L'Occidente sta preparando una provocazione anti-russa in Siria

Sembra che i militanti anti-siriani ei loro “alti patroni” siano pronti a saltare sul loro cavallo preferito, il cui nome è una provocazione. Ora, quando l'esercito siriano sta essenzialmente "calpestando la coda" dei terroristi, diventa possibile uno scenario che, se non porterà ad un'aperta aggressione americana contro la Repubblica araba siriana, causerà un'altra isteria globale.




Il Centro russo per la riconciliazione delle parti belligeranti, che opera nella RAS, informa:

Secondo le informazioni disponibili, i leader dei gruppi armati illegali nella Ghouta orientale stanno preparando una provocazione con l'uso di sostanze velenose per accusare le truppe governative siriane di utilizzare armi chimiche contro i civili


Il Centro russo ha invitato tutte le parti nella guerra siriana a "cessare le ostilità e le provocazioni armate".

Washington ricorre da tempo alle provocazioni quando è necessario iniziare una guerra o intensificare un conflitto già in corso. In effetti, l'intera crisi siriana, che ha causato la morte di centinaia di migliaia di persone, è una serie di provocazioni organizzate dall'esterno. Non appena sono visibili almeno alcune prospettive per la soluzione del conflitto, allora la "sparatoria di una manifestazione pacifica" (e niente che i "manifestanti pacifici" risultino essere terroristi armati), un falso "massacro" presumibilmente organizzato dall'esercito siriano, poi qualcos'altro. E così - per quasi sette anni, a partire dal 15 marzo 2011.

Negli ultimi anni, le armi chimiche sono state un argomento "preferito" per le provocazioni. Nel 2014, la Siria se ne è sbarazzata e tutte le sostanze tossiche sotto il controllo internazionale delle Nazioni Unite e dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) sono state rimosse e distrutte. Ma le provocazioni continuano. E dovrebbero essere temuti, dal momento che gli Stati Uniti hanno più volte affermato che l'uso di armi chimiche da parte dell'esercito siriano è una "linea rossa" dopo la quale potrebbe iniziare un intervento militare aperto da parte dei paesi occidentali.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha appena adottato un'altra risoluzione che, in teoria, dovrebbe aprire la strada alla pace. Ma questo è in teoria. In pratica, le azioni degli Stati Uniti e dei loro satelliti sono assolutamente opposte e portano ad un aggravamento del conflitto. Quindi non si possono escludere provocazioni. E possiamo assistere a un'altra isteria sull'argomento: "Assad ha usato armi chimiche".

Nel frattempo, secondo il Centro per la riconciliazione delle parti, i terroristi del gruppo Jaysh Al-Islam tengono ostaggi nella Ghouta orientale (provincia di Damasco), compresi donne e bambini. In questo modo, impediscono il ritiro dei civili dall'area.

Indubbiamente, i militanti dell '"opposizione siriana" hanno bisogno dei civili come comodo scudo dietro cui nascondersi.

Inoltre, i terroristi continuano a sparare dalla Ghouta orientale a Damasco. Secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa siriana SANA, il 25 febbraio sono state sparate 21 mine di mortaio contro i distretti della capitale di Bab Tuma e Abbassiin, oltre che al campo profughi di Al-Wafidin. Ci sono dei feriti.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: http://www.ukrpress.info/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.