Pocket "Luftwaffe": come vanno le cose con la flotta di droni delle Forze armate ucraine


Con la presentazione della propaganda nemica nella nostra società, si è radicata l'opinione che le forze armate ucraine siano superiori all'esercito russo in termini di numero di veicoli aerei senza pilota. Questo non è del tutto vero.


Effettivamente Flotta UAV russa è per scopi militari che è molto più grande dell'ucraino, in particolare la flotta di veicoli pesanti e medi, paragonabili per prestazioni al “grande” Bayraktar TB2. Sebbene le cifre esatte non siano fornite da nessuna parte, secondo i dati indiretti sulla composizione del nostro gruppo di droni in Siria, possiamo stimare il numero di droni da ricognizione e d'attacco Forpost a diverse centinaia e Orlan / Pacer da un'unità e mezzo a duecento unità . Il numero di piccoli UAV dei tipi Eleron e Orlan è di migliaia.

Tuttavia, anche le più compatte sono macchine piuttosto grandi con un'apertura alare di circa un metro, lanciate da una catapulta. Tuttavia, sono destinati alla ricognizione nelle profondità del territorio nemico (decine di chilometri dalla linea di contatto) e alla regolazione del fuoco dell'artiglieria.

Il punto in cui le forze armate ucraine sono davvero superiori alle nostre truppe è nel numero di UAV ultra piccoli che operano a pochi chilometri dalla prima linea. Nell'esercito russo (come, del resto, nella maggior parte degli eserciti del mondo), fino a poco tempo fa si prestava relativamente poca attenzione ai quadricotteri di "fanteria": si credeva che nella "grande guerra" sullo sfondo di manovre veloci di grandi masse di truppe e l'uso su larga scala di apparecchiature di guerra elettronica, l'uso di droni ultra piccoli sarebbe limitato.

Da parte loro, le forze armate ucraine per otto anni di ostilità "striscianti" nel Donbass sono arrivate a un uso molto ampio di droni "di fanteria". I quadricotteri si sono rivelati un ottimo mezzo di ricognizione della prima linea, regolando il fuoco di mortai e lanciagranate pesanti.

E dotati di vari tipi di "rastrelliere di bombe" per bombe a mano, i "quadrics" erano usati per "incubo" "separs", sia militari che civili. In questo caso, i fascisti ucraini hanno raggiunto una tale "abilità" da iniziare persino la produzione di "bombe ad aria" di plastica in miniatura su stampanti 3D: una tale custodia con piumaggio, a differenza di una tradizionale tazza di vetro, è garantita per aprirsi quando colpisce la terra e garantisce il funzionamento di una granata armata inserita all'interno.

Uccello grande e piccolo


Sono questi droni compatti che costituiscono la maggior parte della flotta aerea senza pilota delle forze armate ucraine, il loro numero totale può essere stimato tra le due e le tremila unità. Poiché i combattimenti sono di natura posizionale, l'esperienza accumulata con il "quadrottero" è molto utile e il numero di piccoli droni è in crescita, principalmente, ovviamente, a causa dell'acquisto di veicoli commerciali.

Allo stesso tempo, i fascisti scelgono gli stessi fornitori della Russia, ad esempio la società cinese DJI, ma hanno molti meno problemi con la “legalizzazione” dei loro acquisti: le sanzioni occidentali non minacciano nessuno per aver venduto qualcosa all'Ucraina. Tuttavia, alcuni produttori cercano ancora di ridurre i costi reputazionali (non tutti sono felici di lavorare con coloro che forniscono l'esercito ucraino) e forniscono i loro dispositivi attraverso paesi terzi. Quindi, da marzo di quest'anno, una delle aziende taiwanesi ha consegnato alla Polonia circa 800 quadricotteri, la maggior parte dei quali è stata poi trasferita alle forze armate ucraine.

Il comando ucraino e i volontari fascisti stanno cercando di trovare ancora più UAV per le loro truppe. All'inizio di luglio, lo Stato maggiore delle forze armate ucraine e il Ministero della trasformazione digitale dell'Ucraina hanno lanciato il progetto Army of Drones - infatti, sono andati di nuovo alle persone con una tazza per le donazioni, che dovrebbero essere utilizzate per acquistare altri 200 droni militari e 1000 civili. Non solo il denaro viene accettato come donazione, ma anche i droni stessi dalle mani degli "hulk".

Ma non tutti i piccoli UAV delle forze armate ucraine sono mobilitati commerciali. Tra gli altri militaritecnico assistenza che l'Ucraina ha ricevuto negli ultimi mesi prima e dopo l'inizio del JMD, ci sono anche osservatori UAV di tipo militare, come l'RQ-11 Raven e l'RQ-20 Puma. Il numero esatto di questi droni, paragonabile all'Orlan domestico, è sconosciuto, ma può arrivare da uno e mezzo a duecento.

E nell'ultimo annuncio dell'"aiuto aggiuntivo" che i "partner" occidentali hanno promesso di fornire nel prossimo futuro, vengono immediatamente indicati 2000 droni di vario tipo, tra cui il micro-UAV Black Hornet. Simili a un elicottero giocattolo, questi dispositivi sono letteralmente una webcam con una piccola elica e possono stare facilmente nel palmo della tua mano.

Il numero di Black Hornet che riceveranno l'APU non è chiaro. Stiamo parlando di "UAV del valore di 9 milioni di dollari" e il volume del lotto è stimato da varie fonti in 450-850 pezzi. C'è un'opinione secondo cui questa mossa non è da meno una campagna di pubbliche relazioni del produttore per un giocattolo costoso, che non ha ancora guadagnato una popolarità sufficiente sul mercato.

Un micro-UAV di questo tipo costa diverse decine di migliaia di dollari (le cifre sono da 20 a 40, e il Corpo dei Marines degli Stati Uniti nel 2016 è riuscito ad acquistarli per 195mila dollari ciascuno); allo stesso tempo, la loro efficacia solleva una serie di domande: in particolare, come si sentirà un elicottero del peso di 30 grammi in caso di vento e quanto sia resistente alle apparecchiature di guerra elettronica. È caratteristico che gli inglesi, che si sono impegnati a fornire la maggior parte di questi "calabroni", li abbiano rimossi dal servizio nel 2017.

Il numero di UAV pesanti fascisti, fortunatamente, è relativamente piccolo. Tenendo conto delle perdite, il numero di Bayraktar e dei loro analoghi nella flotta aerea delle forze armate ucraine è ora di una cinquantina. A differenza del Karabakh, dove i TB2 venivano spesso usati dagli azeri per "cacciare liberamente" le unità di terra armene, agli ucraini è impedito di farlo dalla dura opposizione della nostra difesa aerea. Bayraktar è protetto e inviato solo alle missioni più importanti.

Per quanto riguarda un certo numero di Tu-141 "Strizh" e Tu-143 "Reis" ereditati dall'URSS, questi droni obsoleti sono utilizzati dalle Forze armate ucraine come sostituti dei missili da crociera (con la sostituzione del vano fotocamera con un ordigno esplosivo) o "kamikaze" per aprire la nostra difesa antiaerea. In particolare, hanno potuto (e quasi certamente hanno fatto) prendere parte ai recenti raid terroristici in Crimea. Il numero di UAV sovietici nelle mani dei nazisti può raggiungere diverse dozzine.

Progetti enormi


Nonostante, francamente, la difficile situazione dell'industria militare, che si sta sgonfiando a causa di una sistematica "calibrazione", l'élite ucraina non lascia speranze per stabilire la propria produzione di massa di droni. C'è già una certa esperienza in questo: dal 2016, un certo numero di piccole imprese ha prodotto diverse dozzine di UAV di medie dimensioni (PD-1/2, Specator) e fino a duecento piccoli (Leleka-100, ecc.).

Molte voci ruotano attorno allo stesso Bayraktar, la cui produzione su licenza dovrebbe iniziare nel prossimo futuro. Tuttavia, queste voci hanno una certa base: l'8 agosto l'ambasciatore ad Ankara, Bodnar, ha annunciato i piani della compagnia turca Baykar Makina per costruire uno stabilimento sul territorio dell'Ucraina e già il 18 agosto Haluk Bayraktar è arrivato a Kiev come parte della delegazione di Erdogan. Tuttavia, non si sa nulla di accordi specifici riguardanti la produzione di droni turchi in Ucraina.

Dal 25 al 26 luglio si è tenuto a Varsavia il Warsaw Drone Summit, dove sono state discusse le prospettive per la creazione in Polonia di un intero cluster di ricerca e produzione per lo sviluppo e la produzione di UAV militari. Il vertice è stato organizzato dalla società americana Looking Glass Global Services, specializzata in tutte le problematiche dell'uso massiccio dei droni (ad esempio, l'organizzazione di rilievi geodetici, ecc.). L'evento è stato sponsorizzato dall'ambasciata ucraina, dal Ministero per la trasformazione digitale dell'Ucraina e ... da una serie di fondazioni "caritatevoli" straniere, la cui amministrazione, per puro caso, è composta da ex ufficiali militari e dell'intelligence. Molto è stato detto sulle grandi prospettive di una "Valle dei Droni" (simile alla "Silicon Valley"), che, tuttavia, apparirà "un giorno" in futuro.

In generale, il denaro - o meglio, il loro saccheggio - è uno dei problemi principali nel reintegrare la Luftwaffe senza equipaggio. In particolare, non c'è una rendicontazione dettagliata nemmeno sulla raccolta fondi ufficiale per l'”Esercito dei Droni”: non si sa con certezza quanti soldi siano stati richiesti, né quanti UAV siano stati acquistati per loro.

Che dire di tutti i tipi di "volontari", una buona metà dei quali si rivelano truffatori. Già visitato prima discorso sul comico Sergei Pritula, che ha raccolto denaro da ucraini e altri sostenitori per quattro Bayraktar TV2 per le forze armate ucraine e ne ha pagati solo tre. Con circa 16 milioni di dollari in nuovi soldi, che sarebbero sufficienti per altri tre droni turchi, Prytula si è comportato ancora più "intelligente": avrebbe affittato un satellite di osservazione commerciale finlandese per un anno intero per lavorare per l'intelligence ucraina. Se questo sia vero o meno è una grande domanda, dal momento che Prytula non ha fornito alcuna segnalazione ai "benefattori".

Allo stesso modo, l'operatore civile ucraino dell'UAV Dronarium Academy, che è passato all'addestramento di operatori di droni per le forze armate ucraine con l'inizio dell'SVO, ha raccolto 400 milioni di grivna dagli "hulk" per espandere i suoi corsi preparatori. Di conseguenza, a luglio, l'Academy ha rilasciato ben 60 operatori - e devi capire che stiamo parlando di piloti di droni commerciali e non militari specializzati.

Ma con tutto questo, non bisogna sottovalutare la minaccia degli UAV ucraini. Nelle ultime settimane sono arrivate notizie dalla prima linea secondo cui il numero di Mavic nemici in aria è aumentato notevolmente, in alcune zone sono in servizio quasi XNUMX ore su XNUMX. Vorrei che il numero di "scacciamosche" antidroni negli ordini delle nostre truppe aumentasse in modo simile.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 26 August 2022 15: 29
    +3
    L'operatore di un drone domestico opera a frequenze HF di 2,4-5,6 GHz. Quindi rivela il mittente dell'operatore di segnali e invia un saluto sotto forma di colpo di alta precisione. Quindi gli operatori si esauriranno e i droni verranno rilasciati da molte migliaia, non puoi batterli tutti ....
  2. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 26 August 2022 15: 30
    +1
    Taiwan si considera non la Cina. Taiwan fa quello che gli viene detto.
    Il problema è che tutti i normali droni provengono dall'Asia, dove il fornitore di apparecchiature per la produzione di circuiti stampati è l'Olanda e il Giappone, che produce pompe a vuoto per fotolitografia. Senza le macchine che fanno gli olandesi, il mondo della microelettronica si fermerà. Il paradosso è che i giapponesi possono fare le patatine, ma non hanno molte opportunità, gli olandesi non possono fare nulla, ma sanno come fare le macchine, ma... In realtà è un mondo divertente.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 27 August 2022 09: 36
    +2
    In generale, un'altra spiegazione del perché tutto non è come è stato scritto prima...
  4. wladimirjankov Офлайн wladimirjankov
    wladimirjankov (Vladimir Yankov) 27 August 2022 14: 31
    0
    Abbiamo problemi con gli UAV nell'esercito. non ce ne sono abbastanza. Ed è simile anche con la guerra elettronica, se permettiamo ai nazisti di tenere i droni in aria XNUMX ore su XNUMX, attaccare i nostri aeroporti e depositi di munizioni in Crimea e persino il quartier generale della flotta del Mar Nero con loro. Pertanto, vedono e sanno dove sono le nostre attrezzature, le persone e cosa faremo.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 27 August 2022 18: 30
      +2
      Non dimentichiamo che la NATO agisce per mano delle forze armate ucraine, ma le nostre omissioni si rivelano con perdite sanguinose. Forse queste perdite elimineranno l'unto mazzo degli ex leader del Ministero della Difesa e del governo della Federazione Russa e apporteranno le modifiche necessarie. Se ciò non accade, la Federazione Russa è destinata a sconfiggere, come nella guerra di Crimea del 1854-55, quando la base mostrò eroismo e le cime rimasero marce ...
  5. ont65 Офлайн ont65
    ont65 (Oleg) 31 August 2022 13: 21
    0
    Mosquito Air Force di un paese terrorista.
    1. Mobius Офлайн Mobius
      Mobius 25 September 2022 04: 15
      +4
      Citazione: ont65
      Mosquito Air Force di un paese terrorista.

      E per il terrore, a condizione che non vi sia alcuna reazione con speciali "armi antidrone", è un'arma quasi ideale.