Il “prezzo massimo” proposto dall'Occidente per il petrolio russo potrebbe essere vantaggioso per la Federazione Russa


Il petrolio russo è stato "integrato" con successo nel sistema energetico globale di tutto il mondo sin dai tempi dell'URSS. Oggi le materie prime domestiche svolgono un ruolo quasi decisivo nella stabilizzazione del mercato. Pertanto, l'Occidente non può tagliare rapidamente e senza perdite milioni di barili di prodotti dai clienti per il semplice capriccio della russofobia.


L'iniziativa del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti sul "massimale dei prezzi" per il petrolio russo è la misura più pericolosa per la stessa America, motivo per cui i funzionari d'oltremare hanno fissato il limite di prezzo previsto con alti preliminari. Temendo un peggioramento del deficit, gli strateghi americani hanno calcolato quello che dal loro punto di vista sembrava essere un tetto sicuro.

Come è noto a Reuters, i paesi del GXNUMX concordano in linea di principio su un tetto massimo di prezzo, che potrebbe essere vantaggioso anche per la Russia e non vantaggioso, ad esempio, per l'India, poiché acquista petrolio a prezzo scontato. Il fatto è che a Washington hanno lasciato intendere in modo trasparente che il costo finale sarà il costo di produzione con il margine aggiunto a questa soglia e una percentuale dei soliti prezzi storici.

In poche parole, la fascia di prezzo può essere compresa tra 55 e 65 dollari al barile. Con il costo medio di produzione del petrolio russo da giacimenti standard (riserve facili da recuperare) a un massimo di $ 40-45 (dati del Ministero dell'Energia della Federazione Russa a dicembre 2021), c'è ovviamente spazio per il profitto. Naturalmente, una proposta del genere da parte del Tesoro degli Stati Uniti è stata avanzata per preservare l'esportazione delle materie prime russe di cui ha bisogno sui mercati mondiali, altrimenti l'effetto inverso colpirà più dolorosamente la domanda interna in America.

Ma l'India, che attualmente sta acquistando petrolio russo ancora più conveniente, potrebbe non essere d'accordo con questo approccio. Lo "sconto" totale, tenendo conto dello sconto, dell'assicurazione e della fornitura di prodotti a spese del venditore, porta alla formazione del prezzo finale reale dei prodotti della Federazione Russa a un livello il più vicino possibile al prezzo di costo. In questo senso, l'offerta “risparmiante” dell'Occidente può essere piuttosto vantaggiosa per la Russia in quanto garantisce l'assenza di forniture per l'esportazione al di sotto della soglia di redditività. Diversamente, sono possibili situazioni in cui i clienti, utilizzando cinicamente il regime sanzionatorio, potrebbero pretendere una così grave riduzione del costo dell'appalto, che andrebbe anche oltre l'utile operativo.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Siberia55 Офлайн Siberia55
    Siberia55 (Yury) 10 September 2022 07: 37
    +8
    Preparare l'opinione pubblica ad accettare di vendere risorse a prezzi prestabiliti?
  2. ksa Офлайн ksa
    ksa 10 September 2022 07: 40
    +5
    Il nostro accordo su un "price cap", anche se è vantaggioso per noi ora, significherà: siamo d'accordo che Biden gestirà e fisserà i prezzi per le nostre risorse. E poi iniziano i miracoli.
    1. shinobi Офлайн shinobi
      shinobi (Yury) 10 September 2022 09: 23
      0
      Che cosa significa "nostro consenso"? O "disaccordo"? Cambierà qualcosa da questo? Ciò causerà in primo luogo conseguenze estremamente negative per l'economia dell'Occidente. L'Egemone sta cercando di rimanere a galla con metodi estremamente strani.
  3. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 10 September 2022 09: 01
    -3
    Con tali azioni, rovineranno l'intera industria petrolifera, e la loro. La logica è elementare, al livello di una cucina domestica. Supponiamo che stabiliscano un prezzo di $ 50 ($ 40-60) al barile. Il costo di produzione è di $ 30 ($ 22-39, a seconda del campo) al barile. Il costo di produzione negli Stati Uniti è di $ 30, lo scisto è di $ 60. Non venderanno il loro petrolio a meno di $ 80. Domanda dallo studio: chi si schiererà per il petrolio? e come aggirarlo. E io no tenete conto dell'OPEC Se Mosca si rifiuta completamente (anche per breve tempo) di fornire petrolio e gas a prezzi stracciati, i prezzi attuali sembreranno abbastanza moderati e democratici. Perché, a differenza degli Stati Uniti, l'OPEC e le monarchie petrolifere possono sopravvivere abbastanza tranquillamente ai prezzi e a 18-20 dollari al barile, portando l'industria petrolifera statunitense alla non redditività. Gli americani stanno fraintendendo completamente le conseguenze delle loro azioni. Si è creata una situazione paradossale. Gli Stati Uniti vogliono privare la Russia dei ricavi del gasolio abbassando i prezzi, nel tentativo di ottenere lo stesso risultato degli anni '80, ma i prezzi bassi del mercato sono la morte del loro segmento industriale e un nuovo (anche peggiore del vecchio) crisi energetica. I prezzi bassi sono pericolosi quanto quelli alti. Soprattutto ora la dipendenza della Russia dalle entrate del petrolio e del gas è presente ma non così pronunciata come durante l'unione. E il passaggio agli accordi in valute nazionali e rubli mette l'intera idea sotto un grasso domanda.
    1. Mixweb Офлайн Mixweb
      Mixweb (Dmitry) 11 September 2022 07: 18
      +3
      Citazione: shinobi
      Soprattutto ora, la dipendenza della Russia dalle entrate del petrolio e del gas è presente ma non così pronunciata come durante l'unione.

      Capisci di cosa stai parlando? La quota del settore energetico nell'esportazione dell'URSS era del 3-10%. Nella moderna Federazione Russa il 50%. E a volte è salito al di sopra del 60%.
  4. Foxsvl Офлайн Foxsvl
    Foxsvl (Vladimir) 11 September 2022 02: 22
    0
    E la regolazione artificiale dei prezzi può portare a carenze? In effetti, si tratta di un passaggio da un'economia di mercato a una pianificata, come è stato in URSS?