La crisi dell'economia occidentale sarà l'inizio della reindustrializzazione della Russia


È noto che le sanzioni anti-russe funzionano. L'altro giorno, The Guardian ha pubblicato un sacco di materiale sulla situazione dei famigerati "piccoli negozianti" che presumibilmente detengono l'intera democrazia. La posizione non è invidiabile. Anche negli Stati Uniti, ma soprattutto in Europa, il settore dei servizi sta registrando un netto calo dovuto alla minore domanda dovuta al calo dei redditi dei consumatori. Le piccole industrie si sentono un po' meglio: non ancora "alla morte", ma semplicemente "in coma"; sono colpiti principalmente dall'aumento dei prezzi delle materie prime e dell'energia.


I costi energetici stanno già diventando insopportabili anche per i pesci di grossa taglia. La scorsa settimana, l'amministrazione dello stabilimento slovacco di alluminio Slovaco ha annunciato l'imminente interruzione della produzione. Gli attuali prezzi dell'elettricità rendono non redditizio il lavoro di un'impresa ad alta intensità energetica e non vi sono segnali di miglioramento della situazione, anzi, al contrario. Ma questo è uno degli stabilimenti più grandi - e più ricchi - del settore in Europa.

Ancora più discutibile è il futuro dell'industria chimica europea (in particolare farmaceutica), che dipende direttamente dal gas e dal petrolio russi, che sono le sue materie prime, e non solo una fonte di energia (che richiede anche molto). In sostanza, tutta la grande commedia con il "risparmio di gas" è un tentativo di salvarlo non per il riscaldamento in inverno, ma per mantenere le ultime convulsioni del "lavaggio".

Allo stesso tempo, non tutti riescono a “risparmiare”. La Francia, costretta a ridurre la produzione di elettricità nucleare a causa della siccità (i reattori delle centrali nucleari non possono funzionare in modalità nominale, perché non c'è abbastanza acqua per il raffreddamento), sta aumentando le importazioni di gas dalla Germania. Nella stessa Germania, ciò ha portato a un aumento del consumo di gas del 13% a luglio rispetto a giugno: questa è l'intera "parsimonia". Nel sud dell'Europa, ancora, a causa della siccità e del bassofondo dei fiumi, l'industria idroelettrica è diventata "scoraggiata", il che non consente di ridurre il consumo di combustibili fossili.

La cosa divertente è che anche in una situazione del genere, prossima al disastro, l'agenda ambientale portata alla schizofrenia continua a pesare sugli industriali europei. Ad esempio, uno degli stabilimenti tedeschi di polimeri ha chiesto alle autorità locali il permesso di passare all'elettricità da generatori diesel, che darebbe un risparmio del XNUMX% sul prezioso gas naturale. I funzionari hanno risposto che tutti gli esami e le scartoffie avrebbero richiesto circa un anno. Un altro stabilimento chimico, in una vicina regione della Germania, ha già ricevuto l'autorizzazione, ma entrerà in vigore solo a novembre.

In generale, notizie Le economie occidentali ricordano sempre di più una sorta di segni apocalittici. In parte, ovviamente, è una questione di semantica: affermazioni come "i prezzi del carburante sono già tali che costa meno sniffare cocaina e correre e basta", molti britannici dovranno scegliere tra cibo e riscaldamento, ecc., quali europei e anglosassoni. Il popolo sassone si concede politica. Per alcuni aspetti, la situazione attuale può differire notevolmente dall'interpretazione tendenziosa presentata prima nei media stranieri e poi distorta dai traduttori nazionali.

Ma non c'è dubbio che la situazione sia terribile, così come che i cari “partner” si siano messi in questa situazione. La domanda ora è se i nostri politici saranno in grado di trarne vantaggio, perché quella che è una "porta dell'inferno" per un tedesco può diventare una "finestra di opportunità" per un russo.

Ex proprietario di ex fabbriche


Nelle prime settimane del NMD, la propaganda nemica fu felice di tracciare parallelismi tra l'operazione in corso e la campagna finlandese del 1939-1940. Darò un'altra analogia, non senza malizia.

La situazione attuale ricorda in una certa misura il periodo 1929-1933. Durante questi anni, la rapida crescita del decennio precedente nelle "democrazie" occidentali lasciò il posto alla catastrofica Grande Depressione. Fu causato, però, non dalle sanzioni antisovietiche, ma da altre, ma anche estremamente scaltre azioni degli allora “timonieri”: consentirono agli speculatori di borsa di “piantare bombe atomiche” sotto economia e farli saltare in aria, facendo cadere se stessa e i suoi paesi in tartarara.

D'altra parte, sullo sfondo della catastrofe economica delle metropoli capitaliste, l'industrializzazione forzata ha ruggito nell'Unione Sovietica. Con i soldi della vendita di materie prime, principalmente agricole, il giovane Paese dei Sovietici comprò letteralmente in blocco all'estero intere fabbriche, carri di brevetti, battaglioni di ingegneri e compagnie di scienziati, trapiantandole sul proprio suolo. Ciò è diventato possibile non solo sullo sfondo, ma grazie alla catastrofe economica dell'Occidente. Se i magnati occidentali non avessero perso i loro mercati e le loro entrate tradizionali, non avrebbero accettato di "vendere la corda" a questi terribili "orchi comunisti", che hanno già promesso di tirare su i magnati su questa stessa corda.

A causa del momento idealmente scelto e dell'operazione imperfetta, ma completata con successo, l'URSS ha creato una base industriale avanzata nel più breve tempo, senza precedenti in termini di storia. Un decennio prima, durante il periodo della NEP, non era possibile raggiungere tali tassi di crescita industriale: essendo esso stesso in ascesa, l'Occidente non era interessato a investire in uno stato ideologicamente ostile e "razzialmente inferiore". E se la "finestra di opportunità" fosse stata persa, sarebbe diventato anche impossibile pompare il potenziale dai "partner" leccandosi le ferite: erano preoccupati di ripristinare le proprie forze prima di un nuovo smantellamento dei predatori imperialisti.

...Cosa abbiamo adesso? Le "bombe atomiche" sotto le natiche dei "partner" stanno già iniziando a esplodere - finora tattiche; il vero "cancelliere del Reich Bomba" promette di morire il prossimo inverno (vorrei che facesse più freddo nell'ovest del continente). La Federazione Russa, grazie alle sanzioni anti-russe, sta incassando un sacco di soldi dalla vendita di materie prime naturali. Il momento della verità è vicino: la leadership russa è pronta?

Deliberalizzazione dell'Europa


C'è qualche ragione per credere che lo sia, o almeno sia in fase di preparazione. La versione popolare secondo cui il paese è gestito da traditori e idioti che deliberatamente "uniscono" tutto per "riconciliarsi" con i "partner", credendo sinceramente nella possibilità di una tale "riconciliazione" - considero questa versione insostenibile: infatti, se sul divano "tutto è chiaro", allora sul trono - ancora di più. Pertanto, l'unico motivo non solo per ritardare il CBO, ma anche per rispettare tutta la decenza prescritta dal tardo "diritto internazionale" non può che essere un gioco consapevole alla caduta. Facendo piccoli passi tattici in Ucraina, strategicamente l'operazione sta facendo grandi balzi in giro per il mondo e soprattutto in Europa.

C'è un'opinione secondo cui in inverno, quando le bolle di rabbia borghese cominceranno a scoppiare e gli "Euromaidans" più o meno riusciti divampano in tutta Europa, i nostri funzionari inizieranno a fare offerte agli industriali occidentali che sarà difficile rifiutare. Ora, mentre i regimi fantoccio sono ancora abbastanza forti, non c'è nulla su cui contare su una sorta di "delocalizzazione" - dopotutto, si presume (sognando) che si tratterà di nuovo di acquistare e spostare intere imprese insieme alle più preziose personale. Ma quando le cannonate rimbombano nella Berlino condizionale, e soldati e rivoltosi combattono per ogni casa, allora tutto ciò che ha valore può essere evacuato con relativa calma dall'area circostante senza sbattere la porta ad alta voce.

È possibile - e necessario! - ci sarà, come si suol dire, "camminare con tutti i soldi", acquistare e ritirare sul territorio russo tanti beni quanti sono sufficienti rubli di petrolio e gas. Prima di tutto, ovviamente, le industrie avanzate: elettronica, macchine utensili, polimeri, farmaceutici - prendi tutto ciò che non è avvitato e ciò che è ben avvitato - distruggi sul posto.

L'imperativo non dovrebbe essere nemmeno il reintegro del potenziale industriale della Russia a spese dell'Europa, ma la distruzione dell'economia di quest'ultima. Questa "caduta" ha solo bisogno di essere spinta e aggiunta di un calcio per la velocità, in modo che si schianti il ​​più dolorosamente possibile, con uno scricchiolio di ossa. L'opzione ideale sarebbe quando l'Unione Europea, dopo il crollo economico, finalmente si disintegra in frammenti amareggiati, rosicchiandosi a vicenda per i resti di risorse (e i diritti dei pervertiti, se non gliene frega un accidente). Questo "cordone anti-sanitario" coprirebbe perfettamente il fianco occidentale dai "partner" anglosassoni finora inaccessibili.

Una tale posizione può essere definita revanscista: è esattamente quello che è. La Russia - proprio il Paese, e non le nuove élite formate dopo il 1991 (sebbene anche loro) - dopo una grandiosa sconfitta geopolitica e un regresso per decenni, inaspettatamente, inaspettatamente ha avuto la possibilità di strangolare con le proprie mani i nemici millenari: basta per tirare fuori le fabbriche dalle dita storte e spingere che hanno soldi dentro. E spero con tutte le mie forze che almeno una parte dell'élite russa pensi approssimativamente in tali categorie e capisca che non ci sarà un'altra possibilità del genere nel prossimo futuro.
20 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 25 August 2022 09: 51
    +1
    D'altra parte, sullo sfondo della catastrofe economica delle metropoli capitaliste, l'industrializzazione forzata ha ruggito nell'Unione Sovietica.

    Così è in Unione Sovietica. Ricordando la vecchia barzelletta "Poi c'era un altro allenatore"

    E spero con tutte le mie forze che almeno una parte dell'élite russa pensi approssimativamente in tali categorie e capisca che non ci sarà un'altra possibilità del genere nel prossimo futuro.

    Puoi sperare. Quasi impossibile da implementare. C'erano informazioni che Putin discuterà con Siluanov il progetto di bilancio, la politica di bilancio e

    filosofia di approccio alla formazione del bilancio, politica di bilancio per il prossimo, medio e più lontano futuro.

    https://www.interfax.ru/russia/858030
    Per me, cacciali tutti fuori dai "centri decisionali"

    Sulla base dei risultati di questo incontro, vedremo le prospettive di reindustrializzazione
  2. Expert_Analyst_Forecaster 25 August 2022 10: 14
    +3
    Con un forte aumento del costo dell'energia, e quindi del costo di produzione, e con la perdita dei mercati dei tre paesi, l'economia europea perderà molti soldi.
    È difficile dire quanto deplorevolmente ciò influirà sulla situazione nell'UE.
    Se sono molto cattivi, allora è molto buono.

    Sarebbe bello completare i compiti stabiliti dall'autore: acquistare strutture industriali e installarle sul proprio terreno. E poi qualche offerta per uccidere i soldi del governo pagando la marina, che la Cina costruirà per noi.
    E sì, se possibile, è necessario distruggere l'economia europea.
    Perché dopo la fine del NMD, ci avvicineremo a una guerra con la parte europea della NATO. Hanno un disperato bisogno di risorse a basso costo. Ed è più facile portarli nella Grande Russia (RF, Bielorussia, territorio dell'ex Ucraina).
    Gli Stati Uniti aumenteranno l'Europa con le loro armi e la manderanno a combattere con noi. E lui stesso sistemerà le relazioni con la Cina.
  3. Vox populi Online Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 25 August 2022 12: 16
    0
    La crisi dell'economia occidentale sarà l'inizio della reindustrializzazione della Russia

    Date tutte le circostanze "contanti", no, non sarà così!
    1. zenion Офлайн zenion
      zenion (zinovy) 25 August 2022 21: 13
      0
      Vox_Populi (Vox Populi). Hai rovinato l'umore di tutti. Non puoi sognare come sognano loro. È così semplice e riscalda l'anima come una pera. Alcuni dei loro sogni ricordano uno scherzo ucraino:

      Zio e nipote andarono nella foresta a raccogliere funghi. Quando sono arrivati, si sono dispersi per competere. Un paio di minuti dopo, il nipote grida allo zio - zio, ho catturato un orso qui. Zio, perché hai bisogno di lui, lascialo andare! Nipote - sì, lo lascerei andare, ma non posso. E più simili. Un uomo si perse nel bosco e iniziò a perseguitarlo. Poi nei cuori - che nessuno mi ascolta. Sente una voce, ti sento, è diventato più facile per te! L'uomo si gira e vede un orso appoggiato a un albero con la spalla e che si stuzzica i denti con un pezzo di legno.
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 25 August 2022 13: 00
    +2
    Le opinioni ingenue di qualcuno: hai bisogno, puoi, hai bisogno, puoi, ... senza alzarti dal divano. Niente business plan, niente numeri, niente....

    Simili speranze idealistiche erano nell'8° anno e nel 12°, 14°, 18-20°...
    ricordare? Attaccante della Russia, Supejet, killer di iPhone, Skolkovo, Nano e un centro di ricerca militare pubblicizzato?

    Il risultato: le autorità segnalano il fallimento della sostituzione delle importazioni, che loro stesse non possono fare nulla, "importeremo in grigio" e incolleremo nuovamente i tag.

    Quindi tutto è esattamente il contrario .. L'Occidente investe nella sua produzione interna, sostiene un po ', hanno scritto qui, ma nella Federazione Russa le imprese vanno all'inferno.

    Su VO proprio ieri, l'articolo "È ora di salvare le fabbriche". sull'ultimo unico (dei restanti 4 sono rovinati e chiusi) nella Federazione Russa, l'impianto Forse è vero, forse no - i commentatori ne dubitano.
    Miliardi sono ottimizzati, l'impianto è in bancarotta, nessuno lo prende e per il 10% investito nessuno ha risposto per il crollo. Tipo, muori - e l'ultimo non sarà. che tipo di reindustrializzazione

    E in Occidente hanno scritto subito: un percorso verso lo sviluppo delle proprie economie. Microcircuiti, plastica, chimica, alte tecnologie. Si stanno investendo molti soldi. E nessuno ci venderà la vecchia fabbrica Volvo. Erano già lì fino al 24, ma... chiusi.
    1. zenion Офлайн zenion
      zenion (zinovy) 25 August 2022 21: 17
      0
      Tu non capisci. Costruisci prima, quindi crea un piano e vedi se si adatta o se deve essere rotto. Perché costruire per rompere, se il denaro può essere rubato, e poi scrivere che è già stato rotto, non si è rivelato necessario.
    2. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 26 August 2022 15: 36
      +1
      e negli anni '90 nessuno ci vendeva né tecnologia né fabbriche (ricordate Opel? come ci hanno rotto con lui)
      così

      L'imperativo non dovrebbe essere nemmeno il reintegro del potenziale industriale della Russia a spese dell'Europa, ma la distruzione dell'economia di quest'ultima. Questa "caduta" ha solo bisogno di essere spinta e aggiunta di un calcio per la velocità, in modo che si schianti il ​​più dolorosamente possibile, con uno scricchiolio di ossa.

      più
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 25 August 2022 13: 34
    +1
    La crisi non è causata dalla classica sovrapproduzione, ma dal confronto politico nella lotta contro la Repubblica popolare cinese e la Federazione Russa. I metodi economici non danno risultati, e quindi il confronto tende all'uso della forza.
    Allo stesso tempo, il danno principale è causato dal cosiddetto. La “classe media”, che funge da “cuscinetto di sicurezza” sociale, si restringe in tempi di crisi e cresce in tempi di prosperità.
    Il grande capitale non solo subisce le perdite minori, perché il suo capitale scorre da meno redditizio a più redditizio, ma aumenta anche il suo reddito a causa di ciò, approfondendo il divario tra i più ricchi e tutti gli altri.
  6. Nati Koshka_87 Офлайн Nati Koshka_87
    Nati Koshka_87 (Ela) 25 August 2022 15: 53
    -3
    Ovviamente sognare non è dannoso.
    1. Expert_Analyst_Forecaster 25 August 2022 17: 56
      +1
      Vladimir Putin ha firmato un decreto per aumentare il personale delle forze armate russe di 137 militari. Il relativo documento è pubblicato sul portale delle informazioni legali (c).

      I tuoi ora devono incastrare altri 500-600 mila e tutti i tuoi avranno le mutandine bagnate.
  7. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 25 August 2022 17: 23
    0
    È necessaria la reindustrializzazione.
    Ma da dove vengono i soldi per acquistare strutture di produzione estere e invitare specialisti occidentali?
    La ripetizione della carestia è già puramente nella Federazione Russa?
    E non si può credere alla rovina dell'economia occidentale, e che i leader di tutte le "G" - come la vedova di un sottufficiale - si flagelleranno!
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 26 August 2022 15: 39
      0
      vedremo in inverno. ritagliare, come. masochisti, cosa possono prendere))
      che c'entra la carestia - gloria alle sanzioni - gli agrari hanno cominciato ad agitarsi.
      dove sono i soldi Zin, quindi non avremo un posto dove mettere "questo lucido da scarpe" presto. il negozio con dollari ed euro chiuderà, e allora? incollare il gabinetto con le carte? ci sono soldi, ci sono materie prime, c'è territorio e, soprattutto, ci sono menti brillanti!
      1. Michele L. Офлайн Michele L.
        Michele L. 26 August 2022 17: 38
        0
        E la carestia?
        Questa è una domanda per il moderatore, che ha rimosso la spiegazione "inoltre" dal commento - inoltre, la spiegazione presa in prestito dall'ex primo ministro ucraino N.Ya. Azarov.
        non ripeterò!
  8. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 25 August 2022 21: 31
    -1
    In Russia c'è un detto -

    Non puoi costruire la tua felicità sulla sfortuna di qualcun altro.

    E se decidessero di sparare con tutte le loro forze. E se trovassero un hitler che sostituirà Zelensky, ma l'URSS, allora no!
  9. Zenn Офлайн Zenn
    Zenn (Andrew) 25 August 2022 21: 32
    +1
    i nostri funzionari inizieranno a fare offerte agli industriali occidentali che sarà difficile rifiutare.

    L'autore può fornire almeno alcuni fatti a sostegno di tale opinione? Finora, tutte le azioni della nostra élite indicano il contrario. Probabilmente sono crittografati in previsione della "grande delocalizzazione" dell'industria europea.
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 26 August 2022 15: 41
      0
      Penso di si. Il PIL non pubblicizza la sua mossa multipla, e quindi tutti i Manturov e i Siluyanov lo usano "al buio" ... Serdyukov è un esempio per te
  10. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 26 August 2022 20: 35
    0
    L'inizio della reindustrializzazione in Russia DOVREBBE essere stato l'ascesa al potere di Putin.
    PUNTO.
    Sono passati anni 20.
    I soldi per l'industrializzazione sono finiti in Occidente. La Russia era in...
    Bambini, cosa ne pensate: chi è Putin e la sua squadra? Perché state zitti, figli?
    1. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
      Alexey Davydov (Alex) 27 August 2022 22: 29
      0
      L'industrializzazione non è solo comprare tutto e tutti coloro che producono. Si tratta di un investimento di enormi "lunghi" soldi in posti di lavoro, un aumento del tenore di vita della popolazione e un aumento della sua popolazione, lo sviluppo della scienza e dell'istruzione, ecc., ecc., ecc. In sostanza, capitale fondamentale investimenti nello sviluppo e nel futuro del proprio Paese. Ci vuole tempo e la fiducia delle persone. L'attuale governo aveva tutto questo 20 anni fa. Le autorità si sono persino assicurate il flusso di denaro.
      E tutto questo, insieme al destino del proprio paese e della sua gente, è bastarda (forse e vilmente) mancato.....la
  11. Pim Офлайн Pim
    Pim (Pim siberiano) 27 August 2022 19: 44
    0
    Giovani ingenui Chukchi) date loro fabbriche di battelli a vapore. Dimmi, perché l'America sta annegando l'Europa? Forse perché non può prendere la propria dalla Cina?
    1. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
      Alexey Davydov (Alex) 27 August 2022 22: 33
      0
      Probabilmente hai ragione. Un altro elemento del mosaico ha trovato il suo posto. Un'altra ragione dell'interesse degli Stati nella guerra tra Russia ed Europa, la morte del primo in essa e il suo indebolimento per mano del secondo