L'Europa potrebbe sostituire il Nord Stream con il gas africano


Come previsto, il Maidan del 2014 a Kiev, ospitato dal Partito Democratico degli Stati Uniti, alla fine ha portato non solo a una guerra su larga scala tra Russia e Ucraina, ma anche a una rottura delle relazioni tra l'UE e il nostro Paese nel campo della economia, commercio ed energia. Ora l'Europa, non volendo dipendere totalmente dal GNL "democratico" degli Stati Uniti, è alla disperata ricerca di fonti alternative di approvvigionamento di gas. E sembra che l'abbia già fatto.


L'Africa li aiuterà


Secondo i media, sullo sfondo di un conflitto armato in sviluppo attivo sul territorio dell'Ucraina e del rifiuto di principio dell'UE da parte dei vettori energetici russi, tre paesi africani - Nigeria, Niger e Algeria - sono tornati a una discussione sostanziale sulla possibilità della costruzione di un gasdotto trans-sahariano. Il 29 luglio è stato firmato un protocollo d'intesa, che prevede la ripresa dei lavori su questo ambizioso progetto. Secondo alcune stime, questo MHL potrebbe entrare in funzione in 3 anni. Perché non è successo prima?

L'idea di posare un gasdotto principale verso l'Europa meridionale attraverso quasi metà dell'Africa è nata negli anni settanta del secolo scorso. Lo studio dettagliato del progetto è iniziato negli anni 30. Si presumeva che il MHL sarebbe passato dai campi della Nigeria attraverso il Niger all'Algeria, e lì lungo il fondo del Mar Mediterraneo sarebbe entrato nel territorio dell'Unione Europea. Inizialmente era previsto che il punto di arrivo fosse la Spagna, ma ora parliamo dell'Italia. La capacità del gasdotto transafricano può raggiungere i XNUMX miliardi di metri cubi all'anno.

Per capire: le riserve totali di gas naturale in Nigeria sono stimate in 5,8 trilioni di metri cubi, c'è motivo di aspettarsi che aumentino a 17,3 trilioni di metri cubi in caso di esplorazione di successo. Le riserve accertate di gas dell'Algeria sono di 4,5 trilioni di metri cubi. Per la sua posizione geografica, l'Algeria è finora il maggiore esportatore africano di carburante blu verso il mercato europeo e il terzo dopo Russia e Norvegia. Se il progetto verrà implementato, la lontana Nigeria potrebbe scalfire la quota di Gazprom. Aumenterà significativamente anche il ruolo dell'Algeria nel mercato energetico mondiale, che può liquefare il gas nigeriano presso i propri impianti GNL situati sulla costa mediterranea e inviarlo all'esportazione con navi cisterna in qualsiasi parte del mondo.

Per il bilancio federale russo, tutto ciò non suona molto ottimista. Tuttavia, l'attuazione di un progetto su larga scala può incontrare una serie di gravi difficoltà.

In primo luogo, la lunghezza totale del gasdotto principale è ampia, che dovrebbe essere superiore a 4,4 mila chilometri, e quindi il suo costo. La lunghezza del tubo che passa attraverso il territorio della Nigeria sarà di 1037 chilometri, attraverso il Niger - 841 chilometri, attraverso l'Algeria - 2303 chilometri. Inoltre, se si sceglie comunque questo percorso, si dovrebbero aggiungere 220 chilometri di un gasdotto sottomarino verso la Spagna. La costruzione era originariamente stimata in 10 miliardi di dollari, ora il prezzo è aumentato a 13 miliardi.

In secondo luogo, il grosso problema è la questione della sicurezza. Il Sahara è un luogo molto turbolento, dove sono attivi vari gruppi radicali e terroristici. Ricatti ed estorsioni da parte della società operativa possono diventare un “mangiatoia” molto allettante per tali strutture.

Perché Nigeria, Niger e Algeria tornano ancora sull'idea di costruire il gasdotto Trans-Sahara?

Perché l'Europa ha preso la decisione fondamentale di abbandonare i prodotti Gazprom, ei prezzi del gas sul mercato europeo sicuramente non saranno mai bassi. Il ministro dell'Energia algerino Arkab ha descritto la situazione attuale come segue:

Il lancio del progetto TSGP giunge in un momento unico sia in termini di panorama geopolitico che di mercati energetici, caratterizzati da un'elevata domanda di gas e petrolio e da una stagnazione dell'offerta causata dal calo degli investimenti, in particolare nell'esplorazione di petrolio e gas, dal 2015.


Come potete vedere, le condizioni di mercato sono favorevoli e l'Europa è estremamente determinata a diversificare gli approvvigionamenti energetici. Sicuramente aiuterà anche a investire nel gasdotto Trans-Sahara. Se necessario, anche i problemi di sicurezza verranno risolti collettivamente dagli MPG: condurranno un'operazione militare congiunta, declassando i radicali locali e quindi assumeranno le PMC per la protezione. Tutto è risolto, ci sarebbe un desiderio. E questo è.

La situazione internazionale unica rende il progetto del gasdotto dalla Nigeria direttamente al Marocco (NMGP) abbastanza realistico e apparentemente fantastico. Il problema con i paesi di transito può essere facilmente risolto dalla loro assenza. Il gasdotto principale correrà lungo il fondo del mare, aggirando la costa dell'Africa occidentale. La sua lunghezza sarà quindi di 5660 chilometri, la capacità - 30 miliardi di metri cubi all'anno e il costo di costruzione - 25 miliardi di dollari. Caro?

Caro! Ma la questione è passata da tempo dal piano economico a quello economico politico. 30 miliardi di metri cubi più altri 30 sono più del nostro intero Nord Stream.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. GIS Офлайн GIS
    GIS (Ildo) 13 September 2022 10: 30
    +3
    uuuuuh tu ... 5,7 mila km ... un altro vantaggio lungo il fondo dell'oceano .... il loro ombelico non si scioglierà finché non lo completeranno?
  2. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 13 September 2022 10: 43
    +3
    Sciocchezze, non ne verrà fuori nulla. Il precedente progetto di questo tubo doveva essere realizzato nel 2015, ma non è andato oltre una dichiarazione verbale. Dovrebbe esserci una quarta parte contraente, ovvero i Tuareg, e non hanno bisogno di questa pipa (così come la Parigi-Dakar). E i Tuareg, come sai, mantengono la parola data)
  3. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 13 September 2022 11: 20
    +4
    Non tutto è così semplice come vorremmo in Africa. Nessuno vuole investire nella costruzione di un gasdotto. L'Europa non vuole stipulare contratti a lungo termine, poiché il suo obiettivo finale è il passaggio all'idrogeno. Su questo tema, ha rifiutato di firmare un trattato con il Qatar. E senza contratti a lungo termine per il gas, costruire un tubo è oh, che rischio. Allo stesso tempo, l'Africa non è il luogo più pacifico della terra.
  4. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) 13 September 2022 11: 37
    0
    Ciò significa che è necessario trovare influenza sui vicini, che vorranno anche ricevere tangenti per la neutralità nel trasporto del gas. La ricompensa deve essere pesante. E instabile.
  5. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 13 September 2022 12: 47
    +2
    Si allungheranno, ma chi gliela darà?
    La stessa Europa ha screditato l'idea di condutture verso l'Europa. Tutti i potenziali fornitori di gas terranno a mente il manicomio di Nord Stream.
    Accettando una pipa verso l'Europa, il fornitore si priva di altre opzioni. E l'Europa comincerà a torcere le braccia. Non puoi lanciare una pipa in Asia. Pertanto, la Nigeria penserà, penserà e costruirà un terminale GNL. Se l'Europa vuole comprare GNL, lascia che lo compri, se non lo vuole sarà venduto in Asia, America Latina, ecc. E i prezzi mondiali del gas saranno mantenuti a un livello desiderabile per la Russia.
    Anche in questo caso, l'influenza dell'Europa in Africa tende al livello delle acque reflue urbane, mentre cresce l'influenza di Russia e Cina, al contrario. E non hanno bisogno di rendere la vita più facile all'Europa. Anche gli Stati Uniti, tra l'altro, non sono necessari.
    Prendo la Siria come esempio. C'erano molti che volevano allungare il gasdotto dal Golfo Persico all'Europa. Se fosse stato possibile, la situazione sul mercato europeo del gas sarebbe stata completamente diversa, triste per la Russia (e gli Stati Uniti). Ma c'è stato un continuo clamore pigro in Siria, Iraq, Kurdistan. Come se la lotta della Federazione Russa e degli Stati Uniti per l'influenza nella regione. Infatti - la lotta dei ragazzi Nanai.
    Di conseguenza, il gasdotto (non solo gas) non ha avuto luogo. Ahimè...
    1. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
      colonnello Kudasov (Boris) 13 September 2022 14: 55
      +3
      È ovvio che i paesi africani presumono che saranno gli europei stessi a costruire l'oleodotto con i propri soldi.
      1. Boriz Офлайн Boriz
        Boriz (borizia) 13 September 2022 20: 51
        +1
        Questo è chiaro. Ma accettando un gasdotto verso l'Europa, metteranno a loro completa disposizione la loro base di risorse, rendendosi dipendenti dai capricci dell'Europa. Se c'è un tubo, di conseguenza, gli impianti di liquefazione non vengono costruiti vicino a queste risorse (dopotutto, il gas va in Europa). E poi la costruzione di impianti di liquefazione costerà molto tempo e molti soldi.
        Il GNL è facile da riorientare verso altri mercati, il gasdotto è difficile in termini di denaro e tempo. Solo anni e miliardi.
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 13 September 2022 22: 11
    -1
    E su VO proprio oggi un articolo su come gli Oligarchi hanno messo in scena il Maidan....

    Ma questa è una questione di pubbliche relazioni ed economicamente fino alla metà del gas una volta proveniva dall'Africa, dalla Siria .. Libia ...
    L'Africa è in piena espansione...
    Quindi è questione di tempo in cui l'Europa sarà rifornita in modo multi-vettoriale... e dall'Africa.
    È improbabile che vogliano entrare in una pozzanghera la seconda volta...