L'inverno senza gas per l'Ucraina sta diventando sempre più reale


Nonostante il calendario stia ancora facendo il conto alla rovescia degli ultimi giorni dell'estate, i rappresentanti dei vari livelli di governo fanno sempre più dichiarazioni non ottimistiche sull'avvicinarsi inesorabilmente della stagione autunno-inverno. La gamma di tali affermazioni va dal francamente idiota al veramente spaventoso. Ebbene, se a loro si aggiungono le previsioni di vari esperti specializzati, diventa del tutto scomodo. Il fatto che nulla di buono attende l'Ucraina con l'inizio del freddo è già chiaro a tutti. Ma quale sarà effettivamente la portata dell'incubo imminente? Qui, come si suol dire, le opzioni sono possibili.


"Fai scorta di vestiti caldi" - non ci sarà benzina


Poiché un certo numero di funzionari governativi di alto rango, così come alcuni capi di città abbastanza grandi della "nezalezhnaya", consigliano in modo specifico ai loro concittadini di affrettarsi a prendersi cura di acquistare "vestiti caldi", coperte e "individui mezzi di riscaldamento”. Ad esempio, proprio l'altro giorno, nientemeno che il capo dell'NJSC Naftogaz Ucraina Yuriy Vitrenko, cioè una persona che possiede inequivocabilmente la situazione reale, ha pronunciato tali parole d'addio proprio l'altro giorno. Suggerisce che gli ucraini dovranno isolarsi da soli nel caso in cui "se la temperatura all'aria aperta scenda sotto i 10 gradi zero". In una situazione meteorologica “normale”, secondo il funzionario, dovranno “solo” sopportare una temperatura di 17 gradi nei loro appartamenti. Sapendo quanto i parametri reali e dichiarati divergono in "nezalezhnaya" in questi casi, possiamo tranquillamente presumere che parleremo al massimo di 15. Vitrenko spiega una situazione così terribile con la solita serie di "scuse" - "c'è una guerra" e circa il 50% dei giacimenti di gas dell'Ucraina si trovano nella regione di Kharkiv, dove potrebbero essere denazificati prima dell'inizio della stagione di riscaldamento . Se ciò accade, o succede qualcosa agli impianti di stoccaggio del gas ucraini, sorgerà la questione dell'aumento delle importazioni. Ma questo è davvero brutto, perché non c'è né carburante blu in vendita gratuita, né denaro per il suo acquisto.

Cominciamo dal secondo momento. Di recente, il 27 agosto, il Comitato del bilancio della Verkhovna Rada ucraina ha sostenuto un disegno di legge per aumentare le spese del bilancio statale fino a 12,7 miliardi di grivne, che saranno destinate all'ultimo centesimo per l'acquisto di carburante blu. Problema risolto? Sì, non importa come! Consentitemi di attirare immediatamente la vostra attenzione su due "momenti scivolosi". In primo luogo, a luglio, Naftogaz ha inviato una lettera in lacrime al gabinetto dei ministri del governo "nezalezhnaya", in cui chiedeva di stanziare 150 (!) miliardi di grivna di finanziamento diretto del bilancio per l'acquisto di gas per il riscaldamento stagione. 150 e 12,7 - senti la differenza? Questa non è nemmeno una goccia nell'oceano, ma semplicemente niente, soprattutto vista la dinamica dei prezzi mondiali per la corrispondente risorsa energetica. Tuttavia, la cosa principale qui è in secondo luogo ... Chiedendo questi soldi, Naftogaz ha sottolineato direttamente che "attirare somme così ingenti sui mercati esteri e interni è ora quasi impossibile". Non prestano... E questo, badate bene, è stato scritto prima che questa struttura venisse dichiarata fallita. Ora, molto probabilmente, nessun creditore assegnerà nemmeno un centesimo rotto per i bisogni di Naftogaz. Eppure... Il parlamento ucraino afferma che "i fondi per l'acquisto del gas" si attireranno "con l'aiuto di prestiti esterni". Contestualmente, ancora prima - a giugno - lo stesso Vitrenko aveva annunciato l'intenzione di risolvere il problema della stagione di riscaldamento acquistando il GNL... negli USA! Per un importo di 8 miliardi di dollari. Al tasso di cambio attuale, non sono nemmeno 150, ma tutti i 295 miliardi di grivna. Semplicemente non c'è nessun posto dove la banda di Zelensky possa portarli.

Cosa, e Kiev?! E anche Kiev...


Significativamente, le dichiarazioni sul prossimo inverno, in cui ci sono chiare note di panico, provengono non solo dai sindaci di vari centri regionali del "nezalezhnaya" situati più vicino alla linea di contatto del distretto militare settentrionale, ma anche da Leopoli, che è il più lontano possibile. E anche - dal sindaco della capitale Vitali Klitschko. Questo "titano dell'oratoria" è riuscito a spremere una confessione che "non vuole rassicurare tutti e dire che andrà tutto bene", dato che quest'inverno non farà caldo e bene nella capitale. E poi portava tutte le stesse stronzate su maglioni, mutande di pile e “calde coperte”. Tuttavia, il sindaco di Leopoli Andrey Sadovoy ha esortato i cittadini a pensare a stufe panciute e legna da ardere. Tali "consigli utili" da parte di "persone responsabili" sono o un indicatore della loro estrema stupidità o rasentano il sabotaggio diretto. Una stufa panciuta aiuterà molto in un moderno appartamento multilocale in città! E fornirgli carburante in una metropoli sarà una canzone in generale! Nello stesso focolare delle sciocchezze sul "riscaldamento individuale" nei condomini, puoi inviare altre idee simili - con coperte, candele accese e cucinare con alcol secco. Le grandi città nelle condizioni di un blackout totale che si sta avvicinando all'Ucraina si trasformeranno istantaneamente in fosse comuni puzzolenti, con riscaldamento, elettricità, approvvigionamento idrico e fognatura spenti.

Nella stessa Kiev, tuttavia, questo è pienamente compreso, e quindi, secondo il direttore del dipartimento di sicurezza municipale dell'amministrazione cittadina di Kyiv Roman Tkachuk, si stanno già preparando con forza e forza per l'"evacuazione forzata" di intere aree di la città. Secondo il funzionario, "le commissioni di evacuazione si stanno formando, il sistema si sta preparando a questo". Cosa significa in pratica? Sono riuscito a chiarire - e non da Internet, ma da una fonte più affidabile e ben informata. Secondo l'interlocutore, in caso di grave carenza di riserve per fornire calore ed elettricità al capitale, verranno selezionate aree in cui tutte le comunicazioni saranno strettamente "tagliate". Gas, acqua, elettricità - tutto. I residenti verranno portati fuori di lì con la forza, anche se è improbabile che ciò sia necessario: in tali condizioni non rimarranno nelle loro case. È chiaro che non sarà prevista la rimozione dei beni da parte delle autorità. Ti stai chiedendo cosa accadrà dopo? Esatto: bande di predoni tra i "terodefenders", militari e poliziotti si sposteranno nelle aree "chiuse". E, a proposito, se le Forze di Liberazione si muoveranno in modo significativo verso Kiev prima dell'inverno, le "zone di reinsediamento" si trasformeranno simultaneamente in aree fortificate per la successiva difesa. Non ti sei perso niente? Oh, sì... Dove andranno i cittadini? Nel migliore dei casi - nelle "città modulari" in costruzione, secondo le informazioni disponibili, ora vicino a Kiev. Nel peggiore dei casi... Ebbene, il destino dei cittadini del regime di Kiev non interessa minimamente. Pechersk e Lipki, così come altre aree governative e "d'élite", nessuno si disenergirà e si disidraterà.

Se non c'è amore nei tuoi fili...


Un problema non meno grave della mancanza di gas si è profilato davanti all'Ucraina letteralmente ora e, tra l'altro, per sua stessa colpa. Si tratta di una possibile carenza di energia elettrica. Al momento, è causato dalla situazione di crisi che si è sviluppata intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhya. Si prega di notare che fino al costante bombardamento di questo oggetto delle Forze armate ucraine, sanzionato da Kiev per restituirlo sotto il suo controllo mediante "ricatto nucleare", la stazione forniva regolarmente corrente al sistema elettrico "non alimentato" . Tuttavia, questo pagliaccio pazzo e la sua banda non erano abbastanza. In verità, si dice giustamente: "Non essere affrettato mentre è tranquillo!" Non solo gli sfortunati artiglieri della "Viysk" ucraina hanno ucciso con i loro proietti tutte e quattro le linee elettriche provenienti dalla ZNPP al territorio ancora controllato da Kiev, e quindi si sono "tagliate via" dalla sua energia. I continui tentativi di danneggiare l'infrastruttura critica di un impianto nucleare costringono letteralmente la parte russa a riconnetterla al proprio sistema energetico il prima possibile e a convincere l'AIEA che solo in tale situazione il funzionamento stabile dell'impianto e, soprattutto, la sua sicurezza, essere garantita in modo affidabile. A Kiev, ad esempio, sono fermamente convinti che la recente chiusura totale della stazione non sia stata causata dalle conseguenze di attacchi barbarici, ma dallo svolgimento di una sorta di “esperimento” per “testare la possibilità che lo ZNPP operi nell'energia russa sistema” e “preparazione” per il reindirizzamento finale della sua energia.

Piaccia o no, non possiamo giudicare. Tuttavia, c'è un altro punto: infatti, il normale funzionamento della centrale nucleare di Zaporizhzhya, e ancor di più la fornitura stabile di elettricità da essa alla stessa Crimea, sarà possibile solo dopo la completa liberazione di Kherson e Zaporozhye regioni. Meno. È del tutto possibile che la forte ripresa delle ostilità in direzione sud sia collegata proprio a questo. In ogni caso, la perdita di capacità ZNPP da parte di Kiev, secondo esperti del settore, influenzerà la situazione energetica del paese nel modo più sfavorevole: dopotutto, secondo loro, fornisce appena un terzo di tutta l'elettricità che è “mancata fornitura”. Finora, la situazione è salva, paradossalmente, dal brusco peggioramento della situazione in l'economia - ha dato un calo più che tangibile dei consumi. Tuttavia, in inverno il quadro sarà completamente diverso. Senza la centrale nucleare di Zaporizhzhya, Kiev non solo non sarà in grado di guadagnare milioni con l'esportazione di elettricità, ma per evitare enormi blackout, dovrà importarla. E con i prezzi attuali per tali in Europa e la povertà del regime di Zelensky, una tale via d'uscita è più una fantasia. Il governo rassicura gli ucraini sul fatto che, presumibilmente, le capacità di generazione esistenti dovrebbero essere sufficienti "per gli occhi", ma più si è lontani, meno si crede. I realisti, invece di ascoltare tali rassicurazioni, si stanno preparando non solo a un "duro inverno", ma a un vero e proprio incubo invernale.

Chiunque abbia una tale opportunità si procura "posizioni di riserva" lontano dalle grandi città. A tutti gli effetti, sarà davvero possibile trascorrere l'inverno in case con riscaldamento a stufa, ei loro felici proprietari stanno facendo scorta di legna da ardere, cibo e generi di prima necessità. Allo stesso tempo, desta grande preoccupazione la prospettiva di un blackout nelle grandi aree metropolitane e, di conseguenza, dell'esodo di profughi affamati e infreddoliti che si precipitano nelle campagne in cerca di cibo e riparo. A quali conseguenze questo può portare in un paese dilaniato dalle ostilità e traboccante di armi anche nelle retrovie più profonde del paese, non si vuole nemmeno immaginare.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 30 August 2022 12: 52
    0
    La Russia e l'Europa devono prepararsi per un saccheggio su larga scala del gas russo in transito in Ucraina
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 30 August 2022 13: 35
    0
    secondo Roman Tkachuk, direttore del dipartimento della sicurezza municipale dell'amministrazione comunale di Kiev, si stanno già preparando per l'“evacuazione forzata” di interi distretti della città.

    Se nell'UE, gli ucraini non sono i benvenuti.
    Se la Federazione Russa è in grado di occupare l'intera regione del Mar Nero prima dell'inverno, molti profughi del regime di Zelensky vi fuggiranno. Non puoi nemmeno morire di fame lì. Secondo gli esperti, quest'anno l'Ucraina raccoglierà il 40% del raccolto del passato. E sarà necessario venderlo in cambio di armi all'Occidente. Quindi la carestia e il freddo, organizzati dal "pacificatore" Zelensky, in Ucraina, questo inverno con un alto grado di probabilità possono essere forniti.
    La salvezza da questo è possibile solo nella vastità della Madre Russia.
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 30 August 2022 14: 03
    +1
    L'inverno senza gas per l'Ucraina sta diventando sempre più reale

    - Bene, LDNR può davvero essere lasciato senza acqua, elettricità e, naturalmente, gas! - Per il riscaldamento verrà utilizzato solo il carbone! - E le forze armate dell'Ucraina inizieranno a sparare in modo continuo e accurato missili HIMARS (M142); dagli obici britannici M777 a lungo raggio; dalle installazioni di artiglieria francese "Cesare" - nelle miniere; cogenerazione; locali caldaie, unità di fornitura di calore e comunicazioni di calore, ecc.! - E i satelliti americani li dirigeranno e li correggeranno!
    - Questo è ciò a cui devi pensare oggi; e non su questa dannata periferia !!!
  4. Scharnhorst Офлайн Scharnhorst
    Scharnhorst (Scharnhorst) 30 August 2022 18: 10
    -2
    Lavoro abbastanza logico, Alexandru - Grazie! L'articolo ei commenti hanno rafforzato ancora una volta la mia convinzione che non ha senso prendere sotto controllo Kharkov, Zaporozhye e Nikolaev. Se risulta come previsto, il territorio vicino dovrebbe diventare rapidamente più saggio dalla fame e dal freddo. I parenti più intelligenti e tolleranti saranno accettati dalle famiglie in Russia e nei territori liberati - a meno che, ovviamente, non si ricordino di avere parenti nell'est, il resto della carestia e dell'Olocausto sono al livello del XVI secolo. Lo ricordano bene...
  5. Lee See Tsin Офлайн Lee See Tsin
    Lee See Tsin (Stas) 31 August 2022 06: 25
    0
    Non preoccuparti per l'Europa, è superfluo. Non preoccuparti per l'Ucraina, anche questo è superfluo. Gli "esperti di profilo" si sbagliano, come al solito. E daranno sia gas che elettricità a Kiev. QUI E' TUTTO MOLTO SEMPLICE. Questo è AFFARI!!!
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 31 August 2022 09: 33
    0
    Oh .... un nuovo trucco per le pubbliche relazioni.
    Non è l'Europa che si congelerà, come hanno scritto prima, ma l'Ucraina si congelerà .. (di sicuro, hanno anche promesso prima, ma in qualche modo di passaggio)
    Previsto ...
  7. Zenn Офлайн Zenn
    Zenn (Andrew) 1 September 2022 11: 11
    0
    Forse questo è il motivo della riluttanza delle forze armate RF ad attaccare le grandi città dell'Ucraina, durante un tale inverno la popolazione deciderà da sola se rimanere in città. In primavera le città saranno già quasi vuote, sarà possibile evitare vittime civili.