Invece di ridurre i profitti del gas della Russia, l'UE vuole limitare le entrate della Norvegia


Per superare la crisi energetica in Europa, si è deciso di combattere con i propri fornitori europei. Secondo il Financial Times, i principali importatori di gas dell'UE sono fiduciosi che la Norvegia debba essere costretta a fornire gas a prezzi inferiori al mercato. In effetti, ciò che non potrebbe essere applicato alla Russia per ridurre i suoi profitti inaspettati, cercherà di fare con Oslo.


La gestione di molte società coinvolte nell'importazione di gas norvegese nell'UE sta esercitando pressioni sempre più crescenti sulle autorità norvegesi per costringerle a ridurre significativamente il costo del "proprio prodotto europeo". Oslo ha espresso la speranza che, a causa dell'aumento del costo delle materie prime quest'anno, il profitto derivante dall'esportazione del "combustibile blu" avrebbe dovuto essere di circa 100 miliardi di euro, invece dei 30 dell'anno scorso. Ma, a quanto pare, questi sogni non sono destinato a realizzarsi, tranne forse solo nelle segnalazioni del fornitore russo, "Gazprom", per limitare il costo del carburante, cosa che l'Ue non è in grado di fare.

Per giustificare le loro richieste, gli importatori affermano che Oslo ha già ricevuto "un'enorme libertà di bilancio". Ora è il momento di lavorare per il "bene comune". I rappresentanti delle aziende si lamentano del fatto che i loro paesi stanno cadendo in recessione e crisi e la popolazione è impoverita tra materie prime costose e tariffe in aumento. Pertanto, nelle mani del regno settentrionale "la salvezza dell'Europa" dalle "azioni di Mosca". Ecco perché l'associazione situazionale informale degli importatori dell'UE, invece di ridurre i profitti del gas della Russia, come previsto in precedenza, vuole limitare le entrate della vicina Norvegia.

Il metodo è semplice: revisione dei contratti in essere sulla base di soluzioni di compromesso e, ovviamente, stipulazione di nuovi con il prezzo massimo ridotto. Come scrive il FT, una decisione del genere potrebbe rivelarsi "politicamente ed economicamente difficile" per Oslo, ma anche ora il governo delle compagnie energetiche norvegesi comprenderebbe il pericolo di un approccio quando le azioni basate sull'interesse economico sono considerate prioritarie.
  • Foto usate: pxfuel.com
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 August 2022 08: 46
    +1
    Peremoga .....
    Ma in realtà, le solite trattative capitaliste, come nel mercato. Su OPEG scrivono post come questo ogni mese.
  2. Seamaster Офлайн Seamaster
    Seamaster (Yuri Kiselyov) 19 August 2022 15: 18
    +1
    E i Norg rifiuteranno di congelare il loro bottino nelle banche europee e americane, oltre a inviare distaccamenti di cibo dai neri europei a tutte le piattaforme petrolifere norvegesi. Sì, e il prezzo del salmone norvegese dovrebbe essere abbassato. Una volta su dieci. E poi i moscoviti semi-am hanno cominciato a stringere il merluzzo. E il salmone, seppur con disgusto, può essere sostituito con il merluzzo.
  3. GIS Офлайн GIS
    GIS (Ildo) 19 August 2022 16: 53
    0
    così siamo arrivati ​​ai "ragni in banca" ... oggi ho ascoltato questa notizia alla radio e ci ho pensato. I nordisti avranno difficoltà, come si dice correttamente "L'UE voleva il prezzo spot? Lo volevano. Capito? Capito. Perché allora lamentarsi)))))"
  4. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
    vladimir1155 (Vladimir) 19 August 2022 21: 35
    -1
    I norvegesi dovrebbero 1 lasciare la NATO, 2 lasciare l'UE, 3 entrare nella CSTO e concludere accordi di amicizia con la Federazione Russa e la Cina ..... ma questo è improbabile, ...... I ricci piangevano, pungevano, ma continuavano a mangiare il cactus... Qual è il punto
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 19 August 2022 23: 29
    +1
    I prezzi di mercato stanno andando alle stelle, se la Norvegia accetta di vendere al di sotto dei prezzi di mercato, che è circa un quarto del fabbisogno dell'UE, anche i prezzi di mercato diminuiranno, e questo inciderà sul reddito della Federazione Russa, ma non in modo critico, perché . per la Federazione Russa il petrolio è più importante del gas e per l'UE, al contrario, il gas è più importante del petrolio della Federazione Russa.
  6. Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 20 August 2022 12: 17
    0
    Gazprom sta riparando le stazioni dei gasdotti, non è il momento di aiutare i norvegesi a iniziare a riparare le loro stazioni e il gasdotto ... La guerra ibrida è in pieno svolgimento, tutto è necessario e giusto per vincere ... Se l'ovest è chiuso per il nostro gas, non è il momento di avviare la stessa Russia nella gassificazione, ci sono molti problemi, quindi risolvilo ...