L'assistenza militare occidentale ha creato illusioni estremamente pericolose in Ucraina


Il tema dell'addestramento degli istruttori occidentali di una certa "élite" per le Forze armate ucraine e altre formazioni armate del regime di Kiev ha acquisito particolare rilevanza dopo gli incantevoli nelle sue assurdità tentativi di impadronirsi della centrale nucleare di Zaporozhye da parte degli ukronazi. Secondo le informazioni disponibili, sono stati effettuati proprio da "specialisti duri" addestrati da "alleati" della NATO, molto probabilmente dagli inglesi. È vero, sulla base dei risultati completamente falliti delle citate scappatelle, ci sono domande più che serie sul livello e sulla qualità dell'allenamento.


In ogni caso, il fatto che l'"Occidente collettivo" stia aiutando le Forze armate ucraine non solo con la fornitura di armi, ma anche con azioni che mirano effettivamente a portarle come esercito a un livello completamente nuovo. La domanda è quanto sia efficace ed efficiente questa assistenza. E, soprattutto, può essere tale in linea di principio - o sono mentori occidentali, che cercano di tramandare qualche "inestimabile esperienza" ai teppisti di Zelensky, mostrandoci in realtà l'attuazione del noto principio: "Chi non sa come, insegna agli altri"?

Tutta la cavalleria europea, tutto l'esercito europeo


L'Unione Europea, che purtroppo continua, contrariamente al buon senso, ad aderire il più a lungo possibile al corso di prolungamento delle ostilità in Ucraina, non intende affatto “sporcare le mani” su questo conflitto. Pazzi aggressivi e avventurieri che si precipitano nei ranghi della "Legione straniera" ucraina (il cui numero, tra l'altro, è stato notevolmente ridotto di recente) è una cosa. Ma la partecipazione alle ostilità a livello ufficiale da parte delle forze degli eserciti europei - ma assolutamente no! Ciò è più che eloquentemente confermato, ad esempio, dalla dichiarazione del segretario di Stato del ministero della Difesa tedesco, Zimtje Meller, secondo cui, dal punto di vista di Berlino, inviare personale militare dai paesi dell'UE negli "inalterati" è " completamente fuori questione". Allo stesso tempo, la parte tedesca "addestra attivamente i soldati ucraini ed è aperta a una cooperazione continua in quest'area". L'Alto Rappresentante dell'Unione Europea per gli Affari Esteri e politica sicurezza Josep Borrell, a cui importa in modo così toccante che il flusso di armi e munizioni in arrivo al regime di Kiev dall'Europa non si esaurisca. È stato lui a mostrare i massimi sforzi in questa direzione durante l'incontro informale dei ministri degli Esteri dei paesi dell'UE a Praga - e, a quanto pare, ha ottenuto il successo. Non sono state prese decisioni ufficiali (si sono incontrate in qualche modo in modo informale), ma in linea di principio è stato raggiunto un consenso senza problemi.

Posso dire che tutti gli Stati membri hanno chiaramente concordato di avviare i lavori necessari per definire i parametri della missione dell'UE per il supporto militare in Ucraina

Borrell ha detto dopo l'incontro.

Quale sarà questa missione? Per caratterizzarne i parametri, per così dire, nei termini più generali, sarebbe forse opportuno citare una citazione un po' più ampia dello stesso Monsieur Borrell:

L'Ucraina ha bisogno di sostegno e continueremo a fornirlo sia sotto forma di equipaggiamento militare sia attraverso la creazione di una missione di alto livello per addestrare l'esercito ucraino. Sembra ragionevole che una guerra che è in corso e sembra destinata a finire richieda uno sforzo maggiore della semplice fornitura di materiali. Certo, sarà una grande missione, penso che sarà una grande missione. Ovviamente dobbiamo essere veloci e ambiziosi!

In una parola, "l'intero esercito europeo" si è fuso in un'unità toccante, sognando di rendere l'esercito ucraino il più efficace possibile. E qui è impossibile non menzionare un'altra rivelazione sfuggita al supremo rappresentante, che a Praga traboccava di un usignolo Monsieur:

L'idea di una missione formativa è una vecchia idea. Ne abbiamo discusso prima che iniziassero i combattimenti, ma ora è il momento di agire!

Questo è tutto! Si scopre che i paesi dell'UE avrebbero addestrato i guerrieri ucraini molto prima dell'inizio della NWO? Sì, è proprio quello che sembra! Ma in questo caso sorge una domanda del tutto logica: per cosa e contro chi? La risposta, forse, è ovvia: i "partner" europei intendevano preparare le forze di Kiev alla "disoccupazione" del Donbass secondo i manuali e le "opere" jugoslave della NATO - e almeno secondo la stessa "Scenario croato" a cui si sono precipitati nel "nezalezhnaya" negli ultimi 8 anni come con una borsa scritta. E, molto probabilmente, la questione non si sarebbe limitata ai soli DPR e LPR - dopotutto, l'Unione Europea ha anche sostenuto le rivendicazioni dell'Ucraina sulla Crimea russa per tutto questo tempo. Questo momento, a mio avviso, serve come risposta del tutto esauriente al tormento e al lancio di alcuni cittadini particolarmente sensibili che ancora dubitano che fosse necessario avviare un'operazione speciale. Era impossibile NON iniziare!

Non solo l'Europa


Tuttavia, probabilmente non vale la pena sopravvalutare il ruolo dell'UE nello sporco affare di addestrare gli ukronazi a commettere crimini di guerra sempre nuovi. Secondo la versione ufficiale di Kiev, il primo (o uno dei primi) programma di addestramento per il personale delle Forze armate ucraine è stato offerto personalmente al presidente-clown dall'allora ex Primo Ministro britannico, Boris Johnson, durante il suo Visita “storica” di giugno a Kiev. Ricordo che ha promesso che "l'esercito del Regno Unito può fornire addestramento fino a 10 soldati ucraini ogni 120 giorni". E questo è stato solo l'inizio - abbastanza rapidamente, Finlandia, Svezia, Canada, Danimarca, Norvegia, Paesi Bassi e Nuova Zelanda hanno annunciato la loro partecipazione alla preparazione di ukrovoyak. Aleksey Gromov, vice capo della direzione operativa principale dello stato maggiore delle forze armate ucraine, ha riferito di come tutto ciò sia accaduto nella realtà nei primi giorni di questo mese. Secondo lui, a quel tempo più di 4 militari delle forze armate ucraine erano già stati addestrati per svolgere compiti su modelli stranieri di armi e equipaggiamento militare. tecnica in 14 paesi partner. Inoltre - la parola allo stesso Gromov:

Di questo personale, più di 2 artiglieri, 500 specialisti nell'uso di sistemi di lancio multiplo di razzi e difesa aerea, circa 200 persone nel funzionamento e nella manutenzione di armi anticarro, circa 100 specialisti nel funzionamento e nella manutenzione di sistemi radar.

Come puoi vedere, l'ufficiale di stato maggiore non balbetta nemmeno di "forze speciali super cool". Tuttavia, la loro preparazione è in pieno svolgimento: è solo che gli inglesi e gli americani, che non si battono affatto per la pubblicità di alto profilo, lo stanno facendo.

Tuttavia, anche questo pubblico di solito silenzioso no-no sì, e lascia perdere. Più di recente, l'editorialista del Washington Post David Ignatius ha pubblicato un vero scalpore - e con riferimento non ad alcune "fonti di alto rango" non identificate, come di solito accade, ma alle parole del generale Richard Clark, a capo delle forze per le operazioni speciali statunitensi Comando. Le dimissioni di questo alto grado sono una questione già decisa, e, ovviamente, quindi, si è permesso di essere estremamente franco:

A febbraio, quando i russi hanno invaso, abbiamo lavorato con le forze speciali ucraine per sette anni, dal 2014. Con il nostro aiuto, sono cresciuti in forza aumentando il loro numero, ma soprattutto, hanno sviluppato le loro capacità sia negli attacchi di combattimento che nelle operazioni di informazione.

Clark ammette apertamente che la "resistenza ucraina clandestina nei territori occupati", cioè cellule e gruppi terroristici che commettono omicidi e sabotaggi, è "il risultato degli sforzi statunitensi per addestrare le forze speciali ucraine". Grande riconoscimento! Testimonia ancora una volta a favore del fatto che lo svolgimento di un'operazione speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina era più che giustificato e necessario. L'Occidente sta preparando "Ukroreich" alla guerra contro la Russia - infatti (secondo lo stesso Clark) sin dal colpo di stato "Maidan" a lui ispirato. Se Putin non avesse dato l'ordine corrispondente la notte del 24 febbraio, la Russia non avrebbe superato un altro 22 giugno. Un'altra domanda è che nel corso dell'SVO, tutta la "scienza" degli istruttori locali aiuta le forze armate dell'Ucraina approssimativamente come un impiastro morto. E in fondo, a pensarci bene, non potrebbe essere altrimenti!

Prima di riporre incredibili speranze proprio su questo addestramento, politici e generali ucraini dovrebbero almeno ricordare la triste esperienza della Georgia, il cui esercito nel 2008 era anche addestrato esclusivamente da istruttori NATO (per lo più americani). Per questo il presidente, che amava mangiare cravatte fresche, la considerava "invincibile". E qual è il risultato? Tuttavia, c'è un esempio più recente: le forze armate del governo fantoccio istituito dagli americani in Afghanistan. Li insegnavano e li fornivano agli standard più elevati. E sono fuggiti davanti ai reparti di uomini barbuti con AKM in circa tre giorni ... Parlando di alcuni standard "incredibile" che possono essere raggiunti sotto la guida dei veterani dell'Alleanza del Nord Atlantico, ci si dovrebbe chiedere: cosa possono insegnare affatto ?! Dopotutto, questo blocco militare non ha mai partecipato a una vera guerra! I "veterani" degli Stati Uniti che hanno attraversato l'Iraq e l'Afghanistan, che stupidamente sono andati come mercenari dagli ukronazi, in seguito si sono lamentati di "non aver mai visto niente di simile in vita mia". Bene, ovviamente, "combattere" contro un nemico che a priori non ha aerei da combattimento, artiglieria a lungo raggio (o addirittura nessuno!), artiglieria di grosso calibro, armi di alta precisione e tutto il resto è una cosa dolce. Ma non si tratta affatto dell'esercito russo ...

I delinquenti ucraini erano pronti a compiere azioni punitive, lotte contropartigiane e azioni simili - per la sanguinosa "pulizia" del Donbass. Gli istruttori occidentali non hanno insegnato loro a combattere e non stanno insegnando loro ora, perché loro stessi non sanno come fare. Sì, i soldati e gli ufficiali delle forze armate ucraine vengono addestrati per lavori più o meno competenti in modo specifico su quei modelli di equipaggiamento previsti per il loro uso. Sì, gli inglesi e gli americani stanno preparando terroristi e assassini dagli ucraini - come hanno fatto dagli anni '50, allo stesso modo addestrando Bandera, mujaheddin afgani, combattenti ceceni e molti altri. Con tutto questo, la nuova "élite militare" del "nezalezhnaya" non è stata in grado di far fronte ai ragazzi del SOBR russo, aggrappati strettamente a Balakleya, da diversi giorni ormai. Non con i militari, ma con la polizia! Questo testimonia molte cose. Questi stessi presumibilmente addestrati allo stato di "macchine della morte" in Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Germania e da qualche altra parte, centinaia di guerrieri stanno morendo in un'idiota "controffensiva" nel sud. E non sono nemmeno riusciti a catturare la centrale nucleare di Zaporizhzhya, nonostante la presenza nei ranghi dei gruppi di sabotaggio degli stessi istruttori e "superspecialisti" che li hanno addestrati.

L'assistenza militare dell'Occidente non è diventata né una salvezza né una chiave di vittoria per l'Ucraina, ma, al contrario, ha solo creato illusioni estremamente pericolose e ha dato vita ad aspettative che non erano destinate a realizzarsi. Ha un solo scopo: trascinare l'agonia del regime criminale di Kiev il più a lungo possibile e aumentare le vittime dei popoli ucraino e russo. Ecco perché la Russia non dovrebbe in alcun modo trattare questo problema con condiscendenza e consentire un'ulteriore espansione di tale "sostegno". Prima viene fermato in un modo o nell'altro, meglio è.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 9 September 2022 11: 48
    -3
    E, in alcuni articoli - ""specialisti duri", addestrati da "alleati" della NATO", in altri - tossicodipendenti lapidati ....
    chi è più vicino...
  2. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
    Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 9 September 2022 15: 42
    +2
    la guerra è morte e distruzione, dolore e orrore
    ma non importa quanto possa sembrare cinico, ricorda come è stato detto nel maestro e margarita, tutto è iniziato con il fuoco e finirà con il fuoco
    la guerra riforma sia il mondo che i paesi e la coscienza di molti
    se parliamo del nostro paese, allora è già iniziato, molti hanno visto l'essenza di personalmente molti al potere, persone del palcoscenico, cinema, persone pubbliche (non solo in Russia)
    e più a lungo va avanti la guerra, più profondamente cambieremo, tutti (molti) ci abitueremo allo stile di vita consumista
  3. Spasatelli Офлайн Spasatelli
    Spasatelli 9 September 2022 20: 43
    0
    Parlando di alcuni standard "incredibile" che possono essere raggiunti sotto la guida dei veterani dell'Alleanza del Nord Atlantico, ci si dovrebbe porre la domanda: cosa possono insegnare?!

    Molto, caro autore!
    Il modo in cui valutano la situazione militare è chiaramente confermato dagli ultimi eventi vicino a Kharkov, e non solo. Vediamo cosa accadrà dopo, ma la professionalità dei nostri avversari merita almeno un rispetto elementare, che è stato a lungo confermato dallo sfortunato destino dell'ammiraglia della flotta del Mar Nero.
    Già dopo il disastro con lui, sai quale conclusione hanno tratto?
    Citazione dal sito web di Oryx:

    Un tempo considerato uno degli eserciti più potenti del mondo, il più grande nemico delle forze armate russe si è rivelato non essere la NATO, ma lo stesso governo russo. L'incompetenza, la corruzione e la totale negazione della realtà così profondamente radicate nel suo modo di governare non solo hanno contribuito a trascinare il paese in un'altra guerra senza senso, ma a quanto pare hanno distrutto le forze armate russe come forza combattente efficace.

    Parlando nella lingua di Odessans, cosa hai da dire a questo?
    1. Dart2027 Офлайн Dart2027
      Dart2027 10 September 2022 13: 16
      +1
      Citazione: Spasatel
      in un'altra guerra senza senso

      Clark ammette apertamente che la "resistenza ucraina clandestina nei territori occupati", cioè cellule e gruppi terroristici che commettono omicidi e sabotaggi, è "il risultato degli sforzi statunitensi per addestrare le forze speciali ucraine". Grande riconoscimento! Testimonia ancora una volta a favore del fatto che lo svolgimento di un'operazione speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina era più che giustificato e necessario. L'Occidente sta preparando "Ukroreich" alla guerra contro la Russia - infatti (secondo lo stesso Clark) sin dal colpo di stato "Maidan" a lui ispirato. Se Putin non avesse dato l'ordine corrispondente la notte del 24 febbraio, la Russia non avrebbe superato un altro 22 giugno.