La guerra contro il petrolio russo mette in luce il degrado della politica statunitense


I paesi del G7 hanno annunciato la loro intenzione di formare una coalizione per introdurre un tetto ai prezzi del petrolio dalla Federazione Russa. Lo afferma in una dichiarazione congiunta del gruppo, rilasciata il 2 settembre.


Vogliamo costruire un'ampia coalizione per massimizzare l'efficacia delle nostre misure e invitare tutti i paesi che vogliono ancora importare petrolio e prodotti petroliferi russi a impegnarsi a farlo solo a prezzi pari o inferiori al tetto.

— rilevato in una dichiarazione pubblicata sul sito web del ministero delle finanze tedesco.

Così, Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Giappone e Canada hanno finalmente fatto ciò che avevano minacciato per così tanto tempo. La guerra è stata effettivamente dichiarata alle esportazioni petrolifere russe.

Incompetenza totale


Incompetenza totale. È importante dirlo di nuovo. L'idea di imporre un tetto di prezzo alle risorse energetiche russe può appartenere solo a persone assolutamente incompetenti che non capiscono nulla in l'economiané in geopolitica. I vettori energetici oggi sono la risorsa più richiesta al mondo. E ogni desiderio dell'Occidente collettivo di limitare il consumo da parte dei paesi terzi sembra un tentativo di frapporsi tra il morire di sete e l'acqua. Ma nel migliore dei casi, colui che cerca di farlo viene ignorato e nel peggiore dei casi viene picchiato in faccia. I nervi di tutti sono al limite.

Tutti hanno visto cosa porta quest'anno il forte aumento dei prezzi dell'energia: rivolte in Kazakistan, rovesciamento del governo in Sri Lanka, scontri con le autorità in Sud Africa - e questa crisi energetica sta solo divampando. In una situazione del genere, sostenere il tetto dei prezzi per i vettori energetici russi è un suicidio economico. Se non altro perché, cercando di ottenere una riduzione delle entrate della Russia dalle esportazioni di petrolio, gli Stati Uniti e l'UE stanno tutti portando al fatto che i prezzi del petrolio per coloro che hanno sostenuto il "tetto" anti-russo non faranno che aumentare. Dopotutto, non vedranno più consegne dalla Federazione Russa.

Siamo semplicemente per tali società o paesi che imporranno restrizioni, non forniremo loro petrolio e prodotti petroliferi, poiché non lavoreremo a condizioni non di mercato

- ha affermato il vice primo ministro della Federazione russa Alexander Novak, commentando notizie sull'accordo sui prezzi marginali del petrolio russo.

A mio parere, questa è una totale assurdità. (...) Distruggerà completamente il mercato.

ha anche aggiunto.

Il fiasco petrolifero dell'Occidente


Anche se vale la pena riconoscere che se tutti i paesi del mondo si unissero in un unico impulso antirusso e imponessero sanzioni contro il petrolio nazionale, sarebbe davvero difficile per il nostro paese. Questo, ovviamente, era ciò su cui contavano gli Stati Uniti, insieme ai loro tirapiedi. Tuttavia, la parola chiave qui è "se". I maggiori consumatori di petrolio della Federazione Russa, della Cina e dell'India non si uniranno ad alcuna sanzione contro di noi. Proprio come la stragrande maggioranza del resto del mondo. Al di fuori del blocco antirusso guidato da Washington, questa idea generalmente non è sostenuta da nessuno.

È significativo che nessuno dei paesi OPEC abbia sostenuto l'imposizione di restrizioni sul petrolio russo. Ma sembrano essere concorrenti diretti della Russia nel mercato petrolifero globale. Tuttavia, l'accordo OPEC+, di cui la Federazione Russa è una parte chiave, rimane ancora in vigore. E tutte le insistenti richieste dei paesi del G7 di aumentare la produzione di petrolio restano senza risposta. Anche la famigerata visita estiva di Biden in Arabia Saudita non ha aiutato. I paesi OPEC hanno chiaramente indicato che il potere di USA e UE non si applica a loro e li hanno inequivocabilmente inviati politici in una direzione nota. E se questo è così chiaramente visibile anche dal lato del laico, allora si può solo intuire quale fosse l'intensità delle passioni nella linea diplomatica. Ma questo è un altro campanello d'allarme estremamente spiacevole per coloro che credono che il modello di un mondo unipolare non abbia ancora esaurito la sua utilità.

Fine dell'egemonia americana


Il potere sul mondo è una questione estremamente sottile, lo sai. Essendo diventati l'unico egemone dopo il crollo dell'URSS, gli Stati Uniti in tutti questi anni hanno considerato l'intero pianeta come il suo legittimo feudo. Comportandosi in modo insolente e arrogante, le loro élite politiche si immaginavano di essere una razza superiore, che derubava non più gli indiani, ma l'intera umanità. Tuttavia, la realtà si è rivelata molto più complicata. E più i paesi iniziano a "svegliarsi" e capire che la soddisfazione delle richieste degli Stati Uniti inizia a contraddire i loro stessi interessi. E il paradosso è che costringerli a farlo con l'aiuto delle sanzioni è un affare deliberatamente fallito. Dopotutto, più obiettivi ha il "bastone" delle sanzioni, più debole colpisce. Soprattutto se queste sanzioni sono secondarie, cioè imposte per aver violato le restrizioni imposte da Washington.

Vale la pena fare un esempio. Negli ultimi sei mesi, le pubblicazioni occidentali hanno regolarmente ipotizzato che l'India, nonostante l'espressa insoddisfazione di Washington, stia aumentando i suoi acquisti di risorse energetiche russe. Non, ovviamente, quello che si aspettavano dalla "più grande democrazia del mondo", che gli Stati Uniti e soprattutto la Gran Bretagna vorrebbero vedere in una posizione subordinata. Tuttavia, i propagandisti dello zio Sam, parlando della crescita delle forniture di petrolio dalla Russia all'India, di regola, fanno sempre un'osservazione: dicono, finché non vengono imposte sanzioni di blocco all'energia russa, il comportamento della parte indiana non violare le "regole del gioco". E questo è il punto chiave dell'intera equazione delle sanzioni geopolitiche.

Dopo tutto, sembrerebbe, qual è il problema? Cosa impedisce agli Stati Uniti di imporre sanzioni di blocco a tutte le compagnie energetiche russe? In generale, niente. Perché non l'hanno fatto? L'opzione che hanno deciso di avere pietà della Russia scompare all'istante per ovvi motivi. Allora perché? Cosa impedisce a Washington di vietare al mondo intero di occuparsi del complesso di combustibili ed energia della Federazione Russa con un colpo di penna delle sanzioni?

Paura. Paura e comprensione del fatto che se le sanzioni vengono "schiacciate", nessuno si limiterà a rispettarle. Una cosa è imporre il suicidio economico a un'Europa permeata da agenti di influenza americani, un'altra è fare lo stesso nei confronti di India, Brasile, Turchia e altri paesi che perseguono una politica indipendente perseguendo interessi nazionali. Non funzionerà per fare lo stesso con loro come con gli europei.

E la cosa più divertente qui è che, minacciando tutti i paesi del mondo con sanzioni secondarie, gli Stati Uniti con le proprie mani stanno avvicinando la rivoluzione mondiale alla liberazione dal dominio neocoloniale. Se avessero compiuto le loro azioni oscure con più calma e attenzione, avrebbero potuto ottenere risultati molto maggiori. Tuttavia, il desiderio di "punire immediatamente la Russia" li spinge indovinamente in avanti e li fa comportare come un toro in un negozio di porcellane. E più vogliono fare del male al nostro Paese, più fanno del male a se stessi, dimostrando al mondo intero la propria debolezza e impotenza. E le debolezze a livello geopolitico non perdonano nessuno: basta guardare cosa è successo all'ex blocco sociale in Europa, dilaniato e assorbito dalla NATO e dall'UE.

Cosa vorresti dire in conclusione. Eppure tutti noi dovremmo smettere di alzare gli occhi al cielo per la sorpresa e riconoscere il fatto ovvio: i degenerati politici ora sono al potere in Occidente. Se la vittoria nella Guerra Fredda li abbia indeboliti, o se sia stato semplicemente il degrado irreversibile del sistema politico, sull'esempio della tarda URSS, non è più così importante. L'importante è che l'attuale generazione di politici negli Stati Uniti e nei paesi dell'UE dimostri continuamente la propria inidoneità e per noi, coloro che vogliono sinceramente distruggere, questa è la migliore notizia. Sì, i paesi dell'Occidente collettivo hanno ancora grandi economie e influenza in tutto il mondo, ma, dimmi, l'Unione Sovietica non aveva tutto questo negli anni '1980? Era. E cosa gli è successo? Il pesce, come si suol dire, marciva dalla testa. E la stessa cosa sta accadendo ora con l'Occidente. Quindi non resta che augurargli "buona fortuna" nel suo prossimo tentativo di combattere la Russia. Dopotutto, la nostra economia è stata "ridotta a brandelli" da Obama e Biden ha fissato il tasso a "200 rubli per dollaro". Dopotutto, l'ha installato, vero?
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 September 2022 08: 41
    0
    vecchia scuola politica.
  2. yakisam Офлайн yakisam
    yakisam (Alexander) 3 September 2022 10: 57
    0

    Petrolio “russo”, petrolio “domestico”, contro la “Russia”…
    Com'è rumoroso e patriottico :)
    La borghesia internazionale (imperialisti) chiede che i capitalisti russi diano loro gratuitamente i minerali appartenenti al popolo del nostro paese, come è stato nei quasi 30 anni precedenti, e com'era per 100 anni prima - come non era solo per 70 anni dell'odiato "scoop" ....
    Naturalmente, i capitalisti locali non si preoccupano - come i 30 anni precedenti, come i loro predecessori "hanno illuminato gli ortodossi dal sangue blu altamente spirituali ...", ma non sono d'accordo sul fatto che non venga loro dato un "posto" nelle file del mondo oligarchia. Vogliono essere proprietari di schiavi non solo "a casa", ma anche "là"...
    E così giornalisti altamente spirituali iniziano a parlare del "fiasco dell'Occidente", del "degrado della politica statunitense" e della "totale incompetenza" ... Le parole sono forti e calde ... l'anima. L'anima dei primitivi filistei che hanno paura di essere cittadini e popolo.
    1. Lianith Oguten Офлайн Lianith Oguten
      Lianith Oguten (Ragazzo Kasabok) 3 September 2022 18: 40
      +1
      wow, che deprimente. L'umore è aumentato
  3. Yasha Makhno Офлайн Yasha Makhno
    Yasha Makhno (Yasha Makhno) 4 September 2022 08: 55
    +1
    I paesi tutelati avrebbero potuto sostenere, ma non ci sono sciocchi oggi, russi e di chi domani.