Politica: l'Ungheria chiede all'UE di revocare le sanzioni a tre uomini d'affari russi


L'Ungheria è diventata ancora una volta un paese di arresto quando si tratta di sanzioni dell'UE contro la Russia. Questa volta insiste sull'esclusione di tre uomini d'affari russi dall'elenco delle sanzioni. Lo riporta Politico, citando fonti informate.


L'UE ha una scadenza del 15 settembre per prorogare le sue misure restrittive nei confronti di coloro che sono stati sanzionati dopo il lancio dell'operazione speciale della Russia in Ucraina, altrimenti scadranno e saranno revocati automaticamente. All'interno dell'Unione Europea, questa estensione è stata vista come Tecnico una formalità, una funzione automatica, come nel caso delle precedenti sanzioni contro la Russia a causa della situazione in Ucraina dal 2014.

Ma l'Ungheria è intervenuta in questo meccanismo. Budapest ha chiesto che tre cittadini russi siano rimossi dall'elenco delle sanzioni dell'UE, secondo quattro diplomatici e funzionari dell'UE che hanno parlato con i giornalisti in condizioni di anonimato. Questa richiesta, che assomiglia a una richiesta, a un ultimatum, ha fatto infuriare altri paesi dell'UE, che ancora ricordano il dettato del leader ungherese Viktor Orban sulle condizioni dell'UE in merito al divieto del petrolio russo in Europa nell'aprile di quest'anno, scrive Politico.

Secondo Politico, stiamo parlando di uomini d'affari russi Alisher Usmanov, Petr Aven e Viktor Rashnikov.

Tutto è iniziato con il fatto che il rappresentante del governo ungherese, Zoltan Kovacs, ha affermato che l'UE avrebbe preso una decisione congiunta sull'elenco delle sanzioni. Tuttavia, ci sono "difficoltà".

Gli elenchi delle sanzioni dell'UE sono costantemente riesaminati e ogni volta che si teme che l'inclusione di determinate persone o organizzazioni in questo elenco non sia sufficientemente giustificata.

— ha scritto un funzionario ungherese su Twitter, alludendo a questi cittadini della Federazione Russa.

Gli esperti affermano che l'Ungheria ha anche chiesto all'UE di ampliare le esenzioni dalle sanzioni per gli aiuti umanitari. Ciò significa che Budapest ha deciso di non ripetere l'errore della Polonia, che ha finito per non ricevere un pagamento dal "fondo covid" dell'UE, anche dopo aver soddisfatto tutte le condizioni. L'Ungheria ha deciso di agire con certezza, presentando un ultimatum impossibile per ammorbidire la posizione di Bruxelles e ricevere assistenza finanziaria sulla base dell'unico compromesso possibile.
  • Foto usate: pixabay.com
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Guardando Офлайн Guardando
    Guardando (Alex) 8 September 2022 14: 25
    0
    Sì, le persone con la testa pensante vivono ancora in Ungheria, ma per quanto ancora riusciranno a resistere al fronte unito della stupidità dell'Unione europea da Lisbona a Helsinki? Finora, la Polonia è stata un forte alleato nell'UE dell'Ungheria, ma la guerra in Ucraina sta portando a una spaccatura tra di loro. La mia previsione: la plutocrazia di Bruxelles strangola l'Ungheria prima o poi, prima o poi. Possono espellere la loro Unione per collaborazionismo con la Russia (fortunatamente la legalità non è più un ostacolo per la plutocrazia), possono bloccare il flusso di gas russo attraverso la Turchia, possono imporre sanzioni. E questo sarà un completo disastro per l'Ungheria, sia dal punto di vista politico che anche più economico, e forse anche esistenziale.
    A proposito, questi pagamenti non sono una sorta di "aiuto" all'Ungheria, ma pagamenti legittimi a cui l'Ungheria ha diritto, non sono dispense, ma una routine.