A proposito di perdite durante i combattimenti


Una delle questioni più dolorose per quanto riguarda l'operazione speciale della Federazione Russa in Ucraina è la questione del rapporto tra le perdite militari delle parti. Poche cose sono soggette a più speculazioni delle perdite di combattimento in manodopera, armamenti e tecnica. I rappresentanti di entrambi gli stati pubblicano principalmente le perdite dei nemici come ufficiali, mentre esperti, "centri analitici" e agenzie di intelligence di altri paesi forniscono stime non ufficiali. Tutte le figure sono al massimo politicamente di parte. Nessuno dall'esterno sta cercando di capire il quadro reale di ciò che sta accadendo, e questo è impossibile da fare, seduto a centinaia e migliaia di chilometri di distanza, anche se stai osservando il corso delle ostilità dallo spazio. Inoltre, anche le parti in conflitto hanno solo un'idea approssimativa delle reciproche perdite; da un punto di vista operativo-tattico, è importante che tengano conto non di numeri specifici di perdite, ma della condizione generale di un unità particolare.


Naturalmente, il governo ucraino ha una cifra più o meno precisa delle proprie perdite e le autorità della LDNR e della Federazione Russa hanno le proprie, ma questi dati non saranno resi pubblici, principalmente a causa della dolorosa reazione dell'opinione pubblica .

Teoria delle vittime di guerra


Dal punto di vista della teoria militare, le perdite sono l'inevitabile perdita di mezzi e forze per condurre operazioni di combattimento. Per ogni battaglia, per ogni linea, per ogni azione, si deve pagare un prezzo con equipaggiamenti, salute e vite di soldati e ufficiali. Dal punto di vista militare, quando si pianificano le operazioni di combattimento, vengono prese in considerazione le perdite consentite, in base alle quali è possibile completare la missione di combattimento. Il superamento delle perdite consentite porta all'impossibilità di eseguire una missione di combattimento a causa dell'esaurimento del potenziale offensivo o difensivo, o all'inopportunità di eseguire questa particolare missione di combattimento per ragioni tattiche o strategiche. Inoltre, è proprio l'eccesso di una certa misura di perdite nemiche che porta a una violazione dell'organizzazione dell'esercito e delle sue formazioni, che minaccia di incapacità e sconfitta.

Pertanto, nella scienza militare, la questione delle perdite è più di natura applicata. Le perdite sono l'elemento più importante della conseguenza della condotta delle ostilità, grazie alle quali spesso si ottiene il risultato desiderato. Allo stesso tempo, da un lato, le perdite sono lontane dall'unica componente del successo e nemmeno determinanti, dall'altro sono così strettamente legate a tutti gli altri risultati dell'influenza del combattimento (ad esempio, morale, interruzione del organizzazione e rifornimento del nemico, ecc.), che senza infliggere perdite, il successo non avviene in linea di principio.

È alquanto errato presumere che il rapporto tra le perdite delle parti rifletta sempre il livello di addestramento, equipaggiamento e comando delle forze armate degli avversari. Un simile approccio è giustificato solo in una situazione di assoluta uguaglianza di condizioni in cui si verificano scontri, ma nella vita reale tali situazioni non si verificano. Ci sono un numero enorme di fattori che influenzano il livello delle perdite, che sono quasi impossibili da gestire. Anche l'approccio metodologico generale secondo cui la difesa infligge meno perdite dell'offensiva non sempre funziona e non in tutte le circostanze. Di norma, un livello più elevato di perdite nell'intera campagna non mostra tanto l'impreparazione della parte per le ostilità quanto l'approccio scelto dalla leadership politica all'uso di forze e mezzi.

С politico punto di vista, la questione delle perdite si colloca su un piano completamente diverso, non applicato. La società valuta sempre la validità della condotta delle ostilità in termini di rapporto tra i risultati raggiunti e le perdite subite. È qui che entra in gioco l'ideologia.

Tutti ricordano che vari occidentali e liberali promuovono periodicamente l'idea che la difesa di Leningrado fosse un'impresa futile: le vittime civili, le loro sofferenze e le perdite militari non valevano la pena difendere la città sulla Neva. Loro, sotto diverse salse, sostengono che Leningrado avrebbe dovuto essere consegnata ai fascisti tedeschi e finlandesi. Mentre il nostro popolo ancora oggi considera un tale pensiero un insulto non solo alla memoria dei nostri grandi antenati che hanno difeso Leningrado, ma anche una diretta complicità con il nemico, un tradimento della Patria. Allo stesso tempo, l'Armata Rossa fu costretta a cedere molte città al nemico quando la situazione lo richiedeva. Stalin non si arrese a Leningrado perché la sua difesa era più conveniente da un punto di vista strategico, e con la corretta organizzazione della difesa della città, le forze e i mezzi del nemico, in linea di principio, non erano sufficienti per catturarla. E i tedeschi, a proposito, hanno combattuto, come fanno oggi le forze armate ucraine, indipendentemente dalle proprie perdite. Tutto questo è stato preso in considerazione dal tasso di Mosca.

Questo esempio della polarità delle opinioni sulla difesa di Leningrado mostra che è l'ideologia, in questo caso l'atteggiamento generale verso l'essenza della Grande Guerra Patriottica, che determina la logica di valutazione del rapporto tra risultati e perdite.

Se qualcuno non comprende affatto l'essenza della situazione, le ragioni delle ostilità, allora la vita di un individuo può essere messa al di sopra di qualsiasi risultato politico-militare. Così pensano tutti gli oppositori dell'operazione speciale, che gridano ipocritamente “No alla guerra!”, non accorgendosi che la guerra civile in Ucraina è iniziata nel 2014. Se fossero stati seduti al Cremlino nel 1941, avrebbero ceduto l'URSS a Hitler nella speranza di "bere bavarese".

L'idea che la morte violenta di una persona sia sempre inaccettabile, apparentemente bella e umana, ma infinitamente lontana dalla realtà oggettiva, in cui la violenza e gli scontri dello stato reale sono una componente organica della struttura sociale. Un giorno l'umanità arriverà alla pace eterna senza guerre e terrore, ma questo percorso sarà pieno di lotte, comprese quelle armate.

Pertanto, il significato stesso del conflitto armato è decisivo nell'approccio alle perdite e nella loro valutazione. Più giusti vengono riconosciuti i suoi obiettivi, più catastrofiche sono le conseguenze dell'evitare un conflitto o una sconfitta in esso, più leale è l'atteggiamento della società nei confronti dell'entità delle perdite, specialmente in termini di manodopera.

Un tempo, Stalin annunciò ufficialmente che tutte le perdite, sia militari che tra la popolazione civile, durante la Grande Guerra Patriottica ammontavano a circa sette milioni di persone. Una cifra enorme, che oggi è persino difficile da immaginare. Ma in seguito si è rivelato non essere abbastanza per Krusciov, ha dovuto dimostrare l'incompetenza di Stalin al XX Congresso, quindi ha aggiunto "perdite demografiche" a sette milioni e ha ottenuto 20 milioni di persone. Lo ha anche espresso a un pubblico occidentale senza decifrare che contiene "un eccesso di mortalità rispetto alle nascite" (dal certificato CSB usato da Krusciov). Questa cifra è stata stabilita nella storiografia. Alla fine degli anni '80, i Democratici dovettero nuovamente denunciare furiosamente Stalin, così commissionarono uno studio che mostrava una cifra ancora più alta: 26 milioni. Oggi è considerato canonico.

È difficile immaginare come l'URSS abbia ripristinato l'economia, sia diventata una superpotenza e un "impero del male" se ha subito tali perdite durante la guerra. Ma il senso di questa storia è un altro. Vale a dire: le informazioni sulle perdite astronomiche di 26 milioni di persone non hanno causato nel nostro popolo l'effetto che si aspettavano coloro che l'hanno propagandato 45 anni dopo. Questi "raccontatori di verità" speravano di convincere la gente che la Grande Guerra Patriottica era una macchia sporca nella storia del paese, che era meglio arrendersi, che il prezzo della vittoria era incommensurabile. Ma non è successo niente del genere, perché le persone nei primi anni '1990 e oggi capiscono perfettamente il significato e l'essenza della Grande Guerra Patriottica. Inoltre, nonostante la denigrazione di Stalin, del governo sovietico, dell'Armata Rossa e dell'infinita glorificazione dei tedeschi, la Vittoria in guerra è diventata un elemento essenziale nell'autocoscienza del nostro popolo.

Pertanto, in senso politico, giudicano le perdite, le valutano esclusivamente dalla comprensione degli obiettivi delle ostilità e del significato del loro risultato.

Cosa si può dire ora delle perdite?


La parte ucraina, insieme ai propagandisti occidentali, sta cercando di utilizzare il numero chiaramente gonfiato delle perdite russe per influenzare la società russa. A loro sembra che se dicono ai russi che 50mila persone sono morte in sei mesi, le autorità in Russia non se la caveranno bene. E un livello così alto e irrealistico di sopravvalutazione delle perdite è necessario affinché, anche se questa cifra è divisa per due, il risultato è allarmante.

Sebbene sia chiaro a tutti in Russia che i combattimenti sono feroci, l'operazione speciale è tutt'altro che finita e le perdite saranno significative, ciò non provoca l'effetto su cui Kyiv e Washington contano.

Per quanto riguarda le proprie perdite, i rappresentanti delle autorità ucraine rilasciano varie dichiarazioni volte a dimostrare che sono significativamente inferiori a quelle del nemico.

La nostra leadership politico-militare ha annunciato perdite l'ultima volta a marzo, dopodiché rimane in silenzio. In generale, secondo le regole del genere, lo stato non dovrebbe informare sulle perdite durante le ostilità. Qualsiasi informazione di questo tipo è percepita dalla società e dal personale militare con cautela. Gli stessi partecipanti alle ostilità sono ben consapevoli del "prezzo" che deve essere pagato per l'esecuzione di missioni di combattimento, soprattutto perché il comando lo sa. E nessun numero dirà nulla alle persone in fondo. La vita umana non ha prezzo in ogni caso.
40 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Davydov (Alex) 1 September 2022 20: 44
    +5
    Parlando di perdite, bisogna tenere conto di un altro fattore. Si è mostrato anche nella questione della detenzione di Leningrado.
    È noto come i tedeschi trattarono i russi: consideravano la nostra nazione inferiore e soggetta a una distruzione quasi completa, ad eccezione degli schiavi, che erano necessari in una certa quantità dai proprietari terrieri tedeschi. I nazisti volevano radere al suolo la città di Lenin e costruire un bacino idrico al suo posto. Gli abitanti sarebbero stati massacrati. Pertanto, le perdite del blocco hanno comunque ridotto le nostre perdite complessive, per non parlare del vantaggio morale di affermare la nostra superiorità sul nemico, e non l'insignificanza davanti a lui.
    C'è una guerra, e c'è qualcosa dopo.
    Questo DOPO significava per la Russia campi di concentramento della morte tedeschi in tutto il paese. Così come la vittoria degli americani su di noi ora, per quanto strano possa sembrare ad alcuni. In Occidente, infatti, il tema della riduzione della popolazione non verrà chiuso.
    Questo è tutto questo dovrebbe essere messo sulla bilancia della "arresa al nemico". Per un conteggio onesto delle perdite
    1. lavoratore dell'acciaio 1 September 2022 21: 26
      +1
      Ecco DOPO

      Affinché l'assassino non possa più uccidere, cosa bisogna fare? ............. Cosa abbiamo fatto negli ultimi 30 anni? Hai notato assolutamente correttamente - dopo. Questa è la parola chiave di tutto ciò che fa una persona. E ora nessuno sa cosa accadrà dopo.
      1. Alexey Davydov (Alex) 1 September 2022 22: 02
        +4
        Questo DOPO non esiste ancora, è formato dalle nostre azioni. O la nostra inazione
    2. Bulanov Online Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 2 September 2022 11: 36
      -1
      In Occidente, infatti, il tema della riduzione della popolazione non verrà chiuso.

      La Russia ha solo 145 milioni di persone rispetto ad altri paesi meno ricchi e più popolati. Pertanto, l'Occidente è stato stupido, registrando la Russia per la distruzione. Piuttosto, lui stesso può essere distrutto. E in Africa e in Asia, poiché miliardi di persone hanno vissuto, continueranno a vivere.
      1. Alexey Davydov (Alex) 2 September 2022 18: 39
        +1
        Sarà semplicemente più facile per loro iniziare con noi se siamo a loro completa disposizione. L'obiettivo principale degli Stati è il potere completo sul mondo, per ora - sulla sua parte europea
        1. Alexey Davydov (Alex) 2 September 2022 21: 38
          +1
          se siamo a loro completa disposizione

          Per coloro che non capiscono - voglio dire - se e quando ci troviamo a loro completa disposizione, completamente sfiniti, feriti e sanguinanti a causa della guerra con la NATO, in cui gli stessi Stati Uniti e i loro assistenti sono pesantemente coinvolti Ucraina
          1. Alexey Davydov (Alex) 3 September 2022 02: 15
            +2
            Il nostro nemico sono gli Stati Uniti. È impossibile scambiare un nemico, come in un negozio, con uno più facile. È solo. Tutti gli altri membri della banda sono solo uno strumento di consumo, destinato direttamente a sanguinare ed esaurire la Russia. Evitando una rissa con lui stesso, perdiamo solo tempo e fatica. Spendiamo la risorsa della sua paura delle vittorie dei nostri antenati e dei resti della nostra dignità.
            Passerà ancora un po' di tempo e non crederà nemmeno alle nostre minacce più serie contro di lui.
            1. sindacalista Офлайн sindacalista
              sindacalista (Dimon) 6 September 2022 08: 38
              0
              Il nostro nemico è intorno al perimetro del confine. Ora i 2 principali nemici hanno finalmente raggiunto un accordo sulla divisione dell'ex URSS. Gli Stati Uniti qui rivendicano influenza solo nella parte occidentale e la Cina per il resto.
    3. Muscoloso Офлайн Muscoloso
      Muscoloso (Gloria) 2 September 2022 12: 53
      +2
      I tedeschi non avevano intenzione di prenderlo. L'ordine era di far morire di fame tutti e se i civili cominciavano a lasciare la città, allora fucilarli.
      + Il Fronte di Leningrado ha incatenato un gruppo abbastanza grande di nazisti,
  2. Nord11 Офлайн Nord11
    Nord11 (Sergey) 1 September 2022 21: 04
    +1
    Ebbene, riguardo alle innumerevoli perdite della Germania, è vero solo nella fase finale della guerra e nell'agonia della Wehrmacht. Considerato come. Ogni comandante di un'unità dell'esercito ha riferito sulla validità delle perdite, altrimenti potrebbe essere facilmente retrocesso. Ricorda, se durante l'offensiva hanno incontrato una forte resistenza, sono tornati indietro e hanno chiamato artiglieria e aerei e hanno già attaccato con il supporto dei carri armati. Ebbene, non c'era l'abitudine di prendere città ad ogni costo per date significative e per il compleanno del Fuhrer..
  3. k7k8 Online k7k8
    k7k8 (vic) 1 September 2022 22: 10
    +5
    E i tedeschi, a proposito, hanno combattuto, come le forze armate dell'Ucraina oggi, indipendentemente dalle proprie perdite

    Una dichiarazione molto controversa
    1. indifferente Офлайн indifferente
      indifferente 2 September 2022 02: 24
      0
      Se i tedeschi avessero contato le loro perdite, non avrebbero dovuto radunare bambini (gioventù hitleriana) e anziani (Volkssturm) per la guerra nella fase finale della guerra. Distrutto tutti i loro uomini! E questo nonostante l'Europa intera ci abbia combattuto! E le cifre ufficiali delle perdite tedesche sono "massimali". Per fare ciò, è necessario leggere attentamente come sono stati presi in considerazione.
      1. k7k8 Online k7k8
        k7k8 (vic) 2 September 2022 10: 27
        +1
        Anche dopo la dichiarazione di guerra totale in Germania, nessuna persona impiegata nel settore reale dell'economia fu arruolata nell'esercito. Solo coloro che non erano coinvolti nel settore sono stati convocati per il Volkssturm che hai menzionato. E la Gioventù hitleriana era generalmente organizzata nel 1926 come un'organizzazione per preparare i giovani (non c'erano ragazze) per il servizio nelle forze armate. Era qualcosa come il nostro DOSAAF, ma con un pregiudizio molto aggressivo e con un pompaggio ideologico incredibilmente forte.
    2. lemeshkin Офлайн lemeshkin
      lemeshkin (lemeshkin) 2 September 2022 20: 10
      0
      Giusto. Al contrario, spesso organizzavano operazioni militari in modo troppo meticoloso, ad esempio bombardando contemporaneamente.
  4. Il commento è stato cancellato
  5. Yuri V.A Офлайн Yuri V.A
    Yuri V.A (Yury) 2 September 2022 04: 07
    +3
    Il livello delle perdite caratterizza la competenza della leadership, soprattutto quando si dichiara la priorità del mantenimento del personale. Pertanto, la trasparenza sarà evitata fino all'ultimo, potrebbero sorgere domande scomode.
  6. Pat Rick Офлайн Pat Rick
    Pat Rick 2 September 2022 06: 37
    -3
    E i tedeschi, a proposito, hanno combattuto, come fanno oggi le forze armate ucraine, indipendentemente dalle proprie perdite.

    Non ho letto oltre: non c'è bisogno di leggere tutta la feccia. Lascia che lo scrittore confronti le perdite dell'Armata Rossa e della Wehrmacht.

    Avanzammo su Rzhev attraverso i campi di cadaveri. Durante le battaglie di Rzhev, apparvero molte "valli della morte" e "boschetti della morte". È difficile per chi non c'è stato immaginare come sia un pasticcio, puzzolente sotto il sole estivo, composto da migliaia di corpi umani ricoperti di vermi. Estate, caldo, calma e avanti: una tale "valle della morte". È ben visibile e fucilato dai tedeschi. Non c'è modo di aggirarlo o bypassarlo: lungo di esso è posato un cavo telefonico - è interrotto e in ogni caso deve essere collegato rapidamente. Strisci sopra i cadaveri, e sono ammucchiati in tre strati, gonfi, brulicanti di vermi, che emettono un nauseante odore dolciastro di decomposizione dei corpi umani. Questo fetore aleggia immobile sulla "valle". L'esplosione di una granata ti spinge sotto i cadaveri, la terra trema, i cadaveri cadono su di te, inondandoti di vermi, una fontana di fetore pernicioso ti batte in faccia. Ma poi i frammenti sono volati via, tu salti in piedi, ti scrolli di dosso e di nuovo - in avanti.
    - Pëtr Mikhin. "Artiglieri, Stalin ha dato l'ordine!" Siamo morti per vincere.
    1. Dima Офлайн Dima
      Dima (Dmitry) 2 September 2022 15: 12
      0
      Lascia che lo scrittore confronti le perdite dell'Armata Rossa e della Wehrmacht

      - quindi sono noti da tempo e, tenendo conto delle perdite degli alleati della Germania, sono circa 1,1/1.
      1. Pat Rick Офлайн Pat Rick
        Pat Rick 2 September 2022 18: 06
        -1
        Stiamo parlando dei tedeschi (Wehrmacht) e non degli alleati della Germania.
        Impara a capire il significato di ciò che leggi.
        1. zenion Офлайн zenion
          zenion (zinovy) 2 September 2022 20: 41
          +1
          Tuttavia, dovresti leggere il libro "Barracks" scritto da una nave cisterna delle SS. Quando i tedeschi volevano sconfiggere l'Armata Rossa sul Kursk Bulge, non considerarono le perdite. Il comando tedesco sapeva che questo non avrebbe dato alla Germania alcuna superiorità nella guerra con l'URSS. Ciò era necessario da un punto di vista politico, anche per l'URSS. Hanno frantumato la Germania in modo tale che gli alleati occidentali dell'URSS si sono resi conto che ora è possibile intervenire dalla parte della Russia e realizzare un profitto. Gli Stati Uniti e l'Inghilterra cercarono quindi l'aiuto di Stalin contro la guerra con il Giappone. Hanno insistito fino all'ultimo, anche dopo i bombardamenti con armi nucleari. I giapponesi si arresero quando il loro esercito sulla terraferma fu distrutto dall'Armata Rossa. I tedeschi calcolarono in modo interessante le loro perdite quando non includevano tra i perduti tutti coloro che morirono il terzo giorno per ferite. Sono morti per la mancanza di cure mediche e non per il fatto che è stato ucciso dal nemico. Leggi il libro "Caserma".
          1. Il commento è stato cancellato
            1. Il commento è stato cancellato
        2. Dima Офлайн Dima
          Dima (Dmitry) 4 September 2022 17: 36
          0
          Non essere scortese e non distorcere le carte. È molto conveniente isolare tutti gli alleati e i "volontari" che hanno combattuto sul fronte orientale, e poi continuare per le enormi perdite dell'Armata Rossa. Che differenza fa se spagnoli, italiani, ungheresi, slovacchi, rumeni, finlandesi, polacchi, francesi e altri bastardi fossero nella Wehrmacht o meno, quando i nostri soldati morirono durante le battaglie con loro.
  7. Kapany3 Офлайн Kapany3
    Kapany3 2 September 2022 06: 49
    +1
    Ho scoperto qualcosa di nuovo da questo articolo: le perdite nella seconda guerra mondiale. 7 milioni di persone TOTALE. Non 20, non 27, ma solo 7 milioni.
    1. k7k8 Online k7k8
      k7k8 (vic) 2 September 2022 08: 07
      0
      La valutazione delle perdite di Stalin è la perdita in combattimento dell'esercito e della marina. Avendo espresso queste perdite, Stalin non intendeva perdite tra i civili, nei campi di concentramento, perdite sanitarie, ecc., Perché. non c'era un modo reale per valutarli in quel momento. Ma l'autore ha modestamente taciuto sulla storia dell'apparizione della valutazione delle perdite da parte di Stalin.
  8. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 2 September 2022 10: 12
    0
    E, ancora, una sorta di confusione speciale, senza dare numeri e stime.

    E i tedeschi, a proposito, hanno combattuto, come le forze armate dell'Ucraina oggi, indipendentemente dalle proprie perdite

    - anzi, una deliberata distorsione della storia ....
  9. oleg Pesotsky Online oleg Pesotsky
    oleg Pesotsky (Oleg Pesotsky) 2 September 2022 11: 14
    0
    Come stanno tutti presentando la Wehrmacht! Dicono che si sono presi cura delle persone e non si sono arrampicati su tutte le furie. Questo non ha senso. Le cifre per l'operazione di Berlino: i tedeschi sono circa 900 mila L'Armata Rossa - 1 milione. 100 mila Perdite: Armata Rossa - 75 mila irrecuperabili Wehrmacht - 300 mila prigionieri e circa 10 mila sono riusciti a fuggire nella zona alleata. Non ci sono cifre esatte per i morti. Chi è fuggito chi è stato ucciso. Ma il risultato parla da sé.
    1. k7k8 Online k7k8
      k7k8 (vic) 2 September 2022 11: 43
      -1
      Citazione: oleg Pesotsky
      Come stanno tutti presentando la Wehrmacht!

      Come ci piace pensare con un pio desiderio. Una dichiarazione imparziale dei fatti è già diventata la glorificazione del nemico.
      E cosa hai confermato con il tuo post? Il fatto che l'Armata Rossa non abbia perso una sola persona come prigioniera nell'operazione di Berlino? Sarebbe molto strano se così non fosse.
  10. kriten Online kriten
    kriten (Vladimir) 2 September 2022 11: 31
    0
    Poiché il MO è silenzioso, le perdite non sono piccole. Suona spaventato. Parlano delle perdite delle forze armate ucraine, ma sembra che da qualche parte sia necessario dividere per 2, da qualche parte moltiplicare per 3.
    1. Zafferano Офлайн Zafferano
      Zafferano (Igor) 2 September 2022 13: 07
      +1
      Pertanto, tacciono, perché per la maggioranza, sia 10mila che 50mila saranno terribili. E chi capirà (cosa auspicata dall'autore) solo dal risultato potrà valutare la validità di queste vittime. Ma secondo me, e vista la follia occidentale, finora sono molto giustificati.
  11. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 2 September 2022 12: 34
    +1
    Eventuali perdite dipendono direttamente da: il periodo imminente, il periodo preparatorio, gli scontri militari diretti - dove vengono rivelate tutte le entità e le cause delle perdite. Con una pianificazione politicamente di alta qualità, si ottengono grandi vittorie e quasi senza perdite: si tratta di vittorie politiche, ideologiche e morali senza una fase calda. La Russia potrebbe ottenere la vittoria sul nemico occidentale in Ucraina se guidata da queste leve. Sì, piccoli truffatori con poteri di autorità, come V. Surkov e altri come loro, una pianificazione politica così profonda non è all'altezza del compito, i vantaggi momentanei che in seguito si trasformano in scontri sanguinosi erano oltre la comprensione ... È anche possibile un'altra opzione, V. Surkovs e altri come loro, hanno capito le prospettive e hanno agito a scapito della Federazione Russa, ma a beneficio dei nemici (Surkov, da sua madre, Israele) ... Conclusione: ogni stato è condannato alla sconfitta se non può difendersi, sia internamente che esternamente..
  12. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
    vladimir1155 (Vladimir) 2 September 2022 15: 12
    +1
    uno strano piccolo articolo infido ..... dopo un lungo e noioso inveire sull'argomento. fino alla difesa di Leningrado, viene annunciato il numero voluto dai nazisti ..... in primo luogo, deve essere diviso per almeno dieci e si deve riconoscere che dall'inizio dell'operazione le perdite dei nazisti ammontavano a quasi 300 mila, .. e perché l'autore racconta milioni di morti nella seconda guerra mondiale non per farci credere all'ammontare delle nostre perdite gonfiate dai nazisti? il numero è chiaramente sopravvalutato perché il numero stesso dei nostri soldati è solo di 100mila coinvolti, con una superiorità 10 volte nelle armi, le nostre perdite sono essenzialmente casuali e non sistemiche, e le perdite dei nazisti sono sistemiche perché interi battaglioni vengono messi fuori combattimento con il aiuto della nostra ARTA proprio ieri quasi tremila teppisti
    1. Pat Rick Офлайн Pat Rick
      Pat Rick 2 September 2022 18: 10
      -1
      e le perdite dei nazisti sono sistemiche, perché interi battaglioni sono stati messi fuori combattimento con l'aiuto della nostra ART solo ieri quasi tremila stronzi

      Solo per me, a partire da maggio-giugno, sorge la domanda: i battaglioni delle forze armate ucraine sono come alberi nella foresta? E i "teppisti" come l'acqua nell'oceano?
      1. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
        vladimir1155 (Vladimir) 2 September 2022 18: 54
        0
        41 persone
        Secondo il Servizio statistico statale dell'Ucraina, la popolazione effettiva stimata dell'Ucraina al 1 gennaio 2022 era di 41 persone, ovvero 167 mila persone in meno rispetto allo stesso indicatore dell'anno precedente. Pertanto, il contingente di leva dell'Ucraina raggiunge i 336 milioni di persone.....
        1. Pat Rick Офлайн Pat Rick
          Pat Rick 2 September 2022 19: 43
          -2
          Avete tutti la schiuma alla bocca XNUMX ore su XNUMX, dimostrando che non ci si può fidare del Servizio statistico statale dell'Ucraina. E allo stesso tempo, ami davvero che tutti gli ucraini lavano i bagni polacchi. Decidi già se pulire i bagni polacchi o sfoltire l'esercito russo.
          1. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
            vladimir1155 (Vladimir) 2 September 2022 21: 36
            +1
            grazie per tale attenzione alla mia persona, sui bagni polacchi, questa è già un'idea di vecchia data, lo è stata, poi l'intera festa ha ripreso, lo sanno tutti in generale .... beh, anche se lava a metà i bagni, poi un altro Rimangono 3 milioni di carne da cannone con le perdite di ukrofascisti in 300- 500mila (ieri Krivonos ha confermato) per sei mesi ..... puoi ancora tagliarli a pezzetti, 2.5 anni, quindi non ci saranno davvero più maschi nel cosiddetta Ucraina. anche se penso che altri due milioni scapperanno nella Federazione Russa o nella foresta (beh, non tutti gli abitanti dell'Ucraina sono stupide pecore), si scopre che le riserve dell'APU si prosciugheranno completamente entro dicembre 2022
        2. silver169 Офлайн silver169
          silver169 (Aristarkh Feliksovich) 3 September 2022 01: 51
          0
          to vladimir 1155 Questo è un numero "stimato". Il numero reale della popolazione effettiva dell'Ucraina è molto inferiore. Più di 10 milioni dei suoi cittadini vivono permanentemente fuori dall'Ucraina, e molto probabilmente non vi torneranno mai più. Tieni presente che il censimento ufficiale della popolazione tutta ucraina è stato condotto nel 2001. E questo non è un caso. Non credo che la popolazione totale dell'Ucraina superi attualmente i 30 milioni.
          1. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
            vladimir1155 (Vladimir) 3 September 2022 07: 22
            0
            beh, significa che il fascista ukromyaso finirà non a dicembre, ma ad ottobre, perché dispiacersi per i fascisti, morte del cane ai cani, ma chi è fuggito dai fascisti potrà tornare più tardi, ripristinerà il paese dopo l'occupazione fascista
  13. Pat Rick Офлайн Pat Rick
    Pat Rick 2 September 2022 20: 04
    -2
    L'ho letto solo oggi.
    C'è il generale Sergei Krivonos in Ucraina - in una specie di uniforme nera, calvo, con la barba grigia. Quindi ha scritto direttamente da qualche parte o ha detto che le perdite dell'Ucraina ammontano a diverse centinaia di migliaia di persone. Ha espresso direttamente queste cifre nel contesto del fatto che i parenti di queste centinaia di migliaia un giorno lo presenteranno a Ze e al suo branco.
    Odio Krivonos perché è un nemico (intelligente, forte, traditore e meschino).
    Ma dopotutto, non conosciamo i generali russi nell'NMD e abbiamo i loro pensieri dietro centinaia di sigilli, quindi possiamo solo immaginare le perdite dell'esercito russo. Non ci sono persone del genere in Russia - in uniforme nera, calva e con la barba grigia, che dicono almeno qualcosa legato alla realtà.
    1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
      Monster_Fat (Qual è la differenza) 3 September 2022 03: 57
      0
      Dai un'occhiata a Oryx. Ci sono perdite e secondo la tecnica con una foto di ogni unità persa
  14. yakisam Офлайн yakisam
    yakisam (Alexander) 3 September 2022 11: 13
    +1
    Tanto ragionamento e tutto... vuoto
    Il fatto è che il governo è obbligato a informare i cittadini di queste informazioni.
    1. k7k8 Online k7k8
      k7k8 (vic) 3 September 2022 13: 09
      -1
      Citazione: yakisam
      Il fatto è che il governo è obbligato a informare i cittadini di queste informazioni.

      Forse darai voce alla storia di quale paese è successo almeno una volta? Ad esempio, negli Stati Uniti, i dati sulle perdite in Afghanistan sono ancora classificati, sebbene siano partiti lì più di un anno fa.
      Il fatto è che lo stato non dovrebbe in nessun caso assecondare gli iksperd del divano e la folla di strada.
  15. Alex R_2 Офлайн Alex R_2
    Alex R_2 (Alex R) 4 September 2022 00: 45
    -1
    Le perdite di HRV secondo l'intelligence britannica mi-6 e l'Air Force al 28.07 luglio per 5 mesi sono minime - 4760 persone, perdite delle forze armate - più di 200 mila persone