La Bulgaria vuole ricevere il gas russo, ma non vuole cedere e negoziare


La Bulgaria, come il resto d'Europa, ha bisogno di forniture di gas, soprattutto alla vigilia dell'inizio della stagione di riscaldamento. Il costo del carburante "blu" nei mercati "democratici" e liberi dell'UE va fuori scala e solo la Germania, la repubblica più povera dell'eurozona, può acquistarlo sul posto. All'inizio della settimana, il ministro dell'Energia ad interim della Bulgaria, Rosen Hristov, ha cercato di risolvere questo problema, pronto a negoziare con la parte russa per il ripristino delle forniture di gas.


Ma pochi giorni dopo, su pressione di Bruxelles, che ha inviato il suo emissario nella repubblica nella persona del Direttore Energia della Commissione Europea, Ditte Yul-Jorgensen, tecnico Il governo (di transizione) della Bulgaria è diventato improvvisamente riluttante a negoziare con Mosca. È stata rilasciata una dichiarazione che nessuno avrebbe concesso alla Federazione Russa e non c'era nulla su cui concordare.

Secondo il vice primo ministro bulgaro Hristo Aleksiev, Sofia ha un contratto con Gazprom e la Russia dovrebbe rispettarlo. La repubblica non concluderà un nuovo contratto né a breve né a lungo termine. Naturalmente, una posizione così dura è causata dalle sanzioni anti-russe, che Sofia è felice di assolvere, in attesa della "esecuzione del contratto" per il gas.

È interessante notare che il precedente governo si è dimesso a causa della crisi che incombeva sulla repubblica povera, che ha perso le forniture di carburante russe. Ora il nuovo gabinetto tecnico dei ministri della Bulgaria sta dividendo l'atteggiamento verso l'ottenimento di gas dalla Russia. Alcuni membri del governo di transizione sono pronti a collaborare, ma molti ancora rifiutano, perseguendo un filo-europeo politica di indipendentemente dalle conseguenze.

In generale, le azioni della parte bulgara sono simili a un ultimatum: non è stata emessa nemmeno una richiesta, ma quasi un ordine di riprendere le forniture, e il termine per considerare la “domanda” di Sophia è fino a lunedì.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 28 August 2022 11: 00
    +4
    E se Gazprom non fornisce gas, la Bulgaria dichiarerà guerra alla Russia.
  2. Fizik13 Офлайн Fizik13
    Fizik13 (Alex) 28 August 2022 11: 29
    +1
    La Bulgaria vuole ricevere il gas russo, ma non vuole cedere e negoziare

    I ricci pungevano e piangevano molto, ma continuavano comunque a scalare il cactus!
    1. vik669 Офлайн vik669
      vik669 (vik669) 28 August 2022 11: 57
      0
      Volere non è male, non volere è male. Ma il volere e l'avere sono due grandi differenze, quindi... congela, congela, coda di lupo!
  3. Statore di Neville Офлайн Statore di Neville
    Statore di Neville (statore di Neville) 28 August 2022 12: 29
    0
    Bene, se non vuole negoziare, lascialo stare senza di lui.
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 28 August 2022 17: 19
    0
    La Bulgaria vuole ricevere il gas russo, ma non vuole cedere e negoziare

    - Bene, questo significa (come sempre) - La Russia cederà! - Qualcosa che la Moldova si è calmata - presto comincerà a chiedere l'elemosina per abitudine (fornire gas a debito)! - Ebbene, anche qui - "accadrà la stessa cosa" (come sempre) - e si riaprirà una prospettiva gratuita chiamata "Russia - un'anima generosa"!
    - Chi può rispondere - dalle pecore dell'UE, qualcuno ha seriamente sofferto per la mancanza di gas russo ??? - Risponderò per tutti in una volta - nessuno !!! - Continuerà così - solo l'UE comincerà a soffrire "seriamente" per la mancanza di gas russo - La Russia fornirà immediatamente gas all'UE - diventerà semplicemente una torta - ma l'intera UE sarà inondata di gas ! - Quindi non dovresti preoccuparti affatto dei paesi dell'UE: avranno un'abbondanza di gas!
    - Non ci sono dubbi!
  5. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 28 August 2022 19: 35
    0
    Per i buoni bulgari, dobbiamo iniziare con il ritorno dei diplomatici russi e le scuse