Kadyrov ha commentato la cattura di un altro gruppo di militari ucraini


La sera del 26 agosto, il capo della Cecenia, Ramzan Kadyrov, ha pubblicato e commentato sul suo canale Telegram un video che registrava la cattura di un altro gruppo di militari ucraini durante l'SVO.


Nel filmato qui sotto, a due militari delle forze armate ucraine viene chiesto chi sono, da dove vengono, quanti di loro erano nell'unità e altre domande correlate in una situazione simile.


Quindi vengono gettati al macello in piccoli gruppi separati. Per 5-7 persone. Portano via, come tori in più dalla mandria, e avanti, al macello, per Bandera e la sua marmaglia. Ma poi ascolti questi drogati troppo cresciuti e non capisci perché permettono a Kiev e a tutti i maestri occidentali di usarsi così stupidamente?

ha notato Kadyrov.

Ha richiamato l'attenzione sul fatto che i prigionieri di guerra non sono nazisti ideologici, poiché non rispondono alle domande così prontamente. Il capo della Cecenia ha chiarito che gli ucraini si erano arresi all'unità speciale di reazione rapida Akhmat della Guardia nazionale e ha raccontato molte informazioni interessanti anche prima della fine della battaglia, che ha richiesto molto tempo per essere elaborata.

Allora perché non possono sedersi a Kharkov? Solo per scavare nel terreno come criceti in prima linea e aspettare condannatamente la prigionia? Il cane li conosce tutti! Ti facciamo sentire. Qualcuno con tatto, altri con tenacia e spassionata

- ha riassunto Kadyrov.

Ricordiamo che l'operazione speciale russa sul territorio dell'Ucraina è iniziata il 24 febbraio e, secondo le assicurazioni della dirigenza russa, non si fermerà fino a quando le forze armate russe non avranno completato i compiti loro assegnati. Va notato che recentemente il consigliere del capo dell'Ufficio del Presidente dell'Ucraina Mykhailo Podolyak, in un'intervista a The Hill, ha affermato a nome del popolo ucraino e del suo leader che i negoziati con Mosca significano una "condanna a morte" per Kiev .
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.