Esperto occidentale: La situazione nell'economia globale è molto peggiore di quanto dicano i politici


Nessun politico vuole dire ai cittadini la vera verità sul problema dell'esaurimento dei combustibili fossili o sul globale l'economia. È giunto il momento in cui la crescente popolazione del pianeta sta costringendo l'intero sistema finanziario ed economico a mantenere alti i prezzi di vendita dei vettori energetici e dei prodotti di base affinché l'intero sistema funzioni in qualche modo. Il vecchio sistema cade così in rovina, e quando ciò accade, la storia insegna che il crollo della civiltà si avvicina. Lo scrive Gail Tverberg, nota esperta del mercato dei carburanti con una altrettanto nota visione pessimistica del futuro. L'articolo è pubblicato dalla risorsa OilPrice.


Per quanto si vorrebbe scartare la fatale previsione scettica di Tverberg, la sua ricerca è strettamente scientifica e provata. L'esperto ne è sicuro politica semplicemente non possono ammettere (e non vogliono) che l'economia mondiale di oggi stia andando verso il collasso, proprio come è successo con le civiltà precedenti. Invece, hanno bisogno di creare l'illusione di avere il controllo. La loro unica scusa è che tutte le crisi sono temporanee e sono associate a fenomeni transitori, ad esempio il conflitto in Ucraina, che presumibilmente "finirà presto" e tutto andrà meglio. Il sistema di relazioni auto-organizzato costringe un esercito di funzionari a presentare ragioni per cui i cambiamenti imminenti potrebbero essere desiderabili (per prevenire il cambiamento climatico) o almeno temporanei (a causa delle sanzioni contro la Russia).

I politici vogliono essere rieletti. Vogliono che i cittadini pensino che tutto è in ordine. Se ci sono problemi con l'approvvigionamento energetico, dovrebbero essere presentati ufficialmente come temporanei, possibilmente legati alla situazione in Ucraina.

- scrive Tverberg in un altro studio.

In alternativa, qualsiasi questione che si pone sarà discussa come se potesse essere facilmente risolta con una nuova legislazione e forse un piccolo aumento dei tassi di interesse da parte delle banche centrali.

Ecco perché si può sostenere che tutti i processi che si svolgono a livello globale, su scala planetaria, hanno una previsione molto peggiore di quanto dicono pubblicamente i politici di tutto il mondo, l'esperto ne è certo. Tutti i tipi di aziende, per proprietà e dimensioni dell'azienda, vogliono anche ridurre al minimo i problemi. Vogliono che i cittadini effettuino ordini per i loro beni e servizi. Allo stesso tempo, le imprese e il governo vorrebbero vedere i media pubblicare rapporti secondo cui è probabile che qualsiasi recessione economica sia molto moderata e temporanea.

Anche le istituzioni scientifiche come le università, che senza dubbio hanno informazioni accurate sullo stato delle cose, non si preoccupano dei problemi, ma vogliono che i problemi siano chiamati risolvibili, il che darà ai loro studenti la falsa speranza di ottenere un lavoro ben retribuito in futuro . Nessuno approva di pubblicare la verità e di lasciarla fuori dalla ristretta cerchia degli iniziati.

Con il pretesto di combattere le malattie (pandemia), le persone possono essere limitate nel consumo di risorse, prodotti ed energia. L'umanità è entrata in una fase "sorprendente", in cui i flussi di informazioni più importanti e fatali sono nascosti all'accesso, ritiene l'esperto. Ora il ruolo di recitazione principale va ai militari.

Gli eserciti del mondo, senza dubbio, sono ben consapevoli del fatto che le riserve di energia non saranno sufficienti. Ciò significa che sta arrivando una lotta globale per le risorse. In una situazione prossima alla guerra, non dovremmo sorprenderci se le informazioni sono attentamente controllate. Le opinioni liberamente condivise ripetutamente sono le opinioni che i governi e le persone potenti vogliono che i cittadini comuni sentano.

– ha riassunto Tverberg.
  • Foto usate: pxfuel.com
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 30 August 2022 08: 55
    0
    Gli eserciti del mondo, senza dubbio, sono ben consapevoli del fatto che le riserve di energia non saranno sufficienti.

    È per questo che i militari di tutti i paesi del mondo conducono costantemente le loro esercitazioni, spendendo per loro centinaia di migliaia di tonnellate di carburante, aggravando così la situazione?
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 30 August 2022 09: 05
    +2
    Ci sono molti "esperti" e scrivono cose diverse.
    trovato un tale pessimista.
    Ma puoi ricordare i recenti prezzi del petrolio e del gas. 20 sotto Eltsin, 140 sotto il 1° Putin, 30 sotto la corona, quanti adesso, sotto P-2 ...
    Conclusione: le azioni non sono niente, la speculazione del capitalismo è tutto ...

    Toto Opek, Arbs, norvegesi, tutti i tipi di brasiliani: rallegrati, vai a negoziare, sputare su qualsiasi richiesta per ottenere di più ...
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 30 August 2022 10: 22
    +2
    La politica mira al raggiungimento di determinati obiettivi esterni e interni dello stato e lo stato è un'organizzazione politica della classe economicamente dominante il cui obiettivo è proteggere la struttura esistente - il dominio di una classe sociale su un'altra - il dominio dei capitalisti su il proletariato nei paesi capitalisti e viceversa - il proletariato sui capitalisti nei paesi del socialismo. Solo così e non altrimenti, il terzo non è dato.
    La politica, per definizione di V.I. Lenin, è un'espressione concentrata dell'economia. Ne consegue che tutti i politici, senza eccezioni, rappresentano gli interessi di alcuni raggruppamenti della classe dirigente, che in una società capitalista sono corporazioni monopolistiche nazionali e associazioni transnazionali che sostengono e garantiscono l'esistenza confortevole dei politici e utilizzano l'apparato statale per aumentare i loro redditi - la fortuna dei 72 milioni di persone più ricche della Terra o l'1% della popolazione mondiale supera lo stato del resto del mondo, secondo Oxfam, e come ha detto Anton Guterres, capo delle Nazioni Unite, la tendenza alla disuguaglianza è solo in crescita , e questo inevitabilmente fa presagire nuove crisi e guerre.
    “tutti i processi che hanno luogo a livello globale” riflettono determinate fasi dello sviluppo della società. Il mondo moderno è interconnesso economicamente e interdipendente. Pertanto, quando c'è anche una crisi locale lontana nella formazione del trentesimo stato, come nel 2008 con Lehman Brothers, la risonanza fa il giro del mondo e provoca fenomeni di crisi di varia gravità e conseguenze, dal locale al globale.
  4. Dmitry Volkov Офлайн Dmitry Volkov
    Dmitry Volkov (Dmitrij Volkov) 30 August 2022 15: 35
    0
    È stato a lungo dimostrato che le risorse non sono illimitate e che andrà sempre peggio, quindi sono iniziate le guerre per i territori e l'Occidente non si fermerà, solo le armi nucleari ci stanno trattenendo da un attacco globale in tutte le direzioni!