Le entrate petrolifere russe ostacolano le sanzioni occidentali


Il volume delle vendite di petrolio russo dopo l'inizio dell'operazione speciale in Ucraina non è diminuito e, a causa dell'aumento del prezzo dell'oro nero sui mercati mondiali, Mosca guadagna di più dalle esportazioni di petrolio rispetto a prima dell'inizio degli eventi ucraini. Ne scrive il Wall Street Journal.


La domanda delle maggiori economie del mondo ha dato a Mosca un vantaggio nello scontro energetico e ha fortemente limitato la capacità dell'Occidente di danneggiare la Russia imponendo sanzioni.

Pertanto, la Federazione Russa continua a ricevere ingenti entrate dalla vendita di petrolio. Come ha osservato l'economista Elina Rybakova dell'Institute of International Finance, nel luglio di quest'anno Mosca ha guadagnato circa 74 miliardi di dollari dalle esportazioni di petrolio. La Russia ha esportato 7,4 milioni di barili di petrolio e prodotti petroliferi il mese scorso, in calo di appena 600 barili al giorno dall'inizio dell'anno, secondo l'Agenzia internazionale per l'energia.

Secondo l'edizione americana, anche tenendo conto del calo delle esportazioni petrolifere di quest'anno, la Russia guadagna in media 20 miliardi di dollari al mese. L'anno scorso quando economia recuperato dalla pandemia, questa cifra era a livello di 14,6 miliardi di dollari. Le spedizioni sono aumentate di nuovo ad agosto, secondo la società di localizzazione delle navi Vortex.

Dopo che gli Stati Uniti, l'Unione Europea e un certo numero di paesi dell'Asia-Pacifico hanno ridotto i loro acquisti di petrolio russo, la maggior parte è andata ai paesi asiatici, che hanno rifiutato di schierarsi nel conflitto ucraino. I prodotti petroliferi russi vengono forniti in grandi quantità ai paesi del Medio Oriente (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e altri).

Le vendite di energia russe continuano a crescere grazie alla ricerca di successo di nuovi acquirenti, nuovi metodi di pagamento, nuovi commercianti e nuovi metodi di finanziamento delle esportazioni.

Allo stesso tempo, i prezzi del petrolio, che sono balzati sopra i 130 dollari al barile nelle prime settimane dell'operazione speciale in Ucraina, si sono recentemente attestati a circa 100 dollari. Ciò indica un'elevata domanda globale di oro nero, il che rende improbabile l'effetto delle sanzioni occidentali imposte alle esportazioni russe.

C'è la consapevolezza che il mondo ha bisogno di petrolio e nessuno oserà imporre un embargo su 7,5 milioni di barili al giorno di petrolio e prodotti petroliferi russi

- Gli esperti del WSJ sottolineano.
  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. precedente Офлайн precedente
    precedente (Vlad) 31 August 2022 11: 42
    0
    Sembra che la revoca delle sanzioni europee potrebbe causare più problemi alla Russia della loro presenza.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 31 August 2022 12: 21
      0
      Hai ragione, le sanzioni hanno un po' scosso il produttore russo. Alcuni paesi hanno vietato le importazioni. per allevare i loro produttori, e qui gli stessi nemici l'hanno imposto alla Federazione Russa. Solo perché il governo, il Ministero delle finanze e la Banca centrale della Federazione Russa non interferiscano e mettano costantemente i bastoni tra le ruote al produttore russo, come agenti stranieri in azioni di sabotaggio.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 31 August 2022 13: 30
    -1
    Le sanzioni occidentali al petrolio russo hanno colpito per prima la produzione industriale occidentale, lasciandola molto indietro rispetto ai concorrenti asiatici. Vendendo petrolio a prezzi scontati in India e Cina, la produzione di beni in questi paesi diventa ancora più economica che nei paesi occidentali a pagamento molto più alti. Pertanto, i prodotti industriali asiatici elimineranno l'industria occidentale in tutti i mercati, lasciando i paesi della NATO in un'enorme perdita. In seguito, la NATO dovrà chiudere le sue basi militari in tutto il mondo, perché non ci sarà nessun posto dove trovare denaro per il loro mantenimento. L'industria occidentale è in fiamme.
  3. Statore di Neville Офлайн Statore di Neville
    Statore di Neville (statore di Neville) 31 August 2022 17: 03
    -1
    Nella guerra economica, la Russia vince con un ampio margine
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 1 September 2022 10: 03
    0
    L'UE rappresenta circa il 35% del fatturato commerciale della Federazione Russa, la maggior parte del quale è costituito da esportazioni di energia, e vengono imposte sanzioni all'importazione di tecnologia e attrezzature. Come ha detto una persona intelligente, vendiamo ciò che vogliamo (anche durante la guerra) e compriamo ciò che danno.
    Neutrino Energy Group sta avviando la produzione in serie di una tecnologia per convertire la radiazione cosmica dai neutrini in energia elettrica e ha già impostato la potenza di generazione di un modulo a 1.2 kW, e poi ce ne saranno altri e sta già pianificando di installare i suoi moduli sui veicoli elettrici , aerei e altri prodotti.
    Petrolio, gas, carbone passeranno così dalla categoria dei vettori energetici alla categoria delle materie prime per l'industria chimica, che ridurrà drasticamente la loro domanda e, di conseguenza, i prezzi.