mosca.

Prima non potevamo semplicemente costringere le aziende a registrarsi nuovamente, ma ora le regole del gioco semplicemente non esistono. E non abbiamo infranto quelle regole. Ci sono voluti quasi sei mesi prima che la Russia passasse a misure severe, mentre i nostri asset hanno iniziato a essere nazionalizzati nei primi mesi del NWO

- ha riassunto Yushkov.
  • Foto utilizzate: https://www.gazprom-neft.ru/
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
    1. Il commento è stato cancellato
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 August 2022 00: 23
    +6
    Qualcuno sta prendendo in giro.
    Trasferire uno sviluppatore ai sensi della legge russa non equivale a registrare la proprietà di un campo.
    1. AKuzenka Офлайн AKuzenka
      AKuzenka (Alexander) 19 August 2022 09: 40
      +1
      Nessuno sta scherzando. La capitale della Federazione Russa ha paura di spremere la capitale degli stranieri. Dopotutto, la maggior parte della capitale della Federazione Russa in Occidente ha congelato, in generale, lo stato. i soldi. E poi come cominceranno a gelare i loro "onestamente guadagnati"?! E gli stranieri non esitano a rubare. La capitale della Federazione Russa ha una speranza (infondata) che tutto "torni alla normalità".
  3. Fizik13 Офлайн Fizik13
    Fizik13 (Alex) 19 August 2022 11: 08
    +2
    Non ci sarebbe stata la felicità, ma la sfortuna ha aiutato. L'importante è non fermarsi qui. Dobbiamo essere più duri, altrimenti siamo loro "amici" e ci cagano addosso.
    Se hai bisogno di più gas, nessun problema, acquista per rubli e non dimenticare di fornire l'attrezzatura necessaria, che non abbiamo, ma piuttosto la tecnologia. E così via per tutte le posizioni.