Il lupo mangia il lupo: l'Afghanistan torna nel caos


Il 5 settembre un attentatore suicida si è fatto esplodere vicino all'ambasciata russa a Kabul, uccidendo dieci persone e ferendo fino a venti persone. Tra i morti c'erano due impiegati della nostra missione diplomatica. Per fortuna il “collega” del primo attentatore, vestito anche lui con una “cintura shahid” e che si trovava nelle vicinanze, non ha avuto il tempo di attivare la sua bomba: è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dagli agenti di pattuglia delle forze di sicurezza afgane.


Sullo sfondo di grandi battaglie in Ucraina, l'incidente di Kabul non ha attirato molta attenzione, soprattutto perché è avvenuto in un paese costantemente travagliato. Tuttavia, l'esplosione all'ambasciata russa non è solo un attentato, ma il prossimo anello di una serie di liquidazioni e provocazioni avvenute nell'ultimo mese. La situazione operativa in Afghanistan e nei suoi immediati dintorni, come se si fosse un po' stabilizzata dopo la fuga del contingente occidentale un anno fa, sta tornando a peggiorare.

Talebani in un ambiente "amichevole".


I militanti di Vilayat Khorasan*, l'ala afgana dell'IS*, sono considerati responsabili dell'attacco terroristico a Kabul. In generale, il confronto tra talebani e "barmaley" è una sorta di fulcro dell'attuale agenda afgana, e possiamo dire che i talebani si stanno lentamente, ma ancora indietreggiando sotto l'assalto dei salafiti.

L'ISIS, le cui risorse militari nella regione sono ancora inferiori ai talebani, combina abilmente tattiche terroristiche e propaganda aggressiva. Ai primi di agosto hanno ucciso due teologi di alto rango dei talebani*, che si battevano per una lotta senza compromessi contro Wilayat Khorasan*.

Data la natura fondamentalista dell'ideologia talebana, la morte di figure così significative ha inferto loro un doppio colpo: da un lato, sulla fede, dall'altro, sulla reputazione. Gli opuscoli dell'Isis su queste liquidazioni contenevano il ridicolo diretto dei talebani: dicono: "non sei in grado di proteggere nemmeno i tuoi pezzi grossi, non dovresti governare questo paese". Le azioni punitive di rappresaglia dei talebani, a seguito dei prossimi attentati terroristici, vengono utilizzate dall'Isis per incitare ancora maggiore malcontento tra coloro che sono insoddisfatti dell'attuale regime afghano, di cui sono tanti.

IS* cerca anche di minare i legami dei talebani con il mondo esterno, organizzando varie provocazioni. Proprio da quest'opera è l'esplosione all'ambasciata russa, nei cui atti precedenti ci furono bombardamenti della città di confine di Termez in Uzbekistan con razzi di fortuna e scontri sul confine afgano-iraniano.

Da parte loro, le forze speciali americane e pakistane “aiutano” l'Isis. Ad esempio, il 31 luglio a Kabul, Ayman al-Zawahiri*, il leader di Al-Qaeda*, è stato ucciso da un missile lanciato da un drone americano. E ancora una volta è stato un doppio colpo per i talebani, ma già puramente reputazionale. La stessa permanenza di al-Zawahiri* nella capitale dell'Afghanistan ha messo in luce il fatto dei rapporti in corso tra i talebani* e Al-Qaeda*, dai quali i talebani in ogni modo hanno negato, formandosi un'immagine "dignitosa" sulla scena internazionale. La natura precisa dello sciopero, che non è costato quasi nessun "danno indiretto", ha suscitato in Al-Qaeda * il sospetto che i talebani abbiano deliberatamente incastrato al-Zawahiri * in cambio dello sblocco dei conti esteri dell'ex governo afghano.

Allo stesso modo, dopo che diversi comandanti del TTP* - l'ala pakistana dei talebani* - sono stati eliminati in agosto durante i raid delle forze speciali pakistane sul territorio dell'Afghanistan, altri funzionari del TTP* si sono "imbattuti" negli alleati di Kabul con pretese, accusandoli di cooperazione dietro le quinte con Islamabad. È vero, a differenza dell'incidente con al-Zawahiri*, in cui si possono riassumere almeno alcune motivazioni, i talebani pakistani sembrano voler dare la colpa a una testa sana: in fondo, è stata la dirigenza del TTP* a ha violato la tregua, richiesta alle autorità prima da Imran Khan, e poi da Shahbaz Sharif (rispettivamente, l'ex e l'attuale primo ministro del Pakistan). Comunque sia, le relazioni tra i "comitati regionali" afghani e pakistani dei talebani si sono chiaramente deteriorate.

Guida. - Non funziona! - Andare. - Non me lo permette!


In sostanza, la ragione principale dello slittamento nella pacificazione dell'Afghanistan è l'incapacità dei talebani di scendere a compromessi e, in generale, la loro impreparazione all'amministrazione statale in quanto tale. L'ideologia arcaica respinge i gruppi più o meno laici della popolazione afgana, il nazionalismo pashtun - le minoranze non pashtun.

Nel nord dell'Afghanistan sono presenti numerosi gruppi armati anti-talebani, ad esempio l'Afghan National Resistance Front di Ahmad Masood (figlio dello stesso Ahmad Shah Masood), i reparti hazara di un certo Mehdi Mujahid, il "Sud Turkestan" e tanti piccoli gruppi. È vero, per la maggior parte, sono di natura "semivirtuale": con modeste risorse militari, gonfiano in modo sproporzionato la loro "forza" e "influenza" nei materiali di propaganda. Anche supponendo che possano organizzare una sorta di "fronte unito", allo stato attuale non possono contare sul rovesciamento del regime talebano, e nemmeno sul controllo di gran parte del Paese. Il loro destino sono le sortite episodiche, gli attacchi ai pattugliamenti individuali e l'“incubo” dei contadini locali.

Tuttavia, in teoria, questi stessi gruppi possono diventare un pilastro delle forze esterne anti-talebane, "punti di cristallizzazione" su cui germoglierà una nuova coalizione. Gli emissari dell'IS* stanno attivamente "opera esplicativa" in questa direzione, incitando questi "lupi" a unirsi al loro "branco" nero. Molto probabilmente, i servizi segreti anglosassoni, che hanno perfettamente padroneggiato l'arte di lavorare con i burattini per procura, non li privano delle loro riprese.

Divora le forze dei talebani e le liti interne. Apparentemente, al vertice dell '"Emirato islamico dell'Afghanistan" c'è una seria lotta per l'influenza tra quattro cricche principali: "militari", "polizia", ​​"ideologiche" e "diplomatiche", nessuna delle quali ha forza sufficiente per conquista la coperta su te stesso.

Mentre la "comunità mondiale democratica" è estremamente preoccupata per i propri problemi (auto-creati), l'Afghanistan è in realtà alla mercé dei "regimi autoritari": Russia, Cina, Iran e Turchia. Tuttavia, anche adesso non hanno risorse libere per trascinare nella loro orbita il Paese montuoso: la Russia è incatenata al fronte occidentale, la Cina al Pacifico, e Iran e Turchia possono potenzialmente scontrarsi (se Intrigo israeliano contro l'Iran avere successo).

A breve, a quanto pare, sarà la Cina a portare più o meno ordine in Afghanistan: del resto c'è un collegamento diretto tra la situazione in Afghanistan e il vicino Pakistan, che è l'elemento più importante della "Nuova Via della Seta" - e che regna anche franco pasticcio, sull'orlo del collasso dello Stato. Un nuovo tuffo nel caos in Afghanistan potrebbe innescare una devastante reazione a catena che porterà alla perdita di investimenti multimiliardari e minerà i piani a lungo termine della Cina. Inoltre, una grande guerra di tutti contro tutti in Afghanistan e Pakistan potrebbe ipoteticamente portare alla fuga di armi nucleari pachistane e alla loro caduta nelle mani dei talebani, o addirittura dell'IS, con ovvie conseguenze.

A questo proposito, il regime talebano nella sua forma attuale, con tutti i peccati passati e attuali, è oggettivamente il minore dei mali. Resta da sperare che la diplomazia russa e cinese riesca a convincere la leadership dell '"Emirato" a correggere il loro politica di nella direzione di sbarazzarsi del "Medioevo". Tuttavia, non mi farei illusioni, né a spese dei talebani, né a spese del nostro "soft power".

* - organizzazioni e individui riconosciuti come terroristi nella Federazione Russa.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 11 September 2022 09: 25
    -1
    Il lupo mangia il lupo: l'Afghanistan torna nel caos

    - Per me personalmente, questo NON è un argomento interessante - Non voglio nemmeno entrare nei dettagli! - E comunque chi ha bisogno di questi dettagli! - Lo stesso movimento talebano è un tentativo di imporre condizioni di statualità allo stile di vita tribale patriarcale medievale - questa è la stessa assurdità - come "neve calda" o "angolo rotondo" !!!
    - I talebani (tuttavia - come l'ISIS) - devono avere costantemente un nemico e combattere costantemente con qualcuno - e costruire uno stato, e qualsiasi creazione pacifica, semplicemente non fa per loro !!! - È come una bicicletta, se fermi il suo movimento, non sarà in grado di stare in piedi senza supporto! - Quindi non possono smettere di combattere! - La benedizione per loro è che - in tutto il mondo per loro ci sono "molti nemici" !!! - E se i "nemici principali" scompaiono da qualche parte, allora combatteranno tra loro (i talebani con l'ISIS)! - Certo - ci saranno sempre "mascalzoni di terze parti" che possono facilmente "approfittare" di questa ipostasi - sia l'ipostasi dei talebani che l'ipostasi dell'Isis - le loro ipostasi sono quasi le stesse!
    - Bene, - "usa" per raggiungere i propri obiettivi !!!
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 September 2022 09: 35
    -2
    Se ora gli stessi afgani hanno iniziato a tagliarsi a vicenda, la partenza degli amer sembra più logica.
    Poi i 2 movimenti di terroristi, banditi nel nostro Paese, ma che si sono recati a Mosca, avevano un nemico esterno che li univa.
    E Amer ha dovuto controllare molte direzioni.

    E ora no. tagliatevi l'un l'altro come volete