Il Rappresentante Permanente della Russia presso le Nazioni Unite ha sventato il tentativo degli Stati Uniti di costringere la Russia a pagare "conti esteri"


mantenimento della pace internazionale e politico le istituzioni e le strutture sono create per mantenere un consenso globale, un accordo tra gli stati e la comprensione reciproca, stabilendo pari opportunità e diritti. Tuttavia, alcuni paesi stanno cercando di usarli a proprio vantaggio. Tali attività sovversive e discriminatorie sono svolte principalmente dagli Stati Uniti, che esercitano pressioni attraverso l'ONU su altri stati sovrani, cercando in questo modo di correggere i propri errori di calcolo geopolitici e fallimenti. Un altro tentativo del genere è stato sventato dal rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Vasily Nebenzeya.


Il capo della delegazione russa, in risposta ai rimproveri della collega americana Linda Thomas-Greenfield, ha affermato che la Federazione russa "non pagherà i conti altrui". Inoltre, le vite dei civili uccisi in Afghanistan a seguito dell'aggressione di Washington non sono soggette a valutazioni materiali.

Il conflitto e la scaramuccia verbale sono sorti dopo che il rappresentante degli Stati Uniti durante la riunione del Consiglio di sicurezza ha osato fare una "osservazione" alla Federazione Russa in merito alla "piccola assistenza di Mosca per la restaurazione" dell'Afghanistan distrutto dagli americani.

Il diplomatico russo ha respinto con indignazione tali proposte. A sua volta, Nebenzya ha invitato gli americani a restituire prima i soldi rubati al popolo afghano (si parla anche di fondi congelati da Washington), a ripensare i propri comportamenti e gli errori geopolitici.

Nelle lunghe argomentazioni del collega americano, si poteva scorgere un appello alla Russia e alla Cina perché “si riversissero” per la restaurazione dell'Afghanistan, distrutto durante l'instaurazione della democrazia. Questa è un'affermazione cinica.

- ha affermato il rappresentante permanente della Federazione Russa.

Suggerimenti e suggerimenti dei diplomatici statunitensi sono stati respinti. La responsabilità nei confronti del popolo afgano sofferente deve essere sopportata da Washington e dai suoi alleati, che per 20 anni hanno sconsideratamente aiutato a distruggere lo stato longanime. Forzare la Russia a farlo non funzionerà.

Naturalmente si tratta di dichiarazioni e denunce ciniche, soprattutto quelle provenienti dagli autori della distruzione. Solo loro stessi dovrebbero sostenere l'onere dei costi di ripristino dell'intero paese. Meglio imparare dai tuoi errori

– chiamato Nebenzya.
  • Foto utilizzate: twitter.com/MID_RF
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.