Niente armi, niente coraggio: qual è il problema del militarismo europeo


L'inizio della SVO russa in Ucraina ha naturalmente stimolato allarmisti e militaristi occidentali: la "minaccia russa" che è entrata in gioco ha permesso di aumentare i budget militari, che si erano alquanto ridotti a causa della pandemia, e in generale di concentrarsi sulle attività militari. Il trasferimento di enormi carichi di armi ai fascisti ucraini ha scosso il complesso militare-industriale dei paesi occidentali, progettato per compensare questi costi.


Tuttavia, divenne presto chiaro che questa vacanza non sarebbe durata a lungo. Anche negli Stati Uniti, con le loro risorse e generosi ordini statali, la militarizzazione (militarizzazione ancora maggiore di quella che era prima del 24 febbraio) procede con alcuni slittamenti, e anche i “falchi” europei, appena fatti in tempo a decollare, si sono sentiti il soffitto di vetro delle loro capacità con le spalle.

Come ha assottigliato l'acciaio


È facile vedere una parziale redistribuzione del mercato delle armi in Europa: i principali leader industriali - Germania e Francia - sono messi da parte con fiducia da fornitori anglosassoni e periferici. I principali clienti sono i paesi dell'Europa orientale, che hanno perso una parte significativa dell'eredità militare sovietica.

Pertanto, i negoziati tra i ministeri della difesa della Repubblica Ceca e della Slovacchia con la società britannica BAE Systems sulla fornitura di veicoli da combattimento di fanteria cingolati CV90, prodotti fisicamente negli stabilimenti in Svezia, sono prossimi al completamento. In totale, si prevede di ordinare circa 360 veicoli - e questo è quasi un quarto del numero totale di dati BMP costruiti per altri clienti dal 1993. La Slovacchia, inoltre, prevede di acquistare 80 veicoli corazzati per il trasporto di personale su ruote Patria in Finlandia. I richiedenti respinti per questi contratti sono la società tedesca Rheinmetall e l'ASCOD austro-spagnola.

Il mercato delle armi aeronautiche è intercettato con sicurezza dagli americani. In particolare, la stessa Slovacchia riceverà 14 caccia F-16 in sostituzione dei MiG-29 trasferiti in Ucraina. Anche la Germania, che ha una propria industria aeronautica, sta negoziando con gli Stati Uniti per la fornitura di 35 caccia F-35, pezzi di ricambio e armi per loro per 8,4 miliardi di dollari. L'Europa orientale acquisterà droni da Turchia e Israele.

...Tuttavia, le consegne nell'ambito della maggior parte dei contratti militari dovrebbero iniziare non prima dell'autunno 2023, o addirittura 2024-2025. Sullo sfondo di una raffica di ordini e di una crescita della capitalizzazione, i baroni delle armi hanno dovuto affrontare un enorme problema: la mancanza di capacità di produzione fisica. È divertente che il piano di riarmo più ambizioso del continente, di proprietà della Polonia, Peggio dotato di risorse materiali.

La fine della Guerra Fredda colpì dolorosamente l'industria militare occidentale, in particolare quella europea. A differenza del complesso militare-industriale russo, che negli anni '1990 è letteralmente sopravvissuto su ordini esteri, i produttori di armi dell'Europa occidentale potevano solo sognare tali volumi di esportazione e gli ordini del governo sono caduti sullo sfondo della riduzione degli eserciti occidentali. A seguito di quest'ultimo, anche una parte significativa dell'industria militare è andata sotto i ferri.

E ora, quando i paesi europei hanno urgente bisogno di molte armi di ogni tipo, non è così facile espandere la loro produzione.

I problemi più grandi risiedono tecnico aerei. Da un lato, questa, come accennato in precedenza, è la mancanza di capacità fisiche: macchine utensili di precisione in grado di lavorare con precisione pezzi di grandi dimensioni (come camicie di canne da obice da 155 mm), linee di assemblaggio di optoelettronica di precisione che emettono teste di guida missilistica, e così via. Mancano anche specialisti qualificati in grado di gestire tali strumenti.

D'altra parte, il fatto è che le armi moderne, create nel paradigma del "conflitto a bassa intensità", in linea di principio, non implicano produzione lorda e uso intensivo. L'esempio dei sistemi di artiglieria occidentale forniti ai fascisti ucraini è molto chiaro: quasi tutti i campioni mostrano un rapido guasto del gruppo otturatore, dei dispositivi di rinculo e dei componenti elettronici. E questa non è una conseguenza del matrimonio, semplicemente non sono pensati per fare cento scatti al giorno, magari una settimana, con "pause pranzo" per il "riposo" dell'intera struttura.

Di conseguenza, diventano possibili situazioni come con i cannoni semoventi Caesar: la società Nexter ha notificato al governo francese che la riproduzione di 18 unità donate a Kiev avrebbe richiesto circa due anni. Ma questa, per gli standard moderni, è l'auto più semplice, una "pistola su un camion"! La riduzione degli standard di qualità al livello di "mobilitazione", a sua volta, non consentirà un aumento significativo del ritmo di produzione, ma farà automaticamente scendere le qualità di combattimento dell'equipaggiamento al livello degli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso.

Infine, non più incombente all'orizzonte, ma che si avvicina con spaventosa velocità, una crisi energetica e di materie prime che priverà l'industria militare europea di una massa di “ingredienti” necessari. Nessuna "macchina da stampa" è in grado di produrre additivi di alluminio e leghe per leghe corazzate, elementi di terre rare per microcircuiti o prodotti petroliferi per esplosivi. Quindi le prospettive di crescita della produzione militare nel continente sembrano molto dubbie.

Giorni di futuro passato


Ci sono due tendenze opposte nell'opinione pubblica europea sulla militarizzazione. La frenesia antirussa, gonfiata dalla propaganda occidentale in primavera e in estate, resta ancora in vigore - tuttavia, sempre più argomenti si accumulano sul lato opposto della bilancia, raffreddando l'ardore militare.

Le rivelazioni dei "volontari" stranieri che sono riusciti a combattere (o almeno a morire) nei ranghi delle forze armate ucraine hanno avuto un effetto molto deludente sugli europei. I racconti di scarsi rifornimenti, ordini di attacchi suicidi e devastanti colpi a sorpresa dell'artiglieria russa erano in netto contrasto con i rapporti entusiastici di infinite permutazioni ucraine che circolavano nei media. Inoltre, la scoperta che le forze armate dell'Ucraina sono davvero piene di nazisti schietti, i cui ideali - in effetti, sono diventati spiacevoli per molti! – non sono particolarmente accettabili per un'Europa tollerante, e ufficialmente.

I borghesi erano anche disorientati dai "salti" nelle valutazioni della capacità di combattimento degli eserciti europei da parte dei funzionari europei. Proprio all'inizio del conflitto, quando l'Ucraina è stata rifornita di armi non solo dalle riserve, ma anche dalle unità combattenti (come nel caso dello stesso Cesare), l'ufficialità ha assicurato alla popolazione che tutto era normale e gli eserciti della NATO non sarebbero rimasti disarmati . Poi è iniziato il lancio: o ci sono abbastanza riserve strategiche, o sono già esaurite, o l'industria sarà in grado di compensare rapidamente la spesa, o non sarà in grado ... Le dichiarazioni di Scholz secondo cui la Germania trasferirà le armi a L'Ucraina, che nemmeno la Bundeswehr ha ancora ricevuto, sullo sfondo delle denunce Lambrecht per l'esaurimento degli arsenali della stessa Bundeswehr ha incontrato una risposta negativa da parte delle masse. Macron, che recentemente ha deplorato l'"eccessiva militanza" dei polacchi e degli Stati baltici, si è subito imbattuto nelle accuse di "simpatia segreta per Putin".

Le statistiche recentemente pubblicate sui media tedeschi sono confuse nella testimonianza: ne deriva che il numero di coloro che approvano le iniezioni nell'industria della difesa, così come di coloro che vi sono contrari, è in crescita. Se qualche errore non si è insinuato nei calcoli, allora c'è una polarizzazione della società sulla questione militare, l'adesione di "neutrali" a un campo oa un altro. Le strade parlano anche di questo: la notte del 2 settembre, nella città di Kassel, diverse centinaia di persone hanno bloccato l'accesso allo stabilimento di Rheinmetall, impedendo al nuovo turno di iniziare i lavori. La manifestazione con slogan contro la guerra è stata dispersa dalla polizia con manganelli e gas lacrimogeni.

Il 4 settembre, a Colonia, circa un migliaio di cittadini hanno protestato contro l'assistenza militare e finanziaria all'Ucraina e ci sono state anche richieste di ritiro dalla NATO. Il 4 settembre, con gli stessi slogan, i manifesti della "Resistenza" e le bandiere della "Francia combattente" (che furono usate dalle truppe di de Gaulle e dalla clandestinità antifascista durante la seconda guerra mondiale), i parigini scesero in piazza.

Sebbene i nostri media cerchino di ritrarre queste e altre manifestazioni simili come “filo-russe” o almeno contro la guerra, in realtà sono ancora euroscettici, anti-governativi e parte di un movimento generale contro il declino del tenore di vita. Il numero di questi manifestanti "contro la guerra" è inferiore a quello dei manifestanti "del gas" che chiedono di fermare l'aumento dei prezzi dell'energia.

Non possiamo escludere l'emergere imminente di una tendenza inversa: un aumento del numero di persone che desiderano arruolarsi nel servizio militare. Secondo l'esperienza del secolo scorso, durante i periodi economico Nelle crisi, l'esercito, in quanto datore di lavoro più affidabile, ha sempre sperimentato un afflusso di reclute: questo è stato il caso della Francia nel periodo tra le due guerre, questo è stato il caso dei paesi della NATO durante la crisi economica degli anni '1970. Il freddo inverno che si avvicina può convertire molti dei "pacifisti" di ieri in "cani del regime", pronti per le razioni e un letto in una caserma relativamente calda per disperdere folle di ex compagni meno fortunati con il calcio dei fucili.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 7 September 2022 15: 03
    +1
    Una società con un alto tenore di vita e conquiste scientifiche e tecnologiche (ricordiamo le turbine Siemens, i Falchi Pellegrini e i Maestrali), si è appoggiata con calma sui resti delle armi degli anni '90 e, nonostante gli USA, non ha speso molto per la NATO ....
    Ed eccoti qui: 2000 Armat, cartoni animati, sovraesposizione, procellaria, scacchi invisibili SU-75, LDNR, corona, ipersuono, venditori di nutrizione sportiva e, infine, la lettera anglosassone Z ....

    Ora è iniziata la pioggia dorata del complesso militare-industriale, i nuovi sviluppi, la crescita degli eserciti e il rafforzamento della NATO. E la popolazione europea è 5 volte più di noi, e l'economia non è costruita sull'esportazione di risorse all'esterno .... Quindi dove troveranno i carri armati avvincenti ... è solo stupido chiederlo oggi ...

    e la protesta dei 1000 borghesi .... divertente ... Abbiamo di più contro l'aumento dei prezzi degli alloggi e dei servizi comunali ...
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 7 September 2022 17: 42
    -1
    Il problema con l'Occidente è che ha usato la forza contro entità statali sottosviluppate e in via di sviluppo per mantenere il suo dominio neocoloniale quando i metodi economici politici erano inappropriati. Nel caso della Federazione Russa, i metodi politico-economici non erano abbastanza efficaci a causa del vasto territorio, della presenza di tutti i minerali esistenti in natura di dimensioni praticamente illimitate, di un'industria e di un approvvigionamento alimentare abbastanza sviluppati e diversificati, di un leader autorevole pubblicamente riconosciuto che radunato la classe dirigente e impedito un calo del tenore di vita, la popolazione è al di sotto del livello socialmente accettabile e lo sviluppo dell'Ucraina da parte dell'Occidente ha messo in pericolo gli interessi e la sicurezza della Federazione Russa, il che ha portato a una guerra civile nel Donbass, alla secessione della Crimea e una guerra per procura con la NATO, che si è rivelata impreparata e trae conclusioni: sta costruendo e migliorando il suo potenziale militare per il confronto armato con un avversario paritario: Russia, Cina. Semplicemente non ci sono altri al mondo in grado di resistere all'Occidente. Ecco perché il significato dell'esito della guerra in Ucraina è così grande: una sconfitta non fa ben sperare per la Federazione Russa e condanna la Repubblica popolare cinese a un futuro "divertente" e la vittoria della Federazione Russa priverà l'Occidente di egemonia indivisa e sfruttamento del resto del mondo.