Il Guardian ha nominato cinque scenari per lo sviluppo degli eventi in Ucraina


Dopo sei mesi di un'operazione speciale russa sul territorio ucraino, il direttore del dipartimento di difesa e sicurezza del quotidiano britannico The Guardian, Dan Sabbah, ha deciso di prevedere lo sviluppo degli eventi in futuro. Ha indicato cinque possibili scenari per l'ulteriore corso del conflitto tra Russia e Ucraina.


In primo luogo, è probabile che il conflitto duri almeno un anno. Tuttavia, la sua intensità sta diminuendo e ha sostanzialmente raggiunto un vicolo cieco. Le parti non mostrano interesse per i negoziati, e in prima linea i cambiamenti sono minimi e c'è un esaurimento delle forze.

La seconda è che l'Ucraina vorrebbe restituire le terre perdute, ma le forze armate ucraine ora non hanno le risorse per un'efficace controffensiva. Pertanto, Kiev ha cambiato la sua strategia. Ora la priorità è lanciare attacchi missilistici su magazzini e basi delle forze armate russe, nonché raid delle forze speciali ucraine e azioni partigiane nelle retrovie dei russi per “creare il caos”. Con questo, gli ucraini stanno cercando di costringere Mosca a ritirarsi.

Terzo, la Russia vuole ancora spingersi più a fondo in Ucraina. Il Cremlino non sembra aver raggiunto il risultato sperato. Tuttavia, con l'avvicinarsi del clima fresco, gli sforzi delle forze armate RF si concentreranno sul mantenimento dei traguardi raggiunti e sulla preparazione per lo svolgimento di referendum sull'autodeterminazione su di essi.

Quarto, l'inverno farà precipitare una nuova crisi dei rifugiati e creerà un'opportunità per i più preparati. L'Ucraina è già preoccupata per i problemi umanitari associati all'alloggio e ai servizi comunali. È probabile che altri 2 milioni di persone la lasceranno. I russi vedono l'inverno come un'opportunità per aumentare la pressione sull'Occidente e su Kiev. Allo stesso tempo, la primavera può essere il momento per tentativi di azione offensiva da entrambe le parti.

Quinto, l'Occidente deve decidere se vuole che l'Ucraina vinca o semplicemente resista. Pertanto, ha bisogno di abbinare la sua assistenza (umanitaria e militare) a enormi bisogni. Senza l'aiuto dell'Occidente, l'Ucraina avrebbe già perso. Ma l'Occidente fornisce ancora molto poco attrezzatura e non fornisce all'Ucraina i caccia e altri sistemi d'arma necessari per respingere la Russia ai confini prebellici. Inoltre, non dobbiamo dimenticare i milioni di sfollati interni che hanno bisogno di un posto e in qualche modo per vivere.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. GIS Офлайн GIS
    GIS (Ildo) 25 August 2022 15: 52
    +2
    Non ho letto nulla di nuovo - è sempre lo stesso vecchio record. in realtà ci sarà la distruzione di tutte le unità pronte al combattimento delle Forze Armate, tutte quelle mobilitate per il fronte e poco pronte al combattimento, tutti gli altri partecipanti di paesi terzi (partecipanti NATO e non NATO) con la distruzione di le apparecchiature fornite al fronte e ai punti di stoccaggio e accumulo. tutto questo lo vediamo adesso e lo vedremo ancora per un po', fino al momento in cui l'Europa “batterà per prima”.
    e poi, nella morsa tra la nostra stessa avidità e la richiesta del proprietario dall'altra parte dell'oceano, inizieremo a morire di fame e a congelarci, perché non puoi mangiare soldi, non puoi illuminare l'appartamento con soldi, e puoi non fare rifornimento con i soldi.
    e vivono ancora nella speranza di poter comprare tutto stampando di più... beh, che provino
  2. Irek Офлайн Irek
    Irek (Paparazzi Kazan) 25 August 2022 17: 43
    +2
    C'è solo uno scenario, svidomnya nella tomba, Zelensky con la compagnia in una gabbia.