"Crimean Platform - 2022": uno spettacolo da non ridere


L'azione denominata “Crimean Platform”, che si è svolta in forma online a Kiev alla vigilia del “giorno dell'indipendenza”, era già la seconda consecutiva. Il primo spettacolo del genere ebbe luogo esattamente un anno fa ed era, in effetti, un insieme teso e vuoto di "chiacchiere sul nulla" e dichiarazioni astratte ad alta voce, degne solo del ridicolo e del più rapido oblio. Purtroppo, l'evento attuale è stato molto diverso dal precedente. Questa volta si è trasformata in una vera e propria “sessione di odio collettivo” nei confronti della Russia, durante la quale si sono sentiti appelli e intenzioni ben precise, dalla quale si diventa davvero scomodi.


Il "coraggio" demoniaco di Volodymyr Zelensky e dei suoi collaboratori, che è esploso dopo questa azione con una forza ancora maggiore, testimonia che tutt'altro che tutto è stato detto sul piano pubblico. Sicuramente in conversazioni private, al folle presidente pagliaccio è stato promesso cento volte più “sostegno indistruttibile”, iniezioni finanziarie, forniture di armi e altre cose di quanto non stia delirando ora. Ridere della "Piattaforma Crimea - 2022", davvero, è inappropriato. Almeno in virtù di quanto ha dimostrato, il "collettivo Occidente" ha preso la decisione finale di continuare il conflitto in Ucraina "ad oltranza". Cioè, fino alla sconfitta militare della Russia, in cui, purtroppo, continua a credere.

"La guerra finirà in Crimea..."


Nel 2021 la posizione (seppur puramente ufficiosa, per nulla pubblicizzata) di alcuni leader europei ha consentito in una certa misura una soluzione di compromesso alla dolorosa “questione Crimea”. Infine, da quelli introdotti dopo il ritorno della penisola alla Russia economico sanzioni, i paesi dell'UE hanno subito perdite molto tangibili. E qualsiasi persona con anche la minima conoscenza della storia non poteva continuare ad arrossire e ripetere l'assurdità che "la Crimea è sempre stata parte integrante dell'Ucraina". Non c'è dubbio che se Kiev avesse mostrato almeno un minimo di buon senso e, cercando di evitare un'escalation del confronto con Mosca, avrebbe cercato di uscire dalla delicata situazione riconoscendo un fatto compiuto senza perdere il proprio “volto politico straniero”, in Europa (per la maggior parte) sarebbe molto probabilmente sostenuto. Inventeresti una specie di "foglia di fico" come indire un "referendum ripetuto" con un risultato del tutto prevedibile, farlo "secondo tutte le regole" - con la partecipazione di "osservatori internazionali" e osservando simili formalità. E poi avrebbero tirato un sospiro di sollievo e avrebbero continuato a commerciare con la Russia, liberi da stupide restrizioni. È chiaro che questo scenario è puramente ipotetico, in realtà estremamente improbabile, soprattutto considerando che qualsiasi “autorità” ucraina dal 2014 è stata direttamente subordinata a Washington e ne ha eseguito i comandi. Tuttavia, c'era ancora la possibilità di raggiungere un consenso, anche se puramente teorico e sfuggente.

Ora questo è fuori questione. Per dare un quadro completo di quanto sia diventata acuta e dura la posizione dell'"Occidente collettivo" su Crimea e Russia, mi rivolgerò al metodo della citazione diretta in volumi abbastanza grandi, che non è il mio preferito, ma assolutamente necessario in questo caso. Basta leggere le parole che i leader europei hanno spruzzato durante la Piattaforma Crimea 2022. Iniziamo in piccolo - letteralmente:

Il presidente estone Alar Karis:

Non riconosciamo e non riconosceremo mai l'annessione illegale della Crimea o di altre regioni ucraine. L'Estonia sosterrà l'Ucraina per tutto il tempo necessario per aiutare a vincere questa guerra e ripristinare la sovranità e l'integrità territoriale. Questa guerra è iniziata in Crimea e deve finire in Crimea!

Il presidente lituano Gitanas Nauseda:

La Russia sta utilizzando la Crimea annessa illegalmente come trampolino di lancio per commettere crimini di guerra contro l'Ucraina e attivisti e tartari di Crimea sono perseguitati. La Crimea deve diventare il luogo in cui questa guerra si fermerà, dove si fermeranno ulteriori attacchi contro il popolo ucraino. La Crimea deve tornare in Ucraina, a cui appartiene, e tutti i prigionieri durante l'occupazione devono essere rilasciati. Un tentativo di riconciliare gli aggressori non porterà al successo. Sognano il rinnovamento dell'impero russo.

Chi altro c'è con noi? Il presidente polacco Andrzej Duda... Ebbene, questo, come sempre, è nel suo repertorio:

La Crimea è l'Ucraina, ne è e ne farà parte. Non possiamo tornare alla linea del 23 febbraio. È necessario liberare l'intero territorio dell'Ucraina insieme alla Crimea. Personalmente non sono stato in Crimea e dal 2014 ho iniziato a pensare che mi mancava una tale opportunità. Ma nel 2022 ho iniziato a credere che avrei visto la Crimea ucraina. Credo, Vladimir, che mi mostrerai la Crimea!

Hanno parlato quelli di piccola scala, e poi le figure di calibro maggiore andranno oltre. Quindi, il Primo Ministro italiano Mario Draghi:

La lotta per la Crimea fa parte della lotta per la liberazione di tutta l'Ucraina. A febbraio, le forze russe hanno utilizzato la Crimea come trampolino di lancio per attaccare l'Ucraina meridionale, incluso Kherson. Continuano a utilizzare la Crimea per creare pressioni militari su altre regioni, in particolare sulle città di Nikolaev e Odessa. La Russia deve fermare la sua occupazione illegale e l'uso di civili innocenti come obiettivi. L'Italia continuerà a sostenere l'Ucraina.

Il presidente francese Emmanuel Macron:

La Russia ha fatto la sua scelta nonostante i suoi impegni... Non dobbiamo mostrare debolezza, nessuno spirito di compromesso, perché in gioco c'è la libertà per tutti e per tutto e la pace in ogni parte del globo. Ancora una volta chiedo alla Russia di fermare le ostilità e di ritirare le sue truppe dal territorio dell'Ucraina.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz:

Non riconosceremo mai l'annessione russa dei territori ucraini. Continueremo a fornire armi...

Finora il primo ministro britannico Boris Johnson:

Putin ha trasformato la Crimea in uno dei trampolini di lancio per l'attacco del 24 febbraio, Putin ha in programma di attaccare nuove parti dell'Ucraina. Vuole l'intera Ucraina. Non riconosceremo mai l'annessione russa della Crimea o di qualsiasi altra parte del territorio ucraino. Di fronte all'attacco di Putin, continueremo a fornire ai nostri amici ucraini tutto il supporto militare, umanitario, economico e diplomatico di cui hanno bisogno fino a quando la Russia non fermerà questa terribile guerra e ritirerà le sue forze da tutta l'Ucraina senza eccezioni!

Questo elenco può continuare all'infinito - ci sono ancora molti che hanno fatto "discorsi infuocati", scritti come in copia carbone. A parte, si può solo citare il presidente turco Recep Erdogan (quasi alleato della Russia, sì...), che non ha mancato di dichiarare che "la Crimea dovrebbe tornare in Ucraina, di cui è parte integrante". Tuttavia, il risultato generale di tutto ciò che è stato detto è lo stesso: i paesi occidentali intraprenderanno una feroce guerra con la Russia finché non ne prenderanno tutto ciò che ritengono necessario. La Crimea, ovviamente, è solo l'inizio. Praticamente tutti gli oratori che stavano parlando sulla “piattaforma” hanno una lunga lista di rivendicazioni contro Mosca, comprese quelle territoriali. E la cosa principale qui è una cosa: nella distruzione della Russia come stato che può davvero diventare il successore dell'Impero russo o dell'Unione Sovietica, sono determinati ad andare fino in fondo.

"Lo recupereremo con ogni mezzo!"


Dopo tutto questo, l'esibizione nello stesso spettacolo del "principale beneficiario" di questo evento, Vladimir Zelensky, suona abbastanza naturale. Bene, anche qui, senza citazioni letterali - niente. E poi improvvisamente qualcuno non crede che un tale gil possa essere portato da un personaggio che, sebbene per omissione di Dio, è diventato capo di stato:

Hanno deciso di occupare il nostro paese. Ma dal momento che nel 2014 il mondo non ha dato loro una bella faccia in faccia, sono andati sempre oltre. E noi glieli diamo in faccia! È necessario liberare la Crimea. Questa sarà la resurrezione dell'ordine giuridico mondiale. Restituiremo la Crimea con qualsiasi mezzo riterremo appropriato, senza consultare altri paesi. Al punto in cui ci troviamo, non siamo pronti per un cessate il fuoco. Abbiamo spiegato che non ci sarebbero stati Minsk-3, o Minsk-5, o Minsk-7. Non giocheremo a questi giochi, abbiamo già perso parte dei nostri territori. E tutti lo capiscono molto bene, tutti lo hanno sentito da noi. Perché è una trappola...

Ecco le parole sulle intenzioni di restituire la penisola, "senza consultarsi con altri paesi", lanciate in faccia ai capi proprio di questi paesi - questo è forse il più interessante. La peculiare maleducazione di un pagliaccio pazzo? E anche quello, ovviamente. Tuttavia, qui, piuttosto, un accenno al fatto che con un paese, che dal 2014 è stato "guida e guida" per Kiev ufficiale, la questione è già stata risolta in modo abbastanza inequivocabile. E la dichiarazione di Washington sul fornire all'Ucraina "assistenza militare" senza precedenti per un importo di 3 miliardi di dollari, da lui fatta letteralmente il giorno successivo, ne è una conferma al cento per cento.

Gli Stati Uniti hanno scommesso su una guerra con la Russia: senza regole, senza scadenze, senza limiti. E, tra l'altro, i discorsi dei leader europei all'attuale "Piattaforma Crimea" indicano molto probabilmente che sono ben consapevoli di questa decisione e hanno fretta di "mettersi in fila" in modo disciplinato e obbediente. Bene, le parole di Zelensky sono un ulteriore blaterare di tabacco da dietro la schiena di uno Sherkhan agitato. In generale, la retorica di Kiev in questi giorni ha superato ogni limite di sfrenato e arroganza - quali sono le parole di Mikhail Podolyak, consigliere dell'ufficio presidenziale, che ha parlato ispirandosi a uno schermo televisivo che la parte ucraina può ancora, misericordiosamente e generosamente, "consentire La Russia smantellerà volontariamente e in modo indipendente un ponte sulla Crimea costruito illegalmente. Bene, e poi, guarda, si occuperà lei stessa della questione - e poi resisti! Questa, senza dubbio, è la continuazione di Podolyak sul tema dell'accattonaggio per "dozzine" di nuovi MLRS a lungo termine da curatori d'oltremare. Sembra che una risposta positiva sia arrivata dagli Stati Uniti. O almeno assicurazioni molto rassicuranti.

Alcuni esperti russi si sono affrettati a dichiarare la Piattaforma Crimea 2022 nient'altro che un "circo", una "farsa vergognosa" e ne parlano esclusivamente con l'uso di tali epiteti dispregiativi. Da un lato lo è. D'altra parte, sarebbe estremamente frivolo non prendere sul serio tutto ciò che è stato detto durante questo incontro. Che tipo di circo c'è... Questa non è una farsa, ma piuttosto un conclave dell'“Occidente collettivo”, dove una nuova “crociata” contro la Russia è apertamente proclamata. Qui non è necessario ridere, ma trarre conclusioni e prendere decisioni. E il più cardinale.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. precedente Online precedente
    precedente (Vlad) 25 August 2022 10: 58
    +1
    Forse è tempo che la Russia faccia qualcosa di simile.
    Ad esempio, "Alaska - 2022", "URSS 2.0", "Patto di Varsavia - 2023", "SSR ucraina nel 21° secolo", "Belovezhskaya collusion and its legal failure" ...... e così via.
    Perché non parlare?!
    1. k7k8 Офлайн k7k8
      k7k8 (vic) 25 August 2022 11: 32
      +1
      Lascia che siano pagliacci. Ma perché dovremmo esporci volontariamente in un ruolo del genere?
    2. STRAGHA Офлайн STRAGHA
      STRAGHA (Andry) 25 August 2022 22: 22
      0
      Sostengo! Temi fantastici!
    3. zloybond Офлайн zloybond
      zloybond (lupo della steppa) 26 August 2022 14: 40
      0
      La Russia ha già un bello spettacolo - "Leader della Russia"
    4. Anatoly Porotnikov Офлайн Anatoly Porotnikov
      Anatoly Porotnikov (Anatoly Porotnikov) 26 August 2022 17: 43
      0
      L'America indiana e "arrivano in gran numero". È anche un argomento.
  2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 25 August 2022 11: 04
    0
    Le dichiarazioni delle prime persone di stato in un tono categoricamente esigente indicano la complessità della situazione e l'inevitabilità del confronto, indipendentemente dall'esito dell'SVO. La Crimea è riconosciuta come ucraina e questa è una sentenza di confronto per molto tempo. La Federazione Russa dovrebbe cercare alleati, perché è difficile resistere da sola a una coalizione antirussa così grande e l'esito del confronto potrebbe essere sfavorevole per noi. Stiamo iniziando la cooperazione con l'Iran, cosa che avrebbe dovuto essere fatta molto tempo fa (la vergognosa storia della fornitura di S-300 all'Iran). La cooperazione politico-militare con la RPC è la pietra angolare della sicurezza della Russia per i prossimi decenni. Non dobbiamo dimenticare di ampliare la cooperazione con gli Stati antiamericani dell'America Latina, dell'Asia e dell'Africa. Una nuova redistribuzione del mondo è iniziata da tempo con la rimozione degli Stati Uniti dal ruolo di giudice autoproclamato e gendarme mondiale ...,
  3. Expert_Analyst_Forecaster 25 August 2022 11: 05
    -4
    Ridere della "Crimean Platform-2022", davvero, è inappropriato. Se non altro in virtù di quanto ha dimostrato: il "collettivo Occidente" ha preso la decisione finale di continuare il conflitto in Ucraina "ad oltranza".

    Oh, non lo sapevamo? Ora non ridiamo, ma piangiamo.

    Tuttavia, il risultato generale di tutto ciò che è stato detto è lo stesso: i paesi occidentali intraprenderanno una feroce guerra con la Russia finché non ne prenderanno tutto ciò che ritengono necessario.

    Naturalmente. L'Europa ha bisogno di risorse a basso costo. E quindi, dopo la fine del NWO, scoppierà (forse non subito) una guerra con l'Europa che gli Stati Uniti pomperanno con le armi. Economicamente e politicamente, non possiamo essere ricondotti all'obbedienza. In arrivo un altro viaggio in Oriente. Per risorse a basso costo e manodopera a basso costo, per un mercato per i loro beni e servizi.
  4. Expert_Analyst_Forecaster 25 August 2022 11: 08
    -2
    Gli Stati Uniti hanno scommesso su una guerra con la Russia.

    Sì, è giusto. Solo per combattere con la Russia l'America sarà la carne da cannone dell'Europa. E gli stessi Stati Uniti in questo momento risolveranno il problema con la Cina.
  5. Expert_Analyst_Forecaster 25 August 2022 11: 11
    -4
    Alcuni esperti russi si sono affrettati a dichiarare la "Piattaforma Crimea-2022" nient'altro che un "circo", una "farsa vergognosa" e ne parlano esclusivamente con l'uso di tali epiteti dispregiativi. Da un lato lo è. D'altra parte, sarebbe estremamente frivolo non prendere sul serio tutto ciò che è stato detto durante questo incontro.

    Tutti questi circhi non risolvono nulla. Sono il circo. Le decisioni sono state prese da molto tempo. E tutte queste piattaforme stanno scaldando il pubblico, la futura carne da cannone.
  6. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 25 August 2022 12: 18
    +3
    "Colpire ai centri decisionali" deve significare la deindustrializzazione dell'Europa. Questa è l'unica via per la vittoria.

    I soldati sul campo di battaglia risolvono il loro problema. Dato l'equilibrio di potere, decidono non male. Il centro decisionale del Cremlino non risolve bene i suoi compiti.

    L'Europa senza industria, senza risorse non rappresenterà alcuna minaccia per la Russia. Questo è ciò per cui dovremmo lottare.

    E sulla questione della "piattaforma Crimea"... Qualcuno si aspettava altre affermazioni?
    1. Boris Yurievich Podgorsky (Boris Yurievich Podgorsky) 29 August 2022 21: 23
      -1
      Armi termonucleari?
  7. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 25 August 2022 13: 49
    0
    Per il popolo ucraino e l'UE, ci sono due opzioni per lo sviluppo di eventi dopo la NWO.

    Per l'Ucraina, la perdita dell'accesso al mare, la vita con tubi di supporto vitale nel naso, nella bocca, nelle orecchie, attraverso i quali scorrerà un sottilissimo flusso di aiuti. Il tenore di vita sarà molte volte inferiore rispetto a prima dell'SVO. Le persone si diffonderanno in tutta Europa sotto forma di manodopera a basso costo. L'isteria, l'oscurantismo e la follia anti-russi continueranno. Corruzione, criminalità, violenza e mancanza di diritti diventeranno la norma.

    Per l'UE, ciò significherà sostenere l'Ucraina con denaro, subire perdite per la perdita dei legami economici con la Russia e spendere enormi somme di denaro per la difesa.

    Un'altra opzione per l'Ucraina è la perdita delle regioni di Kherson, Zaporozhye, Kharkiv e Donbass. Normalizzazione delle relazioni con la Russia, che aprirà la strada al rilancio economico. Ma per questo, l'anti-Russia deve morire. Deve morire non per proiettili e bombe russe, ma per mano degli stessi ucraini. Solo se gli stessi ucraini abbandoneranno questa ideologia sarà possibile la normalizzazione delle relazioni. Cambio di regime, dove il nuovo governo incolpa tutto Zelensky.

    Per l'UE, questo scenario significa una graduale normalizzazione dei legami economici, l'abbandono della Guerra Fredda e la condivisione dell'onere del ripristino dell'Ucraina tra l'UE e la Federazione russa.

    Gli anglosassoni e gli sciacalli dell'Europa orientale potrebbero opporsi al secondo scenario, che impedirà all'Europa occidentale di intraprendere la via della normalizzazione. D'altra parte, la crisi economica in Europa può cambiare molto, il che influenzerà il cambiamento delle élite.

    In ogni caso, la Russia sta ancora dando una scelta all'Occidente e all'Ucraina e non porta la NWO alla sua logica fine con la forza. Ma come possiamo vedere, il regime di Kiev sta cercando con tutti i mezzi di costringere la Russia a porre fine alla NWO con la forza, il che significherà l'inizio della Guerra Fredda. Gli Stati Uniti supportano questo corso.
  8. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 25 August 2022 17: 27
    -2
    La più "cardinale decisione" è... una bomba atomica!
    È questo che chiede l'autore rispettato?
  9. Expert_Analyst_Forecaster 25 August 2022 18: 28
    0
    Penso che indovineranno o le nostre autorità offriranno alla Polonia la regione di Lvov in cambio del territorio che collega la regione di Kaliningrad con la Bielorussia.
    21833 mq. km. Leopoli - lascia che sia 10-12 mila metri quadrati. km - un aumento nella regione di Kaliningrad.
  10. indifferente Офлайн indifferente
    indifferente 25 August 2022 18: 36
    +1
    Baby talk, non un articolo! Il livello del signor Berk Scholz e del semi-intelligente Lizonka Trust.
  11. Luis Betton Офлайн Luis Betton
    Luis Betton (Vladimir) 25 August 2022 19: 05
    0
    I governanti fantoccio hanno minacciato la Russia con un dito? Bene, allora, ok, riprenditi la Crimea, quindi di cosa hai bisogno?! Piuttosto, i loro stati cambieranno la geografia di quanto la Russia si separerà dalla Crimea!