Reuters: le importazioni di carbone russo in Cina hanno raggiunto il massimo degli ultimi cinque anni


Le importazioni di carbone russo in Cina a luglio sono aumentate del 14% rispetto allo scorso anno e hanno raggiunto il livello più alto degli ultimi cinque anni. Lo riporta Reuters. Il mese scorso, la Cina ha importato 7,42 milioni di tonnellate di carbone dalla Russia. Si è così registrato il dato mensile più alto dall'inizio del 2017.


A giugno e luglio 2021, le importazioni di carbone sono state rispettivamente di 6,12 e 6,49 milioni di tonnellate. I paesi occidentali hanno evitato il carbone russo alla vigilia dell'entrata in vigore delle sanzioni dell'UE contro i combustibili solidi non rispettosi dell'ambiente provenienti dalla Federazione Russa. A loro volta, India e Cina hanno beneficiato del divieto di vendere carbone in Europa, acquistando un prodotto interno a prezzi scontati, che molto probabilmente sono una conseguenza non economica, ma politica.

Un fattore importante nella popolarità del carbone termico russo con un coefficiente termico di 5500 chilocalorie (kcal) è il suo prezzo. Secondo l'agenzia, alla fine di luglio di quest'anno, i contratti con questa marca di carburante costavano circa 150 dollari a tonnellata, tenendo conto del costo e del prezzo di consegna (traffico ferroviario), mentre il carbone della stessa qualità nel porto australiano di Newcastle è stato stimato a più di $ 210 per tonnellata alla fine di luglio. In questo caso, non colpisce solo il desiderio dei produttori australiani di sfruttare la crisi, ma anche i prezzi elevati delle navi merci per il trasporto di carburante.

Alcuni commercianti cinesi si aspettano che una quantità ancora maggiore di carbone russo entri in Cina nel quarto trimestre poiché i servizi pubblici nella Cina settentrionale iniziano ad accumulare scorte per la stagione di riscaldamento invernale.

positivo notizie per l'industria mineraria russa è diventato possibile anche sullo sfondo di una generale riduzione delle importazioni di carbone dalla Cina negli ultimi mesi a causa di un forte aumento della produzione interna. Ma ciò ha colpito solo i fornitori australiani, che non hanno spedito una sola tonnellata nel periodo di riferimento. Tuttavia, ampiamente conosciuto politico conflitto tra Cina e Australia economico ci sono pochissime interferenze nella situazione attuale.

L'industria russa potrebbe esportare molti più combustibili fossili in Cina, se i tassi di produzione lo consentono. Tuttavia, vecchi problemi ancora irrisolti con il materiale rotabile e una rete ferroviaria sottosviluppata cancellano i piani per nuovi record di consegne in Cina.
  • Foto usate: pxfuel.com
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Fizik13 Офлайн Fizik13
    Fizik13 (Alex) 21 August 2022 11: 59
    0
    Tuttavia, vecchi problemi ancora irrisolti con il materiale rotabile e una rete ferroviaria sottosviluppata cancellano i piani per nuovi record di consegne in Cina.

    Ancora una volta vinci, i liberali sono piagnoni e la quinta colonna per qualsiasi stato!
    Va tutto male con noi, appena sono comparsi i risultati positivi, è ancora brutto, ci serve ancora di più, in una parola, la guardia è un disastro. Pensano che con un clic di 2 dita sarà tutto pronto. È necessario non lamentarsi e dipendere dagli sponsor occidentali, ma lavorare, lavorare e lavorare di nuovo. Il lavoro farà di un uomo un liberale!
  2. Statore di Neville Офлайн Statore di Neville
    Statore di Neville (statore di Neville) 21 August 2022 12: 35
    0
    buone notizie economiche
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 21 August 2022 12: 57
    +1
    In generale, come sempre.
    A regalare a buon mercato (ad esempio petrolio e metalli e motori a razzo P180 agli amer) è Peremoga ...