Alta tecnologia russa: dobbiamo aspettarci una svolta?

Per nessuno lo farà notizieche la Russia è lungi dall'essere avanti rispetto al resto del pianeta nella sfera dell'alto tecnologia... Non si tratta solo dell'assenza di almeno alcuni complicati dispositivi elettronici interamente di produzione nazionale per il consumo privato. Paradossalmente, questo è solo un lato dell'indicatore dell'alto livello tecnico del Paese. Molto più importante è la capacità del paese di fornire alla sua produzione e al suo esercito attrezzature moderne, che, se non superiori nelle sue caratteristiche ai modelli stranieri, almeno saranno allo stesso livello con loro.



La Russia ha iniziato a sentire un urgente bisogno di sviluppo di moderne tecnologie avanzate non con l'imposizione di sanzioni, ma molto prima, quando il paese ha finalmente iniziato a uscire da una profonda crisi. I primi passi verso lo sviluppo della microelettronica risalgono agli inizi degli anni 2000, ma erano piuttosto incerti e, infatti, miravano almeno a raggiungere lo stesso livello che era alla fine del crollo dell'Unione Sovietica.

Il fatto che negli anni '90 molti scienziati di talento abbiano lasciato il paese, trovando migliori condizioni di vita e di lavoro in Occidente, non ha contribuito allo sviluppo dell'elettronica domestica. Qui è necessario fare una digressione e chiarire che, nonostante il fatto che solitamente alte tecnologie significhino appunto microelettronica e le realizzazioni ad essa associate, in realtà è il prodotto del lavoro di fisici, chimici e nelle realtà moderne anche microbiologi. Bene, ovviamente, affinché un dispositivo inizi a funzionare, è necessario scrivere un algoritmo per esso, cioè aggiungeremo programmatori qui. Non dimentichiamo il personale di servizio, al quale è richiesto un elevato livello di conoscenza e abilità. In altre parole, le cosiddette alte tecnologie coinvolgono quelle specialità che sono molto apprezzate al di fuori della nostra patria, ma all'interno del paese i loro stipendi superano molto raramente la media.

Come risultato della "fuga di cervelli", sono rimasti pochissimi specialisti di livello dignitoso nel paese che potrebbero non solo lavorare, ma anche dare qualche conoscenza alla loro generazione più giovane. Francamente, anche adesso la situazione non sembra delle migliori, i bravi specialisti continuano a lasciare il paese, avendo ricevuto almeno un po 'di esperienza e istruzione. Ma c'è chi rimane, continua a lavorare e ha abbastanza successo.

Probabilmente l'esempio più eclatante del fatto che l'elettronica moderna non si ferma è lo sviluppo dei nostri microprocessori Elbrus-8C, il cui processo di produzione è già di 28 nm. Nel prossimo futuro, il processo tecnico sarà ridotto a 16 nm. Non entreremo nei dettagli delle caratteristiche di questo processore, ci limiteremo al fatto che il confronto quotidiano delle frequenze qui non è del tutto corretto a causa dell'architettura, quindi non vale la pena confrontarlo con i processori AMD e Intel a disposizione del consumatore.

Il rapido ritmo di sviluppo della microelettronica è dovuto proprio all'introduzione di sanzioni, quindi il progetto, che sebbene si sia sviluppato, ma molto lentamente, si è rivelato non solo praticabile, ma anche pienamente soddisfacente le esigenze dei militari e dell'industria. Cioè, con sufficienti incentivi da parte dello Stato, tutto è possibile. Ci sono risorse e specialisti per l'implementazione di compiti difficili.

Ebbene, più recentemente, la notizia più discussa è stata un laptop resistente alla polvere e all'acqua per il Ministero della Difesa, o meglio il suo prezzo, che era di circa $ 8000. Ovviamente tutti hanno subito iniziato a confrontare questo laptop in termini di costi e caratteristiche con i prodotti di grandi aziende straniere, come al solito, haya per sperperare soldi su un altro giocattolo a un prezzo troppo caro.

Per giustificare il costo, c'è da dire che, sebbene la produzione in serie sia piccola, inoltre il software è compreso nel costo, il che ci porta al pensiero successivo. L'efficienza di un laptop di questo tipo dipenderà completamente dal set di programmi installati su di esso e poiché questo dispositivo non è affatto per visitare i social network e guardare video su YouTube, è logico presumere che venga fornito con un set di software adattato all'architettura del processore, il cui sviluppo è anche costa denaro.

Quindi, i bisogni dei militari sono già almeno in qualche modo, ma stanno cercando di soddisfare da soli. E le fabbriche? Sfortunatamente, tutto è molto triste nelle fabbriche. Secondo il Boston Consulting Group, in Russia esiste un solo robot industriale ogni 10mila lavoratori, ovvero il lavoro manuale è ancora predominante. Da un lato questo è sicuramente un bene: si risparmiano posti di lavoro, ma dall'altro la velocità e la qualità, e soprattutto il costo finale del prodotto, risultano incommensurabili con i prodotti di Cina, Usa e Corea del Sud, per i quali ci sono 10, 49 e 176 robot industriali ogni 531mila lavoratori. rispettivamente.

L'unico modo in cui puoi calmarti è che non tutto in una volta. Già storicamente, le tecnologie avanzate vengono prima ricevute dall'industria della difesa e dall'esercito, dopo di loro dalle fabbriche dell'industria pesante, e solo allora il progresso raggiunge l'industria leggera, l'agricoltura e il consumatore.

A proposito, sull'elettronica per la popolazione civile. È stato ripetutamente motivo di scherzo che l'elettronica russa sia in realtà cinese. Infatti, se prendiamo l'esempio degli stessi cellulari, allora marchi più o meno noti come teXet, Highscreen ed Explay non sono in realtà solo realizzati in Cina da componenti cinesi, ma anche progettati da ingegneri cinesi. Dalla Russia in questi telefoni solo un compito tecnico, che è stato elaborato dai nostri specialisti per i cinesi.

Il già noto YotaPhone si distingue, in tutte le sue varianti, almeno è stato progettato da ingegneri domestici.

In teoria, sarebbe possibile creare i propri telefoni cellulari e tablet completamente russi e un mucchio di elettronica di consumo, ma il prezzo per tutti questi dispositivi era semplicemente esorbitante. Poiché il costo cercherebbe immediatamente di includere i costi sia della costruzione di nuovi impianti che dell'apertura di nuove linee di produzione nelle imprese esistenti. Di conseguenza, i prodotti semplicemente non sarebbero richiesti, anche se in futuro, in un lontano futuro, la creazione di una base per la creazione di elettronica di consumo avrebbe un effetto positivo sullo sviluppo di questa direzione nel suo complesso.

Quali conclusioni si possono trarre da tutto quanto scritto sopra? E le conclusioni sono abbastanza semplici. Al momento, lo sviluppo di alte tecnologie in Russia è possibile solo con iniezioni significative di fondi pubblici, con incentivi e pieno controllo del settore. È improbabile che il capitale privato possa essere realmente attratto in questa fase, poiché ci vorrà più di un anno per ottenere un ritorno più o meno significativo sull'investimento.

Se valutiamo la situazione attuale, allora può essere paragonata alla Cina medievale, dove sapevano come fare la polvere da sparo, ma non c'erano né la conoscenza né la capacità di fare una mitragliatrice. Tuttavia, non si può non notare almeno alcuni progressi nella stessa microelettronica e le conquiste dei singoli istituti che stanno realizzando progetti piuttosto audaci, che in realtà non hanno analoghi al mondo. Quindi al momento siamo ancora in ritardo rispetto al mondo intero, ma almeno abbiamo iniziato a recuperare il ritardo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 12 October 2018 11: 14
    +2
    Sì ... l'autore scrive a chi ... e "dove" scrive ..?

    Al momento, lo sviluppo di alte tecnologie in Russia è possibile solo con iniezioni significative di fondi pubblici, con incentivi e pieno controllo del settore.

    Sì, sono stati versati fondi ... - già mostruosi trilioni di fondi sono stati versati ... - sono stati versati più di una volta ... - È stato versato così tanto nelle nanotecnologie di Chubais ... che puoi scolpire un parco acquatico sulla luna ... -E ... dove sono i fondi ... e dov'è il parco acquatico ..? -Solo Chubais nella sua "posizione di leadership onoraria" ... -vivo e sano ...
    - Un tempo, Beria "ei suoi compagni" da "zero zero" hanno creato un'industria atomica in Russia (URSS) ... - Sì ... - "sharashki" ha funzionato .., ma la nostra intelligenza ha ottenuto molto .., sì ... -molto è stato preso "dalle benedizioni dei lavoratori" ... -Ma l'industria nucleare (reattori nucleari, bomba atomica, ecc.) ... -che loro ... -presentavano su un piatto d'argento ... -questo è tutto ... E in soli 7-8 anni ... -E poi non c'erano robot industriali, software, alte tecnologie, ecc.
    -Non ci sono oggi ... -E loro ..., certo, sarebbero stati e sarebbero apparsi in brevissimo tempo ... e ... e la migliore prestazione di qualità mondiale ... -Con prestazioni domestiche ... -da una minuscola vite e un minuscolo chip micron ... - al processore più potente con prestazioni di cento petaflop, in grado di eseguire quadrilioni di operazioni al secondo) ... - E molte cose sarebbero certamente apparse nella produzione russa ...
    -Sarebbe in quelle condizioni ...- su cui non è difficile indovinare e indovinare ...
    -Ma .., ahimè .. -la popolazione russa è stata derubata e derubata da truffatori ... -e neve ... come sempre compreremo e importeremo in Russia dall'America, dall'Europa occidentale e dalla Cina ...
  2. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 12 October 2018 12: 08
    +1
    Buon pomeriggio, Irina.
    Non si tratta dell'autore ... ma dello scopo di queste infusioni. Si scopre che è necessario RITIRARE dalla borghesia la "loro" proprietà, che hanno ricevuto in REGALO, e restituirla nuovamente nelle mani dello Stato (con i suoi funzionari ladri). Compito semplice ???
  3. Nordural Офлайн Nordural
    Nordural (Eugene) 14 October 2018 13: 48
    +1
    Leggi questo e le lacrime scorrono da sole.
    Quasi la prima di una ricerca sull'argomento (la citazione è presa da lì)
    https://politsturm.com/robotizaciya-v-sssr/

    Con la partecipazione dell'URSS, dell'Ungheria, della Repubblica Democratica Tedesca, della Polonia, della Romania, della Cecoslovacchia e di altri paesi del campo socialista, in quegli anni è stato creato con successo un nuovo robot industriale per la saldatura ad arco elettrico "Interrobot-1". Con specialisti bulgari, scienziati dell'URSS hanno persino fondato l'associazione di produzione "Red Proletarian - Beroe", dotata di moderni robot con azionamenti elettromeccanici della serie RB-240. Sono stati progettati per operazioni ausiliarie: carico e scarico di pezzi su macchine per il taglio dei metalli, cambio degli strumenti di lavoro, trasporto e accatastamento di pezzi su pallet, ecc.

    Riassumendo, possiamo dire che all'inizio degli anni '90, in Unione Sovietica furono prodotte circa 100 unità di robot industriali, che sostituirono più di un milione di lavoratori, ma i dipendenti liberati trovarono ancora lavoro. In URSS sono stati sviluppati e prodotti oltre 000 modelli di robot. Alla fine del 200, oltre 1989 imprese e più di 600 istituti di ricerca e uffici di progettazione facevano parte del Ministero degli strumenti dell'URSS. Il numero totale di dipendenti nel settore ha superato il milione.

    Gli ingegneri sovietici pianificarono di introdurre l'uso dei robot in quasi tutti i settori dell'industria: ingegneria meccanica, agricoltura, edilizia, metallurgia, estrazione mineraria, industria leggera e alimentare - ma questo non era destinato a diventare realtà.

    Con la distruzione dell'URSS, il lavoro pianificato sullo sviluppo della robotica a livello statale si interruppe e la produzione in serie di robot cessò. Persino quei robot che erano già utilizzati nell'industria scomparvero: i mezzi di produzione furono privatizzati, poi le fabbriche furono completamente rovinate e le costose attrezzature uniche furono distrutte o vendute per rottami. Il capitalismo è arrivato.
  4. YGM Офлайн YGM
    YGM (Yury) 15 October 2018 15: 49
    +1
    Ci sono specialisti in Russia e lo sono SEMPRE e lo saranno SEMPRE! Ma andarono tutti nell'oscurità.
    Quelli che se ne sono andati NON CONTANO! (ratti vergognosi). Spero che stiano bene nel culo!
    Specialisti e corruttori sono due poli diversi.
    "Genio e malvagità sono due cose incompatibili" (Pushkin).
    Poiché lo Stato dice "Abbiamo bisogno di specialisti ...." e il loro "no", la colpa è dello Stato!
    GLI SPECIALISTI NON CREDONO A LUI !!!
    E NON AIUTO !!!
    Ebbene, il tempo passerà ..... vedremo.
  5. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 29 luglio 2019 15: 49
    0
    Se solo una svolta dei pantaloni dall'abrasione sulle sedie - alcuni !!!