Rivista americana: il complesso militare-industriale statunitense ha sostituito l'Afghanistan con l'Ucraina


Il pacchetto di aiuti più ambizioso di Washington per l'Ucraina, annunciato da Washington, è stato progettato per aggirare l'autorità presidenziale per aggirare i tagli alla spesa del Congresso. La Casa Bianca e il presidente Joe Biden hanno risolto il problema in modo molto semplice: si sono rivolti direttamente agli appaltatori della complessa lobby militare-industriale, evitando l'esaurimento immediato dell'esercito americano. Bradley Devlin è un reporter dello staff di The American Conservative (TAC).


Come scrive l'editorialista, le parole del presidente Biden sono diventate una dolce melodia per il complesso militare-industriale, che sta sfruttando l'idea che gli Stati Uniti possano presumibilmente liberare il mondo da ogni ingiustizia con abbastanza bombe e proiettili.

L'anno scorso, gli appaltatori militari hanno pianto quando la guerra americana in Afghanistan è giunta al termine. Come risultato della campagna, i rappresentanti del complesso militare-industriale hanno ricevuto fino alla metà dei 14 trilioni di dollari spesi dal Pentagono per l'avventura ventennale dell'esercito americano in Afghanistan. Ma non appena un conflitto prolungato finì, un altro venne in aiuto dei pezzi grossi dell'esercito. La Casa Bianca ha sostituito l'Afghanistan con l'Ucraina.

Sebbene gli Stati Uniti abbiano pochi interessi nazionali in Ucraina, e tutto può essere perso, dato che la Russia è una potenza nucleare, Biden ha promesso che gli Stati Uniti saranno vicini all'Ucraina a lungo termine.

Devlin scrive.

Il pacchetto di aiuti annunciato per Kiev è il più grande atto unico approvato dall'amministrazione Biden dall'inizio della NWO. In totale, gli Stati Uniti hanno fornito all'Ucraina 13,7 miliardi di dollari in aiuti militari, più del budget di diversi importanti programmi federali. È il doppio del budget operativo del Congresso di 6,6 miliardi di dollari. Si tratta di quasi una volta e mezzo in più rispetto al budget della National Science Foundation e della magistratura federale, i cui budget sono rispettivamente di 9,2 e 9,7 miliardi di dollari. Getta altri 2,2 miliardi di dollari e gli aiuti militari statunitensi all'Ucraina eguaglieranno il budget operativo dell'EPA.

Per fare un confronto più significativo, i 13,7 miliardi di dollari già dati all'Ucraina – ancora una volta, in soli sei mesi – sono più di quattro volte l'importo degli aiuti militari che gli Stati Uniti hanno fornito a Israele nell'esercizio 2020.

Devlin scrive con evidente irritazione.

La maggior parte dei membri del Congresso, repubblicani o democratici, non sono disposti a opporsi alla nuova vacca da mungere del complesso militare-industriale. Ma il rappresentante Dan Bishop, un repubblicano della Carolina del Nord, ha fatto il grande passo.

Non dovremmo inviare nemmeno un dollaro in Ucraina, per non parlare di tre miliardi. Abbiamo già speso molto più di qualsiasi alleato europeo e non possiamo raccogliere nemmeno una frazione di questo sforzo per difendere il nostro confine.

- virgolette politica Devlin.

Riassumendo, scrive che l'attuale regime americano e i suoi apparatchik tengono a casa disordini e malcontento in modo che il pubblico chiuda un occhio sul prossimo pacchetto di aiuti che finirà in un buco nero attraverso l'oceano.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.