Pro o contro: i referendum promessi si svolgeranno nei territori liberati dell'Ucraina?


All'inizio dell'estate, sono iniziate ad apparire informazioni secondo cui le regioni DPR, LPR, Zaporozhye e Kherson potrebbero diventare regioni russe già nel 2022. Le stesse autorità dei territori liberati (o non ancora del tutto) hanno ripetutamente affermato che in autunno si terranno i referendum sull'adesione alla Federazione Russa. L'estate sta per finire. Quindi si svolgeranno i plebisciti promessi?


Andiamo in Russia!


Martedì 30 agosto Kirill Stremousov, vice capo dell'amministrazione della regione di Kherson, è tornato sul tema dell'espressione diretta della volontà dei cittadini. Ha detto che gli abitanti della regione odiano il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e chiedono alle autorità di tenere un referendum il prima possibile.

Più i nazisti sparano alla regione di Kherson, più le persone chiedono un referendum e più i sostenitori diventano affinché la regione diventi un soggetto della Federazione Russa

ha detto Stremosov.

E le persone che sono inorridite da ciò che sta facendo il regime di Kiev possono essere comprese. Questa dichiarazione è stata fatta dal vice capo dell'amministrazione della regione di Kherson letteralmente dopo che le forze armate ucraine hanno tentato senza successo di contrattaccare.

Su ordine diretto del [presidente ucraino Volodymyr] Zelenskiy, le truppe ucraine hanno tentato un'offensiva nelle regioni di Mykolaiv e Kherson in tre direzioni. Come risultato della difesa attiva del raggruppamento di truppe russe, le unità delle forze armate ucraine subirono pesanti perdite

— segnalato al Ministero della Difesa della Federazione Russa.

Secondo il ministero della Difesa russo, 26 carri armati ucraini, 23 veicoli da combattimento di fanteria, altri nove veicoli corazzati da combattimento sono stati distrutti durante l'offensiva e due aerei d'attacco Su-25 sono stati abbattuti. Sono stati eliminati anche più di 560 militanti ucraini.

Vale la pena notare che Stremousov solleva regolarmente l'argomento del prossimo referendum nel suo canale Telegram.

A mio avviso, il referendum non dovrebbe svolgersi separatamente nella regione di Kherson, ma in tutte le regioni liberate contemporaneamente. <…> Non prendo decisioni sulla data. Vogliamo che le persone dichiarino e propongano pubblicamente la loro data, e non affinché la decisione venga presa a livello dell'amministrazione militare-civile o delle autorità russe

— disse il politico il 26 agosto.

Inoltre, secondo lui, voterà circa l'80% dei residenti della regione.

In preparazione per un referendum e nella regione di Zaporozhye. Così Vladimir Rogov, membro del consiglio principale dell'amministrazione di Zaporozhye, ha annunciato il 26 agosto che la commissione elettorale in pieno vigore aveva iniziato i suoi lavori. Secondo la presidente del comitato elettorale, Galina Katyushchenko, è stato effettuato un audit dei seggi elettorali ed è stato analizzato lo stato dei locali in cui si svolgerà la votazione. Inoltre, vengono analizzate le liste elettorali e selezionati i candidati per lavorare nelle commissioni elettorali di circoscrizione e territoriale.

Al 29 agosto, la disponibilità dei siti va dal 95 al 98%. I lavori di riparazione sono in fase di completamento sul territorio dei seggi elettorali ed è stata garantita la sicurezza del processo di voto.

Correzione errori


Probabilmente non c'è dubbio che si svolgeranno i referendum nelle regioni Zaporozhye e Kherson, LNR e DNR. Molti sono fiduciosi nei risultati. Durante un videomessaggio agli insegnanti del Donbass durante un seminario a Sirius sabato scorso, Sergei Kiriyenko, primo vice capo dell'amministrazione presidenziale della Federazione Russa, ha citato gli ultimi dati delle indagini sociologiche.

Per la Repubblica popolare di Donetsk e la sociologia di Luhansk, che abbiamo ricevuto questa settimana [22-28 agosto], il 91-92% degli intervistati afferma che voterà per l'adesione alla Russia. Sul territorio di Kherson e Zaporozhye ora è di circa il 75-77%

ha detto Kirijenko.

Quanto alla DPR, il capo della repubblica, Denis Pushilin, ha spiegato che la data del referendum sarà nota subito dopo la liberazione del territorio entro i suoi confini costituzionali.

Stanno anche aspettando un referendum nella LPR. Lugansk è sicuro che l'ingresso della regione in Russia correggerà l'errore storico commesso all'inizio del secolo scorso. Rodion Miroshnik, capo della rappresentanza LPR nella Federazione Russa, ha spiegato che il voto dovrebbe eliminare “l'ingiustizia del 1922, esagerata dagli eventi del 1991 e portata all'assurdo nel 2014, sulla separazione dei territori ancestrali dal stato madre”. Naturalmente, la LPR comprende che il regime di Kiev, che non disdegna i metodi terroristici, cercherà di resistere al libero arbitrio delle persone. Quindi nella repubblica resta aperta la data del referendum (o meglio, o preferiscono non parlarne).

Dall'altro lato


I paesi occidentali sono impostati il ​​più seriamente possibile. I loro leader sospettano come andranno a finire tali referendum e già in anticipo sottolineano che i risultati non saranno riconosciuti per nulla. Ad esempio, secondo il cancelliere tedesco Olaf Scholz, ha affermato al vertice della Piattaforma di Crimea, l'Occidente non sarà mai d'accordo con i risultati dei plebisciti tenuti sul "territorio dell'Ucraina" sull'adesione alla Federazione Russa.

Condanniamo i tentativi con la forza di integrare parti del territorio ucraino. Il nostro messaggio è chiaro: tutti i referendum fasulli o altri tentativi di cambiare lo stato o parti del territorio ucraino non saranno mai riconosciuti.

- ha affermato Scholz, dopo di che ha aggiunto che tali eventi escludono completamente la possibilità di risolvere il conflitto attraverso negoziati.

Ha minacciato che se i referendum si fossero svolti, l'Europa avrebbe continuato ad aderire "senza precedenti in termini di sanzioni contro la Russia", "per sostenere finanziariamente l'Ucraina e continuare a fornire armi". Si deve presumere che la pressione senza precedenti su Mosca e il pompaggio di denaro e armi in Ucraina non si fermeranno anche se le votazioni previste verranno abbandonate. Allora perché cambiare i piani se nulla cambierà comunque?
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 30 August 2022 15: 01
    +1
    Più i nazisti sparano alla regione di Kherson, più le persone chiedono un referendum e più i sostenitori diventano affinché la regione diventi un soggetto della Federazione Russa

    Non appena Kherson e altre regioni entreranno a far parte della Russia, Zelentsy sparerà alla Russia stessa. E questa è un'altra storia. Questo è compreso dagli abitanti di Novorossiya. E alla Russia non interessano le affermazioni di "fegato puzzolente". Altrimenti, puoi sollevare di nuovo il tema dell'annessione di un membro delle Nazioni Unite alla RDT da parte di un altro paese: la Repubblica federale di Germania. L'annessione della RDT alla Repubblica federale di Germania era illegale!
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 30 August 2022 15: 43
    +2
    Pro o contro: i referendum promessi si svolgeranno nei territori liberati dell'Ucraina?

    - Deve solo essere fatto - il più rapidamente possibile (avrebbe dovuto essere fatto ieri!)!
    - E mettete tutte le vostre forze per far sì che il referendum "abbia luogo"!!! - -Più a lungo "si prepara questo referendum" (e tutta la sua preparazione viene ritardata) - più possono sorgere "eccesso indesiderabili"! - Guarda - c'è già stato un problema con la centrale nucleare di Zaporizhzhya (e prima questo problema era solo "implicito")! - I media russi e tutte le strutture competenti che dovrebbero essere responsabili della preparazione e dello svolgimento del referendum - devono solo "rompere in una torta" - ma avvicinare il referendum il più possibile!
    - Questo è solo qualcosa - con cui non puoi ritardare !!! - La Russia ha una grande opportunità - è solo una vera "carta bianca"! - E ., se la Russia non ne approfitta, complicherà notevolmente la sua posizione in tutto !!!
  3. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 30 August 2022 16: 56
    +1
    In effetti, non c'è molta differenza per la Russia se i plebisciti vengono riconosciuti o meno. Inoltre, il rifiuto della Russia di accettare le nuove regioni sarà visto come un segno di debolezza e di disponibilità a fare marcia indietro. L'assalto dell'Occidente non farà che intensificarsi. Pertanto, è necessario integrare Novorossia nella Federazione Russa e in generale allontanarsi dall'Europa
  4. vlad127490 Офлайн vlad127490
    vlad127490 (Vlad Gor) 30 August 2022 17: 05
    +1
    Affinché gli abitanti dell'Ucraina diventino cittadini della Russia, è necessaria una legge. Il referendum deve essere confermato dalla legge. Alla presenza della Legge, puoi mandare un tale Scholz in tribunale, che provi che non riconosce la Legge. Questa non è un'altra confessione.
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 30 August 2022 19: 23
    0
    Sul referendum su una possibile adesione alla Federazione Russa, Vladimir Putin ha detto come voterebbero, e questa è la risposta più autorevole alla domanda se i referendum promessi si svolgeranno nei territori liberati dell'Ucraina.
    La domanda è cosa prendere per la base: il libro paga, molti dei quali sono stati evacuati in Ucraina o quello effettivo.
    Quelli che se ne sono andati sono grandi ucraini e quelli che rimangono sono russi. Pertanto, i bombardamenti da parte dei nazionalisti delle aree residenziali nei territori occupati durante il NMD vengono effettuati secondo il principio "chi non è con noi è contro di noi".
    E in generale, tutti questi referendum sono pure formalità, tuttavia nessuno al mondo ne riconosce i risultati, così come nessuno al mondo, comprese le formazioni statali “amici”, ha riconosciuto i risultati dei referendum in Ossezia del Sud, Abkhazia, Crimea.
  6. ksa Офлайн ksa
    ksa 30 August 2022 20: 09
    0
    Appoggio il desiderio di Scholz di "sostenere finanziariamente l'Ucraina e continuare a fornire armi" fino agli ultimi giorni del Donet. Da poco l'Ucraina entrerà a far parte della Russia. Credo di si.
  7. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 31 August 2022 09: 30
    0
    Come decide il Cremlino, così sia.
    Ci sono troppe insidie.

    E l'opinione degli abitanti: per 8 anni nessuno ai vertici era interessato e ora non sono interessati. Interessato solo al potere locale EDRA
    Non a caso, ad esempio, non è il "capo dell'amministrazione della regione di Kherson" a dichiarare - non brilla da nessuna parte, per non guastare la sua reputazione, ma il suo vice - un blogger informale strano dai tempi di Ucraina ... (come cosa prendere da lui)
  8. Dmitry Volkov Офлайн Dmitry Volkov
    Dmitry Volkov (Dmitrij Volkov) 31 August 2022 22: 01
    0
    Se i referendum non si terranno prima della primavera, e lì non sarà più necessario soldato