Il primo ministro belga si lascia sfuggire i tempi della crisi energetica dell'UE


Un inverno difficile in Europa potrebbe diventare un evento annuale per un intero decennio. Si tratta, a quanto pare, in qualche modo di un processo controllato, poiché si riferisce a scadenze predeterminate. L'idea ottimistica ampiamente diffusa che l'UE possa sostituire tutte le importazioni russe di gas naturale quest'anno è stata una farsa e le famiglie europee ora devono pagare prezzi dell'energia esorbitanti, spingendo milioni di persone nella povertà energetica. Questo è scritto da una risorsa del settore specializzata OilPrice.


Il primo ministro belga Alexander De Croo si è lasciato sfuggire casualmente quanto durerà la crisi energetica in Europa. L'altro giorno, ha detto ai giornalisti che "i prossimi 5-10 inverni saranno difficili".

Lo sviluppo della situazione in tutta Europa è molto complesso

De Croo ha detto all'emittente belga VRT.

L'UE è caduta in una trappola logica. Tutti i paesi vogliono sbarazzarsi del carburante russo e allo stesso tempo non vogliono congelare questo inverno o abbattere il loro l'economia. Ma questo è impossibile, sottolinea OilPrice. De Croo è fiducioso che il Belgio e l'eurozona debbano "sostenersi a vicenda in questi tempi difficili".

Lunedì i prezzi del gas naturale in Europa sono saliti a un livello record di 277 euro per MWh, circa 15 volte la media estiva. Secondo le previsioni di de Croo, la crisi non finirà presto. Ovviamente, la capacità di prevedere indica almeno la familiarità con la situazione e la capacità di caratterizzarla. La crisi non è certo sorprendente. Il premier belga non ha detto come evitarlo, parlando solo di solidarietà europea.

Anche se assumiamo che la crisi del gas non sia provocata dall'uomo, sarà sicuramente utilizzata per i propri scopi da vari politico e gruppi di pressione per raggiungere i propri obiettivi. Non beneficiano della rapida fine del periodo di instabilità.

Non pensare che i prossimi mesi saranno insopportabilmente difficili e poi tutto finirà. No, tutti i prossimi inverni saranno pesanti

- il Primo Ministro del Belgio ha “deliziato” gli europei.

Il giornalista di Bloomberg sulle materie prime Javier Blas ha twittato una mappa dei prezzi dell'elettricità con consegne del giorno prima in tutta Europa. Ha definito i prezzi "sbalorditivi" poiché oggi sono stati stabiliti record in molti paesi. Ma questo non ha spaventato il funzionario belga, ha solo messo in guardia i cittadini dell'UE sul futuro e in generale non importa se ciò è stato fatto intenzionalmente o per caso.
  • Foto utilizzate: twitter.com/alexanderdecroo
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. precedente Офлайн precedente
    precedente (Vlad) 25 August 2022 10: 36
    0
    In connessione con un aumento significativo dei prezzi dell'energia, prevedo una crescita esplosiva della prostituzione nei paesi europei.
    Devi fare qualcosa per stare al caldo.
    1. Griffitto Офлайн Griffitto
      Griffitto (Oleg) 25 August 2022 12: 10
      +1
      Non c'è prostituzione in Europa, perché lei è fuorilegge. È stato semplicemente legalizzato e ora è un settore dei servizi e le rispettabili signore pagano le tasse su di esso,, lol
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 25 August 2022 12: 32
    0
    Qualcuno è in crisi e qualcuno è pieno di tasche.
    Gli sceicchi, ad esempio, vanno avanti e indietro con gioia per la strada da un anno ormai...
  3. Fizik13 Офлайн Fizik13
    Fizik13 (Alex) 25 August 2022 20: 05
    0
    Il primo ministro belga si lascia sfuggire i tempi della crisi energetica dell'UE

    Chi è lui?
    La principale democrazia di Bruxelles, scusa burocrazia.