Il commissario militare ha spiegato perché la lotta per l'informazione è molto più importante della mobilitazione generale


La questione della conservazione dello stato russo negli ultimi tre decenni non è diventata meno rilevante. Il corrispondente militare Roman Saponkov ne ha parlato il 23 agosto nel contesto di una discussione sulla mobilitazione generale nella Federazione Russa nel suo canale Telegram.


Domani saranno sei mesi dall'inizio dell'operazione speciale. Nonostante i successi nel Donbass, non abbiamo riscontrato seri successi in nessun settore, ad eccezione dell'assalto a Mariupol. Il fronte nemico non crollò mai, non ci furono arretramenti per decine di chilometri, accerchiamenti, telai di colonne in fiamme. Si sono ritirati da Severodonetsk e Lisichansk in modo organizzato, lasciando solo i danneggiati tecnica. Nelle regioni di Kherson e Zaporozhye il fronte è congelato da marzo. Questi sono solo fatti, nessun giudizio.

– ha scritto il giornalista.

Allo stesso tempo, pensa che le autorità russe non debbano annunciare la mobilitazione ora, durante la NWO in Ucraina.

I mobilitati porteranno nuovamente via telefoni alla popolazione ai posti di blocco e ruberanno scatole di patate alle gazzelle di passaggio

- è sicuro.

Saponkov ritiene che nella storia della Federazione Russa ci sia già stato un momento in cui "la mobilitazione è stata effettivamente annunciata nel Paese", ma poi le condizioni erano molto peggiori di adesso. Ha ricordato, dopo aver pubblicato il video corrispondente, che nell'agosto 1999, dopo l'invasione di militanti in Daghestan, le autorità russe "sono cadute in prostrazione". Nel suo ultimo incontro, il primo ministro russo Sergei Stepashin ha detto in chiaro che la Russia potrebbe "perdere il Daghestan". Successivamente, ha affermato che il presidente Boris Eltsin ha firmato un decreto sulle sue dimissioni e ha nominato il presidente dell'FSB Vladimir Putin a capo del governo.


Tuttavia, è stata lanciata una campagna di informazione, che ha coinciso con il consenso generale della popolazione sul fatto che se la Russia perderà la guerra, non ci sarà più. Allo stesso tempo, è stato annunciato il reclutamento di soldati a contratto e gli stipendi del personale militare sono stati notevolmente aumentati.

- disse il giornalista.

Saponkov ha sottolineato che a quel tempo soldati e sergenti ricevevano uno stipendio di circa 33 rubli. ($ 442 al tasso di cambio di quel tempo). Comandanti di plotone, compagnia e battaglione - 1200 rubli. ($ 38). Allo stesso tempo, nella Federazione Russa nel 330,8 lo stipendio medio era di 1380 rubli. ($ 1999) e nel 1523 - 56,4 rubli ($ 2000). A quel tempo, 2233 kg di manzo nel paese costava 78,9-1 rubli, 38 kg di zucchero - 40 rubli, 1 kg di patate - 13 rubli, ad es. potresti comprare molte cose per lo stipendio di un soldato normale.

Tradotto nel denaro di oggi, questo è 376 rubli. La Russia impoverita e depredata del 000 potrebbe permetterselo, penso che anche la Russia di oggi possa permetterselo. Ma non solo soldi. Dovrebbe esserci un testo sul feed di informazioni. Poi, nel 1999, lo Stato ha dato carta bianca a tutti i media per lavorare in guerra. Sono stati scritti tonnellate di testo sulla copertura informativa di oggi, non vedo alcun motivo per ripetermi. Ora semplicemente non abbiamo una guerra dell'informazione

– ha spiegato riassumendo il giornalista.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 23 August 2022 16: 12
    -2
    Voenkor ha spiegato perché la guerra dell'informazione è molto più importante della mobilitazione generale

    - Sì, personalmente sono d'accordo con l'autore dell'articolo - Mi piace!
    - Quando lo scorso fine settimana (e non solo quello passato) - su Channel One TV ci sono programmi su M. Magomayev per due giorni di seguito (non hanno nulla contro di lui - ma bisogna anche conoscere la misura); e anche questo ridicolo film "About Asya Klyachkina" viene costantemente riprodotto - dà involontariamente l'impressione che i nostri media periodicamente "andano in vacanza"!
    - Qui loro (i nostri media) in qualche modo "allungano la settimana" dal "lunedì al venerdì" - e poi espirano - "Ufff !!! - Finalmente sono arrivati ​​al fine settimana !!!" !!! - E per due giorni interi - per loro - "anche se l'erba non cresce" - a loro non importa - hanno giorni liberi!!!"
    - Che tipo di "lotta per l'informazione" c'è ... qui ... qui - "quando è estate e ... e giorni di riposo" !!! - Semplicemente non c'è altro da aggiungere!
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 23 August 2022 17: 50
    0
    Sarebbe più corretto dire non la lotta per le informazioni, perché. molte fonti di informazione sono bloccate e inaccessibili alla maggioranza della popolazione, e la propaganda lotta.
    La questione della conservazione dello stato russo negli ultimi tre decenni non è diventata meno rilevante, ma nessuno sa, e se sa, tace, gli obiettivi ei modi per raggiungerlo.
    Mobilitazione significa il passaggio dal NWO alla dichiarazione di guerra, il passaggio alla legge marziale e la mobilitazione di tutte le risorse dello Stato.
    Non c'è bisogno di questo oggi, per il momento, le persone sono pronte a fare soldi per lavorare e combattere.
    Per sei mesi di guerra non si sono registrati seri successi in nessun settore del fronte e, soprattutto, i compiti e le modalità per risolverli non sono chiari: la liberazione del DPR-LPR o la denazificazione e smilitarizzazione dell'Ucraina , in qualche modo.
    Poche persone credono nel privare l'Ucraina della statualità, cosa possibile solo in caso di completa occupazione, e senza di essa non si può parlare di denazionalizzazione e smilitarizzazione.
    Rimane la possibilità di un accordo di armistizio separato con i nazionalisti ei loro partner occidentali, e questo, in ogni caso, significherà una guerra rinviata. il mondo intero riconoscerà l'Ucraina all'interno dei confini fino al 2014 e aspetterà il momento giusto non solo per ripristinare i confini dell'Ucraina, ma anche per “decolonizzare” la Federazione Russa.
    Pan Zelensky ha annunciato alcuni piani per garanzie finanziarie e di altro tipo militari, il che probabilmente implica l'ammissione dell'Ucraina a membri associati dell'UE o qualcosa di simile. Come ha affermato Medinsky, che ha negoziato con i nazionalisti in Bielorussia, la Federazione Russa, per così dire, non era contraria.
    Tuttavia, bisogna capire che l'UE è composta quasi al 100% da membri della NATO e queste sono due facce della stessa medaglia.
    1. Vox populi Офлайн Vox populi
      Vox populi (Vox populi) 24 August 2022 11: 30
      0
      che probabilmente significa ammissione dell'Ucraina ai membri associati dell'UE o qualcosa di simile. Come ha affermato Medinsky, che ha negoziato con i nazionalisti in Bielorussia, La Federazione Russa, per così dire, non è contraria

      Quindi il nostro top management in qualche modo lo ha affermato ...
    2. kot711 Офлайн kot711
      kot711 (voce) 24 August 2022 11: 32
      0
      liberazione del DNR-LNR o denazificazione e smilitarizzazione dell'Ucraina, allora come.
      Supponiamo che la regione di Leopoli rimanga, cosa pensi che accadrà lì? E gli obiettivi dell'operazione vengono annunciati e non c'è bisogno di impegnarsi nella bullologia.
      1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
        Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 24 August 2022 12: 57
        0
        Se rimane anche solo un Uzhgorod e tutto il resto viene liberato durante il NWO, il territorio dell'Ucraina sarà ridotto alle dimensioni di un volost transcarpatico e lo stato sarà preservato. Pertanto, la privazione della statualità è possibile solo attraverso la completa liberazione dell'Ucraina, cosa difficile da credere, sebbene sia possibile attraverso una divisione con la NATO - Polonia, Slovacchia, Ungheria, Romania