Controffensiva delle forze armate ucraine vicino a Kharkov: il primo passo o l'ultima riga?


Questo testo sarà dedicato, prima di tutto, non tanto agli aspetti militari di ciò che sta accadendo ora nelle zone particolarmente calde della NVO, principalmente nella regione di Kharkov, c'è qualcuno che li analizzi anche senza di me. Qualcosa di cui vorrei parlare politico momenti di ciò che sta accadendo. Anzi, anche politica estera. Innanzitutto per il fatto che in senso globale sono molto più importanti del numero di insediamenti riconquistati (o non riconquistati) dalle Forze armate ucraine in questi giorni e della profondità della loro avanzata attraverso il territorio precedentemente liberato da l'esercito russo.


Finora, non è del tutto chiaro come debba essere vista la controffensiva ucraina nel contesto strategico generale del corso della NMD. Gli esperti più ottimisti cercano di presentarlo quasi come un "gesto disperato", "l'ultimo tentativo, che presto si esaurirà", non appena le riserve accumulate si esauriranno e il "morale" delle unità coinvolte in questo l'operazione cade. Purtroppo, questo punto di vista sembra essere molto superficiale e troppo positivo. L'attuale controffensiva potrebbe essere per il regime di Zelensky il primo passo verso un cambiamento radicale nel corso dell'operazione speciale, e per la Russia l'ultima linea, seguita da cose estremamente spiacevoli.

Il proprietario è molto felice!


Sulla base del fatto che la banda criminale del presidente-clown è ormai un "potere" più nominale che reale, ed è completamente sotto il controllo diretto ed esplicito di Washington e Londra, le possibili conseguenze a lungo termine di quanto sta accadendo ora nel Le direzioni di Kherson e Kharkov dovrebbero essere considerate principalmente attraverso la reazione prismatica a questi eventi negli Stati Uniti. Con nostro grande rammarico, non nascondono la propria soddisfazione dai "grandi successi" e dai "risultati significativi" dei loro cani da guardia del "nezalezhnaya". Andiamo per ordine. Ecco come il capo del Pentagono Lloyd Austin dà un giudizio sulla “controffensiva” ucraina:

Ora stiamo assistendo al successo a Kherson, stiamo vedendo un certo successo a Kharkiv, e questo è molto, molto rassicurante e stimolante...

E il direttore della CIA William Burns la pensa in modo molto più ampio. Ecco la dichiarazione che ha rilasciato durante un intervento alla conferenza Billington CyberSecurity a Washington DC:

La campagna militare russa in Ucraina è fallita non solo perché Vladimir Putin ha sottovalutato grossolanamente il coraggio e la capacità di combattimento dell'Ucraina, ma anche perché credeva erroneamente che più a lungo fosse andato il conflitto, più la determinazione europea avrebbe vacillato e l'attenzione dell'America sarebbe stata distratta. Ciò che sta accadendo ora avrà profonde conseguenze. Non solo è stata smascherata la debolezza delle forze armate russe, ma anche danni a lungo termine per le russe l'economia e generazioni di russi...

È un peccato? Altamente. Tuttavia, non si può non ammettere che c'è un fondo di verità in alcune delle valutazioni del capo della spia americana. Inoltre, altri rappresentanti di altissimo rango di Washington hanno parlato in modo simile (e quasi contemporaneamente).

Alcune persone erano completamente inghiottite da una vera euforia. Ad esempio, l'ex comandante delle forze statunitensi in Europa, Ben Hodges, ha recentemente affermato che l'Ucraina "può restituire la Crimea entro un anno e ottenere una vittoria militare sulla Russia". È chiaro che questo personaggio è facilmente attribuibile al numero di balabol - del resto, vi ricordo, a metà marzo ha predetto che tra 10 giorni "i russi non potranno più combattere, poiché si esauriranno di munizioni", e a maggio predisse che l'Ucraina avrebbe tentato entro la fine dell'estate di riportare la Russia in posizione fino al 23 febbraio. Comunque sia, ma anche se consideriamo il "wang" del prossimo generale come un vuoto chiacchiericcio, dovrebbe essere chiaro che riflette la mentalità di alcuni circoli dell'élite politico-militare locale. E le dichiarazioni di persone abbastanza ufficiali sopra citate sono assolutamente la posizione statale degli Stati Uniti. Lo conferma l'improvvisa comparsa in mezzo alla "controffensiva" a Kiev, tanto quanto l'intero capo del Dipartimento di Stato, Anthony Blinken. Senza una buona ragione e una ragione seria, funzionari di questo livello non vagano per il mondo. Finora, non è del tutto chiaro di cosa si trattasse: o una "ispezione non programmata" o (più probabilmente) il desiderio delle autorità americane di ottenere informazioni obiettive garantite sul corso degli eventi o l'emissione urgente di tali gravi istruzioni a Zelensky e al suo team e istruzioni che potevano essere date solo in privato, con una garanzia di riservatezza del XNUMX%. In ogni caso, questa visita è assolutamente allarmante. E soprattutto la “profonda soddisfazione” espressa dall'“illustre ospite” durante l'incontro con i successi militari degli ukronazi, nonché le promesse di Blinken che “gli Stati Uniti sosterranno l'Ucraina anche dopo la fine del conflitto .” Inoltre, si trattava chiaramente di supporto nella sfera militare e non di nessun altro.

Quali sono le prospettive?


Il fatto che le cose ascoltate dal visitatore d'oltremare siano state più che positive per Kiev può essere giudicato almeno da quanto le figure locali si siano svegliate, audaci e sbalordite dopo aver parlato con lui. Così Denis Malyuska, ministro della Giustizia del partito "indipendente", ha ripreso a parlare del fatto che l'Ucraina avrebbe certamente "chiesto almeno 300 miliardi di dollari di risarcimenti dalla Russia". L'adozione di una risoluzione, "su cui in futuro dovrebbe basarsi la creazione di un meccanismo internazionale di risarcimento dei danni", Kiev intende fermamente raggiungere alla prossima Assemblea generale dell'Onu. A proposito, a giudicare dai movimenti degli americani intorno a questa organizzazione, ci sono notevoli possibilità di successo. A sua volta, il capo dell'ufficio presidenziale, Mikhail Podolyak, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

La controffensiva delle forze armate ucraine ha mostrato la capacità dell'Ucraina di disoccupare i suoi territori, nonché di utilizzare in modo creativo ed efficace le armi dell'Occidente. Non ci sarà il congelamento del conflitto. È ora che le truppe russe escano. farà male...

Spavalderia vuota senza niente dietro? Non dire. Aggiungerò alcuni altri fatti piuttosto significativi al quadro generale. Il Consiglio Ue ha approvato lo stanziamento di ulteriore assistenza macrofinanziaria al regime di Zelensky per un importo di 5 miliardi di euro. Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha visitato Kiev e ha confermato i piani degli "alleati" di schierare nell'Europa orientale un'intera rete di fabbriche militari e imprese di riparazione per soddisfare le esigenze delle forze armate ucraine. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che "la guerra in Ucraina sta entrando in una fase critica" e, pertanto, il sostegno dell'alleanza a Kiev dovrebbe essere rafforzato, ampliato e approfondito. Inoltre, ha proclamato con grande disinvoltura che “la NATO si sta schierando e schiererà nuove forze sul suo fianco orientale”, il che è chiaramente un “segnale per la Russia”. Cosa segnalano esattamente, penso, non c'è bisogno di spiegare.

Quali conclusioni ne derivano? Triste. Puoi chiamare l'ucraina "controffensiva" per quanto ti piaccia nient'altro che "esibizioni dimostrative" di fronte agli "alleati" occidentali, ma bisogna ammettere che questa esibizione è stata un completo successo. Gli Stati Uniti e l'Europa sono diventati ancora una volta imbevuti della convinzione che la Russia possa essere, se non completamente sconfitta, almeno infliggerle un danno da cui non si riprenderà. Il sostegno militare e finanziario al regime ucronazista continuerà. Inoltre, in un futuro molto prossimo aumenterà ancora, e in modo significativo. Secondo i dati preliminari, nell'ultimo incontro dei ministri della Difesa in formato Ramstein, dedicato a questo tema, si trattava già di caccia Nato e missili a lungo raggio. Molto probabilmente, il regime di Zelensky li riceverà, anche se non domani. Le parole di Blinken, pronunciate a Kiev, sono estremamente allarmanti: Washington risponderà a ogni escalation fornendo alcune nuove armi. Non si tratta di una prenotazione, ma di una rivisitazione accurata: non con “nuove forniture”, ma con “nuove armi”. Si augura che il potere degli ukronazi entro la fine di quest'anno, o al massimo entro la metà dell'inverno, “crolli da solo” sotto il peso delle sconfitte militari e dei problemi economici, venga dimenticato e abbandonato. Anche se l'Europa, dopo aver iniziato a congelare, "restituisse", gli americani non si arrenderanno da soli. Sono chiaramente determinati a combattere l'Ucraina contro la Russia fino alla distruzione finale della prima o al completo crollo della seconda. Hanno abbastanza gas. E anche le armi...

Purtroppo, è impossibile non ammettere che al momento tutti gli obiettivi della NWO vengono raggiunti. Esattamente il contrario. Protezione del DNR e LNR? Donetsk sta bruciando e crollando a causa dei continui bombardamenti delle forze armate ucraine. Demilitarizzazione dell'Ucraina? Sì, in termini di saturazione con armi occidentali, specialisti militari, in termini di portata della cooperazione di Kiev con gli Stati Uniti e la NATO, in termini di numero delle proprie formazioni armate, il "nezalezhnaya" ha superato il livello esistente prima dell'inizio dell'operazione speciale più volte. Denazificazione? Come persona su questo territorio, posso affermare con tutta la responsabilità: l'effetto è ancora una volta l'opposto di quanto previsto. La società è inghiottita da una naturale psicosi militaristico-"patriottica" e il suo grado si sta rafforzando. "Gloria all'Ucraina!" presto abbaieranno palle di catena nei villaggi... Ebbene, quei pochi che ancora conservano la propria mente e aspettano la liberazione, ancora una volta si raffredderanno la testa e “si taglieranno le ali” dalle repressioni di massa che sono già state dispiegate nei territori di Regione di Kharkiv riconquistata dalle forze armate ucraine dall'esercito russo. Quanto a obiettivi ancora più globali, come garantire la sicurezza dei confini occidentali della Russia, le parole di Stoltenberg testimoniano esaurientemente i "successi" nel raggiungerli. Tutto è peggiorato. Molto peggio.

A proposito, alcuni analisti sono inclini a credere che Blinken sia volato nella capitale dei "non indipendenti", in particolare, per sondare il tema di possibili negoziati di pace con Mosca lì. Come mai? Sì, è molto semplice: secondo gli Stati Uniti, dovrebbero essere eseguiti sullo sfondo dei "successi militari" degli ukronazi per chiedere i termini di tregua più sfavorevoli e umilianti per la Russia. Proprio quello che l'intero "Occidente collettivo" usa per accelerare "sul serio" i preparativi di guerra dell'Ucraina - con un attacco a Mosca. Molto probabilmente, abbiamo davvero l'ultima riga. La Russia deve decidere: o cambiare radicalmente il formato e la portata delle sue azioni in Ucraina, abbandonando i tentativi di "fare tutto lentamente e con piccole forze", o iniziare a prepararsi per la guerra difensiva più dura proprio ora. Molto probabilmente - con l'intero blocco NATO. Non c'è un terzo.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 September 2022 09: 28
    +6
    Lo conferma l'improvvisa comparsa in mezzo alla "controffensiva" a Kiev, tanto quanto l'intero capo del Dipartimento di Stato, Anthony Blinken.

    E perché le sue forze aerospaziali russe sono state autorizzate a entrare a Kiev? È un gesto di buona volontà?
    La cosa peggiore della ritirata di Kharkov è che le forze filo-russe potrebbero perdere la fiducia nella difesa della Russia. In primo luogo, le forze armate della RF hanno lasciato Kiev e Sumy, lasciando lì gli attivisti filo-russi a essere repressi dalla SBU. Ora la regione di Kharkiv, dove ci saranno anche repressioni contro i cittadini filorussi. E dopo Nikolaev e Odessa vorranno supportare le forze armate RF? Se per l'esercito queste sono manovre, per la popolazione civile questa è la loro vita. E tutti vogliono vivere.
    E tutto ciò che serviva era smantellare i ponti e i valichi di frontiera dall'Occidente all'Ucraina. Allora ci sarebbero state meno vittime e la centrale nucleare di Zaporozhye non sarebbe stata bombardata, minacciando un'apocalisse nucleare. Ma per qualche motivo questo non è fatto. Come mai?
    La legge della guerra - Se non batti, allora ti picchieranno.
    1. Carmela Офлайн Carmela
      Carmela (Carmela) 12 September 2022 18: 51
      +4
      Fin dall'inizio ci aspettavamo il tradimento, e ora lo abbiamo ricevuto.
  2. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 12 September 2022 09: 34
    0
    La cosa più importante ora non è il movimento delle truppe russe, ma lo smantellamento di diverse centrali termiche.
    Questo dimostra che Putin sta cambiando il suo atteggiamento nei confronti del NWO, va oltre la sua portata.
    Le forze armate dell'Ucraina hanno ricevuto un territorio abbastanza vasto. Ma ora devono garantire il funzionamento della sua infrastruttura. Ma con questo problema.
    I TPP sono gravemente fuori servizio, le riparazioni (se possibile) richiederanno mesi.
    La metropolitana è stata fermata a Kharkov e persino a Kiev. La fermata delle centrali termoelettriche nel Sud Est ha ripercussioni sull'intero sistema energetico del Paese.
    Le persone erano un po' indifferenti. Ma una fondamentale mancanza di elettricità guiderà il sud-est all'inizio del XIX secolo.
    La chiusura di TPP è:
    -mancanza di calore
    - non c'è luce nelle case e nelle strade,
    -no acqua,
    - fogna non funzionante
    - il trasporto pubblico elettrico non funziona,
    -senza internet,
    - nessuna comunicazione mobile (e solo telefono),
    - gli ospedali militari e solo ospedali/cliniche non funzionano (già),
    -niente pane, latte, ecc.
    -niente benzina/gasolio, è stupidamente impossibile versare carburante in un camion o trasportarlo dalla ferrovia alla cisterna,
    - non vi è alcun trasferimento di riserve e munizioni per le forze armate ucraine per ferrovia. Su strada - problematico anche se non c'è carburante,
    -nessun controllo centralizzato della ferrovia (fino al cambio delle frecce),
    -nessuna TV o radio
    -la produzione (qualsiasi) non funziona, anche nell'interesse delle forze armate ucraine.
    Quindi tutti possono mettere a dura prova la propria immaginazione e aggiungere molte cose.
    APU insegnata dagli americani? Perché Putin non dovrebbe sfruttare la loro esperienza? Considera le loro azioni in Iraq e in Siria. Le infrastrutture vengono distrutte entro un'ora, quindi iniziano i bombardamenti a tappeto. A Mosul, su un milione di persone, ne sono sopravvissute circa 200, che hanno pensato di mollare immediatamente tutto e fuggire dalla città.
    È solo che l'inverno è un po' diverso, non come in Ucraina.
    Nelle prossime ore e nei prossimi giorni vedremo fino a che punto Putin si spingerà in questa direzione e quanto velocemente Zelensky sarà in grado di capire cosa lo attende.
    I TPP in totale erano 15. Tre sono stati messi fuori combattimento. Abbandonare tutto il resto è questione di un paio d'ore. Dopodiché, non sarà più possibile riconquistare Zelensky. L'Occidente perderà immediatamente interesse per l'Ucraina.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 12 September 2022 09: 44
      +1
      Sì, qualcuno ha prestato attenzione alla data? 9/11. Incidente?
    2. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 12 September 2022 10: 11
      0
      CHPP messo fuori combattimento 4 pezzi.
      regione di Kharkiv. (CHP-5 e Zmievskaya) - 2,
      Regione di Poltava (Kremenchug) - 1
      Regione di Dnepropetrovsk. (Pavlograd) - 1.
      Ferito (non ucciso, ferito) UNA persona. gioiellieri...
      A Poltava ieri sono stati dati alle fiamme tre filobus per le strade. I parametri di potenza sono fuori controllo.
    3. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
      colonnello Kudasov (Boris) 12 September 2022 13: 19
      0
      Tutto è corretto. Questo è esattamente come dovrebbe essere fatto. È positivo che Putin abbia capito tutto e abbia cambiato tattica. La distruzione delle centrali termoelettriche è abbastanza e non puoi nemmeno toccare i depositi di carbone e i giacimenti di gas rimasti in Ucraina. Mostra l'umanesimo per così dire
      1. Ortica Офлайн Ortica
        Ortica (Ortica) 12 September 2022 22: 13
        +3
        Chi è abbastanza? A cosa serve? Affinché i gentili VSUshnik continuino a torturare i nostri soldati?
    4. Carmela Офлайн Carmela
      Carmela (Carmela) 12 September 2022 18: 52
      +4
      Citazione: boriz
      L'Occidente perderà immediatamente interesse per l'Ucraina.

      Sei un ottimista.
  3. Nicu Офлайн Nicu
    Nicu (Nicu) 12 September 2022 11: 33
    +5
    I centri che ospitano istruttori, mercenari e personale straniero devono essere identificati e distrutti in modo permanente, la Russia deve prepararsi intensamente alla difesa con un'industria devastata dalla guerra oltre alla mobilitazione di almeno mezzo milione di soldati pronti in Ucraina, l'attualità mostra che questo è solo un passo verso l'intervento della NATO.
    Il Cremlino dovrebbe prendere molto sul serio la situazione attuale, che sta peggiorando di giorno in giorno!
  4. Carmela Офлайн Carmela
    Carmela (Carmela) 12 September 2022 18: 54
    0
    Citazione: boriz
    9/11. Incidente?

    No, sicuramente non è una coincidenza. Questo dovrebbe essere l'inizio di una nuova era. Come sempre sperano di costruirlo a nostre spese e sulle nostre rovine.
    1. Hatting Gokbori87 Офлайн Hatting Gokbori87
      Hatting Gokbori87 13 September 2022 06: 25
      +2
      Immediatamente dopo l'9 settembre, Putin ha sostenuto pienamente i massacri ingiustificati pianificati dagli Stati Uniti in Afghanistan (forse voleva vedere la morte dei mujaheddin che hanno sconfitto l'Unione Sovietica). Poche persone pensano ancora che la CIA abbia avuto l'idea di "un evento che farà desiderare a tutta la nazione di combattere insieme" dall'attacco terroristico di Mosca.
      È ironia. Putin è andato a letto con gli Stati Uniti in ogni occasione per impedire loro di riorientarsi verso la Russia. Negli ultimi 20 anni ha ricostruito le forze armate russe. E ora è bloccato in un'invasione da oltre 200 giorni che sarebbe dovuta terminare entro un massimo di 7 giorni. Il numero dei soldati russi morti è già molte volte maggiore del numero dei morti. Soldati americani morti in Afghanistan in 20 anni. Ed è tutto grazie agli Stati Uniti, la cui invasione afgana Putin ha pubblicamente sostenuto.
  5. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 12 September 2022 21: 05
    0
    Citazione: Carmela
    Citazione: boriz
    L'Occidente perderà immediatamente interesse per l'Ucraina.

    Sei un ottimista.

    Qui, potrebbe rivelarsi il contrario: non importa quanto il supporto aumenti bruscamente, di conseguenza, con gli attacchi delle forze armate ucraine alle nostre infrastrutture ...
  6. radva Офлайн radva
    radva (Igor) 13 September 2022 07: 10
    +2
    Bene, slavi, stiamo aspettando Tsushima adesso? In qualche modo i nostri "successi" ricordano quei tempi...
  7. radva Офлайн radva
    radva (Igor) 13 September 2022 07: 17
    +3
    Beh, una guerra MOLTO strana. È GUERRA, già abbastanza verbosità. E nella guerra con tutta l'Europa, invece, sono coinvolti in un modo o nell'altro 50 paesi. Cosa aspetta il Supremo? Stalingrado? O Leningrado?
  8. Panzer1962 Офлайн Panzer1962
    Panzer1962 (Panzer1962) 13 September 2022 18: 38
    -1
    Tutto è detto giustamente. La "piccola guerra vittoriosa" non ha funzionato, proprio come più di un secolo fa. La leadership russa è ora in zutzwang: qualsiasi mossa successiva porta a un peggioramento della situazione. È IMPOSSIBILE combattere ulteriormente con tali forze, la superiorità numerica dell'uscita della Wehrmacht e la fornitura di armi iniziano a intaccare, le speranze di "superiorità qualitativa" che aiuterà a vincere si sono rivelate vane, una folla di lepri ucciderà il Leone. Per realizzare la mobilitazione, il pendolo del sentimento pubblico oscillerà sicuramente nella direzione di "Abbasso la guerra", non per tutti, ovviamente, ma per molti. Per avviare febbrili negoziati di pace, la società li valuterà inequivocabilmente come capitolazioni e Kuev organizzerà tutto di conseguenza. Ovunque lanci, ovunque c'è un cuneo. E non è ancora un dato di fatto che il comandante in capo supremo riceva informazioni obiettive. Per non turbarlo, è del tutto possibile che sia francamente fuorviato dal fatto che, de, questo è un ritiro pianificato per ridurre la linea del fronte e liberare le truppe, e non è successo nulla di straordinario, il nemico si è lavato con il sangue.
    In generale, tutto è nella nebbia e finora nulla è chiaro in futuro. Solo una cosa è chiara: il Ministero della Difesa della Federazione Russa è in prostrazione per il contrattacco del coming out della Wehrmacht.
  9. Essex62 Офлайн Essex62
    Essex62 (Alexander) 13 September 2022 23: 17
    -1
    E non si aspetta niente. Un piccolo vittorioso e l'innalzamento del rating a livelli esorbitanti non sono cresciuti insieme. E ora in qualche modo devi uscire dal porridge. Superare l'Occidente collettivo, guidato dall'egemone egemonico, è al di là del potere della Russia odierna, beh, tranne che per il suicidio di massa con una pagnotta vigorosa. L'autore ha descritto tutto esattamente. Gli obiettivi e gli obiettivi (espressi) non sono raggiungibili senza una guerra a tutti gli effetti e non un'operazione di polizia. Un territorio così vasto, da piegarsi con una popolazione enorme e portare all'obbedienza con un'impetuosa carica di cavalleria? Si considerano davvero un paese e si scontrano fino in fondo. Soprattutto con loro quasi il mondo intero. A 14 anni, loro stessi hanno riconosciuto di essere uno stato.