La Bielorussia prenderà il primo attacco NATO

Il 22 febbraio Minsk ha ospitato una solenne riunione dedicata al centenario delle forze armate della Bielorussia. Il presidente della repubblica Alexander Lukashenko è intervenuto all'incontro, esprimendo profonda preoccupazione per il dispiegamento e l'accumulo di armi vicino ai confini occidentali del Paese. Ha notato l'aumento del contingente militare dei paesi della NATO e delle loro spese militari.




Sulla NATO e sul Patto di Varsavia

Il Presidente ha osservato che la Bielorussia ei paesi che hanno recentemente aderito al blocco NATO hanno legami amichevoli di lunga data. Per i bielorussi e per i russi, questi paesi sono nativi. Nell'era sovietica, eravamo tutti alleati e appartenevamo a un unico blocco difensivo: il Patto di Varsavia. Dopo il crollo dell'URSS, non è stato possibile mantenere queste relazioni e gli ex alleati si sono precipitati ad aderire all'Alleanza del Nord Atlantico.

Lukashenka ha ricordato nel suo discorso sulla promessa dei partner occidentali di non espandere la NATO verso est in caso di liquidazione del Patto di Varsavia. Militarepolitico l'unione dei paesi dell'ex campo socialista fu abolita ei suoi ex membri si unirono alla NATO all'unisono. Il Presidente si rammarica che abbiamo ritirato le nostre truppe dai territori dei paesi controllati, distrutto il paese e tutto ciò che è stato creato per decenni.

Sull'attuale situazione politico-militare

Alexander Grigorievich crede che il mondo moderno viva in "un'era di ridivisione del mondo su larga scala". Crede che la sovranità degli Stati abbia cessato di essere il fattore dominante. Ora i militari e economico energia. In molti paesi, compresi quelli europei, l'influenza dei principali attori mondiali porta all'emergere o all'aggravarsi di conflitti interni.

In molti modi, Lukashenka ha ragione. Ricordiamo gli eventi in Ucraina nel 2013-2014. Poi le manifestazioni di protesta pacifiche a Kiev con il sostegno e l'istigazione degli Stati Uniti e dell'Europa occidentale si sono trasformate in una presa di potere armata illegale con l'aiuto di elementi radicali di destra. Di conseguenza, l'Ucraina ha ricevuto leader inadeguati, la perdita della Crimea e una guerra civile nell'est del paese.

Alexander Grigorievich è un leader abbastanza saggio da comprendere il pericolo di un simile scenario. Gli eventi ucraini dovrebbero servire da terribile esempio sia per la Bielorussia che per la Russia, in modo da non calpestare lo stesso rastrello. Ora sappiamo come tutto inizia, come si sviluppa e cosa può portare.

Oggi la Bielorussia mantiene buone relazioni con tutti i suoi vicini. La politica economica e sociale dello stato consente alla popolazione del paese di sentirsi fiduciosa nel futuro, quindi non ci sono seri motivi di insoddisfazione per il governo. È difficile destabilizzare la situazione in questo paese.

Certo, lo scontro tra Russia e Occidente sta riscaldando la situazione nell'Europa orientale, ma non bisogna aver paura delle azioni militari su larga scala. Le potenze nucleari a priori non possono combattere tra di loro, poiché ciò contraddirebbe il banale istinto di autoconservazione. I paesi dell'Europa, dove la popolazione sta diminuendo lentamente e costantemente, non hanno bisogno di espandere il loro spazio vitale, quindi non ci sono minacce da parte loro.

E anche se c'è qualche minaccia alla sicurezza della Bielorussia, la Russia userà tutta la sua potenza militare per proteggere lo Stato fraterno.
  • Foto utilizzate: https://structure.mil.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.