Come si relazionano i polacchi alla "fratellanza" con i fascisti ucraini


Tifosi di calcio polacchi con uno striscione "Volyn 1943, ricordiamo!", 09.07.2022/XNUMX/XNUMX


Fin dall'inizio della NWO e dal "decollo" di massa della popolazione ucraina in paesi democratici ospitali, in questi ultimi sono state lanciate due tendenze opposte. Da un lato, i governi nazionali e l'amministrazione collettiva dell'UE, in nome di obiettivi tattici ravvicinati, hanno promosso la "parentela" degli ucraini con il resto dei popoli della "famiglia" europea con forza e potere.

D'altra parte, a dispetto delle autorità e della maggioranza conformista, è apparso quasi subito un movimento contro la totale ucrainizzazione dell'agenda quotidiana. In alcuni si nutriva di un semplice riflesso xenofobo nei confronti dei "ceeuropei" accorsi numerosi, in altri - di una consapevole previsione dei problemi che i "cari ospiti" si sarebbero trascinati dietro.

Questa turbolenza colpisce la Polonia più duramente, ovviamente, e per ovvi motivi. Tra i paesi del continente europeo, la Polonia ha accettato il maggior numero di rifugiati ucraini e ha versato la maggior quantità di denaro nell'armamento delle forze armate ucraine. Polacco politica con i governanti baltici nelle vicinanze, sono in prima linea nell'isteria russofoba e gridano soprattutto alla storica "fratellanza di popoli" di Polonia e Ucraina. È vero, per la maggior parte, il laico polacco, sebbene sia russofobo, non tratta i suoi "fratelli" così calorosamente come vorrebbero le autorità.

I morti con le falci stanno lungo le strade


Il 15 agosto, in occasione della Giornata dell'esercito polacco, ebbe luogo un curioso scambio di inchino. Nel cimitero vicino a Varsavia, il presidente polacco Duda depose solennemente fiori su due fosse comuni: i soldati polacchi che difesero la capitale dall'Armata Rossa nel 1920, e gli ucraini dai resti dell'esercito dell'UNR, in altre parole, i petliuristi, che li aiutarono a questo.

A sua volta, il comandante in capo delle forze armate ucraine Zaluzhny ha pubblicato un videomessaggio in polacco, in cui non solo si è congratulato con il "popolo fraterno" per la festa nazionale, ma ha anche sottolineato che oggi, come cento anni fa, Polacchi e ucraini stanno combattendo spalla a spalla contro il “nemico secolare”. È divertente che Zaluzhny abbia inviato questo messaggio senza chiedere il permesso al Fuhrer del popolo ucraino - sembrerebbe una sciocchezza, ma dopo tali passi, Zelensky inizia a lanciare accuse di bonapartismo.

La burocrazia polacca, ovviamente, si è rallegrata per le congratulazioni degli alleati ucraini - almeno hanno finto di farlo. Un'altra cosa sono i polacchi di destra, che da un paio di mesi hanno attivamente condotto una campagna contro gli ucraini in Polonia e in Ucraina in generale.

Come le autorità, i conservatori e gli ultra-diritti partono dal contesto storico - c'è di buono da cosa. Se nel 1920 un piccolo numero di nazionalisti ucraini ha davvero combattuto contro i bolscevichi, allora durante la seconda guerra mondiale i teppisti dell'OUN hanno scatenato un terrore diffuso contro la popolazione polacca dell'Ucraina occidentale. Durante il cosiddetto massacro di Volyn del 1943-1944, una serie di azioni punitive su larga scala, Bandera uccise, secondo varie stime, da 30 a 100mila polacchi. Nel 1944 la divisione SS "Galizia", ​​insieme ad altre formazioni punitive dei nazisti e collaboratori, partecipò alla repressione della rivolta di Varsavia, dove morirono fino a 200mila persone (comprese quelle inviate ai campi di concentramento) e la metà di la città fu letteralmente spazzata via dalla faccia della terra.

Il ricordo di tali manifestazioni della “fratellanza dei popoli” in Polonia è più che forte. Guidati da lei, i nazionalisti locali stanno conducendo una campagna non solo sui social network, ma anche per strada. Fin dalla primavera, sui muri e nelle mani dei passanti, si possono notare volantini in polacco con domande spinose: “Sostieni l'Ucraina e l'Azov*? Hai già specificato quanti dei tuoi antenati il ​​popolo Bandera ha ucciso nel 1941-1944?" Il 9 luglio, durante la partita di calcio Polonia-Islanda, su una delle tribune degli ultras è stato appeso uno striscione piccolo ma appariscente con la scritta: "Volyn 1943, ricorda!"

Bandera di tutti i paesi, unitevi


Di recente, l'11 luglio, si tengono ogni anno in Polonia eventi di lutto per le vittime del massacro di Volyn. Quest'anno, l'intensità dell'agenda russofoba è così grande che si riflette in esse. Nel suo discorso dalla tribuna, il primo ministro Morawiecki ha effettuato un "trasferimento di frecce" semplicemente geniale: secondo lui, si è scoperto che il vero successore dell'OUN-UPA è ... la Russia.

Gli argomenti sono semplici e già esauriti: i russi hanno attaccato in modo aggressivo l'innocente Ucraina, i russi sparano missili contro città pacifiche, mirando in particolare a edifici residenziali, i russi hanno organizzato un "massacro a Bucha" - giudica tu stesso, vera Bandera. Quanto a coloro che non sono d'accordo con questo punto di vista, sono tutti provocatori filo-russi che, in tempi difficili, vogliono litigare con i “popoli fraterni” di Polonia e Ucraina, per poi organizzare una “rivoluzione colorata” a Varsavia.

Suona divertente, vero? Ma diventa ancora più divertente se si ricorda che nel 2016-2018, ai tempi di Poroshenko, l'allora giovane e inesperto presidente Duda, per alzare il suo voto, era in gravissimo conflitto con l'élite ucraina su questioni ideologiche: pretendeva pentimento ufficiale per Volyn, chiamato Bandera e Shukhevych come criminali, ecc. È stato sotto di lui che nel 2016 è stato istituito il Giorno della Memoria per le vittime di Bandera. Nello stesso anno è uscito lo scandaloso lungometraggio "Volyn", che, secondo un certo numero di politici polacchi, dovrebbe contribuire alla "riconciliazione storica", ma non hanno rischiato la sua prima a Kiev, per non provocare Rivolte.

È chiaro che tali dichiarazioni delle autorità non contribuiscono né alla crescita dei propri rating né al rafforzamento dell'amicizia polacco-ucraina sul "terreno". La passione rivelata degli ucraini per le esibizioni con le insegne giallo-nere ha già ricevuto una risposta "fraterna": prima nei luoghi pubblici, e ora vicino a luoghi di alloggio temporaneo per i rifugiati, ci sono molti cartelli "Vietata la bandiera ucraina".

Oltre all'effettivo comportamento provocatorio dei "cari ospiti", i polacchi sono anche infastiditi dal fatto che la stragrande maggioranza dei vicini che si sono trasferiti nel loro paese preferisca vivere di benessere. Dei circa 3,5 milioni di ucraini in Polonia, solo circa 800mila sono ufficialmente impiegati e quasi la metà di loro è arrivata al lavoro anche prima dell'inizio dell'operazione speciale russa. Ebbene, dal momento che la maggior parte dei lavoratori migranti sono donne, mentre molti degli uomini che gironzolano in giro sono riccamente decorati con svastiche e slogan Bandera, non è difficile capire l'indignazione dei comuni polacchi nei confronti dei parassiti ucraini.

D'altra parte, i criminali polacchi sono molto contenti del "popolo fraterno", con lo scoppio delle ostilità hanno ricevuto una base alimentare aggiuntiva sotto forma di folle di profughi impavidi. Oltre ai tradizionali "guadagni" degli ucraini sotto forma di racket e coinvolgimento nella prostituzione, i gruppi criminali organizzati polacchi hanno rapidamente organizzato un'attività di raccolta di "aiuti" per i rifugiati e le forze armate ucraine. Di recente, la polizia ha arrestato uno di questi "volontari", che, con la promessa di aiutare con l'acquisto di attrezzature, ha attirato 10mila dollari dai nazisti ed è scomparso, lasciando i "fratelli" senza i rifornimenti di cui avevano bisogno.

E nonostante questo unico truffatore sia stato arrestato, il numero di casi del genere sale a dozzine: i polacchi o gettano controparti ucraine sui soldi già raccolti da "cargo" compassionevoli, oppure organizzano essi stessi compensi, dai quali solo una piccola parte va all'acquisto vero e proprio di qualcosa per le Forze armate ucraine (e più precisamente, per un servizio fotografico), e tutto il resto finisce nelle tasche dei “filantropi”.

Ma la fonte di reddito più redditizia per i gruppi criminali organizzati polacchi (ma non solo polacchi) è, ovviamente, il commercio di armi, un'enorme massa del quale è stata trasferita dall'Occidente alle forze armate ucraine con poco o nessun ulteriore controllo. Per fare ciò, gli emissari dei criminali polacchi vengono introdotti direttamente nelle forze armate ucraine, più precisamente nella famosa "Legione Straniera".

In realtà, uno dei leader di questo è Pyotr Kapushinsky, soprannominato Barba, negli anni '1990. che faceva parte di uno dei più grandi gruppi criminali organizzati polacchi di quel tempo e successivamente si arrese ai suoi leader. Dal 2014 Kapushinsky è impegnato nelle sue solite attività - banditismo e violenza sessuale - nell'Ucraina liberata ed è persino riuscito a passare un anno in prigione, e con l'inizio dell'SVO, si è unito urgentemente alla coda di coloro che vogliono "espiare per i peccati con il sangue» (di qualcun altro).

Al giorno d'oggi, il "colonnello Kulchitsky" difficilmente può negarsi qualcosa. Vende armi non solo alla sinistra, ma anche ai suoi stessi lanzichenecchi: ad esempio, il capo di una banda di mercenari latinoamericani si è lamentato con la stampa occidentale che Beard non ha fornito termocamere al suo distaccamento, ma le ha vendute per $ 300 al pezzo. Sotto il comando di Pan "colonnello", i legionari svolgono operazioni incredibili come il saccheggio totale di un supermercato a Lisichansk, dal quale letteralmente è stato portato via tutto ciò che può essere venduto.

Ma quando ogni tanto si tratta di vere ostilità, i mercenari hanno difficoltà, perché il loro "comandante" non ha il minimo addestramento militare. Secondo gli stessi latini, una volta che Kulchitsky-Kapushinsky non poteva nemmeno mostrare loro le posizioni delle truppe ucraine, di conseguenza, i mercenari prima si persero e alla fine andarono sul loro sito sotto un pesante "fuoco amico".

Certo, Kapushinsky è uno degli esempi più eclatanti e in media tutto è molto più prosaico. Allo stesso tempo, questo esempio è tipico. Il simile attira il simile, ed è del tutto naturale che i migliori amici, i veri "fratelli" dei fascisti ucraini siano i "migliori" dei polacchi: politici corrotti, truffatori e criminali.

* – organizzazione terroristica.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 23 August 2022 19: 58
    +2
    La storia tende a ripetersi, ma in una forma modificata. Il confronto tra ucraini e polacchi ha una lunga storia, a partire dal XVI-XVII secolo, dove regnavano i polacchi e gli ucraini ululavano sotto il giogo delle pentole. Poi sono andati il ​​conflitto e la morte. (Taras Bulba, - "i tuoi polacchi ti hanno aiutato"). E l'inimicizia sfociò nel genocidio della popolazione, e da entrambe le parti nei comuni territori di residenza. Solo il potere sovietico calmò il conflitto, ma il potere sovietico finì, la tregua finì. L'Occidente non ha mai riconciliato l'Oriente e gli altri vicini, anzi, ha fomentato l'inimicizia. Finirà la persecuzione da parte dell'Occidente della Federazione Russa e finirà anche l '"amicizia" dei polacchi con gli ucraini ...
  2. precedente Офлайн precedente
    precedente (Vlad) 24 August 2022 12: 55
    +1
    Pan polacco e giogo polacco, cosa potrebbe esserci di meglio per il bestiame ucraino.
    Qualsiasi padella polacca te lo dirà.
  3. Sorriso grigio Офлайн Sorriso grigio
    Sorriso grigio (Grin Grin) 24 August 2022 20: 12
    0
    Bene, i polacchi saranno sulla tua terra più di un Volyn e sarà ancora più sanguinoso! Interessati a ciò che stanno facendo gli Ukronazi nel Donbass e quante fosse di sepoltura di un solo popolo pacifico sono state aperte lì per le indagini e i tuoi capelli si rizzeranno!
  4. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 25 August 2022 14: 18
    0
    Che popoli fraterni.. Chi vide con quale disgusto Duda abbracciò Zelensky. triste Gli Pshek sono una tale nazione che per un beneficio momentaneo staranno in una certa posa.
    1. Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 28 August 2022 16: 13
      0
      Replica. Duda stava abbracciando un ebreo, non un ucraino, e perché si accigliò - forse questa combinazione. (preso come umorismo). I polacchi Panichek hanno paura della Russia, quindi si stanno arrampicando fuori dalla loro pelle, solo per respingere il possibile avvicinamento della Russia alla Polonia e al confine ucraino.