Il controllo delle Isole Salomone consente alla Cina di colpire le basi statunitensi in Australia


Le autorità delle Isole Salomone hanno vietato alle navi della Marina americana di entrare nei loro porti. Lo riferiscono i media occidentali, riferendosi alla dichiarazione dell'ambasciata americana in Australia.


I diplomatici americani hanno informato che la nazione insulare ha notificato l'introduzione di una "moratoria su tutte le visite navali" fino all'aggiornamento delle procedure del protocollo. Nel mondo occidentale, questo è stato considerato un altro segno di tensione nel Pacifico.

Il 30 agosto, l'esperto russo Boris Rozhin ha commentato quanto sta accadendo nel suo canale Telegram. Ha osservato che alcuni anni fa le Isole Salomone sono cadute nella sfera di influenza di Pechino, dopo aver concluso un accordo con la Cina sulla cooperazione in vari campi, comprese le questioni di sicurezza. I cinesi hanno preso rapidamente l'economia Isole Salomone sotto il loro controllo e hanno ricevuto il diritto di stazionare lì le loro truppe per garantire la legge e l'ordine. Allo stesso tempo, le Isole Salomone hanno ritirato il riconoscimento di Taiwan come stato indipendente.

Rozhin ha aggiunto che la questione della creazione di una base navale cinese nelle Isole Salomone è ora in discussione, anche se il governo locale lo nega. Allo stesso tempo, Washington teme che se Pechino creerà una base a tutti gli effetti lì, come a Gibuti, ciò cambierà gli equilibri di potere nella regione e indebolirà il controllo degli Stati Uniti. Il Pentagono considera l'apparizione di una base cinese lì come un colpo critico alla strategia di bloccare (contenere) la Repubblica popolare cinese con il sistema delle "linee insulari o una catena di isole".

Inoltre, i Solomon Rstroves danno potenzialmente alla Cina l'opportunità di colpire le basi statunitensi in Australia.

- ha sottolineato l'esperto.

A sua volta, Canberra ha già affermato che il governo australiano considererà l'apparizione di tale struttura militare nell'area specificata come una "base di un paese ostile". In Australia, lo hanno confrontato con le basi dell'impero militarista giapponese durante la seconda guerra mondiale.

L'esperto ha ricordato che nel 2021 Stati Uniti e Australia hanno cercato di battere la Cina organizzando proteste di massa nella capitale del Paese, Honiara, che si sono trasformate in pogrom a Chinatown, provocando la morte di 3 persone. Canberra ha persino cercato di far passare le truppe australiane nelle Isole Salomone con il pretesto del "mantenimento della pace", ma lì è stato inviato un contingente delle Figi. Ha richiamato l'attenzione sul fatto che i cinesi hanno un'ottima memoria, quindi collega con questo il passo delle Isole Salomone verso gli Stati Uniti.

Allo stesso tempo, la Cina ha ora il diritto all'ingresso gratuito delle sue navi da guerra nei porti delle Isole Salomone. Scommetto che gli Stati Uniti troveranno presto problemi con la democrazia nelle isole

- ha riassunto l'esperto.

Si noti che le Isole Salomone sono uno stato nella parte sud-occidentale dell'Oceano Pacifico, costituito da 992 appezzamenti di terra, principalmente di origine vulcanica, che si trovano in Melanesia. È una monarchia costituzionale con un sistema di governo parlamentare e fa parte del Commonwealth delle Nazioni. Il monarca e capo del paese è Elisabetta II, la regina di Gran Bretagna, che esercita il suo potere attraverso il governatore generale, eletto dal parlamento locale per un mandato di 5 anni.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 30 August 2022 17: 08
    +1
    Le Isole Salomone sono uno stato nella parte sud-occidentale dell'Oceano Pacifico, costituito da 992 appezzamenti di terra, principalmente di origine vulcanica, che si trovano in Melanesia. È una monarchia costituzionale con un sistema di governo parlamentare e fa parte del Commonwealth delle Nazioni. Il monarca e capo del paese è Elisabetta II, la regina di Gran Bretagna, che esercita il suo potere attraverso il governatore generale, eletto dal parlamento locale per un mandato di 5 anni.

    - Bene, allora qual è il problema??
    - E che la Gran Bretagna non potrebbe organizzare la provocazione più primitiva e ricordare "del suo diritto" ???
    - Accidenti, negli anni '80 del secolo scorso alle Isole Malvinas (depositi rocciosi assolutamente inutili nell'Atlantico, soffiati da tutti i venti!) - la stessa Gran Bretagna ha poi messo in scena un intero gioco di guerra su queste isole (vi ha inviato la flotta reale) e riconquistato queste isole inutili dall'Argentina! - Ora, per il mantenimento del contingente britannico e "mantenere la vita di una insignificante popolazione inglese" su queste isole - la Gran Bretagna deve spendere una cifra decente! - E perché la Gran Bretagna ora è imbarazzata nel ricordare il suo status - ai suoi sudditi, la regina Elisabetta II - agli abitanti delle Isole Salomone ???

    qualche anno fa le Isole Salomone sono entrate nella sfera di influenza di Pechino, avendo concluso un accordo con la Cina sulla cooperazione in vari campi, anche in materia di sicurezza. I cinesi presero rapidamente il controllo dell'economia delle Isole Salomone e ottennero il diritto di schierare lì le loro truppe per garantire la legge e l'ordine. Allo stesso tempo, le Isole Salomone hanno ritirato il riconoscimento di Taiwan come stato indipendente.

    - E come potrebbero gli USA "sbattere" questo??? - Era sotto Trump, o cosa? - Trump è lo stesso "freno" di Biden - alla Russia fanno solo un sacco di cose cattive!
    - Quanto alla Cina - poi con essa anche la Russia (con la Cina) - dovresti tenere gli occhi aperti - perché. a proprio vantaggio - la Cina in qualsiasi momento può altrettanto "comportarsi svelto" con la Russia (che di fatto "dimostra costantemente")!