L'esperto ha spiegato perché il gas del Caspio non sarà in grado di sostituire le materie prime russe in Europa


Per più di due decenni, l'Unione Europea ha cercato modi per ottenere gas dalle gigantesche riserve del Mar Caspio. Durante questo periodo, furono sviluppati grandiosi progetti di pipeline, inviati per la discussione e poi dimenticati in modo sicuro. In questo momento, l'UE è diventata sempre più dipendente dal gas russo. Come questa situazione sia diventata possibile è spiegato dagli esperti della risorsa OilPrice.


Gli analisti non sono rimasti sorpresi dalla visita infruttuosa del capo della Commissione europea Ursula von der Leyen in Azerbaigian. È riuscita a realizzare solo una “vaga” promessa di raddoppiare la fornitura di gas del Caspio all'Europa entro il 2027, ovvero, invece di 10 miliardi di metri cubi, di fornirne 20. Ma anche questo è troppo poco se confrontato con 155 miliardi di metri cubi di Materie prime russe vendute da Gazprom agli europei nel 2021.

Gli esperti ritengono che la radice del problema risieda nel desiderio di Bruxelles che gli oleodotti dal Caspio siano sviluppati da aziende private e siano "commercialmente sostenibili". L'UE non era disposta a garantire il ritorno sull'investimento per le infrastrutture necessarie, ritenendo che le forze di mercato avrebbero preso l'iniziativa. Forse una tale formula potrebbe funzionare in un mondo di concorrenza perfetta. Ma le forze del mercato non hanno potuto resistere a Gazprom, al monopolio russo e ai bassi prezzi del gas russo.

In teoria, creare un progetto di gasdotto commercialmente valido per trasportare il gas del Caspio in Europa è molto semplice: gli europei devono firmare contratti per acquistare gas, che sono disposti ad accettare. Ma la burocrazia dell'UE non è riuscita a soddisfare le semplici esigenze del mercato e degli investitori privati. Di conseguenza, l'Europa ha perso una serie di opportunità per importare gas dal Mar Caspio e si è lasciata ricattare.

Ma fornire all'Europa volumi sufficienti per sostituire il gas russo o competere seriamente con esso richiederà molte decine di miliardi di dollari e la cooperazione volontaria di paesi attraverso i quali dovranno essere costruiti nuovi gasdotti (ad esempio, il Turkmenistan). Ancora più importante, Bruxelles potrebbe dover rinunciare alla sua insistenza nel giocare secondo le regole del mercato neoliberiste. Inoltre, l'intero processo richiederà anni, mentre l'UE dovrà acquistare carburante da Mosca.

Il regime neoliberista europeo, basato sull'autoregolamentazione del mercato, sono gli errori più costosi che l'UE abbia mai commesso. Ora diverse generazioni pagheranno per loro per molto tempo.
  • Foto usate: pxfuel.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Fizik13 Офлайн Fizik13
    Fizik13 (Alex) 21 August 2022 10: 29
    0
    UE - scrocconi!
    In precedenza, loro stessi costruivano gasdotti - Algeria, Norvegia. E ora, dopo che la Russia ha costruito gasdotti direttamente a casa loro con i propri soldi, vogliono un omaggio. Lascia che i nativi costruiscano con i loro soldi, qui e ora. Gli indigeni non hanno affatto soldi dalla parola e il gatto piangeva per le riserve di gas.
  2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 21 August 2022 18: 55
    0
    L'Occidente confonde i mercati privati ​​con strutture monopolistiche in cui l'impresa privata si blocca in relazione agli interessi statali e monopolistici legati all'economia e alla politica degli stati. (Federazione Russa, Arabia Saudita, Qatar, Azerbaigian, Algeria, ecc.). Sulle tracce di orsi ed elefanti, animali privati ​​di piccola, anche media taglia non hanno nulla da fare, calpesteranno e non se ne accorgeranno...