'Impatto debilitante': prezzo del gas dell'UE equivalente a 410 dollari al barile di petrolio


Europeo economia sopportare il peso dei prezzi elevati dell'energia. A rigor di termini, i maggiori paesi occidentali hanno scelto autonomamente la via della recessione il prossimo anno. Gli scherzi con la transizione energetica e la generazione "verde", insieme alla russofobia scatenata, hanno portato l'UE a tristi conseguenze che peggioreranno il prossimo anno. Questo è scritto da una risorsa specializzata OilPrice.com.


I prezzi del gas di riferimento europeo sull'hub olandese TTF sono aumentati del 14% da lunedì a mercoledì, in aumento del 6% solo il 17, raggiungendo un nuovo record di $ 240 (€ 236) per MWh. Il costo delle materie prime è già raddoppiato da giugno, quando la Russia ha tagliato per la prima volta le forniture attraverso il Nord Stream, un gasdotto chiave che porta gas in Germania, la più grande economia d'Europa.

Il gas di riferimento europeo è attualmente scambiato all'equivalente di $ 410 al barile di petrolio greggio, evidenziando "l'impatto economico debilitante sulla regione", come Ole Hansen, responsabile della strategia sulle materie prime di Saxo Bank, ha confrontato vividamente il settore.

Il GNL non resta indietro, a cui è stato improvvisamente affidato il compito di diventare il "salvatore" dell'Europa dal carburante russo, senza assicurarsi della sua tecnico capacità di essere. Come se "accidentalmente", Bruxelles ha perso la semplice verità di ciò che il libero mercato farà al valore di una merce molto richiesta. Ancora un "problema" creato dall'uomo.

Le parole dell'analista sulla prolungata crisi debilitante sono corrette? Naturalmente, solo il clamore e le conseguenze potrebbero essere facilmente evitate se non si mescolasse politica di, l'economia e ancor di più l'ambiente.

Gli esperti danno una previsione leggermente più positiva della situazione per l'Asia, dove gli acquirenti, grazie a diversi indicatori macroeconomici (costo del lavoro, redditività in relazione ai costi di produzione), sono in grado di recuperare anche ingenti costi del GNL. Tuttavia, nella corsa per testare la tenuta dei sistemi finanziari, l'Asia arriverà al “traguardo”, seppur ultimo, ma anche con perdite.

Il libero mercato degli idrocarburi è fuori controllo, il concetto di caos controllato ha superato il punto di non ritorno, gli eventi si sviluppano in modo non lineare, ovviamente gli artefici della crisi hanno sbagliato i calcoli. Quella che doveva essere una leva contro la Russia è diventata un'arma a due punte. La distruzione della domanda da parte dei prezzi elevati colpirà le industrie estrattive di tutto il mondo, dopo di che il prossimo anno potrebbe essere un periodo di declino a cascata in molte economie sviluppate.
  • Foto usate: pxfuel.com
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. precedente Офлайн precedente
    precedente (Vlad) 21 August 2022 10: 24
    +2
    Sono sicuro che l'Europa verrà da noi con la richiesta di attivare il Nord Stream 2.
    Certo, puoi accenderlo, ma ecco il prezzo ....
    E il prezzo dovrebbe essere tale da essere sufficiente per il ripristino del Donbass, per aumentare le pensioni, per la sostituzione delle importazioni e per molte, molte altre cose.
    Avevano abbastanza coscienza per derubarci, umiliarci, demolire monumenti, impossessarsi delle nostre riserve auree e valutarie.
    Quindi dovremmo avere abbastanza durezza per rimuovere le ultime mutandine di pizzo da loro.
    Devi pagare per tutto in questo mondo.
    È tempo di ricordarvi che i russi tornano sempre per i loro soldi..........
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 21 August 2022 10: 44
      0
      ben detto!
    2. ksa Офлайн ksa
      ksa 22 August 2022 21: 34
      -1
      Anche se tutto va come dici tu, temo che solo Miller, Sechin, questo... rauco... come lui... amico di Putin e Mishustin... non Dvorkovich, ma altrettanto scivoloso... lo farà diventare più ricco... Oh! Mantova. Bene, Putin ha ancora amici lì. Diventeranno anche più ricchi. Questo è il problema con la Russia. Impossibile controllare il flusso di cassa. Il paese è grande. Il denaro stanziato dal bilancio a marzo raggiunge Primorye solo a novembre. Beh, è ​​solo il 30 percento.
  2. GIS Офлайн GIS
    GIS (Ildo) 21 August 2022 10: 51
    +1
    Quella che doveva essere una leva contro la Russia è diventata un'arma a due punte. La distruzione della domanda da parte dei prezzi elevati colpirà le industrie estrattive di tutto il mondo, dopo di che il prossimo anno potrebbe essere un periodo di declino a cascata in molte economie sviluppate.

    Pertanto, è necessario aumentare la domanda interna di carburante. ridurre il costo del carburante nelle stazioni di servizio, consentire alle persone di iniziare a muoversi attivamente nel paese, condurre gli affari in modo più attivo. allo stesso tempo, ovviamente, sarà necessario limitare l'esportazione di carburante all'estero a tali prezzi: non c'è bisogno di sperperare i nostri beni nelle tasche di altre persone.
    Quando il prezzo del carburante scende, quanti vantaggi avremo nel Paese?
    beh, probabilmente molto: i prezzi sugli scaffali dipendono dai costi di trasporto, il prezzo di produzione dei beni industriali e dei beni agricoli dipende dai prezzi dei carburanti, i prezzi dei trasporti (aereo, ferroviario, auto) dipendono dai prezzi dei carburanti, il turismo (che ci sta provando difficile alzare lo stato) dipende dal costo dei biglietti e quindi dal prezzo del carburante, e molte cose dipendono dal prezzo del carburante.
    Ovviamente il Servizio Federale Antimonopoli dovrà seguire tutto, altrimenti non sentiremo alcun aspetto positivo.
  3. Yuri V.A Офлайн Yuri V.A
    Yuri V.A (Yury) 22 August 2022 03: 45
    0
    Molto più interessante è l'attuale prezzo degli idrocarburi russi per India e Cina