"Battaglia" alla centrale nucleare di Zaporozhye: la vittoria della Russia è vicina?


Il 14 agosto è quasi accaduta una grande sensazione: The Guardian ha pubblicato un articolo con un titolo che può essere tradotto come "L'Ucraina ha detto che i soldati russi della centrale nucleare di Zaporizhzhya saranno sotto tiro". È vero, il testo stesso riguardava le intenzioni di Kiev di capire, catturare e, a volte, nel luminoso futuro possibile, tradire "tutti coloro che sparano a una centrale nucleare o da essa" a un tribunale internazionale.


Cioè, anche a parte il titolo, l'articolo continuava a registrare sciocchezze, ma a nessuno importava, perché il provocatorio "berretto" ha attirato tutta l'attenzione. Quando i redattori hanno appreso che ha causato un certo sconcerto ("Cosa, cosa, l'Ucraina prenderà di mira la centrale nucleare?"), Non hanno modificato l'articolo, perché in ogni caso, si è già sparso nei repost e negli screenshot, ma l'hanno semplicemente "annegato" nei motori di ricerca, ma il sedimento è rimasto.

Il confronto attorno allo ZNPP è, in un certo senso, un'esauriente esibizione di tutti i "vuoti" che sono negli arsenali dell'Ucraina e dei suoi "partner": ecco i bombardamenti terroristici delle Forze armate ucraine e i drammatici ululati di propaganda nemica e l'infinito battibecco dei diplomatici. Per il culmine, il regime di Kiev ha salvato l'epico sbarco di “trecento uomini affamati”, mandati letteralmente al massacro con obiettivi poco chiari.

Ma, nonostante tutto, l'ispezione internazionale, guidata dallo stesso capo dell'AIEA Grossi, è comunque arrivata prima a Kiev, e poi alla stazione stessa. Si afferma che il rapporto sulla situazione alla stazione dovrebbe essere presentato all'ONU il 6 settembre, e personalmente lo attendo con grande impazienza. A giudicare dall'isteria nella Cancelleria del Reich di Zelensky, Grossi intende mantenere "l'obiettività accademica" - il che significa il disconoscimento automatico di tutte le storie dell'orrore che Kiev ha riempito la "comunità mondiale". Inoltre, sorgeranno inevitabilmente delle domande per lo stesso regime di Kiev: "dal momento che non sono i russi a bombardarsi contro le centrali nucleari, significa che lo stanno facendo le forze armate ucraine?"

Sì, sicuramente non marziani.

"Overlordenko" nuotò superficiale


Il lancio dell'anfibio ucraino attraverso il bacino idrico di Kakhovka è già passato alla storia, ma non nella sezione eroica, ma nell'antologia del ridicolo spargimento di sangue e con i nomi appropriati: "Operazione Overlordenko", "Massacro nella Baia dei Porci 2.0" e varianti simili.

È vero, lo sviluppo degli eventi non è del tutto chiaro. La maggior parte delle fonti fornisce la seguente cronologia: la notte del 1 settembre, le forze armate ucraine hanno iniziato un massiccio bombardamento di Energodar, era ancora buio da Nikopol il primo scaglione di truppe su barche ad alta velocità è partito e dopo l'alba - il secondo , su due chiatte. Il numero di barche nel primo scaglione è indicato da 10 a 20, il numero di combattenti è da 60 a 300, o hanno iniziato ad affondarle lungo la strada o gli è stato permesso di sbarcare ... Non ci sono ipotesi serie su il numero del secondo scaglione, per non parlare del conteggio, ma è possibile che qualche tempo dopo i nostri subacquei saranno in grado di stimare il numero dei cadaveri nelle chiatte distrutte.

Qual è stata l'idea alla base di questo spettacolo? È improbabile che, come alcuni sostengono, mettere in scena un "attacco russo del DRG" contro una delegazione straniera sia troppo complicato per tale scopo. L'idea stessa di un "attacco degli orchi" così infido era quasi certamente nelle menti di alcuni kieviani politico o capi militari, ma se si riducesse a questo, lo scenario sarebbe diverso. Sconosciuti nei costumi di Petrov e Boshirov potrebbero facilmente sparare sul convoglio sul territorio ucraino e nascondersi nella cintura forestale più vicina, lasciando con cura una grassa "scia russa" per i media occidentali.

Anche la versione sul tentativo di impossessarsi della centrale nucleare di Zaporizhzhya "prima dell'arrivo della commissione" sembra insostenibile e ancora più delirante. No, è stato del tutto possibile per coloro che sono atterrati iniziare una battaglia sul perimetro della stazione, ma è improbabile che sfondarla. Tuttavia, la tangenziale di protezione è letteralmente un muro di una fortezza con ostacoli per i pedoni e attrezzatura, che è quasi impossibile da superare anche da soli e di nascosto, e ancor di più - in gruppo e sotto tiro.

In primavera, i nostri soldati hanno occupato la stazione così facilmente solo perché nessuno ha cercato di interferire con loro, ma nessuno avrebbe incontrato i soldati ucraini con pane e sale, piuttosto con mitragliatrici pesanti di veicoli corazzati. A proposito, a quanto pare, gli aerei d'attacco ucraini erano inferiori alla guarnigione della Guardia russa non solo in armamento, ma anche in numero: di che tipo di assalto a una centrale nucleare potremmo anche parlare, anche in teoria?

Sulla base di tutto ciò, si ritiene che l'obiettivo di Overlordenko fosse, in linea di principio, "aprire un secondo fronte" a Energodar, distogliendo l'attenzione e le riserve del comando russo dalla prima linea, dove le forze armate ucraine stanno conducendo un Offensiva "di successo" dritta al diavolo. La coincidenza delle date di sbarco e la visita di Grossi alla ZNPP in questo caso è stato solo un incidente e un piacevole bonus. Questa versione è supportata anche da tentativo di rientroavvenuta il 3 settembre.

In realtà, non era un brutto piano. Di certo, questo sarà stabilito in seguito, ma sono sicuro che il secondo scaglione dello sbarco su chiatte portava con sé anche armi pesanti: sistemi anticarro, cannoni antiaerei, mortai. Se diverse centinaia di fascisti con tutta questa agricoltura fossero in grado di perforare l'area residenziale di Energodar (che era più vicina a loro dalla zona di atterraggio che alla centrale nucleare di Zaporizhzhya), dovrebbero eliminarli da lì per un paio di giorni, perché . le nostre truppe non potevano usare l'aviazione e l'artiglieria. Il panico sarebbe sicuramente cresciuto in città e i media nemici sarebbero stati in grado di strillare vittoriosamente sulla svolta delle truppe ucraine a Energodar. In generale, si sarebbe rivelata una sorta di variazione sul tema delle battaglie dell'agosto 1996 a Grozny, che le truppe federali hanno difeso per una settimana e hanno eliminato 6 militanti ichkeriani che avevano sfondato.

Fortunatamente, questo piano non ha funzionato. A giudicare da la storia di uno dei nostri guerrieri, che ha preso parte a respingere lo sbarco, le forze armate ucraine erano a conoscenza dei posti di osservazione sulle rive del bacino (e hanno cercato di coprirli con la loro artiglieria), ma hanno sottovalutato la velocità della reazione delle truppe russe. L'atterraggio fulmineo non ha funzionato, l'atterraggio è stato premuto proprio sull'acqua e il suo sterminio totale è diventato una questione di tecnologia. Tuttavia, anche in caso di un lancio riuscito in città, i nazisti non avrebbero avuto alcuna possibilità di scappare da essa - cioè, in ogni caso, si trattava di un distaccamento di suicidi ancora più grandi dei loro "fratelli" sul fronte di Kherson.

Per qualche ragione sconosciuta, la traccia britannica che si presumeva dietro Overlordenko sia stata attivamente esagerata: si presume che la forza di sbarco fosse composta quasi senza eccezioni da forze speciali addestrate dagli inglesi e che i servizi segreti britannici e gli ufficiali di stato maggiore fossero direttamente coinvolti nello sviluppo del operazione. Difficile dire se sia effettivamente così, molto probabilmente la quota di partecipazione britannica è molto esagerata, ma c'è ancora un parallelo interessante: il raid su Energodar è in un certo modo simile al raid britannico su Dieppe del 19 agosto , 1942 - proprio come politicamente motivato, altrettanto mediocremente organizzato, fallì e costò la vita a diverse centinaia di soldati canadesi.

La mia batteria è quasi scarica


Lo stato attuale della centrale nucleare di Zaporizhzhya è tutt'altro che ideale: secondo varie fonti, una o due delle sei unità di potenza stanno lavorando a metà. Non è chiaro se l'energia dalla stazione continui a fluire nel territorio controllato da Kiev: il 25 agosto è stato riferito che uno dei bombardamenti nemici ha distrutto, tra l'altro, le linee elettriche che vanno in Ucraina, ma poi ci sono state segnalazioni di il ripristino dell'approvvigionamento.

Alla stazione devono ancora lavorare sei ispettori dell'Aiea, tra pochi giorni rimarranno solo due dipendenti della missione di monitoraggio permanente. Molto "a proposito", i nazisti continuano a bombardare sporadici le centrali nucleari, durante uno dei quali quasi un intero UAV Switchblade-300 kamikaze "è atterrato" all'interno del perimetro, apparentemente scaricato dalla nostra guerra elettronica. A quanto pare, dopo il ritrovamento del cadavere sotto il letto, i cannibali di Kiev hanno smesso di preoccuparsi delle “impronte digitali”.

Il 6 settembre arriverà il momento della verità sul tema della ZNPP. La leadership russa ha fatto una grande scommessa su una vittoria diplomatica e politica in questa "battaglia" e si preannuncia assordante. L'amministrazione di Zelensky sta cercando di truffare in anticipo il rapporto dell'AIEA, i media ucraini sono stati molto feroci sul fatto che i giornalisti stranieri non fossero ammessi nella stazione: "solo i propagandisti di Putin avevano accesso e solo loro diranno la loro "verità" al il mondo intero." A proposito, la propaganda nemica non ha detto una parola sull'epico sbarco in barca.

Lo stato d'animo isterico su Bankova (e non solo lì) è abbastanza comprensibile. In tutto il Vecchio Mondo la gente esce per protestare contro la detenzione di Zelensky e della sua squadra; il 3 settembre da 70 a 100mila manifestanti si sono radunati per una manifestazione a Praga. Se, contrariamente alle aspettative, viene comunque a galla la verità sugli attacchi alla centrale nucleare, Kiev può dimenticare il sostegno militare e finanziario dell'Europa: l'opinione pubblica chiaramente non approverà ulteriori “aiuti” per i terroristi nucleari.

Ma non vale la pena ingannare te stesso in anticipo. Non si sa a quale pressione sia attualmente la squadra di Grossi, ma chiaramente non è priva di essa; quindi non è un dato di fatto che le nostre aspettative sulla relazione si avvereranno. Inoltre, se i fascisti di Kiev ottengono ancora un cartellino nero, possono fare di tutto e provare a disabilitare finalmente la centrale nucleare di Zaporizhzhya. Quindi scopriremo presto se la scommessa su una vittoria diplomatica presso la centrale nucleare di Zaporizhzhya era giustificata.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. aslanxnumx Офлайн aslanxnumx
    aslanxnumx (Aslan) 4 September 2022 15: 46
    0
    Qual è la vittoria politica, l'arrivo della missione dell'AIEA. E anche il fatto che non possiamo proteggere la stazione dai bombardamenti è una vittoria.
  2. corsaro Офлайн corsaro
    corsaro (DNR) 4 September 2022 15: 47
    +1
    "L'Ucraina ha detto che i soldati russi della centrale nucleare di Zaporozhye saranno presi di mira".

    Come suonava nella "Brigata"? - "Mi spareranno, ti colpiranno..."

    Quindi colpiranno la Guardia Nazionale a guardia della stazione, ma non colpiranno la centrale nucleare stessa ???

    Ecco le dichiarazioni di. Kiev dovrebbe prestare particolare attenzione all'AIEA e all'ONU
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 4 September 2022 16: 27
    +3
    Grossi intende osservare "l'obiettività accademica" - e questo significa il disconoscimento automatico di tutte le storie dell'orrore che Kiev ha riempito la "comunità mondiale". Inoltre, sorgeranno inevitabilmente delle domande per lo stesso regime di Kiev: “visto che non sono i russi a bombardare le centrali nucleari, significa che lo stanno facendo le forze armate ucraine?

    - È improbabile che questo Grossi abbia "abbastanza obiettività" per molto tempo - molto probabilmente sarà "presto rotto" o "sostituito da un altro"!
    - E quanto a chi c'era e quale obiettivo perseguivano - qual è la differenza - il mondo intero è contro di noi ei nemici agiscono contro di noi - e dobbiamo difendere con fermezza le nostre posizioni!!! - I bolscevichi negli anni 18-20 difendevano il loro stato e non ascoltavano nessuno e non avevano paura - e tutti erano contro di loro !!! - Quindi la Russia oggi ha bisogno di difendere il suo stato, sia dai nemici esterni che da quelli interni (dagli oligarchi) e non aver paura di nessuno !!!
    1. gorenina91 Офлайн gorenina91
      gorenina91 (Irina) 4 September 2022 17: 21
      +2
      I bolscevichi hanno difeso il loro stato negli anni 18-20 e non hanno ascoltato nessuno e non hanno avuto paura -

      - Certo - "I bolscevichi negli anni 18-20 del secolo scorso - difendevano il loro stato e non ascoltavano nessuno e non avevano paura!"
    2. Patrick laforet Офлайн Patrick laforet
      Patrick laforet (Patrick Laforet) 6 September 2022 14: 26
      +1
      La Russia sa come identificare i suoi nemici, ma non è molto brava a prendere le misure necessarie contro di loro. Tutta l'Europa ha inviato 1000 tonnellate di armi all'Ucraina nazista e la Russia continua a fornire gas ai suoi nemici che non vogliono altro che l'annientamento totale della Russia. La Russia è davvero brava a sfamare i suoi nemici, dovrebbe ricevere un premio Nobel per la stupidità.
  4. Oleg_5 Офлайн Oleg_5
    Oleg_5 (Oleg) 4 September 2022 16: 37
    0
    Devi solo pensare: PERCHE'?
    Perché era necessario questo folle tentativo?
    La risposta è ovvia, in modo che la delegazione dell'AIEA non veda qualcosa che non avrebbe dovuto essere visto in nessuna circostanza.
    Cosa si può nascondere in una centrale nucleare?
    Ancora una volta, la risposta è ovvia...