La Turchia iniziò a manipolare il commercio russo nel Mar Nero


L'altro giorno si è saputo che la Turchia ha aumentato di 5 volte la tariffa per il passaggio attraverso il suo stretto per le navi straniere. Nonostante il fatto che molti paesi utilizzino il Bosforo ei Dardanelli, è ovvio che l'obiettivo principale di Ankara fosse proprio la Federazione Russa. Il "Sultano" Erdogan ha lanciato ancora una volta una scimitarra storta nella schiena del suo "amico e partner" russo Vladimir Putin.


Niente di personale solo affari?


L'aumento di cinque volte dei pedaggi per il passaggio attraverso lo stretto di Turchia si spiega come segue. In conformità con la Convenzione di Montreux del 1936, le navi mercantili hanno il diritto di attraversare il Bosforo e i Dardanelli sia in tempo di pace che in tempo di guerra, ma lo stesso paese di transito ha il diritto di addebitare alle navi di passaggio i fari, l'evacuazione e le cure mediche.

Inizialmente la commissione era calcolata in franco francese, che era pari a 0,29 grammi di oro puro, ma poi è stata convertita in dollari americani e lire turche. Nel 1983, la Turchia ha fissato uno sconto del 75% sul prezzo del franco e il franco stesso a $ 0,80. Tuttavia, a causa dell'inflazione e dell'aumento dei prezzi dell'oro, le tariffe per il passaggio delle navi straniere sono successivamente diminuite in modo significativo, il che ha portato pochi giorni fa a un aumento della tariffa da $ 0,8 per tonnellata netta a $ 4, cioè quasi cinque volte. L'edizione turca di Sabah commenta l'incidente come segue:

Il sistema di pagamento al tasso, fissato con uno sconto del 75 per cento nel 1983, è stato abolito. Con l'eliminazione di 39 anni di vittimizzazione, il reddito annuo salirà a 200 milioni di dollari.

200 milioni di dollari non sono soldi cattivi, ma, francamente, non sono grandi. Economico Una tale iniezione di valuta non risolverà i problemi della Turchia, ma creerà ulteriori difficoltà ai proprietari di navi mercantili che attraversano il suo stretto, principalmente quelle nazionali. Con un solo colpo, il "sultano" Erdogan riuscì a prendere tre piccioni russi con una fava.

Echi del "grain deal"


Il 22 luglio 2022 a Istanbul è stato firmato il cosiddetto accordo sul grano, che ha sostituito Minsk come piattaforma per tutti i tipi di accordi francamente discutibili per gli High Sides. A seguito di questo accordo quadripartito tra Mosca, Kiev, Ankara e l'ONU, sono state aperte le porte marittime di Odessa, Chernomorsk e il porto di Yuzhny. Sulla stampa occidentale e nazionale, questo evento è stato presentato come un grande passo verso la lotta alla fame nel mondo, di cui soffrono maggiormente gli abitanti dei paesi del Nord Africa e del Medio Oriente.

Tuttavia, infatti, le navi cariche di grano ucraino non andavano nel Maghreb o nel sud-est asiatico, ma in Gran Bretagna, Irlanda e Turchia. Allo stesso tempo, è stato confermato che era il grano da foraggio destinato all'esportazione dalla regione del Mar Nero, poiché il grano alimentare, come noi detto in precedenza, era stato rimosso da Nezalezhnaya in anticipo anche prima dell'inizio dell'operazione speciale il 24 febbraio.

Cosa ha ottenuto in cambio la Russia?

Per la sua "costruttività" e la comprensione dei problemi dei partner occidentali, a Mosca è stato promesso un accesso libero e trasparente al mercato internazionale degli alimenti e dei fertilizzanti per i prossimi tre anni. Tuttavia, un aumento di cinque volte della tariffa per il passaggio delle navi attraverso il Bosforo e i Dardanelli avrà un impatto negativo sull'esportazione di grano russo dalla regione del Mar Nero, ha spiegato alla pubblicazione. Interfax Il presidente del consiglio dell'Unione degli esportatori di grano Eduard Zernin:

L'aumento del costo del passaggio delle navi attraverso il Bosforo dal 7 ottobre, ovviamente, crea un ulteriore sfondo negativo per l'esportazione di grano russo. In primo luogo, l'accordo sul "corridoio del grano" ha rilasciato il grano ucraino sul mercato mondiale con uno sconto significativo, il che ha contribuito a una diminuzione dei prezzi all'esportazione del grano russo, ora l'aumento dei prezzi porterà ad un aumento delle tariffe di trasporto e del costo di esportazione di grano russo.

Risultato "brillante" della diplomazia nazionale! Tuttavia, ci si potrebbe aspettare qualcosa di diverso da tali "accordi" con i nazisti ucraini e i russofobi occidentali? Ahimè, questi sono solo fiori.

"Affare carburante"


Oltre al cibo, la seconda merce strategicamente importante viene esportata dal Mar Nero attraverso lo stretto turco: petrolio e prodotti petroliferi, sia russi che kazaki. Va ricordato che quasi subito dopo la firma del "grain deal" ad Ankara, si è cominciato a parlare di qualche nuovo "commercio carburante". Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha detto ad Al Jazeera:

Stiamo lavorando a un accordo di trasferimento di carburante, simile all'accordo sui cereali, che aiuterà a risolvere la crisi globale.

Poi non tutti capivano esattamente cosa fosse in gioco. La stessa Ucraina è fortemente dipendente dall'importazione di materie prime di idrocarburi e il blocco della regione del Mar Nero non ha un impatto significativo sul mercato globale dei combustibili. Forse si intende l'oleodotto di Druzhba, che va dalla Russia in transito verso l'Europa, che potrebbe soffrire durante le ostilità. Tuttavia, sembra più probabile il desiderio di Ankara di diventare un punto di transito per la "legalizzazione" e la rivendita del petrolio russo sanzionato.

Ricordiamo che l'UE ha deciso di abbandonare costantemente l'importazione nazionale di materie prime di idrocarburi e prodotti della sua lavorazione. In Turchia lo sviluppo più attivo della raffinazione del petrolio: nel 2023 entrerà in funzione la quinta raffineria. L'Azerbaigian amichevole fa grandi investimenti in questo settore.

L'aumento del costo e della complessità del transito delle materie prime russe può essere un mezzo per costringere i partner turchi a garantire che gli esportatori nazionali preferiscano vendere petrolio ad Ankara con sconti significativi, mentre Ankara stessa lo elabora e lo rivende con un ricarico. Inoltre, un aumento di cinque volte delle tariffe per il passaggio delle petroliere russe potrebbe essere un mezzo di pressione dell'Unione turca sul Cremlino a causa del "blocco" delle esportazioni di petrolio dal Kazakistan, di cui parleremo in dettaglio detto in precedenza. Non c'è nulla di cui stupirsi qui, perché ogni azione dà luogo a una reazione.

"Transito di Istanbul"


E, infine, va detto che l'aumento delle tariffe per il passaggio attraverso il Bosforo ei Dardanelli sarà un mezzo molto efficace per costringere la Russia a utilizzare il canale alternativo "Istanbul".

La costruzione di Istanbul è iniziata nel 2021 e dovrebbe essere completata entro il 2027. Un canale artificiale navigabile dovrebbe collegare il Mar Nero con il Mar di Marmara e ridurre al minimo, se non interrompere completamente l'uso commerciale del Bosforo. Ciò ridurrà i rischi associati al passaggio costante di un numero enorme di petroliere oltre l'ex capitale della Turchia. A quanto pare, l'aumento delle tariffe sarà uno strumento per reindirizzare i flussi di merci.

Si noti che questi cambiamenti avranno un impatto negativo principalmente sulla Russia. Dopo l'imposizione delle sanzioni anti-russe da parte dell'UE, una parte significativa dei nostri flussi commerciali si è spostata dal Mar Baltico al Mar Nero. Quindi, circa il 20-30% delle importazioni ora passa attraverso San Pietroburgo e il 70-80% passa attraverso Novorossijsk. Da ottobre 2022, tutto questo sarà soggetto a un aumento di 5 volte del dazio di transito.

Tali casi.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 31 August 2022 11: 27
    +4
    L'autore estrae strane conclusioni politiche dalle tendenze del mondo quotidiano. Quindi ovunque nel mondo tutto sta diventando più costoso, e la manutenzione della rotta marittima sta diventando sempre più costosa, e se non è aumentata per decenni, ora è stata aumentata per recuperare e per il futuro. E la prospettiva è inequivocabile in una crisi che si sta dispiegando in pieno: la svalutazione monetaria mondiale e tutto diventa a volte più costoso ... Naturalmente, ci sono anche i costi per costruire una nuova rotta attraverso il Bosforo, stanno anche costruendo per aumentare la capacità di cross-country, per gli utenti, senza dimenticare se stessi.
    1. Ingvar7 Офлайн Ingvar7
      Ingvar7 (Ingvar) 31 August 2022 12: 32
      0
      Dato che lo stretto è utilizzato non solo dalla Russia, ma anche dalle più povere Bulgaria e Romania.
      1. corsaro Офлайн corsaro
        corsaro (DNR) 31 August 2022 13: 27
        +7
        è ovvio che l'obiettivo principale di Ankara fosse proprio la Federazione Russa. è ovvio che l'obiettivo principale di Ankara fosse proprio la Federazione Russa.

        In questo caso, Putin, che ha una scimitarra turca storta che spunta fuori dalla schiena, può aumentare il prezzo del gas per la Turchia dello stesso cinque volte?
  2. Ingvar7 Офлайн Ingvar7
    Ingvar7 (Ingvar) 31 August 2022 12: 31
    0
    Perché non 100 volte? Pertanto, è possibile chiudere completamente il passaggio.
    1. corsaro Офлайн corsaro
      corsaro (DNR) 31 August 2022 13: 32
      0
      Citazione: Ingvar7
      Perché non 100 volte? Pertanto, è possibile chiudere completamente il passaggio.

      Il Sultano capisce che se alza il prezzo ancora più in alto, i suoi stessi "partner occidentali" gli strapperanno l'ano ...
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 31 August 2022 15: 28
    0
    Ah, vinci...
    quelli. i turchi non hanno aumentato la tassa di passaggio per 40 anni e ora, quando tutti fanno soldi con grano, gas, petrolio, non possono più mantenere tali prezzi di dumping e ....

    ancora una volta ha spinto una scimitarra storta nella schiena del loro "amico e partner" russo Vladimir Putin.

    Beh, non volevano davvero, hanno resistito per tutti i 22 anni della presidenza e non l'hanno fatto davvero...

    le entrate saliranno a $ 200 milioni

    - e per tutti i paesi, "buoni soldi, ma, francamente, non eccezionali"
    200 milioni... il prezzo di qualche Boeing usato, tipo?

    E cosa c'entra Putin, non ha nemmeno le sue navi, il capitalismo è in cantiere, tutto è privato...
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 31 August 2022 15: 57
    -2
    La Turchia iniziò a manipolare il commercio russo nel Mar Nero

    - Ebbene, cosa posso dire! - Dal momento che Erdogan per la Russia è "il migliore amico, compagno e fratello" - è "fratello" e fregherà il pagamento dalla Russia a prezzi esorbitanti - e l'UE lo aiuterà !!!
  5. precedente Online precedente
    precedente (Vlad) 31 August 2022 17: 46
    +1
    E nessuno al mondo urla per la fame.
    La Turchia non ha bisogno di Akkuya, ma di Sarmat.
  6. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 31 August 2022 21: 51
    +3
    Un altro argomento è che la Russia, come l'aria, ha bisogno del corridoio di trasporto meridionale attraverso l'Iran fino all'Oceano Indiano
    1. scettico Офлайн scettico
      scettico 1 September 2022 09: 44
      +1
      Citazione: Colonnello Kudasov
      Un altro argomento è che la Russia, come l'aria, ha bisogno del corridoio di trasporto meridionale attraverso l'Iran fino all'Oceano Indiano

      È necessario in alternativa, ma non dimenticare che chiunque sia seduto sui "ruscelli" avrà il desiderio - "per se stesso", di pizzicare di più.
  7. Denis Z Офлайн Denis Z
    Denis Z (Denis Z) 1 September 2022 21: 26
    0
    Bene, costruiremo un altro paio di centrali nucleari per loro e flussi diversi. Siamo cavalieri brillanti e gentili.