Gesto di buona volontà fallito: l'India commercia petrolio con la Russia, non con l'Arabia Saudita


È improbabile che durerà un importante spostamento negli acquisti di petrolio indiano il mese scorso dalla Russia all'Arabia Saudita, che è stato interpretato da molti nel mercato petrolifero globale come un segno di buona volontà per Washington. L'India continua a collaborare con la Russia in diversi settori chiave come l'energia, l'industria e persino la difesa. La portata e la portata della svolta verso la Federazione Russa (contro gli Stati Uniti) sono piuttosto impressionanti. Simon Watkins, un esperto analista del mercato energetico, ne scrive per la risorsa OilPrice.


Secondo l'esperto, è improbabile che qualche nuovo modello di acquisto da parte dell'India persista e, anche se persiste, Arabia Saudita e Russia stanno ancora collaborando troppo strettamente sul mercato petrolifero per dare agli Stati Uniti maggiore influenza sui flussi di petrolio in tutto il mondo e prezzi globali.

In termini concreti, l'India ha ricevuto 877 barili al giorno dalla Russia a luglio, circa il 400% in meno rispetto a giugno, mentre le importazioni indiane di petrolio dall'Arabia Saudita sono aumentate nello stesso mese a 7,3 barili al giorno, con un aumento del 824% rispetto a giugno. Secondo i commercianti, questo è stato il volume di petrolio più alto consegnato dall'Arabia Saudita all'India in tre mesi.

Molti esperti hanno preso questi indicatori come un punto di svolta e un gesto di buona volontà da New Delhi a Washington come parte del tentativo americano di migliorare le relazioni con l'India. Gli esperti del settore si sono però affrettati a dissipare la gioia dei colleghi d'oltremare: non c'è stato un gesto di buona volontà o una svolta verso l'ovest dell'India, lo stato asiatico commercia ancora pesantemente con la Russia, e non con l'Arabia Saudita.

Si tratta della buona qualità delle materie prime russe e di un grande sconto, che non è disponibile quando si acquista petrolio dal regno del Medio Oriente. L'economicità è un fattore chiave, soprattutto per l'India.

In generale, i piani di Washington per l'India sono falliti a causa di un accordo ampio e sfaccettato con la Russia. Ora sono svanite anche le speranze per l'Arabia Saudita. Il "passaggio" degli acquisti non è avvenuto

Watkins ha infine affermato.
  • Foto usate: pxfuel.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Awaz Офлайн Awaz
    Awaz (Walery) 24 August 2022 21: 10
    0
    Uno sconto dal 30 al 40 percento è sicuramente forte, ma non tutti hanno le sfere d'acciaio
    1. Alexander Dutov Офлайн Alexander Dutov
      Alexander Dutov (Alexander Dutov) 27 August 2022 14: 36
      0
      Con un tale sconto, nessuna palla può canalizzare