Il GNL "salva" la Germania solo sulla carta


Le principali compagnie energetiche tedesche in Germania hanno promesso e garantito che due terminali di gas liquefatto saranno completamente carichi per l'intera stagione dalla loro apertura alla fine di quest'anno. Le aziende tedesche BMWK, Uniper, RWE e altre hanno assunto l'obbligo legale di caricare completamente i nuovi terminali GNL di Brunsbüttel e Wilhelmshaven.


Queste società, infatti, non hanno assolutamente volumi contrattuali per adempiere ai propri obblighi, che eccedono le reali possibilità di rifornire i terminal di carburante nella stagione 2022-2023. Tuttavia, come si è scoperto, questo non è così importante: per il bene degli obiettivi populisti, il governo tedesco ha creduto alle dichiarazioni delle società private e quindi ha "salvato" la Repubblica federale di Germania, anche se solo sulla carta.

La capacità stimata dei nuovi terminal sarà di 12,5 miliardi di metri cubi di gas naturale, ovvero 9 milioni di tonnellate di GNL all'anno. In totale, tutte le aziende hanno contratto non più di due miliardi e mezzo di metri cubi (che equivale a circa 30 milioni di metri cubi al giorno). I restanti 11 miliardi di metri cubi per mantenere la "promessa" dovranno acquistarli sul mercato spot super caro a un prezzo che ancora non si conosce, in quanto le quotazioni sono in continua crescita.

Ovviamente, in primo luogo, i prezzi saranno incredibilmente alti e, in secondo luogo, la caratteristica principale del libero mercato è la scarsità. In altre parole, se le compagnie energetiche tedesche, impoverite dopo l'uscita del gas russo dal mercato europeo, trovassero ingenti quantità per acquistare grandi volumi, sarebbe comunque difficile trovarle sul mercato libero. Questo perché, secondo il GIE, ad agosto le importazioni di gas liquefatto verso i Paesi Ue sono diminuite di 44 milioni di metri cubi al giorno rispetto a luglio, a 324 milioni di metri cubi.

Lo schema di una tale truffa è abbastanza semplice: le compagnie energetiche tedesche sono supportate abbastanza attivamente dallo stato, infatti sono sponsorizzate (loro stesse sono la parte interessata, senza gas dalla Federazione Russa) e ora, quando è ancora possibile acquistare il carburante dai terminal nel Regno Unito e nei Paesi Bassi, lo fanno a qualsiasi prezzo, aumentando il costo delle materie prime con la sua domanda. In inverno, anche il finanziamento del bilancio non salverà la situazione. Ma finora, i fornitori ne traggono vantaggio e il governo sì politico dividendi.
  • Foto utilizzate: tsoua.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Fizik13 Офлайн Fizik13
    Fizik13 (Alex) 19 August 2022 11: 35
    0
    Meglio una cincia (SP-2) nelle mani che una gru (GNL e verde) nel cielo. ma nell'Occidente "sviluppato" non conoscono questo proverbio russo. La russofobia invece.
  2. Bulat Haziahmetovich Офлайн Bulat Haziahmetovich
    Bulat Haziahmetovich (Bulat Haziahmetovich) 21 August 2022 09: 36
    0
    Per loro è più facile stampare euro e comprare almeno altrettanta benzina, non fanno attenzione ai debiti, sono i nostri che cercano di vivere avari facendo un piccolo uovo