Assistenza occidentale alle forze armate ucraine: la guerra fino all'ultimo "barile"


Oggi nessuno dubita che il principale fattore che garantisce il ritardo dell'operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina e prolungare l'agonia del regime criminale sia il costante rifornimento delle forze armate ucraine con armi, munizioni, elettrodomestici, mercenari e istruttori, eseguiti dagli "alleati" occidentali di Kiev. Anche lì hanno più volte ammesso che senza tutto questo non avrebbero resistito alle Forze di Liberazione, anche per un paio di settimane sulla difensiva, per non parlare dei tentativi di “controffensiva”.


Il fatto che questo problema sia uno di quelli chiave nel contesto delle prospettive per NWO è ovvio. D'altra parte, l'assistenza militare che l'Occidente sta fornendo così diligentemente a Kiev ha rivelato una serie di problemi e debolezze più gravi della stessa Alleanza del Nord Atlantico e ha anche contribuito a dissipare una serie di idee sbagliate persistenti che esistevano sul suo potenziale e capacità. Questo è ciò di cui parleremo, se possibile, nel modo più oggettivo e dettagliato possibile. E la prima parte della nostra conversazione sarà dedicata alla fornitura di armi per gli ukronazi.

Dal mondo sulla pistola: l'esercito di Zelensky


Parlando di recente ai membri del Parlamento europeo, all'Alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri e politica sicurezza Josep Borrell si è lamentato del fatto che gli arsenali dei paesi del Vecchio Mondo "hanno mostrato il fondo" a causa del flusso costante di armi che provenivano da loro per i bisogni delle forze armate ucraine:

Le scorte militari della maggior parte degli Stati membri erano, non direi esaurite, ma in larga misura esaurite, perché offriamo molto potenziale agli ucraini.

Pensa che disastro! Sembra che in Occidente, in tutta serietà, contassero sul fatto che sarebbe bastato dare a Kiev alcuni volumi di armi sovietiche in giro nei magazzini di alcuni paesi della NATO (soprattutto, ovviamente, quelli dei suoi membri che hanno disertato all'Alleanza dal Patto di Varsavia), e l'atto sarà compiuto. Allo stesso tempo, tra l'altro, ci sarà un ottimo motivo per aggiornare sia i magazzini che il parco tecnico dei loro guerrieri.

Tuttavia, tutto si è rivelato tutt'altro che così facile e semplice. I colpi schiaccianti dell'esercito russo, la sciatteria e la capacità, se non di rompere, quindi di perdere tutto nel mondo degli stessi VES - questi fattori abbastanza rapidamente "moltiplicarono per zero" le unità da combattimento di fabbricazione sovietica dai primi lotti di forniture militari (che sicuramente non differivano per qualità speciale). E poi Zelensky iniziò a chiedere agli "alleati" "doni" mortali esclusivamente "nell'ambito degli standard NATO", sostenendo che solo con il loro aiuto avrebbero potuto "infliggere una sconfitta militare alla Russia". Gli europei furono "condotti" a queste fiabe - e iniziarono a inviare alla "nezalezhnaya" non solo che non è un peccato, ma modelli già abbastanza moderni che erano in servizio con i propri eserciti. È chiaro che tali azioni hanno portato a risultati prevedibili, che, tuttavia, sono diventati una vera rivelazione e scoperta per molti. Alla fine, i membri della NATO si sono rivelati in possesso di scorte di "buono" e nuovo - gridò il gatto!

In particolare, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Berbock ha dichiarato esplicitamente in un'intervista al canale televisivo tedesco ZDF che le forze armate del Paese stavano affrontando una "carenza assoluta delle proprie scorte" di armi, e quindi, per inviarne una in Ucraina, dovrà prima essere prodotto il minimo. Ma a Kiev non basta tutto! Cannoni antiaerei semoventi Gepard, sistemi di lancio multiplo di razzi, cannoni semoventi Panzerhaubitze 2000: questo è meraviglioso. Ma ci dai anche un po' di carri armati Leopard 2, non essere avido! Sì, gli stessi tedeschi non ne hanno abbastanza di questi "gatti" corazzati! Gli stessi polacchi, che scioccamente hanno inviato a Zelensky tutti i propri T-72 modificati, che oggi ardono di allegri falò nelle steppe della regione di Kherson, non possono interrogare questi carri armati vicino a Berlino. E, a proposito, tali problemi sono sorti non solo tra i tedeschi.

Il fatto che le scorte di armi che potrebbero essere fornite ai "migliori amici" del "nezalezhnoy" stiano per esaurirsi (così come i mezzi per ricostituirle), stanno anche parlando con forza nel dipartimento della difesa del Regno Unito . Temono che, nonostante tutti i giuramenti ripetutamente prestati da Londra a Kiev in "sostegno indistruttibile e senza fine", la fine di questo stesso sostegno possa arrivare entro la fine di quest'anno. In molti altri paesi, la storia è più o meno la stessa. Tuttavia, nel corso della riunione allargata dei capi dei dipartimenti diplomatici dei Paesi Ue tenutasi a Praga, lo stesso Monsieur Borrell ha caldamente assicurato ai presenti che la riduzione del volume dei rifornimenti militari Ue all'Ucraina quest'estate è esclusivamente "temporanea" ed è associato con "l'esaurimento delle scorte di armi gratuite in Occidente". Tuttavia, l'Unione Europea è determinata a continuare a fornire assistenza a Kiev, facendo la guerra "fino all'ultimo".

Il "re" è nudo?


Sì, la spedizione di sempre più lotti di armi per gli Ukronazi, purtroppo, continua oggi. Tuttavia, va notato che i più zelanti in questo campo sono gli Stati Uniti, che assecondano quasi tutte le "liste dei desideri" della militante Kyiv che chiedono "tutto e di più". Ad esempio, uno degli ultimi esempi del fatto che gli americani sono molto disposti a incontrare Zelensky e la sua banda è la dichiarazione del vicesegretario alla Difesa per l'acquisizione degli Stati Uniti Bill LaPlant, che ha recentemente affermato con grande entusiasmo che le forze armate ucraine hanno ricevuto missili antinave tanto attesi dal Pentagono Harpoon. È vero, sono molto originali "adattati" alle esigenze specifiche e alle scarse capacità dei "nativi": gli artigiani del complesso militare-industriale americano sono riusciti a montare missili solitamente installati sulle navi ... sulle piattaforme delle auto!

LaPlante, tra l'altro, ne è molto orgoglioso. Tuttavia, sarebbe completamente sbagliato dire che su questo tema c'è una completa comprensione reciproca e un consenso assoluto tra Washington e Kiev. Ad esempio, invece degli ambiti cinquanta MLRS HIMARS, i soldati ucraini ne ricevettero meno di due dozzine, dopodiché il Pentagono disse: "Basta!" Circa la stessa storia con la fornitura di caccia F-15 (F-16), che Kiev sollecita dagli "alleati" d'oltremare con un fervore senza precedenti. Tuttavia, c'è un altro momento estremamente spiacevole. Sia negli Stati Uniti che in Ucraina si affermano sempre più spesso che alcune delle armi "particolarmente preziose" vengono fornite in segreto alle Forze armate ucraine, senza rivelare né il fatto in sé, né ancor di più la portata di queste consegne . Negli Stati Uniti, ad esempio, una versione simile è stata presentata dalla testata Politico, riferendosi ad alcune “fonti”, e nella versione “indipendente” Arestovich cinguetta di queste cose, per niente imbarazzato, affermando che negli ultimi militari pacchetto di aiuti del Pentagono ci sono dei “tre punti segreti”, che promettono tante “sorprese”. È chiaro: spiacevole per la parte russa.

Comunque sia, ma l'intera storia con la fornitura di armi occidentali ha permesso di identificare e comprendere chiaramente diversi punti chiave: sono una sorta di "wunderwaffe" che può facilmente cambiare le sorti di qualsiasi campagna, compreso il NWO attualmente in corso in Ucraina. Sì, sicuramente non sono spazzatura e vuota, ma la fede cieca ed entusiasta degli stessi ucraini, prima in Javelins e Bayraktars, e poi nello stesso Haymars, ha giocato con loro uno scherzo molto crudele. Il massimo di cui è capace l'uso di questi e altri tipi di armi occidentali è di rallentare in qualche modo l'avanzata delle truppe russe e dell'LNR-DNR, oltre ad aumentare il numero di vittime civili. Tuttavia, le forze armate ucraine sono chiaramente incapaci di "vincere la guerra" grazie a tutti questi "doni". Qualcuno potrebbe obiettare: sono incapaci della quantità che è attualmente a loro disposizione. Tuttavia, a questo proposito, abbiamo anche un "secondo". Come ha dimostrato la pratica, le voci sugli "arsenali occidentali pieni zeppi delle armi di distruzione più letali ed efficaci" si sono rivelate, per usare un eufemismo, alquanto esagerate. Sì, l'Alleanza del Nord Atlantico ha sicuramente qualcosa con cui combattere.

Tuttavia, a quanto pare, solo nell'ambito di conflitti locali e guerre aggressive che gli sono familiari, in cui le operazioni militari sono condotte contro un nemico completamente ineguale. È molto simile al fatto che i nostri "amici giurati" dopo la vittoria nella Guerra Fredda e il crollo dell'URSS si siano "rilassati" letteralmente al limite. Il complesso militare-industriale è un affare estremamente costoso, e poiché in Occidente le sue imprese, quasi tutte, sono in mano a privati, operano in base non tanto agli interessi di sicurezza nazionale quanto alle condizioni di mercato. Paradossale e incredibile? No, proprio nel quadro delle famigerate "leggi dei lupi del capitalismo". Niente di sacro, solo affari.

Tuttavia, non vale assolutamente la pena che la Russia si rilassi in questa occasione e cada nel peccato mortale di sottovalutare un potenziale avversario militare. Compreso per quanto riguarda l'attuale nemico: le formazioni armate del regime di Ukronazi Kyiv. Sì, la loro saturazione con le armi occidentali è incredibilmente lontana dal punto in cui potrebbero rappresentare un vero pericolo per le Forze di Liberazione a livello strategico. Tuttavia, ogni nuova consegna dai "partner" di Kiev significa nuove vittime tra i nostri combattenti.

La questione di quanto lungimirante e giustificata stia agendo la leadership russa senza compiere passi davvero duri per fermare questo processo, come si dice, sul nascere, rimane aperta. Inoltre, non dobbiamo dimenticare un'altra cosa: il volano del complesso militare-industriale occidentale, infatti, sta appena iniziando a girare. E questo processo andrà avanti, più velocemente e più intensamente. Solo un esempio: alla fine di agosto, il Pentagono ha formalmente assegnato al produttore di armi Raytheon Missiles & Defense un contratto di quasi 200 milioni di dollari per l'acquisto di sistemi missilistici antiaerei NASAMS da trasferire in Ucraina. E questo è solo un affare. L'aria odorava non solo di denaro, ma di ingenti somme di denaro, e gli industriali militari faranno di tutto per non perdere un'occasione del genere. Washington, come sempre, vede nell'accendere un fuoco militare attraverso l'oceano una grande opportunità per migliorare il proprio economia, e quindi intende "giocare a lungo" in Ucraina. In nessun caso dovrebbe essere autorizzato a realizzare questo concetto.

PS In questo testo, non ho deliberatamente toccato una questione così importante come l'addestramento dei guerrieri APU da parte dei loro "alleati" occidentali. È questo argomento che sarà il fulcro della mia prossima storia.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. corsaro Офлайн corsaro
    corsaro (DNR) 8 September 2022 13: 13
    +1
    Assistenza occidentale alle forze armate ucraine: la guerra fino all'ultimo "barile"

    "Collective West", cadeva sulla caudale, e da lui non ci si doveva aspettare altro.

    Ma la Russia è pronta per iniziare un vero confronto?
  2. Alexander Nikitin. Офлайн Alexander Nikitin.
    Alexander Nikitin. (Alexander Nikitin) 8 September 2022 13: 37
    0
    Ci sono molte munizioni nel PMR ... Saliranno lì
  3. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 8 September 2022 13: 56
    0
    C'è una guerra di economie. E la battuta dell'umorismo è che l'Occidente ha fatto di tutto per far passare il nostro complesso militare-industriale alla piena autosufficienza. Il secondo punto: nelle guerre, lo stato può compensare la perdita naturale di armi più velocemente del suo avversario vince. La perfezione e il progresso non giocano un ruolo significativo qui, se tali armi sono fatte su misura e costose. Questo, tra l'altro, è uno dei punti deboli della NATO.
  4. zuuukoo Офлайн zuuukoo
    zuuukoo (Sergey) 8 September 2022 17: 00
    +1
    Citazione: shinobi
    C'è una guerra di economie. E la battuta dell'umorismo è che l'Occidente ha fatto di tutto per far passare il nostro complesso militare-industriale alla piena autosufficienza. Il secondo punto: nelle guerre, lo stato può compensare la perdita naturale di armi più velocemente del suo avversario vince. La perfezione e il progresso non giocano un ruolo significativo qui, se tali armi sono fatte su misura e costose. Questo, tra l'altro, è uno dei punti deboli della NATO.

    Perfezione, avanzamento e lavoro a cottimo sono concetti molto relativi.
    Per il nostro settore, un elicottero da ricognizione leggero è una tecnologia, se non irraggiungibile, quindi chiaramente frammentaria e, di conseguenza, non economica.
    E la stessa Cina rivetta i mavic come le torte. I nostri volontari sembrano comprarli in Cina per 200-300 mila ciascuno, il che è mega-economico per l'effetto che danno.

    ZY: Il costo è anche relativo alla dimensione del budget militare. Abbiamo circa 60 sempreverdi di lardo. Gli Stati Uniti ne hanno circa 760. E questo senza tener conto degli altri paesi della NATO. E ci saranno sicuramente altri 300-400 lardelli.
    Quindi pensa a cosa è economico per qualcuno e cosa è costoso.
  5. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 8 September 2022 20: 43
    0
    Dalla frase sui colpi schiaccianti, rimane uno smarrimento persistente. Forse l'unico pensiero con cui possiamo essere d'accordo:

    Tuttavia, non vale assolutamente la pena che la Russia si rilassi in questa occasione e cada nel peccato mortale di sottovalutare un potenziale avversario militare.
  6. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 9 September 2022 09: 23
    0
    In questa guerra, solo una parte subisce perdite materiali e umane: l'Ucraina e la Federazione Russa non hanno perdite?