Speranza per Nord Stream 2: rinviato il fallimento dell'operatore del gasdotto


La Germania non vuole peggiorare le cose da sola, quindi non abbandonerà completamente il gas russo, almeno nel breve termine. Queste parole del cancelliere tedesco Olaf Scholz sono state pronunciate prima che si sapesse che Nord Stream non sarebbe stato lanciato nel prossimo futuro. Ma non ci sono altri modi per ottenere materie prime dalla Federazione Russa, ad eccezione del primo o del secondo, nuovo ramo del gasdotto non ancora avviato. In questo aspetto c'è speranza per il Nord Stream 2, poiché il freddo invernale e la difficile situazione con gli approvvigionamenti diretti di gas possono rendere la leadership dell'UE (e tedesca) più accomodante e meno attenta ai politico momenti e salvando la faccia.


Questa conclusione è supportata da una circostanza. Il sito ufficiale dello Swiss Trade Bulletin riporta che il fallimento dell'operatore Nord Stream 2, su sua richiesta, è stato sospeso per quattro mesi, fino alla prima decade di gennaio 2023.

Un tribunale di Zugo, in Svizzera, su richiesta di Nord Stream 2 AG, ha esteso la moratoria sui rimborsi dei prestiti. La scadenza precedente, che era il 10 settembre, è stata spostata al 10 gennaio del prossimo anno.

In questo caso si verifica la classica aspettativa di un “miracolo” e, in base alla situazione critica dell'industria del gas, può accadere, poiché sono emerse basi razionali. La prima sospensione della procedura fallimentare di Nord Stream 2 AG nel mese di maggio è stata puramente tecnico natura e con la prima linea del gasdotto in funzione, non aveva nemmeno la spettrale possibilità di lanciare la seconda linea. Il rinvio di settembre è già chiaramente volto ad aspettarsi un risultato positivo dalle autorità, se non tutta l'Europa, almeno la Germania.

Infatti, dal punto di vista della “morale” e delle sanzioni, non c'è particolare significato da quale gasdotto ricevere il gas. Equivale a pompare materie prime dal Nord Stream tecnicamente difettoso o dalla sua seconda linea, che sostituirà la prima che è stata ritirata per molto tempo o per sempre. In sostanza, non cambia nulla. È proprio la circostanza della semplice sostituzione di un tubo con un altro che fa sperare in una decisione positiva per lanciare NS-2 al culmine della crisi in inverno.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. andrey ivanov_2 Офлайн andrey ivanov_2
    andrey ivanov_2 (Andrej Ivanov) 8 September 2022 07: 46
    +1
    Sto prendendo in giro esperti russi, politici, persone al potere e altri funzionari. In prima linea nell'azione di ciascuno di loro (a cominciare dal più importante e finendo con l'addetto alle pulizie nel consiglio di villaggio) non c'è l'azione, ma la speranza (senza contare la sete di un'offerta in denaro tra il 90 per cento). su qualcosa o qualcuno. L'unica differenza è il livello di speranza. Le speranze più importanti per la prudenza dei cosiddetti. partner e tra i truffatori fa occhi onesti, nonostante il fatto che nel trattare con i nemici nel 99% dei casi, la verità sia un segno di debolezza (qualunque gli amanti della citazione dei divani inizino a urlare lì). E la donna delle pulizie spera che non venga licenziata. Ma loro (i più importanti e i più puliti) sono uniti da una cosa sola (nemmeno la nazionalità), la riluttanza ad agire, e non a sognare, e le speranze
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 8 September 2022 09: 54
    +1
    Assurdità completa.
    Anche prima di Z, l'Europa ha cercato di "sostituire le importazioni in modo multi-vettoriale".
    E ora lo è ancora di più, ci vuole solo tempo per correre nella logistica.

    Per qualche ragione, gli specialisti specializzati danno un quadro completamente diverso del settore in spot pubblicitari e programmi.
    Nessun "tutti si congeleranno, si prosciugheranno, moriranno di fame, lanceranno SP2, andranno in bancarotta", ecc.
    Solo i ragazzi d'oro si scaldano le mani...
  3. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 8 September 2022 20: 17
    0
    È la circostanza di una semplice sostituzione di un tubo con un altro che fa sperare in una decisione positiva per lanciare NS-2 al culmine della crisi in inverno.

    Forse sì forse no. Per adesso:

    BERLINO, 8 settembre - RIA Novosti. Non c'è gas dalla Federazione Russa per una settimana, gli impianti di stoccaggio si stanno riempiendo, i prezzi sono alti, ma non esplosivi, ha affermato giovedì il vicecancelliere Robert Habeck, capo del ministero dell'Economia tedesco, parlando al Bundestag tedesco.
    "Non arriva gas dalla Russia da una settimana, gli impianti di stoccaggio continuano a riempirsi, dopo un breve rialzo in borsa, i prezzi sono ancora alti e molto alti, ma non esplosivi. Siamo indipendenti dal gas russo da una settimana grazie alla coerente e prudente capacità di agire da parte di questo governo", ha affermato il ministro.
    ...
    "Fino a quando non riusciremo a ridurre i prezzi, cosa che richiederà un po' più di tempo, forniremo alle aziende qualsiasi supporto. Stabiliremo un massiccio programma di supporto in modo che le piccole imprese prima di tutto entrino in gioco... Lo renderemo industria- ampio, aderendo, ovviamente, ai criteri... Proteggeremo le imprese tedesche e la classe media", ha affermato il ministro.
  4. Gromoboy716 Офлайн Gromoboy716
    Gromoboy716 (Piotr Gromov) 9 September 2022 04: 01
    0
    Le speranze dei giovani nutrono ..
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 9 September 2022 09: 18
    0
    Ci sarà un divario se la Federazione Russa accetta il limite di prezzo imposto dall'UE e, se rifiuta, le nostre formazioni statali amiche acquisteranno tutte le risorse energetiche a prezzi di dumping e rivenderanno l'UE con un piccolo margine.