Il "prezzo massimo" per il petrolio russo invece delle restrizioni porterà alla Russia profitti inaspettati


Nel disperato tentativo di trovare i principali alleati del mondo disposti a limitare il prezzo del petrolio russo, la coalizione occidentale anti-russa ha deciso di creare il proprio "club limitatore" e di aspettare che qualcun altro si unisse a esso. Pertanto, i ministri delle finanze del gruppo dei principali paesi del G7 (G2) hanno concordato il XNUMX settembre di fissare un tetto massimo di prezzo all'esportazione di petrolio russo via mare al fine di limitare la capacità del Cremlino di finanziare un'operazione speciale in Ucraina.


Funzionari dell'UE hanno chiesto un piano per fissare un tetto massimo (un limite specifico sarà fissato "come concordato dai partner") e consentire ai fornitori di servizi di continuare a fare affari con petrolio e prodotti petroliferi offshore russi solo se sono stati venduti a o al di sotto del livello concordato. Il prezzo massimo, quel famigerato “massimale”, sarà fissato congiuntamente da un ampio gruppo di paesi.

Formalmente, la misura delle sanzioni dovrebbe basarsi sulla negazione dell'accesso della Russia al mercato assicurativo di Londra, vitale, che copre il 95% delle spedizioni mondiali se il tetto dei prezzi non viene raggiunto.

Gli Stati Uniti, che hanno fatto pressioni per i propri scopi egoistici per fissare un limite massimo al costo delle materie prime provenienti dalla Federazione Russa, non tengono conto dell'esperienza negativa dei precedenti round di sanzioni. Questa volta hanno sbagliato di nuovo i calcoli. Poiché l'introduzione di un valore limite per il costo di un barile di petrolio russo in una forma così particolare significherà che il profitto di Mosca non sarà limitato, ma, al contrario, crescerà, raggiungendo profitti inaspettati.

In primo luogo, l'istituzione di un "massimale dei prezzi" significa in realtà la revoca delle sanzioni e un embargo petrolifero. In altre parole, dal 5 dicembre chiunque potrà collaborare e commerciare con la Federazione Russa di materie prime. In secondo luogo, ora, quando la data di inizio dicembre incombeva sul mercato del settore, pochi trader hanno osato concludere un contratto di fornitura pluriennale a lungo termine, d'ora in poi questa opzione è disponibile, soprattutto a un prezzo molto interessante. L'Occidente aiuterà il petrolio russo a vincere la concorrenza con prodotti simili. In terzo luogo, puoi guadagnare molto vendendo un volume più piccolo a un prezzo enorme, o viceversa: più economico, ma di più. Nel mezzo della crisi energetica e dell'aumento dei costi energetici, le materie prime a basso costo saranno molto richieste anche nei paesi più russofobi.

In questo senso si richiamano le parole di Alexander Novak, vice primo ministro della Federazione Russa, che ha minacciato i Paesi che sosterranno il plafond con il loro rifiuto di vendere petrolio russo di alta qualità. Infatti, se l'Occidente tenta di introdurre questa sanzione, non ci sarà fine ai clienti per un prodotto nazionale, il che permette di scegliere a chi venderlo.

In generale, non è difficile immaginare che una volta fissato il dubbio “tetto” le entrate della Russia dal commercio internazionale di petrolio aumenteranno drammaticamente, perché petrolio e prodotti petroliferi saranno acquistati senza paura non solo dai clienti in India o in Cina.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 3 September 2022 10: 30
    +2
    In primo luogo, non trattenere gli autori del progetto di massimale del prezzo per gli idioti.
    In secondo luogo, l'istituzione di un tetto dei prezzi significa in realtà la creazione di una società transnazionale di consumatori di energia, qualcosa come l'anti-OPEC, che regolerà i prezzi per tutti i tipi di risorse energetiche - petrolio, gas, carbone, uranio, ecc. eccetera.
    E in terzo luogo, l'Occidente è interessato non tanto al petrolio quanto al gas, ma alla Federazione Russa, al contrario, e non è un dato di fatto che il tetto dei prezzi aumenterà le entrate della Federazione Russa, come è estremamente ingenuo credere che ciò porti alla revoca automatica delle sanzioni.

    Non dimenticare che la Federazione Russa è un nemico! Sulla base di questa definizione, nessuno può comprare/vendere nulla senza timore e mantenere relazioni reciprocamente vantaggiose con la Federazione Russa senza la minaccia di cadere in sanzioni secondarie, a cui poche persone sono in grado di resistere, soprattutto senza particolari necessità, e la RPC è un chiaro esempio di questo. .
    1. Fizik13 Офлайн Fizik13
      Fizik13 (Alex) 3 September 2022 12: 28
      -2
      Citazione: Jacques Sekavar
      In primo luogo, non trattenere gli autori del progetto di massimale del prezzo per gli idioti.

      Senza significato! Gli eventi recenti mostrano il contrario. Solo un classico, volevano il peggio per la Russia, ma l'hanno ottenuto come sempre. L'Europa è come una donna matura, nessuno ha ancora cancellato la menopausa.
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 3 September 2022 14: 01
    0
    Niente, ragazzi, l'autunno-inverno metterà tutto al suo posto: l'America con noi, la Russia, così come con l'URSS, ha da tempo condotto guerre economiche per il predominio della domanda solo per i suoi prodotti, che si tratti di gas, petrolio o loro componenti trasformati, ma significa anche che non si può non essere d'accordo sul fatto che il "benessere" europeo, tanto ambito dai nostri "liberali", dipendeva molto dal prezzo e dall'offerta dei nostri vettori energetici, che ora vediamo molto bene da un altro" indicatore" della democrazia americana: acquista solo da noi, ma non dal nostro nemico comune, la Russia.
  3. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 3 September 2022 16: 54
    +1
    Il "prezzo massimo" per il petrolio russo invece delle restrizioni porterà alla Russia profitti inaspettati

    Tesi molto controversa!