Non è nemmeno inverno: Bruxelles ha segretamente consentito l'ingresso in Europa del petrolio russo


Funzionari europei, istruiti da un'amara esperienza nel settore del gas, si sono resi conto del loro errore e ora non aspettano tali problemi con interruzioni nella fornitura di petrolio russo negli oleodotti, cogliendo l'iniziativa di fornitori privati ​​​​per aggirare le proprie sanzioni. Il 22 luglio si sono verificate le prime difficoltà nel pagare il transito ucraino di materie prime attraverso l'oleodotto di Druzhba. Dopo aver analizzato la situazione, la leadership dell'UE ha deciso dietro le quinte, a livello di comunicazione commerciale bancaria, di consentire alle istituzioni finanziarie di servire i bonifici russi almeno fino alla fine dell'anno.


In altre parole, il fornitore e i clienti non hanno dovuto escogitare soluzioni alternative per rimuovere gli ostacoli sotto forma di sanzioni, ciò è stato fatto dal governo che ha stabilito queste restrizioni. Secondo il consigliere del capo di Transneft, Igor Demin, lo stesso regolatore del settore di Bruxelles ha notificato alla società e alla banca che la gestisce che è stato dato il via libera per effettuare i pagamenti obbligatori. Non ci saranno più blocchi.

Pertanto, l'UE ha tacitamente consentito il petrolio russo in Europa e ne ha assicurato il transito attraverso l'Ucraina con protezione a livello statale, di fatto "eliminando" le sanzioni, che si sono trasformate in una norma legalmente non valida. Non c'è dubbio che il prossimo anno verrà prorogato il permesso di pagare il transito attraverso le banche europee.

L'inverno non è nemmeno arrivato, la stagione del riscaldamento non è ancora iniziata e la leadership dell'UE sta facendo enormi concessioni per il prodotto russo. Ciò avviene dietro le quinte, su iniziativa della stessa parte europea. È certo che ci saranno ulteriori concessioni per altre importanti aree industriali da cui dipende l'Europa. L'intrattabilità e la “retorica sanzionatoria” è un fenomeno prettamente estivo, soprattutto quando si può trasmettere senza esitazione propaganda antirussa attraverso i media, ma in realtà si adottano regolamenti che contraddicono direttamente tutti i divieti.

In questo senso, l'Ue ha escogitato come risolvere il dilemma tra restrizioni, retorica militante e tentativi di alleviare la crisi - in suo soccorso è però venuta una banale bugia, chiamata "politica pragmatismo".
  • Foto usate: pxfuel.com
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sydor Kovpak Офлайн Sydor Kovpak
    Sydor Kovpak 24 August 2022 09: 14
    0
    Se non puoi, ma lo vuoi davvero, allora puoi!
  2. precedente Офлайн precedente
    precedente (Vlad) 24 August 2022 09: 17
    0
    Shaw, gay?!
    Sul retro?!
    E non ti abbiamo ancora sparato...
  3. Shamil Rasmukhambetov Офлайн Shamil Rasmukhambetov
    Shamil Rasmukhambetov (Shamil Rasmukhambetov) 24 August 2022 10: 36
    +1
    Perché diamo loro olio, facciamo loro accendere il Nord Stream 2, no, facciamo loro andare a cavallo, in generale, non c'è niente da dare, lasciamoli riposare tutti in Europa, quanta sofferenza ci hanno portato.
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 24 August 2022 12: 27
    +1
    Per ragionare con l'Europa, è necessario interrompere le forniture di gas attraverso l'Ucraina con qualsiasi pretesto.