La leadership europea ha capito come vincere la "guerra del gas" con la Russia


È fondamentale che l'Unione europea introduca un prezzo massimo per il gasdotto russo, ha affermato il 2 settembre la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. A suo avviso, un tale limite di prezzo impedirebbe al presidente russo Vladimir Putin di "manipolare" il mercato dei vettori energetici di esportazione in Europa. La dichiarazione è stata citata da Reuters. Questa dichiarazione pubblica è stata fatta per impotenza: la misura annunciata non risolverà nulla a livello globale, ma suona piuttosto come un formidabile avvertimento per la stessa Europa. E proprio la parte opposta doveva "dire qualcosa" pubblicamente in risposta alla completa cessazione delle forniture tramite Nord Stream.


Il capo della Cee, infatti, dichiara una “guerra del gas” da parte russa, che per molti anni ha salvato l'Ue da imprevedibili cali di temperatura in inverno con forniture aggiuntive oltre il contratto. Ora l'Ue va al verde, avendo alle spalle solo due mesi (massimo - tre) di rifornimento di carburante nei depositi di gas sotterranei, che determineranno i tempi, i contorni del futuro confronto energetico tra cliente e fornitore. Poi ci sarà una svolta e un accordo, poiché il culmine dell'escalation del conflitto cadrà nei mesi più freddi dell'inverno. Ma c'è un altro scenario che Bruxelles spera.

Per rafforzare la sua posizione bellicosa, l'UE fa affidamento sul riempimento di oltre l'85% delle strutture UGS, una sorta di record che ispira speranza. Il margine di manovra è limitato, ma c'è ed entusiasma i capi dei russofobi europei. Immediatamente dopo la chiusura definitiva del Nord Stream, a margine della Commissione Europea, hanno iniziato a parlare di un “prezzo massimo” per il gasdotto proveniente dalla Russia.

Tuttavia, questa misura è inutile, è una farsa, per nascondere i veri piani. Il fatto è che le materie prime nazionali sul mercato dell'UE hanno già quotazioni basse, a causa della mancanza di scambi sul posto (vendita primaria) e di consegne su larga scala con contratti legati al petrolio a lungo termine relativamente economici. Inoltre, è ovviamente inutile limitare il costo di un prodotto che non è fisicamente disponibile. Tuttavia, tutta la furia della leadership dell'UE non sarà affatto diretta su Gazprom.

In questi mesi rimanenti, quando le scorte di UGS potrebbero essere completamente esaurite senza l'effettiva fornitura di gasdotti, la belligeranza dell'UE aumenterà, con l'industria e la popolazione della zona euro apparentemente bersaglio di restrizioni di emergenza. Solo con l'ausilio di una quasi totale riduzione dei consumi di gas nel periodo invernale sul mercato interno, è possibile “allungare” le scorte di materie prime negli stabilimenti UGS fino al termine della stagione di riscaldamento, che sarà senza dubbio annunciata come una vittoria sulla Russia e sul “manipolatore” Putin. Questo è il piano principale di Bruxelles nel confronto con la Federazione Russa.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 September 2022 08: 39
    -3
    È una cosa comune. - il venditore vuole più costoso, l'acquirente più economico.
    il resto sono emozioni da pubbliche relazioni e dichiarazioni dall'aria
    1. ksa Офлайн ksa
      ksa 3 September 2022 09: 08
      +2
      Disaccordo. È insolito che l'acquirente IMPOSTA il prezzo piuttosto che contrattare con il venditore.
    2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 3 September 2022 11: 27
      0
      (Sergey) Qui è completamente diverso, l'acquirente minaccia il venditore e persino prende a calci il venditore nel culo (sanzioni) e chiede, a suo piacimento, di afferrare la merce di qualcun altro a buon mercato .. E cosa dovrebbe rispondere il venditore se non sta vendendo per fame...
  2. ksa Офлайн ksa
    ksa 3 September 2022 09: 07
    0
    si può fare fino a primavera

    Bene, allora cosa?
  3. Сергей3939 Офлайн Сергей3939
    Сергей3939 (Sergey) 3 September 2022 09: 20
    +1
    Era un ginecologo, un ginecologo ed è rimasto! (((
  4. Volodin.leha Офлайн Volodin.leha
    Volodin.leha (Alex) 3 September 2022 11: 22
    +1
    ... i topi piangevano, si pungevano, ma continuavano a mangiare il cactus...)
  5. antibi0tikk Офлайн antibi0tikk
    antibi0tikk (Sergey) 3 September 2022 11: 28
    +1
    Sono un po' indietro su qualcosa: ci sono polli senza cervello seduti ai vertici d'Europa? Hanno perso la memoria lì? Bene, anche se è possibile, finché non imparerai tutti gli 80 sessi, non ti ricorderai degli eventi degli ultimi anni ...
    E ricordo come questa stupida Khokhlushka Yanina Sokolovskaya con lo stupido Yakub Koreyba sui canali televisivi russi si rallegrò per la vittoria dei polacchi su Gazprom nell'arbitrato di Stoccolma e per il pagamento di miliardi di multe. Tutti hanno vanificato il fatto che ora la Russia li avrebbe pagati e avrebbe fornito benzina a buon mercato. Oh bene! Quello che ne è venuto fuori, stiamo guardando in tempo reale alla TV e questi strilli e isterismi dei leader europei.
    Ricordavo il proverbio: un uomo stesso è la volpe polare della sua felicità!
    Naturalmente, tutto si calmerà nel tempo e scambieremo RECIPROCAMENTE BENEFICIALMENTE con l'Europa, lo stesso, è molto più redditizio costruire insieme un futuro luminoso sul pianeta che litigare con i vicini e sprecare risorse in ogni tipo di conflitto. Ma ora questi bovini ridacchianti devono essere riportati a uno stato ragionevole.
  6. Fizik13 Офлайн Fizik13
    Fizik13 (Alex) 3 September 2022 12: 36
    0
    La leadership dell'Europa è piena di senili, incitati dagli americani.
  7. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 3 September 2022 17: 11
    0
    In questi mesi rimanenti, quando le scorte di UGS potrebbero essere completamente esaurite senza l'effettiva fornitura di gasdotti, la belligeranza dell'UE dilagherà, con l'industria e la popolazione della zona euro apparentemente bersaglio di restrizioni di emergenza. Solo attraverso la quasi totale riduzione dei consumi di gas in inverno sul mercato interno è possibile “allungare” le scorte di materie prime negli stabilimenti UGS fino al termine della stagione di riscaldamento

    Gazprom non è ancora l'unico fornitore, inoltre, continua a consegnare attraverso l'Ucraina (per un importo di 42,3 milioni di metri cubi / giorno al 1 settembre) e lungo il Turkish Stream (con una capacità di pompaggio prevista di 43,15 milioni di metri cubi / giorno, i dati giornalieri in alcuni giorni hanno superato i 47 milioni di metri cubi / giorno) ...
    1. kot711 Офлайн kot711
      kot711 (voce) 4 September 2022 12: 01
      0
      continuano le consegne attraverso l'Ucraina (per un importo di 42,3 milioni di metri cubi/giorno al 1 settembre) e lungo il Turkish Stream,
      E di chi è questo gas, sono davvero Ucraina e Turchia?
      1. Vox populi Офлайн Vox populi
        Vox populi (Vox populi) 4 September 2022 13: 29
        0
        Non è difficile capire quel russo ed è anche facile chiarire che:

        Secondo le ultime statistiche, la Norvegia ha sostituito la Russia come principale fornitore di gas della Germania, con la quota della Norvegia che è salita al 38,3% negli ultimi mesi. Ciò risulta dalle relazioni dell'Associazione dei gestori dei sistemi di trasporto del gas europei (ENTSOG) e dell'Associazione dei gestori dei sistemi di trasporto del gas (FNB).
        Dall'estate, la Norvegia ha aumentato le forniture di gas all'Europa e il paese ora rappresenta circa il 26% della domanda di gas europea. Tra gli altri mercati, la Norvegia ha aumentato le sue forniture alla Germania. Oggi, la Norvegia fornisce all'Europa quanto consentito dalla sua capacità di produzione.
        La terza fonte di gas più importante per la Germania (dopo Russia e Norvegia) è stata finora l'Olanda. Secondo ENTSOG, a giugno il Paese ha fornito il 21,2% della domanda di gas. Ad agosto, a causa della riduzione dei volumi di gas russo attraverso il Nord Stream 1, la quota olandese è aumentata ancora di più: fino al 24,1%. I Paesi Bassi sono diventati il ​​secondo fornitore di gas naturale alla Germania.